Art. 56 – Testo Unico Enti Locali

(D. Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 - Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali - TUEL)

Requisiti della candidatura

Articolo 56 - testo unico enti locali

1. Nessuno può presentarsi come candidato a consigliere in più di due province o in più di due comuni o in più di due circoscrizioni, quando le elezioni si svolgano nella stessa data. I consiglieri provinciali, comunali o di circoscrizione in carica non possono candidarsi, rispettivamente, alla medesima carica in altro consiglio provinciale, comunale o circoscrizionale.
2. Nessuno può essere candidato alla carica di sindaco o di presidente della provincia in più di un comune ovvero di una provincia.

Articolo 56 - Testo Unico Enti Locali

1. Nessuno può presentarsi come candidato a consigliere in più di due province o in più di due comuni o in più di due circoscrizioni, quando le elezioni si svolgano nella stessa data. I consiglieri provinciali, comunali o di circoscrizione in carica non possono candidarsi, rispettivamente, alla medesima carica in altro consiglio provinciale, comunale o circoscrizionale.
2. Nessuno può essere candidato alla carica di sindaco o di presidente della provincia in più di un comune ovvero di una provincia.

Massime

Il limite alla possibilità di candidarsi come consigliere in più di due province, comuni o circoscrizioni allorché le elezioni si svolgano nella stessa data, posto dall’art. 56 del d. lgs. 18 agosto 2000, n. 267, si riferisce anche al sindaco, quale componente necessario del consiglio comunale, come disposto dall’art. 37 del d. lgs. citato, in considerazione della “eadem ratio” di impedire che possano concorrere all’esercizio delle funzioni consiliari portatori di interessi confliggenti, che possano comprometterne l’imparzialità ed il buon funzionamento, a cui presidio è dettato il principio consacrato nell’art. 97 Cost. (Fattispecie in cui un cittadino era candidato alla carica di consigliere comunale in due comuni ed alla carica di sindaco in un terzo comune). Corte di Cassazione Sezione 1 Civile Sentenza 9 aprile 2010 n. 8545

Istituti giuridici

Novità giuridiche