Conto corrente cointestato: cosa succede alla morte di un intestatario?

Conto corrente cointestato

Nel momento in cui muore il titolare di un conto corrente, la banca è tenuta a mantenere in vita il rapporto in attesa di liquidare a ciascun erede la rispettiva quota risultante dalla dichiarazione di successione. Tale adempimento, infatti, è condizione per poter dividere la giacenza.
In seguito alla notizia del decesso del proprio cliente e fino al momento di presentazione della dichiarazione di successione da parte degli eredi, la filiale blocca il conto, impedendo anche ai familiari più stretti qualsiasi operazione (se non il prelievo per le spese funerarie).
In presenza invece di un conto corrente cointestato, cosa succede in caso di morte di un intestatario?
In tale ipotesi, il conto si divide in due unità ideali:
– una di proprietà del cointestatario superstite;
– l’altra che andrà in successione agli eredi.
Pertanto, la filiale dovrà consentire al cointestatario di prelevare i soldi di sua pertinenza che, come detto, sono pari al 50% della giacenza. L’altra metà, invece, verrà bloccata in attesa delle pratiche di successione.
In buona sostanza, gli eredi dovranno presentare all’Agenzia delle Entrate la dichiarazione di successione e poi esibirla alla banca. Sulla base delle quote di eredità ivi spettanti, la filiale liquiderà a ciascun erede la rispettiva quota.
Attenzione però. Ben potrebbe succedere – e anzi avviene spesso – che la cointestazione del conto sia una semplice simulazione. Il che avviene quando il rapporto bancario è alimentato solo dai redditi di uno dei contitolari. Si pensi al conto su cui il marito riceve lo stipendio, cointestato anche alla moglie o a quello ove un anziano riceve la pensione, cointestato anche a suo figlio. In tali ipotesi, la cointestazione è solo fittizia, dettata da finalità diverse rispetto alla donazione (ad esempio facilità di gestione e logistica).
In questi casi, quindi, alla morte dell’effettivo titolare del conto, il “finto” cointestatario non potrà avanzare pretese neanche sulla metà della giacenza e tutto il denaro ancora depositato in banca finirà in successione: ossia dovrà essere diviso tra tutti gli eredi secondo le note regole del Codice Civile.
La Corte di Cassazione con la sentenza n. 4838/2021 ha fatto proprio il seguente principio di diritto: “ […] ove il saldo attivo dei conto cointestato risulti discendente dal versamento di somme di pertinenza di uno soltanto degli intestatari, si deve escludere che l’altro possa avanzare pretese sul saldo medesimo […]”.
Nel conto corrente bancario intestato a due o più persone, i rapporti interni tra correntisti non sono regolati dall’art. 1854 c.c. riguardante i rapporti con la banca, bensì dall’art. 1298, 2 comma, c.c. in base al quale debito e credito solidale si dividono in quote uguali, solo se non risulti diversamente.

conto corrente cointestato

Nel momento in cui muore il titolare di un conto corrente, la banca è tenuta a mantenere in vita il rapporto in attesa di liquidare a ciascun erede la rispettiva quota risultante dalla dichiarazione di successione. Tale adempimento, infatti, è condizione per poter dividere la giacenza.
In seguito alla notizia del decesso del proprio cliente e fino al momento di presentazione della dichiarazione di successione da parte degli eredi, la filiale blocca il conto, impedendo anche ai familiari più stretti qualsiasi operazione (se non il prelievo per le spese funerarie).
In presenza invece di un conto corrente cointestato, cosa succede in caso di morte di un intestatario?
In tale ipotesi, il conto si divide in due unità ideali:
– una di proprietà del cointestatario superstite;
– l’altra che andrà in successione agli eredi.
Pertanto, la filiale dovrà consentire al cointestatario di prelevare i soldi di sua pertinenza che, come detto, sono pari al 50% della giacenza. L’altra metà, invece, verrà bloccata in attesa delle pratiche di successione.
In buona sostanza, gli eredi dovranno presentare all’Agenzia delle Entrate la dichiarazione di successione e poi esibirla alla banca. Sulla base delle quote di eredità ivi spettanti, la filiale liquiderà a ciascun erede la rispettiva quota.
Attenzione però. Ben potrebbe succedere – e anzi avviene spesso – che la cointestazione del conto sia una semplice simulazione. Il che avviene quando il rapporto bancario è alimentato solo dai redditi di uno dei contitolari. Si pensi al conto su cui il marito riceve lo stipendio, cointestato anche alla moglie o a quello ove un anziano riceve la pensione, cointestato anche a suo figlio. In tali ipotesi, la cointestazione è solo fittizia, dettata da finalità diverse rispetto alla donazione (ad esempio facilità di gestione e logistica).
In questi casi, quindi, alla morte dell’effettivo titolare del conto, il “finto” cointestatario non potrà avanzare pretese neanche sulla metà della giacenza e tutto il denaro ancora depositato in banca finirà in successione: ossia dovrà essere diviso tra tutti gli eredi secondo le note regole del Codice Civile.
La Corte di Cassazione con la sentenza n. 4838/2021 ha fatto proprio il seguente principio di diritto: “ […] ove il saldo attivo dei conto cointestato risulti discendente dal versamento di somme di pertinenza di uno soltanto degli intestatari, si deve escludere che l’altro possa avanzare pretese sul saldo medesimo […]”.
Nel conto corrente bancario intestato a due o più persone, i rapporti interni tra correntisti non sono regolati dall’art. 1854 c.c. riguardante i rapporti con la banca, bensì dall’art. 1298, 2 comma, c.c. in base al quale debito e credito solidale si dividono in quote uguali, solo se non risulti diversamente.

Codici e leggi

Codice Ambiente

Codice Antimafia

Codice Antiriciclaggio

Codice Civile

Codice Crisi d’Impresa

Codice dei Beni Culturali

Codice dei Contratti Pubblici

Codice del Consumo

Codice del Terzo Settore

Codice del Turismo

Codice dell’Amministrazione Digitale

Codice della Navigazione

Codice della Privacy

Codice della Protezione Civile

Codice della Strada

Codice delle Assicurazioni

Codice delle Comunicazioni Elettroniche

Codice delle Pari Opportunità

Codice di Procedura Civile

Codice di Procedura Penale

Codice Giustizia Contabile

Codice Penale

Codice Processo Amministrativo

Codice Processo Tributario

Codice Proprietà Industriale

Codice Rosso

Costituzione

Decreto Cura Italia

Decreto Legge Balduzzi

Disposizioni attuazione Codice Civile e disposizioni transitorie

Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

Disposizioni di attuazione del Codice Penale

DPR 445 – 2000

Legge 104

Legge 23 agosto 1988 n 400

Legge 68 del 1999 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili)

Legge Basaglia

Legge Bassanini

Legge Bassanini Bis

Legge Cambiaria

Legge Cure Palliative

Legge Di Bella

Legge Diritto d’Autore

Legge Equo Canone

Legge Fallimentare

Legge Gelli-Bianco

Legge Mediazione

Legge Pinto

Legge Severino

Legge Sovraindebitamento

Legge sul Divorzio

Legge sul Procedimento Amministrativo

Legge sulle Locazioni Abitative

Legge Testamento Biologico

Legge Unioni Civili

Norme di attuazione del Codice di Procedura Penale

Ordinamento Penitenziario

Preleggi

Statuto dei Lavoratori

Statuto del Contribuente

Testo Unico Bancario

Testo Unico Edilizia

Testo Unico Enti Locali

Testo Unico Espropri

Testo Unico Imposte sui Redditi

Testo Unico Iva

Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza

Testo Unico Sicurezza Lavoro

Testo Unico Stupefacenti

Testo Unico Successioni e Donazioni

Testo Unico sul Pubblico Impiego

Testo Unico sull’Immigrazione

Altre leggi

Codice Deontologico Forense

Codici Deontologici

Disciplina comunitaria e internazionale

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati – P.IVA 02542740747