(R.D. 16 marzo 1942 n. 267)

Coobbligato o fideiussore del fallito con diritto di garanzia

Articolo 63 - Legge fallimentare

I. Il coobbligato o fideiussore del fallito, che ha un diritto di pegno o d’ipoteca sui beni di lui a garanzia della sua azione di regresso, concorre nel fallimento per la somma per la quale ha ipoteca o pegno.
II. Il ricavato della vendita dei beni ipotecati o delle cose date in pegno spetta al creditore in deduzione della somma dovuta.

Articolo 63 - Legge fallimentare

I. Il coobbligato o fideiussore del fallito, che ha un diritto di pegno o d’ipoteca sui beni di lui a garanzia della sua azione di regresso, concorre nel fallimento per la somma per la quale ha ipoteca o pegno.
II. Il ricavato della vendita dei beni ipotecati o delle cose date in pegno spetta al creditore in deduzione della somma dovuta.

Note

Massime

La banca, la quale revochi un’apertura di credito in conto corrente, assistita da garanzia, a seguito del fallimento del cliente, e poi effettui un pagamento in veste di fideiussore del cliente medesimo, non può, addebitando tale pagamento sul conto, insinuare il proprio credito di regresso in sede concorsuale ed invocare suddetta garanzia, non essendo questa utilizzabile all’infuori dell’affidamento per il quale è stata prestata. Cassazione civile, Sez. I, sentenza n. 2996 del 20 marzo 1991 (Cass. civ. n. 2996/1991)

Office Advice Logo

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati