La Consulta ha previsto l’aumento della pensione degli invalidi civili totali a 18 anni

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Palazzo della Consulta

Con la sentenza n. 152 della Corte Costituzionale è stato sancito il principio per cui l’aumento della pensione di inabilità per gli invalidi civili totali inizia al compimento della maggiore età e non dei 60 anni, come invece era previsto dall’art. 38, c. 4, della legge Finanziaria 2002 del governo Berlusconi-bis.

L’attuale Governo Conte per poter sostenere l’aumento dei costi derivanti da questo nuovo principio ha previsto un aumento dei fondi con il Dl Rilancio (Decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34), con lo specifico art. 89-bis.

Palazzo della Consulta

Con la sentenza n. 152 della Corte Costituzionale è stato sancito il principio per cui l’aumento della pensione di inabilità per gli invalidi civili totali inizia al compimento della maggiore età e non dei 60 anni, come invece era previsto dall’art. 38, c. 4, della legge Finanziaria 2002 del governo Berlusconi-bis.

L’attuale Governo Conte per poter sostenere l’aumento dei costi derivanti da questo nuovo principio ha previsto un aumento dei fondi con il Dl Rilancio (Decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34), con lo specifico art. 89-bis.