Smart contract e governo delle sopravvenienze, con riferimento all’eccessiva onerosità sopravvenuta

Articolo a cura del Dott. Valentino Cesare

Smart contract

1. L’inquadramento funzionale e strutturale della fattispecie “smart contract”

La “rivoluzione” digitale non poteva non investire il contratto [1], che nell’attuale economia di mercato costituisce il principale strumento [2] attraverso cui le parti possono definire l’assetto dei loro interessi patrimoniali [3]. Segno tangibile di tale rivoluzione è l’ingresso nella scena giuridica dello “smart contract” [4]”, ossia il software [5] che permette la realizzazione di un programma negoziale in modo autonomo, senza l’intervento delle parti o di un soggetto terzo [6]. Il sostantivo contract [7], lungi dall’esser adoperato quale sinonimo di “contratto”, é semplicemente indicativo dell’aspetto funzionale del sottostante rapporto contrattuale intercorrente tra due o più soggetti, di cui ne viene automatizzata l’esecuzione.
Dal punto di vista strutturale, alla base del funzionamento dello smart contract si colloca l’algoritmo “if…then” [8], secondo cui alla verificazione di determinati eventi, indicati nel software o segnalati da fonti terze (oracoli [9]), segue il compimento di determinate azioni (prestazioni).
Morfologicamente lo smart contract si connota per le seguenti caratteristiche [10]: automaticità dell’esecuzione, irremovibilità, immodificabilità e inarrestabilità.
L’automacità dell’esecuzione costituisce il tratto qualificante di tale strumento [11], in cui l’esecuzione di quanto previsto avviene, come dianzi indicato, senza l’intervento delle parti o di un terzo [12]. Il che consentirebbe un annullamento o un’attenuazione del rischio di inadempimento [13]. Nondimeno, l’esecuzione automatica del regolamento contrattuale preclude il fenomeno dell’ “inadempimento efficiente” [14], configurabile allorquando l’inadempimento risulta più conveniente, in quanto meno “costoso”, rispetto ad un eventuale adempimento.
L’irremovibilità sta ad indicare che lo smart contract, a seguito dell’esecuzione di quanto previsto, è suscettivo di rimozione dalla catena solo se è stata programmata la funzione “kill”. L’immodificabilità esprime l’impossibilità di emendare il regolamento contrattuale implementato sul software una volta che sia avvenuta la trascrizione sulla blockchain. Infine l’inarrestabilità indica l’impossibilità di bloccare o annullare l’esecuzione automatizzata [15] una volta che sia integrato l’evento costituente presupposto dell’esecuzione de qua.
Discussa é la natura dello smart contract, che secondo l’opinione [16] che appare preferibile non costituirebbe un contratto, ma uno strumento di esercizio dell’autonomia contrattuale [17], attraverso cui le parti affidano ad un algoritmo l’esecuzione del programma contrattuale. A tale conclusione interpretativa si perviene muovendo dalla distinzione tra l’accordo alla base dell’automazione dell’esecuzione, rispetto al quale la volontà [18] dei contraenti é espressa attraverso il linguaggio umano, e smart contract in senso stretto, ossia il software nel quale le clausole contrattuali sono implementate sotto forma di codice al fine di automatizzare l’esecuzione contrattuale. Sulla base di tale premessa si può pertanto ritenere che tra contratto “in senso tradizionale” e smart contract corra un’evidente diversità strutturale, atteso che quest’ultimo, a differenza del primo, si connota per l’utilizzo di un linguaggio non già umano bensì informatico. L’utilizzo di un linguaggio informatico in luogo del linguaggio umano è inoltre l’elemento che consente di distinguere lo smart contract dal contratto telematico [19], ossia il contratto concluso a distanza tramite piattaforme informatiche [20], che come il contratto non telematico è strutturalmente modulato sull’impiego del linguaggio umano. Ed infatti, l’input espresso con linguaggio umano è tradotto in istruzioni telematiche, che sono poi riconvertite in linguaggio umano sul terminale del ricevente [21].

2. Il funzionamento e l’ambito applicativo degli smart contracts

L’automazione dell’esecuzione contrattuale tramite smart contract è preceduta da due fasi [22], ossia l’elaborazione del regolamento contrattuale ad opera delle parti e la trascrizione sulla blockchain [23].
Nella fase di elaborazione si assiste alla redazione in linguaggio informatico delle clausole contrattuali. Questa è l’unica fase in cui è possibile modificare o correggere le previsioni contrattuali implementate sul sistema informatico, in quanto a seguito della trascrizione sulla blockchain lo smart contract diviene tendenzialmente immodificabile [24].
La trascrizione sulla blockchain oltre all’immutabilità comporta la trasparenza [25] del registro dei blocchi, atteso che ogni operazione è tracciata e oggetto di consultazione da parte di chiunque.
La fase dell’esecuzione algoritmica invece si concreta nell’attivazione del software al verificarsi dell’evento indicato dal programmatore come presupposto di esecuzione. Evento che può consistere tanto nella scadenza di un termine quanto nella verificazione di un fatto accertato da una fonte esterna, l’oracolo [26].
Vi è infine la fase terminale, che involge la sorte dello smart contract a seguito dell’esecuzione. Lo stesso infatti può tanto rimanere sul blocco nel quale era stato inserito, quanto essere eliminato nel caso in cui sia stata programmata la soppressione tramite la previsione all’interno del software dell’istruzione “kill”.
Controverso è l’ambito applicativo dello smart contract. Innanzitutto ci si chiede se sia possibile adoperare tale strumento per automatizzare finanche la fase di formazione del consenso [27]. Al riguardo non è superfluo rilevare gli evidenti limiti che potrebbero derivare da una tale estensione applicativa. Ed infatti per automatizzare la fase formativa del contratto occorrerebbe passare attraverso un tortuoso iter, in quanto: i) il proponente dovrebbe tradurre la proposta contrattuale in linguaggio informatico; ii) l’oblato, ossia il destinatario della proposta, non solo dovrebbe decodificare lo smart contract al fine di comprendere i termini della proposta, ma dovrebbe trasmettere l’eventuale accettazione mediante uno smart contract, e dunque tradurre la stessa in linguaggio informatico. Procedendo in tal modo non solo si assisterebbe ad un prolungamento delle tempistiche per addivenire alla conclusione del contratto, ma vi sarebbe anche un esponenziale aumento dei costi della negoziazione.
In secondo luogo occorre rilevare che non tutti i contratti sono passibili di esecuzione automatizzata. Ed infatti la tecnologia “smart” sarebbe insuscettiva di applicazione relativamente ai contratti che prevedono prestazioni di fare nonché ai contratti ad efficacia istantanea rispetto ai quali non residuano ulteriori obbligazioni da adempiere [28]. Viceversa suscettivi di esecuzione automatizzata tramite smart contract risultano i contratti che involgono prestazioni pecuniarie (liquide) o prevedenti il trasferimento di beni dematerializzati.

3. Il governo dell’eccessiva onerosità sopravvenuta nel quadro degli smart contracts

Così perimetrati i contorni della controversa figura degli smart contracts, si può spostare il baricentro dell’analisi sulla vexata quaestio che involge il governo delle sopravvenienze [29] in caso di automazione dell’esecuzione contrattuale, con particolare riferimento all’ipotesi in cui la prestazione di una delle parti dovesse divenire, in corso di rapporto, eccessivamente onerosa, ai sensi e per gli effetti dell’art. 1467 c.c.[30] Questione la cui risoluzione non può prescindere da una breve esegesi della norma de qua, il cui fondamento sarebbe da ravvisare nel principio rebus sic stantibus [31], a tenore del quale il mantenimento del vincolo contrattuale è subordinato alla permanenza nel tempo dell’originario equilibrio economico [32], inteso come rapporto di valore tra le prestazioni corrispettive. Diversamente, in presenza di eventi straordinari e imprevedibili “squilibranti”, come l’eccessiva onerosità della prestazione, tali da alterare l’equilibrio de quo, l’art. 1467 c.c. prevede la possibilità di attivare specifici rimedi [33], come la risoluzione o l’offerta di riduzione ad equità, funzionali all’eliminazione della sopravvenuta sproporzione tra le prestazioni corrispettive, rispettivamente attraverso la demolizione [34] o la manutenzione dell’originario rapporto contrattuale. In particolare la risoluzione [35], quale rimedio caducatorio, presuppone sul piano applicativo la sussistenza dei seguenti requisiti [36].
Innanzitutto l’evento imprevedibile e straordinario deve causare un’eccessiva onerosità (sopravvenuta)[37] della prestazione di una delle parti, tale da alterare l’originario rapporto di valore tra le reciproche prestazioni [38]. Al riguardo non è superfluo rilevare che tale alterazione deve essere “grave”, atteso l’impatto dirompente che si riconnette all’attivazione del rimedio risolutorio, che conduce come dianzi rilevato alla demolizione del contratto. L’accertamento della sussistenza del requisito di gravità é rimesso all’apprezzamento del giudice, che dovrà condurre una valutazione oggettiva, prescindendo cioè dalla situazione soggettiva di difficoltà di adempimento, che talvolta l’ordinamento considera al fine di escludere l’applicabilità di taluni rimedi [39]. Nondimeno, l’eccessiva onerosità sopravvenuta, per condurre alla risoluzione del rapporto contrattuale, non deve rientrare nell’alea normale [40] del contratto, ovvero in quella sfera di rischio sottesa a qualsivoglia operazione contrattuale.
In secondo luogo il contratto colpito dalla sopravvenienza “squilibrante” deve essere un contratto di durata, non aleatorio [41], a prestazioni corrispettive [42] non ancora eseguite [43], come è dato inferire dalla rubrica e dal corpo dell’art. 1467 c.c.
L’altro rimedio previsto dall’art. 1467 c.c. quale strumento di reazione all’eccessiva onerosità sopravvenuta consiste nell’offerta [44] di riduzione ad equità, prevista al c. 3 della norma de qua, che a differenza della risoluzione consente la manutenzione del rapporto contrattuale [45].
Trattasi di un rimedio attivabile, come è dato desumere dalla disposizione in analisi, dalla parte convenuta nel giudizio di risoluzione, che potrà evitare la caducazione del contratto offrendo una modifica equitativa delle condizioni contrattuali, funzionale all’ablazione della sopravvenuta sproporzione attraverso la riconduzione del rapporto di valore tra le prestazioni corrispettive entro il perimetro tracciato dall’alea normale del contratto [46].
Purtuttavia, in relazione ai contratti di lunga durata, che sono quelli maggiormente esposti al rischio di sopravvenienze squilibranti, una più adeguata [47] ed efficace tutela degli interessi coinvolti passa attraverso un rimedio diverso dalla risoluzione, che consenta la manutenzione del rapporto contrattuale E tale rimedio conservativo é costituito dalla rinegoziazione [48]. Al riguardo vi é da rilevare che il rimedio de quo può essere espressamente previsto dai contraenti, attraverso apposita clausola [49] di rinegoziazione [50], al momento di conclusione del contratto, atteggiandosi in tale ipotesi quale rimedio manutentivo ex ante. Nondimeno, l’inadeguatezza del rimedio risolutorio in ordine ai contratti di lunga durata, in assenza dell’espressa previsione di una clausola di rinegoziazione, ha indotto la dottrina e la giurisprudenza, specie durante l’emergenza da Covid-19 [51], ad interrogarsi circa la sussistenza di un obbligo legale di rinegoziazione, che troverebbe fondamento nel principio di buona fede (integrativa) [52] e si atteggerebbe a rimedio manutentivo ex post.
La breve ricognizione dei rimedi manutentivi e demolitori prefigurati per il caso di eccessiva onerosità sopravvenuta consente di ritenere che l’applicazione degli stessi non é predicabile allorquando tale sopravvenienza involga una prestazione ad esecuzione automatizzata tramite smart contract. Si tratta infatti di rimedi che nel riferirsi, quali presupposti applicativi, ai concetti di “eccessiva” onerosità, modifica “equitativa”, presuppongono il compimento di un’attività interpretativa, che ad oggi gli smart contracts non sono in grado di compiere [53]. A medesime conclusioni interpretative si può pervenire anche postulando quale rimedio ex post la sussistenza di un obbligo legale di rinegoziazione discendente dal principio di buona fede, atteso che il principio de quo, in quanto principio generale formulato in termini volutamente elastici, necessita, a fini applicativi, di un’attività interpretativa che ad oggi, come dianzi rilevato, é preclusa ad un software, come lo smart contract. Nondimeno, il governo dell’eccessiva onerosità sopravvenuta che colpisce una delle prestazioni ad esecuzione automatizzata ben può avvenire tramite lo strumento manutentivo della rinegoziazione allorquando lo stesso sia previsto e implementato nel software, prima della trascrizione sulla blockchain. Ma si tratterebbe in ogni caso di un rimedio manutentivo ex ante, in forza del quale le parti potrebbero operare determinate modifiche contrattuali al verificarsi dell’evento squilibrante, lasciando tuttavia scoperti i casi in cui un obbligo di rinegoziazione non fosse oggetto di apposita previsione. Ciononostante vi é chi in dottrina [54] ipotizza che la soluzione di tali problematiche (ad oggi insolute) possa avvenire in un prossimo futuro attraverso la trasmigrazione dalla logica binaria (if…then) ad una logica basata sull’auto-apprendimento, tipica dell’essere umano, che renderebbe compatibile lo smart contract con le esigenze di revisione del regolamento contrattuale implementato sul software.

smart contract

1. L’inquadramento funzionale e strutturale della fattispecie “smart contract”

La “rivoluzione” digitale non poteva non investire il contratto [1], che nell’attuale economia di mercato costituisce il principale strumento [2] attraverso cui le parti possono definire l’assetto dei loro interessi patrimoniali [3]. Segno tangibile di tale rivoluzione è l’ingresso nella scena giuridica dello “smart contract” [4]”, ossia il software [5] che permette la realizzazione di un programma negoziale in modo autonomo, senza l’intervento delle parti o di un soggetto terzo [6]. Il sostantivo contract [7], lungi dall’esser adoperato quale sinonimo di “contratto”, é semplicemente indicativo dell’aspetto funzionale del sottostante rapporto contrattuale intercorrente tra due o più soggetti, di cui ne viene automatizzata l’esecuzione.
Dal punto di vista strutturale, alla base del funzionamento dello smart contract si colloca l’algoritmo “if…then” [8], secondo cui alla verificazione di determinati eventi, indicati nel software o segnalati da fonti terze (oracoli [9]), segue il compimento di determinate azioni (prestazioni).
Morfologicamente lo smart contract si connota per le seguenti caratteristiche [10]: automaticità dell’esecuzione, irremovibilità, immodificabilità e inarrestabilità.
L’automacità dell’esecuzione costituisce il tratto qualificante di tale strumento [11], in cui l’esecuzione di quanto previsto avviene, come dianzi indicato, senza l’intervento delle parti o di un terzo [12]. Il che consentirebbe un annullamento o un’attenuazione del rischio di inadempimento [13]. Nondimeno, l’esecuzione automatica del regolamento contrattuale preclude il fenomeno dell’ “inadempimento efficiente” [14], configurabile allorquando l’inadempimento risulta più conveniente, in quanto meno “costoso”, rispetto ad un eventuale adempimento.
L’irremovibilità sta ad indicare che lo smart contract, a seguito dell’esecuzione di quanto previsto, è suscettivo di rimozione dalla catena solo se è stata programmata la funzione “kill”. L’immodificabilità esprime l’impossibilità di emendare il regolamento contrattuale implementato sul software una volta che sia avvenuta la trascrizione sulla blockchain. Infine l’inarrestabilità indica l’impossibilità di bloccare o annullare l’esecuzione automatizzata [15] una volta che sia integrato l’evento costituente presupposto dell’esecuzione de qua.
Discussa é la natura dello smart contract, che secondo l’opinione [16] che appare preferibile non costituirebbe un contratto, ma uno strumento di esercizio dell’autonomia contrattuale [17], attraverso cui le parti affidano ad un algoritmo l’esecuzione del programma contrattuale. A tale conclusione interpretativa si perviene muovendo dalla distinzione tra l’accordo alla base dell’automazione dell’esecuzione, rispetto al quale la volontà [18] dei contraenti é espressa attraverso il linguaggio umano, e smart contract in senso stretto, ossia il software nel quale le clausole contrattuali sono implementate sotto forma di codice al fine di automatizzare l’esecuzione contrattuale. Sulla base di tale premessa si può pertanto ritenere che tra contratto “in senso tradizionale” e smart contract corra un’evidente diversità strutturale, atteso che quest’ultimo, a differenza del primo, si connota per l’utilizzo di un linguaggio non già umano bensì informatico. L’utilizzo di un linguaggio informatico in luogo del linguaggio umano è inoltre l’elemento che consente di distinguere lo smart contract dal contratto telematico [19], ossia il contratto concluso a distanza tramite piattaforme informatiche [20], che come il contratto non telematico è strutturalmente modulato sull’impiego del linguaggio umano. Ed infatti, l’input espresso con linguaggio umano è tradotto in istruzioni telematiche, che sono poi riconvertite in linguaggio umano sul terminale del ricevente [21].

2. Il funzionamento e l’ambito applicativo degli smart contracts

L’automazione dell’esecuzione contrattuale tramite smart contract è preceduta da due fasi [22], ossia l’elaborazione del regolamento contrattuale ad opera delle parti e la trascrizione sulla blockchain [23].
Nella fase di elaborazione si assiste alla redazione in linguaggio informatico delle clausole contrattuali. Questa è l’unica fase in cui è possibile modificare o correggere le previsioni contrattuali implementate sul sistema informatico, in quanto a seguito della trascrizione sulla blockchain lo smart contract diviene tendenzialmente immodificabile [24].
La trascrizione sulla blockchain oltre all’immutabilità comporta la trasparenza [25] del registro dei blocchi, atteso che ogni operazione è tracciata e oggetto di consultazione da parte di chiunque.
La fase dell’esecuzione algoritmica invece si concreta nell’attivazione del software al verificarsi dell’evento indicato dal programmatore come presupposto di esecuzione. Evento che può consistere tanto nella scadenza di un termine quanto nella verificazione di un fatto accertato da una fonte esterna, l’oracolo [26].
Vi è infine la fase terminale, che involge la sorte dello smart contract a seguito dell’esecuzione. Lo stesso infatti può tanto rimanere sul blocco nel quale era stato inserito, quanto essere eliminato nel caso in cui sia stata programmata la soppressione tramite la previsione all’interno del software dell’istruzione “kill”.
Controverso è l’ambito applicativo dello smart contract. Innanzitutto ci si chiede se sia possibile adoperare tale strumento per automatizzare finanche la fase di formazione del consenso [27]. Al riguardo non è superfluo rilevare gli evidenti limiti che potrebbero derivare da una tale estensione applicativa. Ed infatti per automatizzare la fase formativa del contratto occorrerebbe passare attraverso un tortuoso iter, in quanto: i) il proponente dovrebbe tradurre la proposta contrattuale in linguaggio informatico; ii) l’oblato, ossia il destinatario della proposta, non solo dovrebbe decodificare lo smart contract al fine di comprendere i termini della proposta, ma dovrebbe trasmettere l’eventuale accettazione mediante uno smart contract, e dunque tradurre la stessa in linguaggio informatico. Procedendo in tal modo non solo si assisterebbe ad un prolungamento delle tempistiche per addivenire alla conclusione del contratto, ma vi sarebbe anche un esponenziale aumento dei costi della negoziazione.
In secondo luogo occorre rilevare che non tutti i contratti sono passibili di esecuzione automatizzata. Ed infatti la tecnologia “smart” sarebbe insuscettiva di applicazione relativamente ai contratti che prevedono prestazioni di fare nonché ai contratti ad efficacia istantanea rispetto ai quali non residuano ulteriori obbligazioni da adempiere [28]. Viceversa suscettivi di esecuzione automatizzata tramite smart contract risultano i contratti che involgono prestazioni pecuniarie (liquide) o prevedenti il trasferimento di beni dematerializzati.

3. Il governo dell’eccessiva onerosità sopravvenuta nel quadro degli smart contracts

Così perimetrati i contorni della controversa figura degli smart contracts, si può spostare il baricentro dell’analisi sulla vexata quaestio che involge il governo delle sopravvenienze [29] in caso di automazione dell’esecuzione contrattuale, con particolare riferimento all’ipotesi in cui la prestazione di una delle parti dovesse divenire, in corso di rapporto, eccessivamente onerosa, ai sensi e per gli effetti dell’art. 1467 c.c.[30] Questione la cui risoluzione non può prescindere da una breve esegesi della norma de qua, il cui fondamento sarebbe da ravvisare nel principio rebus sic stantibus [31], a tenore del quale il mantenimento del vincolo contrattuale è subordinato alla permanenza nel tempo dell’originario equilibrio economico [32], inteso come rapporto di valore tra le prestazioni corrispettive. Diversamente, in presenza di eventi straordinari e imprevedibili “squilibranti”, come l’eccessiva onerosità della prestazione, tali da alterare l’equilibrio de quo, l’art. 1467 c.c. prevede la possibilità di attivare specifici rimedi [33], come la risoluzione o l’offerta di riduzione ad equità, funzionali all’eliminazione della sopravvenuta sproporzione tra le prestazioni corrispettive, rispettivamente attraverso la demolizione [34] o la manutenzione dell’originario rapporto contrattuale. In particolare la risoluzione [35], quale rimedio caducatorio, presuppone sul piano applicativo la sussistenza dei seguenti requisiti [36].
Innanzitutto l’evento imprevedibile e straordinario deve causare un’eccessiva onerosità (sopravvenuta)[37] della prestazione di una delle parti, tale da alterare l’originario rapporto di valore tra le reciproche prestazioni [38]. Al riguardo non è superfluo rilevare che tale alterazione deve essere “grave”, atteso l’impatto dirompente che si riconnette all’attivazione del rimedio risolutorio, che conduce come dianzi rilevato alla demolizione del contratto. L’accertamento della sussistenza del requisito di gravità é rimesso all’apprezzamento del giudice, che dovrà condurre una valutazione oggettiva, prescindendo cioè dalla situazione soggettiva di difficoltà di adempimento, che talvolta l’ordinamento considera al fine di escludere l’applicabilità di taluni rimedi [39]. Nondimeno, l’eccessiva onerosità sopravvenuta, per condurre alla risoluzione del rapporto contrattuale, non deve rientrare nell’alea normale [40] del contratto, ovvero in quella sfera di rischio sottesa a qualsivoglia operazione contrattuale.
In secondo luogo il contratto colpito dalla sopravvenienza “squilibrante” deve essere un contratto di durata, non aleatorio [41], a prestazioni corrispettive [42] non ancora eseguite [43], come è dato inferire dalla rubrica e dal corpo dell’art. 1467 c.c.
L’altro rimedio previsto dall’art. 1467 c.c. quale strumento di reazione all’eccessiva onerosità sopravvenuta consiste nell’offerta [44] di riduzione ad equità, prevista al c. 3 della norma de qua, che a differenza della risoluzione consente la manutenzione del rapporto contrattuale [45].
Trattasi di un rimedio attivabile, come è dato desumere dalla disposizione in analisi, dalla parte convenuta nel giudizio di risoluzione, che potrà evitare la caducazione del contratto offrendo una modifica equitativa delle condizioni contrattuali, funzionale all’ablazione della sopravvenuta sproporzione attraverso la riconduzione del rapporto di valore tra le prestazioni corrispettive entro il perimetro tracciato dall’alea normale del contratto [46].
Purtuttavia, in relazione ai contratti di lunga durata, che sono quelli maggiormente esposti al rischio di sopravvenienze squilibranti, una più adeguata [47] ed efficace tutela degli interessi coinvolti passa attraverso un rimedio diverso dalla risoluzione, che consenta la manutenzione del rapporto contrattuale E tale rimedio conservativo é costituito dalla rinegoziazione [48]. Al riguardo vi é da rilevare che il rimedio de quo può essere espressamente previsto dai contraenti, attraverso apposita clausola [49] di rinegoziazione [50], al momento di conclusione del contratto, atteggiandosi in tale ipotesi quale rimedio manutentivo ex ante. Nondimeno, l’inadeguatezza del rimedio risolutorio in ordine ai contratti di lunga durata, in assenza dell’espressa previsione di una clausola di rinegoziazione, ha indotto la dottrina e la giurisprudenza, specie durante l’emergenza da Covid-19 [51], ad interrogarsi circa la sussistenza di un obbligo legale di rinegoziazione, che troverebbe fondamento nel principio di buona fede (integrativa) [52] e si atteggerebbe a rimedio manutentivo ex post.
La breve ricognizione dei rimedi manutentivi e demolitori prefigurati per il caso di eccessiva onerosità sopravvenuta consente di ritenere che l’applicazione degli stessi non é predicabile allorquando tale sopravvenienza involga una prestazione ad esecuzione automatizzata tramite smart contract. Si tratta infatti di rimedi che nel riferirsi, quali presupposti applicativi, ai concetti di “eccessiva” onerosità, modifica “equitativa”, presuppongono il compimento di un’attività interpretativa, che ad oggi gli smart contracts non sono in grado di compiere [53]. A medesime conclusioni interpretative si può pervenire anche postulando quale rimedio ex post la sussistenza di un obbligo legale di rinegoziazione discendente dal principio di buona fede, atteso che il principio de quo, in quanto principio generale formulato in termini volutamente elastici, necessita, a fini applicativi, di un’attività interpretativa che ad oggi, come dianzi rilevato, é preclusa ad un software, come lo smart contract. Nondimeno, il governo dell’eccessiva onerosità sopravvenuta che colpisce una delle prestazioni ad esecuzione automatizzata ben può avvenire tramite lo strumento manutentivo della rinegoziazione allorquando lo stesso sia previsto e implementato nel software, prima della trascrizione sulla blockchain. Ma si tratterebbe in ogni caso di un rimedio manutentivo ex ante, in forza del quale le parti potrebbero operare determinate modifiche contrattuali al verificarsi dell’evento squilibrante, lasciando tuttavia scoperti i casi in cui un obbligo di rinegoziazione non fosse oggetto di apposita previsione. Ciononostante vi é chi in dottrina [54] ipotizza che la soluzione di tali problematiche (ad oggi insolute) possa avvenire in un prossimo futuro attraverso la trasmigrazione dalla logica binaria (if…then) ad una logica basata sull’auto-apprendimento, tipica dell’essere umano, che renderebbe compatibile lo smart contract con le esigenze di revisione del regolamento contrattuale implementato sul software.

Note

[1] Sul contratto in generale si segnalano, senza pretesa di esaustività, le seguenti Opere: C.M. BIANCA, Il contratto, Milano, 2019; V. ROPPO, Il contratto, Milano, 2011; L. GUAGLIONE, Il contratto, Torino, 2018; M.C. DIENER, Il contratto in generale3, Milano, 2015; A. CATAUDELLA, I contratti. Parte generale, Torino, 2014.
[2] Dal punto di vista sistematico il contratto costituisce un negozio giuridico, ossia una dichiarazione di volontà diretta alla produzione di determinati effetti. Diverse sono le Opere monografiche dedicate alla figura, sebbene le stesse non esauriscano la cospicua letteratura in materia. Tra le altre: E. BETTI, Teoria generale del negozio giuridico, in Trattato di diritto civile, diretto da F. Vassalli2, Torino, 1950; L. CARIOTA FERRARA, Il negozio giuridico nel diritto privato italiano, Napoli, 1948, p. 57 e ss.; F. SANTORO PASSARELLI, Dottrine generali del diritto civile, Napoli9,1966, p. 125 e ss.; R. SACCO, La parte generale del diritto civile. Il fatto, l’atto, il negozio, in Trattato di diritto civile, diretto da R. Sacco, Torino, 2005.
[3] Il contratto infatti consente non solo il trasferimento della proprietà o del credito, ma anche la costituzione o l’estinzione di rapporti obbligatori.
[4] La bibliografia in materia di smart contract è molto ampia. Senza pretesa di esaustività si segnalano i seguenti contributi: T. PELLEGRINI, Prestazioni auto-esecutive. Smart contract e dintorni, in Comparazione e diritto civile, 2019, p. 843 e ss.; M. FARINA, Smart contract tra automazione contrattuale e disumanizzazione dei rapporti giuridici, in GiustiziaCivile.com, 2020; G. VULPIANI, Non fungible tokens, smart contracts e blockchain nell’arte e nella moda: crypto art e digital fashion, in CamminoDiritto.it, 2021; G. FINOCCHIARO, Riflessioni sugli smart contract e sull’intelligenza artificiale, in GiustiziaCivile.com, 2020; M. CRISAFULLI, L’era degli Smart Contracts: potenzialità e limiti di uno strumento rivoluzionario, in Diritto, Mercato, Tecnologia, 2021; T. FAVARO, Smart contracts e intervento pubblico. Integrazione o sostituzione del potere regolatorio e sanzionatorio, in Amministrazione In Cammino, 2020; A.U. JANSSEN-F.P. PATTI, Demistificare gli smart contracts, in Osservatorio del diritto civile e commerciale, 2020, p. 31 e ss.; L. PAROLA-P. MERATI-G. GAVOTTI, Blockchain e smart contract: questioni giuridiche aperte, in Contratti, 2018, p. 681 e ss.; A. CINQUE, Gli smart contract nell’ambito del FinTech e dell’InsurTech, in juscivile, 2021, p. 187 e ss. Sulla definizione di smart contract si vd. anche N. SZABO, in Smart Contracts: Building Blocks for digital markets, 1996.
[5]  G. NUZZO, Gli smart contract tra esigenze di “calcolabilita” e gestione delle “sopravvenienze”, in Contenuto e limiti dell’autonomia privata in Germania e in Italia, (a cura di) F. Bordiga e H. Wais, Torino, 2021,p. 119.
[6] S.A. CERRATO, Appunti su smart contract e diritto dei contratti, in BBTC, 2020, p. 371 e ss.
[7] S.A. CERRATO, op. cit., p. 372.
[8] Sulla logica sottesa all’algoritmo “if…then” si vd. G. NUZZO, op. cit., p. 119 nonché L. PAROLA-P. MERATI – G. GAVOTTI, op. cit., p. 684. Sulla riconduzione dell’algoritmo de quo al termine o alla condizione di matrice codicistica si vd. S.A. CERRATO, op. cit., p. 381, secondo cui lo stesso si presta ad un utilizzo molto più esteso rispetto alla condizione e al termine apposti ad un contratto tradizionale.
[9] Sul concetto di oracolo L. PAROLA-P. MERATI – G. GAVOTTI, op. cit., p. 684.
[10] Caratteri che sortirebbero quale effetto la riduzione dei margini di incertezza nell’interpretazione del contratto e dei rischi connessi all’esecuzione differita, come quello di inadempimento. Caratteri ricavabili  dall’art. 8-ter d.l. n. 135/2018 (conv. con modif. dalla l. n. 12/2019). Sul punto si soffermano anche L. PAROLA-P. MERATI – G. GAVOTTI, op. cit., p. 684
[11] Come rileva G. NUZZO, op. cit., p. 120, negli smart contracts l’adempimento è automatizzato e sottratto alla disponibilità delle parti.
[12] Sull’automaticità si vd. S.A. CERRATO, op. cit., p. 382.
[13] Se lo smart contract annulla il rischio di inadempimento è chiaro che non si porrà un problema di attivazione dei rimedi avverso l’inadempimento contrattuale. Purtuttavia vi è chi in dottrina S.A. CERRATO, op. cit., p. 393 e ss. ipotizza l’applicabilità di un’eccezione di inadempimento anche in caso di smart contract. In particolare l’A. propone di istruire il software a non eseguire una prestazione (es. trasferimento di denaro) se non vi è una conferma, fornita dall’oracolo, dell’altrui adempimento.
[14] Fenonemi oggetto di studio nell’ambito dell’analisi economica del diritto.
[15] Sul punto si veda anche S.A. CERRATO, op. cit., p. 382.
[16] S.A. CERRATO, op. cit., p. 378; L. PAROLA-P. MERATI-G. GAVOTTI, op. cit., p. 685.
[17] Sul concetto di autonomia contrattuale si vd. C.M. BIANCA, Il contratto3, Milano, 2019, p. 21 e ss. nonché V. ROPPO, Il contratto, Milano, 2011, p. 24, secondo cui l’autonomia contrattuale è il potere delle parti di darsi regole.
[18] In ordine al “dogma” della volontà e alla sua crisi V. ROPPO, op. cit., p. 36.
[19] Sul contratto telematico illuminanti le riflessioni di C.M. BIANCA, Il contratto3, Milano, 2019, p. 273 e ss.
[20] S.A. CERRATO, op. cit., p. 378.
[21] E come si avrà modo di dimostrare, la regolazione dello smart contract tramite linguaggio informatico costituisce un limite per l’applicazione di clausole generali, come la buona fede che necessitano di giudizi di natura valoriale che la macchina non è in grado di eseguire. Al riguardo si vd. S.A. CERRATO, op. cit. p. 379.
[22] In ordine al funzionamento dello smart contract si segnalano L. PAROLA-P. MERATI – G. GAVOTTI, op. cit., p. 684.
[23] Sul concetto di Blockchain si vd. L. PAROLA-P. MERATI-G. GAVOTTI, op. cit., p. 681, che la definiscono quale “tecnologia finalizzata alla gestione di transazioni attraverso la creazione di un database distribuito -tra gli utenti di una rete” nonché M. GIULIANO, La blockchain e gli smart contracts nell’innovazione del diritto nel terzo millennio, in Diritto dell’informazione, 2018, p. 989.
[24] S.A. CERRATO, op. cit., p.  376.
[25] Rilevano tale carattere L. PAROLA-P. MERATI – G. GAVOTTI, op. cit., p. 684.
[26] S.A. CERRATO, op. cit., p. 377; G. NUZZO, op.cit., p. 119. Sull’oracolo in particolare  si vd. S.A. CERRATO, op. cit., p. 380, secondo cui lo stesso “è un intermediario (se umano) o un programma elaborato o gestito da un intermediario umano”.
[27] S.A. CERRATO, op. cit., p. 384.
[28] Sul punto si vd. anche S.A. CERRATO, op. cit., p. 385.
[29] Si sofferma sulla distinzione tra “sopravvenienza” e “patologia” L. GUAGLIONE, Il contratto, Sistema del diritto civile, Torino, 2018, p. 440 nt. 1, secondo cui mentre la patologia involge l’atto e dunque vizi originari dello stesso, la sopravvenienza concerne il rapporto contrattuale. Per V. ROPPO, op. cit., p. 943, le sopravvenienze sono “fatti che, intervenendo dopo la conclusione del contratto e prima della sua completa attuazione, mutano il contesto in cui il contratto si attua”. Per l’A. le sopravvenienze “rilevanti” sono quelle che “pregiudicano l’interesse di una parte”. Sul concetto di sopravvenienza si vd. anche F. ALCARO, Diritto privato, 2017, Padova, p. 360.
[30] A. TRABUCCHI, Istituzioni di diritto civile48, 2017, Padova, p. 884; F. GAZZONI, Manuale di diritto privato, 2019, Napoli, p. 1037 e ss.; C.M. BIANCA, La responsabilità2, Milano, 2019, p. 414 e ss.
[31] L. GUAGLIONE, op. cit., p. 440; A. TORRENTE-P. SCHLESINGER, Manuale di diritto privato25, (a cura di) F. Anelli e C. Granelli, Milano, 2021, p. 698.
[32] L’equilibrio economico costituisce una delle due configurazioni che può assumere l’equilibrio contrattuale, che ricomprende altresì la declinazione “normativa”, che involge l’equilibrata allocazione tra le parti di diritti, obblighi e responsabilità.
[33] Per un’analitica tassonomia dei rimedi contrattuali si segnala V. ROPPO, op. cit., P. 725 e ss.
[34] La risoluzione per eccessiva onerosità sopravvenuta è pronunciata con sentenza costitutiva. Sul punto L. GUAGLIONE, op. cit., p. 466.
[35] Si sofferma sulla ratio del rimedio risolutorio L. GUAGLIONE, op. cit., p. 464.
[36] Sui presupposti della risoluzione si veda anche V. ROPPO, op. cit., p. 945.
[37] L’eccessiva onerosità sopravvenuta si distingue dall’impossibilità sopravvenuta della prestazione in quanto nella prima non vi è impossibilità totale o parziale di adempimento. L’adempimento infatti rimane possibile ma a condizioni oggettivamente più onerose. Sulla distinzione si soffermano M. DI PIRRO, Manuale di diritto privato (Diritto civile), Napoli, 2021, p. 621 nonché L. GUAGLIONE, op. cit., p. 464.
[38] L’eccessiva onerosità sopravvenuta si configura non solo quando muta il rapporto di valore tra le prestazioni reciproche, ma anche quando si svilisce il valore della controprestazione. Sul punto A. TORRENTE- P. SCHLESINGER, op. cit., p. 699; L. GUAGLIONE, op. cit., p. 464.
[39] Si veda ad esempio in materia di responsabilità l’art. 2058 c.c., a tenore del quale il giudice può disporre solo il risarcimento per equivalente monetario allorquando la reintegrazione in forma specifica risulti eccessivamente onerosa per il debitore. Sul punto L. GUAGLIONE, op. cit., p. 464.
[40] Sull’alea normale del contratto V. ROPPO, op. cit., p. 952; L. GUAGLIONE, op. cit., p. 465.
[41] L’inapplicabilità dei rimedi ex art. 1467 c.c. ai contratti aleatori discende dalla circostanza che relativamente agli stessi una o entrambe le parti assumono il rischio di sproporzione delle prestazioni. Al riguardo si vd. C.M. BIANCA, op. cit., p. 432. Sul punto anche V. ROPPO, op. cit., p. 960.
[42] L’eccessiva onerosità sopravvenuta può colpire tanto i contratti a prestazioni corrispettive (1467 c.c.), quanto i contratti con obbligazioni a carico di una sola parte (1468 c.c.). Tale ultima categoria abbraccia i contratti gratuiti, rispetto ai quali il governo della sopravvenienza può avvenire solo in via manutentiva, tramite la richiesta, da parte dell’obbligato, di una riduzione della prestazione o di una modifica nelle modalità di esecuzione, essendo preclusa l’attivazione del rimedio risolutorio che condurrebbe alla caducazione del contratto. Sul punto V. ROPPO, op. cit., p. 958 e ss. nonché L. GUAGLIONE, op. cit., p. 464.
[43] L. GUAGLIONE, op. cit., p. 464.
[44] Controversa è la natura dell’offerta di riduzione ad equità, che secondo C.M. BIANCA, La responsabilità, p. 428, costituisce un negozio unilaterale e recettizio, rispetto al quale l’accettazione della parte onerata comporta solo l’irrevocabilità dell’offerta medesima. Un intervento giudiziale sarebbe ammissibile, secondo l’A., allorquando la parte onerata contesti la modifica offerta. Invece secondo F. ALCARO, op. cit., p. 360, l’offerta di riduzione ad equità “sarà in ogni caso oggetto di sindacato giudiziale”.
[45] Ravvisa il fondamento di tale rimedio nel principio generale di conservazione C.M. BIANCA, op. cit., p. 428. Analogo rimedio è previsto dall’art. 1450 c.c. per evitare la rescissione per lesione del contratto. Sul punto C.M. BIANCA, op. cit., p. 428 nonché A. TRABUCCHI, op. cit., p. 885, nt. 27.
[46] Cfr. C.M. BIANCA, op. cit., p. 429.
[47] Si sofferma sull’inadeguatezza del solo rimedio risolutorio per il governo delle sopravvenienze in caso di contratti di durata F. ALCARO, op. cit., p. 360.
[48] Sulla rinegoziazione sia consentito rinviare a C. VALENTINO, La rinegoziazione in diritto civile e in diritto amministrativo, in CamminoDiritto.it, 2019 nonché a: F. MACARIO, Adeguamento e rinegoziazione nei contratti a lungo termine, Napoli, 1996, p. 322; ID., Rischio contrattuale e rapporti di durata nel nuovo diritto dei contratti: dalla presupposizione all’obbligo di rinegoziazione, in Riv. dir. civ., 2002, I, p. 63 e ss.; F. GAMBINO, Problemi del rinegoziare, Milano, 2004; G. SICCHIERO, La rinegoziazione, in Contratto e impresa, 2002, p. 774 e ss.
[49] Nella prassi del commercio internazionale è invalsa la prassi delle clausole “hardship”, che secondo V. ROPPO, op. cit., p. 971, costituiscono lo strumento tramite cui, in presenza di determinate sopravvenienze, è prevista l’attivazione di meccanismi di adeguamento del regolamento contrattuale. Secondo l’A. le clausole de quibus hanno una portata applicativa piuttosto ampia, potendo involgere sopravvenienze diverse da quelle che consentono l’attivazione dei rimedi legali. Oppure, pur riguardando sopravvenienze “tipiche”, introducono rimedi diversi da quelli legali. Sulle clausole hardship si vd. anche C.M. BIANCA, Il contratto, Milano, 2019, p. 181, nt. 89; A. TORRENTE-P. SCHLESINGER, op. cit., p. 700; F. ALCARO, op. cit., p. 361.
[50] V. ROPPO, op. cit., p. 972, intende l’obbligo convenzionale di rinegoziazione come “obbligo di rinegoziare secondo buona fede”, con la conseguenza che l’inadempimento all’obbligo de quo o un comportamento scorretto in sede di rinegoziazione espone la parte a responsabilità da inadempimento contrattuale, in quanto la buona fede si atteggerebbe quale fonte legale di obblighi ulteriori ex art. 1375 c.c. Sulla buona fede “integrativa” si soffermano anche C.M. BIANCA, Il contratto, p. 454 nonché F. ALCARO, op. cit., p. 359.
[51] Sul tema della manutenzione del contratto a seguito della pandemia da Covid-19, si segnalano, senza pretesa di esaustività: L. AMBROSINI, L’interesse creditorio nell’emergenza Covid tra rimedi estintivi e tensione conservativa, in RCP, 2021, p. 1352 e ss.; M. FRANZONI, Il covid-19 e l’esecuzione del contratto, in Riv. Trim. Dir. Proc. Civ., 2021, p. 1; L. REGAZZONI, I contratti di durata e la pandemia: dalla correzione (cogente) all’integrazione (dispositiva), in Riv. Trim. Dir. Proc. Civ., 2021, p.  1219; C. SCOGNAMIGLIO, Il governo delle sopravvenienze contrattuali e la pandemia COVID-19, in Corr. Giur., 2020, 584; ID., L’emergenza Covid 19: quale ruolo per il civilista?, in Giustiziacivile.com, editoriale 15 aprile 2020.
[52] Sostiene la sussistenza di un obbligo legale di rinegoziazione discendente dal principio di buona fede V. ROPPO, op. cit., p. 972 e ss. Secondo C.M. BIANCA, op. cit., p. 181 e ss., “la buona fede, in cui si esprime la solidarietà contrattuale, non sembra d’altro canto che possa incidere sull’autonomia privata al punto da rendere obbligatoria la conclusione di un contratto”.
[53] Sul punto di vedano le riflessioni di A. DAVOLA, Algoritmi decisionali e trasparenza bancaria, Milano, 2020, p. 44  nonché G. NUZZO, op. cit., p. 123.
[54] G. NUZZO, op. cit., p. 124.

Codici e leggi

Codice Ambiente

Codice Antimafia

Codice Antiriciclaggio

Codice Civile

Codice Crisi d’Impresa

Codice dei Beni Culturali

Codice dei Contratti Pubblici

Codice del Consumo

Codice del Terzo Settore

Codice del Turismo

Codice dell’Amministrazione Digitale

Codice della Navigazione

Codice della Privacy

Codice della Protezione Civile

Codice della Strada

Codice delle Assicurazioni

Codice delle Comunicazioni Elettroniche

Codice delle Pari Opportunità

Codice di Procedura Civile

Codice di Procedura Penale

Codice Giustizia Contabile

Codice Penale

Codice Processo Amministrativo

Codice Processo Tributario

Codice Proprietà Industriale

Codice Rosso

Costituzione

Decreto Cura Italia

Decreto Legge Balduzzi

Disposizioni attuazione Codice Civile e disposizioni transitorie

Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

Disposizioni di attuazione del Codice Penale

DPR 445 – 2000

Legge 104

Legge 23 agosto 1988 n 400

Legge 68 del 1999 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili)

Legge Basaglia

Legge Bassanini

Legge Bassanini Bis

Legge Cambiaria

Legge Cure Palliative

Legge Di Bella

Legge Diritto d’Autore

Legge Equo Canone

Legge Fallimentare

Legge Gelli-Bianco

Legge Mediazione

Legge Pinto

Legge Severino

Legge Sovraindebitamento

Legge sul Divorzio

Legge sul Procedimento Amministrativo

Legge sulle Locazioni Abitative

Legge Testamento Biologico

Legge Unioni Civili

Norme di attuazione del Codice di Procedura Penale

Ordinamento Penitenziario

Preleggi

Statuto dei Lavoratori

Statuto del Contribuente

Testo Unico Bancario

Testo Unico Edilizia

Testo Unico Enti Locali

Testo Unico Espropri

Testo Unico Imposte sui Redditi

Testo Unico Iva

Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza

Testo Unico Sicurezza Lavoro

Testo Unico Stupefacenti

Testo Unico Successioni e Donazioni

Testo Unico sul Pubblico Impiego

Testo Unico sull’Immigrazione

Altre leggi

Codice Deontologico Forense

Codici Deontologici

Disciplina comunitaria e internazionale

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati – P.IVA 02542740747