Art. 191 – Codice Penale

(R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398)

Ordine dei crediti garantiti con ipoteca o sequestro

Articolo 191 - Codice Penale

Sul prezzo degli immobili ipotecati e dei mobili sequestrati a norma dei due articoli precedenti, e sulle somme versate a titolo di cauzione e non devolute alla Cassa delle ammende, sono pagate nell’ordine seguente (2777 ss. c.c.; 320 c.p.p.):
1) le spese sostenute da un pubblico istituto sanitario, a titolo di cura e di alimenti per la persona offesa, durante l’infermità;
2) le somme dovute a titolo di risarcimento di danni (185) e di spese processuali al danneggiato (541 c.p.p.), purché il pagamento ne sia richiesto entro un anno dal giorno in cui la sentenza penale di condanna sia divenuta irrevocabile (648 c.p.p.);
3) le spese anticipate dal difensore del condannato e la somma a lui dovuta a titolo di onorario;
4) le spese del procedimento (535 c.p.p.);
5) le spese per il mantenimento del condannato negli stabilimenti di pena (188). Se l’esecuzione della pena non ha ancora avuto luogo, in tutto o in parte, è depositata nella Cassa delle ammende una somma presumibilmente adeguata alle spese predette;
6) le pene pecuniarie e ogni altra somma dovuta all’erario dello Stato (691 c.p.p.).

Articolo 191 - Codice Penale

Sul prezzo degli immobili ipotecati e dei mobili sequestrati a norma dei due articoli precedenti, e sulle somme versate a titolo di cauzione e non devolute alla Cassa delle ammende, sono pagate nell’ordine seguente (2777 ss. c.c.; 320 c.p.p.):
1) le spese sostenute da un pubblico istituto sanitario, a titolo di cura e di alimenti per la persona offesa, durante l’infermità;
2) le somme dovute a titolo di risarcimento di danni (185) e di spese processuali al danneggiato (541 c.p.p.), purché il pagamento ne sia richiesto entro un anno dal giorno in cui la sentenza penale di condanna sia divenuta irrevocabile (648 c.p.p.);
3) le spese anticipate dal difensore del condannato e la somma a lui dovuta a titolo di onorario;
4) le spese del procedimento (535 c.p.p.);
5) le spese per il mantenimento del condannato negli stabilimenti di pena (188). Se l’esecuzione della pena non ha ancora avuto luogo, in tutto o in parte, è depositata nella Cassa delle ammende una somma presumibilmente adeguata alle spese predette;
6) le pene pecuniarie e ogni altra somma dovuta all’erario dello Stato (691 c.p.p.).

Note

Tabella procedurale

Massime

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Istituti giuridici

Novità giuridiche