Medici e covid: nuove tutele o nihil sub sole novi?

Approdo alla L. 76/2021

Articolo a cura della Dott.ssa Rebecca Fiducia

Responsabilità medica

Il contesto emergenziale che ha caratterizzato il 2020 ha messo a dura prova anche l’ordinamento penale, con particolare riferimento alla tutela dell’operatore sanitario: i medici erano sufficientemente tutelati o era necessario intervenire con novelle legislative ad hoc?

1-. Con ordine, nel 2017 il legislatore approvò la cd. legge Gelli-Bianco (l. 8 marzo 2017, n. 24), che introdusse nel Codice penale l’art. 590 sexies; questo, sin da principio lasciò aperti diversi dubbi sia interpretativi che applicativi.
Nello specifico, la novella dispone che non sia punibile per colpa da imperizia il medico che abbia adeguatamente individuato e applicato le linee-guida al singolo caso clinico, ovviamente nel caso in cui si verifichi un evento lesivo (art. 590 c.p.) o luttuoso (art. 589 c.p.).[1]
In altre parole, viene richiesto al medico di saper identificare ex ante le linee-guida corrette rispetto al caso clinico e, successivamente, di applicarle nella maniera adeguata; ciò adempiuto, in caso di errore nella fase esecutiva, dovuto a imperizia, non sarebbe considerato punibile.[2]
Sembra, quindi, che la colpa lieve sia stata definita come una corretta scelta aprioristica delle linee-guida con conseguente adozione idonea delle medesime. Quel che residua, allora, è l’ipotesi di imperizia nella successiva gestione del caso concreto, con una rilevazione pratica molto limitata.
Pertanto, la culpa in eligendo – data da una scorretta individuazione della linea-guida – rientrerebbe in ogni caso nell’alveo della colpa generica (i.e.: negligenza, imprudenza o imperizia; vide art. 43 comma 3 c.p.), così da risultare sempre punibile, indipendentemente dal grado della stessa.
Sotto il secondo profilo, il cd. error in executivis, occorre fare una distinzione. Le ipotesi di colpa da imprudenza e negligenza sono sempre considerate punibili. Diversamente, nell’area dell’imperizia si può comprendere che sia punibile solo la colpa grave, ovvero quella derivante da una non perfetta adesione alla linea-guida precedentemente selezionata in maniera adeguata.
Resta, ad ogni modo, solo da comprendere dove ricadrebbe la colpa (da imperizia) nelle ipotesi di corretta individuazione e applicazione delle linee-guida, ma di verificazione dell’evento di lesioni o morte.

2-. Il problema attuale di questa disciplina è, però, il fatto che contempli solo casi clinici e situazioni già studiate e consolidate, tanto da aver dato luogo alla redazione di linee-guida o buone pratiche clinico-assistenziali. Non offre, invece, al medico la medesima tutela nei casi non coperti (ancora) da linee-guida per i motivi più vari: una difficoltà particolare, l’evoluzione della scienza e delle tecniche mediche rispetto alle linee-guida esistenti o la novità della patologia (cd. in difficillimis rebus; vide art. 2236 c.c.). Quest’ultimo è il caso del Covid-19.[3]
È evidente, allora, che l’art. 590 sexies c.p. risulti inadeguato a fronteggiare l’emergenza sanitaria, che – oltre a dover essere affrontata con terapie ancora incerte non supportate da tecniche consolidate, falsificabili e attendibili per la comunità scientifica – ha presentato anche altri problemi: le strumentazioni e i posti in terapia intensiva erano insufficienti rispetto al numero di malati e mancavano professionisti sanitari, soprattutto virologi e infettivologi. Questa situazione drammatica ha dettato la necessità di assumere temporaneamente anche medici in pensione e specializzandi, spesso al di fuori del proprio campo di specializzazione.[4] 
La SIAARTI e il CNB individuavano “criteri di accesso” alle terapie, raccomandando asetticamente i medici di compiere una drammatica scelta tra i soggetti clinici (sulla base di età, comorbilità e prognosi della risposta terapeutica), in ciò contravvenendo ad un principio cardine dell’ordinamento[5]: l’uguaglianza sostanziale di tutti i cittadini (vide art. 3 Cost.), ma necessitas non habet legem.[6]
Preso, pertanto, atto dell’inadeguatezza dell’attuale precetto, occorre verificare quale sia la soluzione più adeguata al caso contingente.

2.1-. In primo luogo, l’art. 2236 c.c. – da tempo utilizzato in sede penale – prevede che in situazioni di particolare difficoltà il professionista non debba rispondere dei danni, se non in caso di dolo o colpa grave. Il concetto di imperizia è ivi intrinseco, dal momento che si richiede al professionista di possedere delle conoscenze superiori rispetto a quelle di un uomo comune.[7]
Nonostante queste difficillimae res ben si adattino al contesto emergenziale, questa normativa non sposta di molto l’orizzonte applicativo dell’art. 590 sexies c.p.. In altra prospettiva, sempre limitatamente all’ipotesi di imperizia, limita la responsabilità unicamente alle ipotesi di colpa grave (o dolo, chiaramente).
Nondimeno, ammessa l’estensibilità alla sede penale di tale disciplina come causa di non punibilità, resta d’attualità il dubbio ermeneutico circa la portata della colpa grave ed anche l’individuazione di criteri certi di distinzione tra l’imperizia, la negligenza e l’imprudenza.
Eppure, se venisse proposta una definizione chiara e completa di colpa grave, che sia basata su parametri certi, in tal unico caso si potrebbe considerare non punibile la colpa lieve in generale (senza ulteriori distinzioni tra negligenza, imprudenza e imperizia).
L’unico aspetto costruttivo di questo precetto, che ha portato diversi autori a prenderlo in considerazione, è che sgancia la gravità della colpa dall’esistenza di linee-guida.[8]

2.2-. Diversamente, sul piano delle scelte dolorose con cui i medici sono stati chiamati a confrontarsi, parte della dottrina ha ritenuto di considerare lo stato di necessità (vide art. 54 c.p.) come soluzione.
È utile da subito ricordare che l’ordinamento lo inquadra come una scusante, dal momento che il soggetto agente è “costretto” a porre in essere una condotta antigiuridica sulla base di un «pericolo attuale di danno grave alla persona» e al fine unico di «salvare sé o altri» dal pericolo medesimo.
In questo senso, lo stato di necessità potrebbe indubbiamente garantire la non punibilità dei medici coinvolti nella gestione delle terapie anti-Covid-19, con un’esclusione totale della responsabilità.[9]

2.3-. Tuttavia, l’art. 54 c.p. non è adeguato a fronteggiare ogni altro aspetto della pandemia, pertanto occorre tornare alla norma generale sulla colpa e considerare l’effettiva efficacia dell’art. 43 c.p., che consente di tornare ad un concetto unitario di colpa.
Nell’eventualità – ormai più che eventuale – di un procedimento penale a carico di un professionista sanitario, si porrebbe in questo modo l’accento sull’elemento psicologico dell’azione, accantonando i concetti di colpa lieve e colpa grave[10].
In sede processuale, il giudice dovrebbe valutare in primo luogo la dimensione oggettiva della colpa, così rilevando la violazione o meno delle linee-guida; in un secondo momento, dovrebbe considerarne il profilo soggettivo, interrogandosi sulla condotta che un agente modello (homo eiusdem professionis et condicionis) avrebbe compiuto a parità di condizioni, soggettive ed oggettive, valutate ex ante.
Tale analisi ha come obiettivo la verifica dell’esigibilità di una condotta alternativa lecita e la prevedibilità concreta dell’evento. Evidentemente, le suddette verifiche dovranno tener conto della novità e degli aspetti non conosciuti della patologia e delle relative cure.[11]
In questo senso, il doppio grado della colpa impone che la valutazione non si arresti alla mera violazione di linee-guida.[12]

3-. È chiaro che il sopraggiungere della questione relativa ai vaccini abbia, poi, aperto nuovi dubbi e orizzonti normativi, motivo per cui il legislatore – dopo i precedenti tentativi di creare una normativa ad hoc – ha ritenuto opportuno creare uno “scudo penale” per i professionisti sanitari non più limitato alle prestazioni delle attività mediche nel contesto pandemico, ma esteso alla somministrazione dei vaccini contro il Covid-19. Il decreto-legge n. 44 del 2021 (convertito in legge 28 maggio 2021, n. 76) ha apportato due mutamenti degni di approfondimento.
Da un lato, l’art. 3 bis della legge in questione ha stabilito la punibilità delle condotte in analisi solo a titolo di colpa grave, prescindendo dalla classificazione eziologica (negligenza, imprudenza e imperizia) o dalla adozione di corrette linee-guida.
Contemporaneamente, il secondo comma dello stesso articolo offre un’indicazione del perimetro della colpa grave, escludendola in ragione della «limitatezza delle conoscenze scientifiche al momento del fatto sulle patologie da SARS-CoV-2 e sulle terapie appropriate, nonché della scarsità delle risorse umane e materiali concretamente disponibili in relazione al numero dei casi da trattare, oltre che del minor grado di esperienza e conoscenze tecniche possedute dal personale non specializzato impiegato per far fronte all’emergenza». Eppure, si può affermare che offra un criterio di valutazione della colpa grave unicamente basato su fattori indicativi da tenere in considerazione.
Del pari, all’art. 3 si prevede un’esclusione di punibilità per l’inoculazione dei vaccini autorizzati dal Ministero della salute.
Questa legge si pone in rapporto di specialità con l’art. 590 sexies c.p., in quanto applicabile solo in costanza di questa situazione emergenziale, e ha come conseguenza una maggiore ampiezza di tutela, essendo estendibile anche alle ipotesi di colpa lieve per imprudenza e negligenza. 
L’utilità di questa norma, tuttavia, desta più di una perplessità, poiché probabilmente l’applicazione coerente delle categorie generali della colpa ben avrebbe potuto offrire un livello di tutela analogo; nondimeno, la novella ha il pregio di rassicurare il personale sanitario, delineando alcuni parametri di raffronto per la valutazione della sussistenza di una colpa grave, unica a poter rendere punibile le condotte professionali adottate in periodo emergenziale.[13]
In particolare, l’art. 43 c.p. è efficace, da un lato perché non contempla né una graduazione della colpa né una distinzione tra le tre tipologie di colpa generica; dall’altro lato, perché, per il tramite di un’analisi oggettiva e soggettiva della colpa in sede processuale, condurrebbe alla non punibilità di condotte oggettivamente colpose sulla base di una valutazione puramente soggettiva, considerando la totale imprevedibilità delle condizioni clinico-sanitarie e l’inesigibilità di condotte alternative.

4-. Date le considerazioni finora presentate, la tutela del personale sanitario secondo la più recente normativa risulta essere una chiarificazione di sintesi non del tutto necessaria, perché sarebbe bastata l’applicazione dell’art. 43 c.p., anche alla luce dell’applicabilità a titolo di scusante della disciplina dell’art. 2236 c.c..
Il giudice resta ancora una volta privo di concrete modalità e indicazioni cui potersi attenere con sicurezza.

In conclusione, la “legislazione dell’emergenza” ha una prospettiva miope rispetto alle reali necessità di ortopedia del Codice penale: sarebbe, perciò, auspicabile un intervento più organico, magari di integrazione dell’art. 590 sexies c.p., che introduca anche ipotesi di nuove patologie o di interventi rari e ad alto contenuto tecnico.

responsabilità medica

Il contesto emergenziale che ha caratterizzato il 2020 ha messo a dura prova anche l’ordinamento penale, con particolare riferimento alla tutela dell’operatore sanitario: i medici erano sufficientemente tutelati o era necessario intervenire con novelle legislative ad hoc?

1-. Con ordine, nel 2017 il legislatore approvò la cd. legge Gelli-Bianco (l. 8 marzo 2017, n. 24), che introdusse nel Codice penale l’art. 590 sexies; questo, sin da principio lasciò aperti diversi dubbi sia interpretativi che applicativi.
Nello specifico, la novella dispone che non sia punibile per colpa da imperizia il medico che abbia adeguatamente individuato e applicato le linee-guida al singolo caso clinico, ovviamente nel caso in cui si verifichi un evento lesivo (art. 590 c.p.) o luttuoso (art. 589 c.p.).[1]
In altre parole, viene richiesto al medico di saper identificare ex ante le linee-guida corrette rispetto al caso clinico e, successivamente, di applicarle nella maniera adeguata; ciò adempiuto, in caso di errore nella fase esecutiva, dovuto a imperizia, non sarebbe considerato punibile.[2]
Sembra, quindi, che la colpa lieve sia stata definita come una corretta scelta aprioristica delle linee-guida con conseguente adozione idonea delle medesime. Quel che residua, allora, è l’ipotesi di imperizia nella successiva gestione del caso concreto, con una rilevazione pratica molto limitata.
Pertanto, la culpa in eligendo – data da una scorretta individuazione della linea-guida – rientrerebbe in ogni caso nell’alveo della colpa generica (i.e.: negligenza, imprudenza o imperizia; vide art. 43 comma 3 c.p.), così da risultare sempre punibile, indipendentemente dal grado della stessa.
Sotto il secondo profilo, il cd. error in executivis, occorre fare una distinzione. Le ipotesi di colpa da imprudenza e negligenza sono sempre considerate punibili. Diversamente, nell’area dell’imperizia si può comprendere che sia punibile solo la colpa grave, ovvero quella derivante da una non perfetta adesione alla linea-guida precedentemente selezionata in maniera adeguata.
Resta, ad ogni modo, solo da comprendere dove ricadrebbe la colpa (da imperizia) nelle ipotesi di corretta individuazione e applicazione delle linee-guida, ma di verificazione dell’evento di lesioni o morte.

2-. Il problema attuale di questa disciplina è, però, il fatto che contempli solo casi clinici e situazioni già studiate e consolidate, tanto da aver dato luogo alla redazione di linee-guida o buone pratiche clinico-assistenziali. Non offre, invece, al medico la medesima tutela nei casi non coperti (ancora) da linee-guida per i motivi più vari: una difficoltà particolare, l’evoluzione della scienza e delle tecniche mediche rispetto alle linee-guida esistenti o la novità della patologia (cd. in difficillimis rebus; vide art. 2236 c.c.). Quest’ultimo è il caso del Covid-19.[3]
È evidente, allora, che l’art. 590 sexies c.p. risulti inadeguato a fronteggiare l’emergenza sanitaria, che – oltre a dover essere affrontata con terapie ancora incerte non supportate da tecniche consolidate, falsificabili e attendibili per la comunità scientifica – ha presentato anche altri problemi: le strumentazioni e i posti in terapia intensiva erano insufficienti rispetto al numero di malati e mancavano professionisti sanitari, soprattutto virologi e infettivologi. Questa situazione drammatica ha dettato la necessità di assumere temporaneamente anche medici in pensione e specializzandi, spesso al di fuori del proprio campo di specializzazione.[4] 
La SIAARTI e il CNB individuavano “criteri di accesso” alle terapie, raccomandando asetticamente i medici di compiere una drammatica scelta tra i soggetti clinici (sulla base di età, comorbilità e prognosi della risposta terapeutica), in ciò contravvenendo ad un principio cardine dell’ordinamento[5]: l’uguaglianza sostanziale di tutti i cittadini (vide art. 3 Cost.), ma necessitas non habet legem.[6]
Preso, pertanto, atto dell’inadeguatezza dell’attuale precetto, occorre verificare quale sia la soluzione più adeguata al caso contingente.

2.1-. In primo luogo, l’art. 2236 c.c. – da tempo utilizzato in sede penale – prevede che in situazioni di particolare difficoltà il professionista non debba rispondere dei danni, se non in caso di dolo o colpa grave. Il concetto di imperizia è ivi intrinseco, dal momento che si richiede al professionista di possedere delle conoscenze superiori rispetto a quelle di un uomo comune.[7]
Nonostante queste difficillimae res ben si adattino al contesto emergenziale, questa normativa non sposta di molto l’orizzonte applicativo dell’art. 590 sexies c.p.. In altra prospettiva, sempre limitatamente all’ipotesi di imperizia, limita la responsabilità unicamente alle ipotesi di colpa grave (o dolo, chiaramente).
Nondimeno, ammessa l’estensibilità alla sede penale di tale disciplina come causa di non punibilità, resta d’attualità il dubbio ermeneutico circa la portata della colpa grave ed anche l’individuazione di criteri certi di distinzione tra l’imperizia, la negligenza e l’imprudenza.
Eppure, se venisse proposta una definizione chiara e completa di colpa grave, che sia basata su parametri certi, in tal unico caso si potrebbe considerare non punibile la colpa lieve in generale (senza ulteriori distinzioni tra negligenza, imprudenza e imperizia).
L’unico aspetto costruttivo di questo precetto, che ha portato diversi autori a prenderlo in considerazione, è che sgancia la gravità della colpa dall’esistenza di linee-guida.[8]

2.2-. Diversamente, sul piano delle scelte dolorose con cui i medici sono stati chiamati a confrontarsi, parte della dottrina ha ritenuto di considerare lo stato di necessità (vide art. 54 c.p.) come soluzione.
È utile da subito ricordare che l’ordinamento lo inquadra come una scusante, dal momento che il soggetto agente è “costretto” a porre in essere una condotta antigiuridica sulla base di un «pericolo attuale di danno grave alla persona» e al fine unico di «salvare sé o altri» dal pericolo medesimo.
In questo senso, lo stato di necessità potrebbe indubbiamente garantire la non punibilità dei medici coinvolti nella gestione delle terapie anti-Covid-19, con un’esclusione totale della responsabilità.[9]

2.3-. Tuttavia, l’art. 54 c.p. non è adeguato a fronteggiare ogni altro aspetto della pandemia, pertanto occorre tornare alla norma generale sulla colpa e considerare l’effettiva efficacia dell’art. 43 c.p., che consente di tornare ad un concetto unitario di colpa.
Nell’eventualità – ormai più che eventuale – di un procedimento penale a carico di un professionista sanitario, si porrebbe in questo modo l’accento sull’elemento psicologico dell’azione, accantonando i concetti di colpa lieve e colpa grave[10].
In sede processuale, il giudice dovrebbe valutare in primo luogo la dimensione oggettiva della colpa, così rilevando la violazione o meno delle linee-guida; in un secondo momento, dovrebbe considerarne il profilo soggettivo, interrogandosi sulla condotta che un agente modello (homo eiusdem professionis et condicionis) avrebbe compiuto a parità di condizioni, soggettive ed oggettive, valutate ex ante.
Tale analisi ha come obiettivo la verifica dell’esigibilità di una condotta alternativa lecita e la prevedibilità concreta dell’evento. Evidentemente, le suddette verifiche dovranno tener conto della novità e degli aspetti non conosciuti della patologia e delle relative cure.[11]
In questo senso, il doppio grado della colpa impone che la valutazione non si arresti alla mera violazione di linee-guida.[12]

3-. È chiaro che il sopraggiungere della questione relativa ai vaccini abbia, poi, aperto nuovi dubbi e orizzonti normativi, motivo per cui il legislatore – dopo i precedenti tentativi di creare una normativa ad hoc – ha ritenuto opportuno creare uno “scudo penale” per i professionisti sanitari non più limitato alle prestazioni delle attività mediche nel contesto pandemico, ma esteso alla somministrazione dei vaccini contro il Covid-19. Il decreto-legge n. 44 del 2021 (convertito in legge 28 maggio 2021, n. 76) ha apportato due mutamenti degni di approfondimento.
Da un lato, l’art. 3 bis della legge in questione ha stabilito la punibilità delle condotte in analisi solo a titolo di colpa grave, prescindendo dalla classificazione eziologica (negligenza, imprudenza e imperizia) o dalla adozione di corrette linee-guida.
Contemporaneamente, il secondo comma dello stesso articolo offre un’indicazione del perimetro della colpa grave, escludendola in ragione della «limitatezza delle conoscenze scientifiche al momento del fatto sulle patologie da SARS-CoV-2 e sulle terapie appropriate, nonché della scarsità delle risorse umane e materiali concretamente disponibili in relazione al numero dei casi da trattare, oltre che del minor grado di esperienza e conoscenze tecniche possedute dal personale non specializzato impiegato per far fronte all’emergenza». Eppure, si può affermare che offra un criterio di valutazione della colpa grave unicamente basato su fattori indicativi da tenere in considerazione.
Del pari, all’art. 3 si prevede un’esclusione di punibilità per l’inoculazione dei vaccini autorizzati dal Ministero della salute.
Questa legge si pone in rapporto di specialità con l’art. 590 sexies c.p., in quanto applicabile solo in costanza di questa situazione emergenziale, e ha come conseguenza una maggiore ampiezza di tutela, essendo estendibile anche alle ipotesi di colpa lieve per imprudenza e negligenza. 
L’utilità di questa norma, tuttavia, desta più di una perplessità, poiché probabilmente l’applicazione coerente delle categorie generali della colpa ben avrebbe potuto offrire un livello di tutela analogo; nondimeno, la novella ha il pregio di rassicurare il personale sanitario, delineando alcuni parametri di raffronto per la valutazione della sussistenza di una colpa grave, unica a poter rendere punibile le condotte professionali adottate in periodo emergenziale.[13]
In particolare, l’art. 43 c.p. è efficace, da un lato perché non contempla né una graduazione della colpa né una distinzione tra le tre tipologie di colpa generica; dall’altro lato, perché, per il tramite di un’analisi oggettiva e soggettiva della colpa in sede processuale, condurrebbe alla non punibilità di condotte oggettivamente colpose sulla base di una valutazione puramente soggettiva, considerando la totale imprevedibilità delle condizioni clinico-sanitarie e l’inesigibilità di condotte alternative.

4-. Date le considerazioni finora presentate, la tutela del personale sanitario secondo la più recente normativa risulta essere una chiarificazione di sintesi non del tutto necessaria, perché sarebbe bastata l’applicazione dell’art. 43 c.p., anche alla luce dell’applicabilità a titolo di scusante della disciplina dell’art. 2236 c.c..
Il giudice resta ancora una volta privo di concrete modalità e indicazioni cui potersi attenere con sicurezza.

In conclusione, la “legislazione dell’emergenza” ha una prospettiva miope rispetto alle reali necessità di ortopedia del Codice penale: sarebbe, perciò, auspicabile un intervento più organico, magari di integrazione dell’art. 590 sexies c.p., che introduca anche ipotesi di nuove patologie o di interventi rari e ad alto contenuto tecnico.

Bibliografia

[1] Originariamente, l’art. 590 sexies c.p. non prevedeva una graduazione della colpa, quindi, selezionate adeguatamente le linee-guida, una successiva colpa per imperizia non sarebbe stata considerata punibile. Tuttavia, successivamente la giurisprudenza ha ritenuto di dover graduare (nuovamente) la colpa. Cass. Pen. Sez. Unite, Sent. “Mariotti” 22-02-2018, n. 8770; PIRAS, Imperitia sine culpa non datur. A proposito del nuovo art. 590 sexies c.p., in Diritto Penale Contemporaneo, 2017, n. 3, p. 270.
[2] Art. 5, l. 24/2017; B. ROMANO, La responsabilità penale dell’esercente la professione sanitaria tra antichi dubbi e nuovi problemi, in Diritto Penale Contemporaneo, 16 novembre 2018, p. 7; C. BRUSCO, Cassazione e responsabilità penale del medico. Tipicità e determinatezza del nuovo art. 590 sexies c.p., in Diritto Penale Contemporaneo, 11/2017, p. 213; A. MERLI, Il quadro della responsabilità penale colposa in campo medico dopo la legge Gelli-Bianco. Qualche certezza e tanti dubbi irrisolti, in La legislazione penale, 17-02-2020, p. 6.
[3] C. CUPELLI, Lo statuto penale della colpa medica e le incerte novità della legge Gelli-Bianco, in Diritto Penale Contemporaneo 2017, n. 4, p. 214-215; G. M. CALETTI, M. L. MATTHEUDAKIS, La fisionomia dell’art. 590 sexies c.p. dopo le Sezioni Unite tra “nuovi” spazi di graduazione dell’imperizia e “antiche” incertezze, in Diritto Penale Contemporaneo 2018, n. 4, p. 29; C. CUPELLI, La legge Gelli- Bianco nell’interpretazione delle Sezioni Unite: torna la gradazione della colpa e si riaffaccia l’art. 2236 c.c., in Diritto Penale Contemporaneo 2017, n. 12, p. 135; Cass. Pen. Sez. Unite, Sent. “Mariotti” 22- 02-2018, n. 8770.
[4] Questa situazione di incertezza terapeutica ha sconfinato nella somministrazione di farmaci off-label, cioè in via sperimentale. Si consideri che la ratio della legge Gelli-Bianco impone che, in assenza di linee guida, gli errori medici e le conseguenze negative siano sempre considerate punibili. Sul punto G. M. CALETTI, Covid-19 e responsabilità penali degli operatori sanitari. Brevi riflessioni su come limitare la punibilità tra colpa professionale, stato di necessità e cure palliative, in Penale Diritto e Procedura, ISSN 2724-0711, 5 maggio 2020, par. 2; C. CUPELLI, Emergenza COVID-19: dalla punizione degli “irresponsabili” alla tutela degli operatori sanitari, in Sistema Penale, 30 marzo 2020, par. 4.1; G. LOSAPPIO, Responsabilità penale del medico, epidemia da “Covid-19” e “scelte tragiche” (nel prisma degli emendamenti alla legge di conversione del d.l. c.d. “Cura Italia”), in Giurisprudenza Penale 4/2020, p. 9.
[5] SIAARTI, Raccomandazioni di etica clinica per l’ammissione a trattamenti intensivi e per la loro sospensione, in condizioni eccezionali di squilibrio tra necessità e risorse disponibili, Gruppo di lavoro M. VERGANO, G. BERTOLINI, A. GIANNINI, G. GRISTINA, S. LIVIGNI, G. MISTRALETTI, F. PETRINI, 6 marzo 2020, p. 3; Presidenza del Consiglio dei Ministri, Comitato Nazionale per la Bioetica (CNB), Covid-19: la decisione clinica in condizioni di carenza di risorse e il criterio del “Triage in emergenza pandemica”, 8 aprile 2020, par. 2.
[6] L’ordinamento italiano non accoglie la tesi del bilanciamento e della proporzione tra vite umane, perché ognuna di esse ha pari valore. In altre parole, la Costituzione italiana non consente di discriminare in alcun modo un soggetto rispetto ad un altro. Tuttavia, laddove l’impossibilità di scelta tra due soggetti conduca alla morte sicura di entrambe, una decisione deve essere presa, al fine di consentire la salvaguardia di almeno una delle due. Si tratta di massimizzazione dei benefici per il maggior numero di persone per il tramite del criterio dell’appropriatezza clinica. G. M. CALETTI, Stato di necessità terapeutica. Paradossi, finzioni e nuove ipotesi applicative, in Biodiritto, 2013, p. 56-58; G. RAZZANO, Riflessioni a margine delle raccomandazioni SIAARTI per l’emergenza Covid- 19, fra triage, possibili discriminazioni e vecchie DAT: verso una rinnovata sensibilità per il diritto alla vita?, in Rivista AIC 3/2020, Associazione Italiana dei costituzionalisti, 17 luglio 2020, p. 123.
[7] R. BARTOLI, La responsabilità colposa medica e organizzativa al tempo del coronavirus. Tra la “trincea” del personale sanitario e il “da remoto” dei vertici politico-amministrativi, in Sistema Penale 7/2020, p. 99.
[8] M. CAPUTO, Logiche e modi dell’esenzione da responsabilità penale per chi decide e opera in contesti di emergenza sanitaria, in Legislazione Penale, 22 giugno 2020, p. 8.
[9] G. M. CALETTI, Stato di necessità terapeutica. Paradossi, finzioni e nuove ipotesi applicative, in Biodiritto, 2013, p. 28-43; M. ROSSETTI, Responsabilità sanitaria e tutela della salute, Quaderni del Massimario, Corte Suprema di Cassazione, 2011, p. 50; C. IORIO, Responsabilità medica e tutela del paziente ai tempi del Coronavirus, in Judicium – Il processo civile in Italia e in Europa – in Pacini Giuridica, p. 12.
[10] A. MERLI, Una proposta a fronte del fallimento dell’assetto normativo della colpa medica nella legge Gelli-Bianco, in Archivio Penale 2020, n. 1, p. 21.
[11] C. IORIO, Responsabilità medica e tutela del paziente ai tempi del Coronavirus, Judicium – Il processo civile in Italia e in Europa – in Pacini Giuridica, p. 3; R. TANISI, Medici e infermieri al tempo del coronavirus: fra “eroismo” e responsabilità, colpa medica e Covid-19, Unicost-Unità per la Costituzione, in rivista online Ars iuris, p. 13-14.
[12] Le uniche condotte punibili sia dal punto oggettivo che soggettivo della colpa sarebbero quelle dei professionisti sanitari trovatisi ad operare al di fuori del proprio ambito di competenza o specializzazione, poiché consapevoli del dovere di doversi astenere. Tuttavia, per motivi di necessità e flessibilità, si dovrebbe altresì escludere di ritenere rimproverabili le loro condotte. A. MERLI, Una proposta a fronte del fallimento dell’assetto normativo della colpa medica nella legge Gelli-Bianco, in Archivio Penale 2020, n. 1, p. 29; R. TANISI, Medici e infermieri al tempo del coronavirus: fra “eroismo” e responsabilità, colpa medica e Covid-19, Unicost-Unità per la Costituzione, in rivista online Ars iuris, p. 13-14; C. CUPELLI, Emergenza COVID-19: dalla punizione degli “irresponsabili” alla tutela degli operatori sanitari, in Sistema Penale, 30 marzo 2020, par. 4.
[13] C. CUPELLI, Emergenza COVID-19: dalla punizione degli “irresponsabili” alla tutela degli operatori sanitari, in Sistema Penale, 30 marzo 2020, par. 2.1.

Codici e leggi

Codice Ambiente

Codice Antimafia

Codice Antiriciclaggio

Codice Civile

Codice Crisi d’Impresa

Codice dei Beni Culturali

Codice dei Contratti Pubblici

Codice del Consumo

Codice del Terzo Settore

Codice del Turismo

Codice dell’Amministrazione Digitale

Codice della Navigazione

Codice della Privacy

Codice della Protezione Civile

Codice della Strada

Codice delle Assicurazioni

Codice delle Comunicazioni Elettroniche

Codice delle Pari Opportunità

Codice di Procedura Civile

Codice di Procedura Penale

Codice Giustizia Contabile

Codice Penale

Codice Processo Amministrativo

Codice Processo Tributario

Codice Proprietà Industriale

Codice Rosso

Costituzione

Decreto Cura Italia

Decreto Legge Balduzzi

Disposizioni attuazione Codice Civile e disposizioni transitorie

Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

Disposizioni di attuazione del Codice Penale

DPR 445 – 2000

Legge 104

Legge 23 agosto 1988 n 400

Legge 68 del 1999 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili)

Legge Basaglia

Legge Bassanini

Legge Bassanini Bis

Legge Cambiaria

Legge Cure Palliative

Legge Di Bella

Legge Diritto d’Autore

Legge Equo Canone

Legge Fallimentare

Legge Gelli-Bianco

Legge Mediazione

Legge Pinto

Legge Severino

Legge Sovraindebitamento

Legge sul Divorzio

Legge sul Procedimento Amministrativo

Legge sulle Locazioni Abitative

Legge Testamento Biologico

Legge Unioni Civili

Norme di attuazione del Codice di Procedura Penale

Ordinamento Penitenziario

Preleggi

Statuto dei Lavoratori

Statuto del Contribuente

Testo Unico Bancario

Testo Unico Edilizia

Testo Unico Enti Locali

Testo Unico Espropri

Testo Unico Imposte sui Redditi

Testo Unico Iva

Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza

Testo Unico Sicurezza Lavoro

Testo Unico Stupefacenti

Testo Unico Successioni e Donazioni

Testo Unico sul Pubblico Impiego

Testo Unico sull’Immigrazione

Altre leggi

Codice Deontologico Forense

Codici Deontologici

Disciplina comunitaria e internazionale

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati – P.IVA 02542740747