Locazione commerciale e lockdown, lo sfratto non è giustificato dalla morosità

Locazione commerciale lockdown

Il mancato pagamento del canone da parte dei conduttori di locazione commerciale durante il periodo di lockdown si può considerare come “giustificato” quando i commercianti non hanno potuto esercitare la loro attività a causa delle disposizioni di chiusura ordinate dai DPCM.

Il tribunale di Venezia con l’ordinanza del 28 luglio ha impostato a due parti di trovare un’accordo su una percentuale di riduzione del canone nel periodo che va da marzo a maggio 2020.

Il giudice ha evidenziato come permanga l’obbligo di saldare le somme dovute, giustificando il ritardo del pagamento, e che non esiste una norma che elimini l’obbligo di pagare i canoni.

La tendenza delle pronunce dei giudici in materia di sfratto sta portando a numerosi rigetti poichè in molti casi la richiesta da parte del locatario ha ad oggetto somme che gli sarebbero dovute essere riconosciute nel periodo del lockdown.

Per i giudici non si parla di “impossibilità assoluta di godimento dell’immobile”, ma di “impossibilità soltanto parziale”, considerato che i beni immobili sono rimasti nella disponibilità del conduttore, che li ha usati come deposito.

Vengono richiamati gli articoli 1256, 1258 e 1464 del Codice civile che giustificano il mancato pagamento del canone o una sua riduzione per impossibilità parziale temporanea di godere del bene, quando la causa non è imputabile al conduttore.

Questo principio è perfettamente applicabile alle dinamiche avvenute in periodo di “lockdown” in quanto la morosità non è conseguenza di una volontà di non adempiere al pagamento del canone ma “dall’effettiva contingenza derivante dall’emergenza sanitaria e dalla connessa normativa restrittiva”.

locazione commerciale lockdown

Il mancato pagamento del canone da parte dei conduttori di locazione commerciale durante il periodo di lockdown si può considerare come “giustificato” quando i commercianti non hanno potuto esercitare la loro attività a causa delle disposizioni di chiusura ordinate dai DPCM.

Il tribunale di Venezia con l’ordinanza del 28 luglio ha impostato a due parti di trovare un’accordo su una percentuale di riduzione del canone nel periodo che va da marzo a maggio 2020.

Il giudice ha evidenziato come permanga l’obbligo di saldare le somme dovute, giustificando il ritardo del pagamento, e che non esiste una norma che elimini l’obbligo di pagare i canoni.

La tendenza delle pronunce dei giudici in materia di sfratto sta portando a numerosi rigetti poichè in molti casi la richiesta da parte del locatario ha ad oggetto somme che gli sarebbero dovute essere riconosciute nel periodo del lockdown.

Per i giudici non si parla di “impossibilità assoluta di godimento dell’immobile”, ma di “impossibilità soltanto parziale”, considerato che i beni immobili sono rimasti nella disponibilità del conduttore, che li ha usati come deposito.

Vengono richiamati gli articoli 1256, 1258 e 1464 del Codice civile che giustificano il mancato pagamento del canone o una sua riduzione per impossibilità parziale temporanea di godere del bene, quando la causa non è imputabile al conduttore.

Questo principio è perfettamente applicabile alle dinamiche avvenute in periodo di “lockdown” in quanto la morosità non è conseguenza di una volontà di non adempiere al pagamento del canone ma “dall’effettiva contingenza derivante dall’emergenza sanitaria e dalla connessa normativa restrittiva”.

Codici e leggi

Codice Ambiente

Codice Antimafia

Codice Antiriciclaggio

Codice Civile

Codice Crisi d’Impresa

Codice dei Beni Culturali

Codice dei Contratti Pubblici

Codice del Consumo

Codice del Terzo Settore

Codice del Turismo

Codice dell’Amministrazione Digitale

Codice della Navigazione

Codice della Privacy

Codice della Protezione Civile

Codice della Strada

Codice delle Assicurazioni

Codice delle Comunicazioni Elettroniche

Codice delle Pari Opportunità

Codice di Procedura Civile

Codice di Procedura Penale

Codice Giustizia Contabile

Codice Penale

Codice Processo Amministrativo

Codice Processo Tributario

Codice Proprietà Industriale

Codice Rosso

Costituzione

Decreto Cura Italia

Decreto Legge Balduzzi

Disposizioni attuazione Codice Civile e disposizioni transitorie

Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

Disposizioni di attuazione del Codice Penale

DPR 445 – 2000

Legge 104

Legge 23 agosto 1988 n 400

Legge 68 del 1999 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili)

Legge Basaglia

Legge Bassanini

Legge Bassanini Bis

Legge Cambiaria

Legge Cure Palliative

Legge Di Bella

Legge Diritto d’Autore

Legge Equo Canone

Legge Fallimentare

Legge Gelli-Bianco

Legge Mediazione

Legge Pinto

Legge Severino

Legge Sovraindebitamento

Legge sul Divorzio

Legge sul Procedimento Amministrativo

Legge sulle Locazioni Abitative

Legge Testamento Biologico

Legge Unioni Civili

Norme di attuazione del Codice di Procedura Penale

Ordinamento Penitenziario

Preleggi

Statuto dei Lavoratori

Statuto del Contribuente

Testo Unico Bancario

Testo Unico Edilizia

Testo Unico Enti Locali

Testo Unico Espropri

Testo Unico Imposte sui Redditi

Testo Unico Iva

Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza

Testo Unico Sicurezza Lavoro

Testo Unico Stupefacenti

Testo Unico Successioni e Donazioni

Testo Unico sul Pubblico Impiego

Testo Unico sull’Immigrazione

Altre leggi

Codice Deontologico Forense

Codici Deontologici

Disciplina comunitaria e internazionale

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati – P.IVA 02542740747