Richiedere l’indennità di disoccupazione online

Purtroppo sempre più lavoratori sono costretti a richiedere l’indennità di disoccupazione in seguito ad interruzioni involontarie del proprio lavoro.
A complicare ancora di più il tutto ci sono anche le farraginose operazioni per accedere a questa prestazione, in quanto, si è quasi sempre obbligati ad andare ad effettuare la richiesta presso patronati o sportelli di sigle sindacali che “costringono” il lavoratore ad associarsi per poter richiedere la Naspi attraverso i loro sportelli.

È qui che interviene il nostro pool di professionisti, che in seguito alla vostra richiesta, avvierà subito la pratica per potervi far accedere nel più breve tempo possibile all’assegno di disoccupazione.

Tariffa

Richiesta naspi

25
00
iva inclusa
  • Richiesta disoccupazione naspi

Approfondimenti

1. Quali sono i requisiti per accedere all'assegno di disoccupazione?

Per poter usufruire dell’assegno di disoccupazione il lavoratore deve avere determinati requisiti:

1. Stato di disoccupazione involontario. Ad esempio: licenziamento, dimissione per giusta causa (mancato pagamento dello stipendio o mancato versamento dei contributi, mobbing), fine del contratto a tempo determinato.
2. Tredici settimane di contribuzione nei quattro anni precedenti alla richiesta di disoccupazione. Sono conteggiate tutte le settimane retribuite (retribuzione che non deve essere inferiore al minimo settimanale).
3. Trenta giornate di lavoro effettivo nei dodici mesi che precedono l’inizio del periodo di disoccupazione. Le giornate di “lavoro effettivo” sono quelle di reale presenza al lavoro a prescindere dal monte orari.
Requisiti Naspi 2020

2. Quanto dura la Naspi?

La durata del periodo di disoccupazione non può eccedere i due anni ed e pari alla metà delle settimane di lavoro negli ultimi quattro anni.
Ex. Periodo 01/07/2017 – 01/06/2020= 152 settimane = si ha diritto a 71 settimane di indennità.

3. Come si calcola l'importo dell'assegno?

Per quanto riguarda il calcolo dell’importo dell’assegno di disoccupazione si basa sul totale delle retribuzioni imponibili ai fini previdenziali dei quattro anni precedenti la perdita di lavoro per il numero di settimane di contribuzione e moltiplicare il quoziente così ottenuto per il numero fisso 4,33.
Per l’anno in corso, l’importo è pari al 75% della retribuzione mensile che viene così calcolata se la stessa risulti essere pari o inferiore a 1.195 €. Nel caso in cui invece il calcolo superasse questa cifra va aggiunta una somma pari al 25% del differenziale tra la retribuzione mensile e il predetto importo.
L’assegno così calcolato viene erogato mensilmente e comprende anche gli assegni al Nucleo Familiare se richiesti e spettanti. Il tetto massimo dell’assegno NASpI è comunque fissato alla cifra di 1.314,30 € al mese.