(R.D. 16 marzo 1942 n. 267)

Integrazione dei poteri del curatore

Articolo 35 - Legge fallimentare

(1) I. Le riduzioni di crediti, le transazioni, i compromessi, le rinunzie alle liti, le ricognizioni di diritti di terzi, la cancellazione di ipoteche, la restituzione di pegni, lo svincolo delle cauzioni, l’accettazione di eredità e donazioni e gli atti di straordinaria amministrazione sono effettuate dal curatore, previa autorizzazione del comitato dei creditori.
II. Nel richiedere l’autorizzazione del comitato dei creditori, il curatore formula le proprie conclusioni anche sulla convenienza della proposta. (2)
III. Se gli atti suddetti sono di valore superiore a cinquantamila euro e in ogni caso per le transazioni, il curatore ne informa previamente il giudice delegato, salvo che gli stessi siano già stati autorizzati dal medesimo ai sensi dell’articolo 104-ter comma ottavo. (3)
IV. Il limite di cui al secondo comma può essere adeguato con decreto del Ministro della giustizia.

Articolo 35 - Legge fallimentare

(1) I. Le riduzioni di crediti, le transazioni, i compromessi, le rinunzie alle liti, le ricognizioni di diritti di terzi, la cancellazione di ipoteche, la restituzione di pegni, lo svincolo delle cauzioni, l’accettazione di eredità e donazioni e gli atti di straordinaria amministrazione sono effettuate dal curatore, previa autorizzazione del comitato dei creditori.
II. Nel richiedere l’autorizzazione del comitato dei creditori, il curatore formula le proprie conclusioni anche sulla convenienza della proposta. (2)
III. Se gli atti suddetti sono di valore superiore a cinquantamila euro e in ogni caso per le transazioni, il curatore ne informa previamente il giudice delegato, salvo che gli stessi siano già stati autorizzati dal medesimo ai sensi dell’articolo 104-ter comma ottavo. (3)
IV. Il limite di cui al secondo comma può essere adeguato con decreto del Ministro della giustizia.

Note

(1) Articolo sostituito dall’art. 31 del D.Lgs. 9 gennaio 2006 n. 5. La modifica è entrata in vigore il 16 luglio 2006.
(2) Comma aggiunto dall’art. 3 del D.Lgs. 12 settembre 2007 n. 169. La modifica si applica ai procedimenti per dichiarazione di fallimento pendenti alla data del 1 gennaio 2008, nonché alle procedure concorsuali e di concordato aperte successivamente.
(3) Comma modificato dall’art. 3 del D.Lgs. 12 settembre 2007 n. 169. La modifica si applica ai procedimenti per dichiarazione di fallimento pendenti alla data del 1 gennaio 2008, nonché alle procedure concorsuali e di concordato aperte successivamente.

Massime

In difetto dell’autorizzazione del comitato dei creditori prevista dall’art. 35 l.fall., la rinuncia del curatore fallimentare al ricorso per cassazione è inidonea a produrre effetti. Cassazione civile, Sez. TRI, ordinanza n. 34213 del 20 dicembre 2019 (Cass. civ. n. 34213/2019)

La mancanza di autorizzazione del giudice delegato o del tribunale, prevista dall’art. 35 legge fall. (nella formulazione vigente “ratione temporis”), ad integrazione dei poteri spettanti al curatore nello svolgimento di attività negoziale importa non già la nullità dei negozi posti in essere, ma la loro annullabilità, che può essere fatta valere solo dal fallimento, ai sensi dell’art. 1441 c.c., sicché la presentazione dell’istanza di accertamento con adesione, da parte del curatore, in assenza della necessaria autorizzazione, non determinando la nullità del relativo procedimento, comporta, per un periodo di novanta giorni dalla data di presentazione, la sospensione del termine per l’impugnazione dell’avviso, ai sensi dell’art. 6, comma 3, del d.l.vo 19 giugno 1997, n. 218. Cassazione civile, Sez. V, sentenza n. 13242 del 26 giugno 2015 (Cass. civ. n. 13242/2015)

Esercitata l’azione risarcitoria, da parte del nuovo curatore fallimentare, nei confronti di una banca, per la sottrazione di somme depositate su libretto di deposito a risparmio nominativo intestato ad un fallimento, ma oggetto di indebiti prelievi da parte di persona non autorizzata e diversa dal cessato curatore e conclusa con il predetto terzo una transazione, con restituzione da parte della banca degli importi così prelevati e cessione a suo favore dei diritti vantati dalla massa nei confronti del cessato curatore fallimentare, la successiva azione con cui la banca chieda affermarsi la responsabilità del cessato curatore non necessita dell’autorizzazione del giudice delegato, ai sensi dell’art. 38 legge fall.; con essa, infatti, detto terzo non agisce come organo della procedura o sostituto del curatore, bensì a tutela di un interesse proprio, avendo provveduto al risarcimento, e perciò a titolo di surroga nei diritti vantati dal fallimento verso il curatore revocato, e dunque ex art. 1203 n. 3 cod. civ. ovvero in regresso ex art. 1299 cod. civ., ma in ogni caso con autonoma legittimazione, che ha il suo titolo proprio nell’adempimento della predetta transazione, ex art. 35 legge fall. Cassazione civile, Sez. V, sentenza n. 710 del 26 giugno 2011 (Cass. civ. n. 710/2011)

In tema di poteri in materia giudiziale del commissario liquidatore nella procedura di liquidazione coatta amministrativa, non si applica, neppure in via analogica, l’art. 31, secondo comma, legge fall., che impone l’autorizzazione del giudice delegato perché il curatore fallimentare possa stare in giudizio, atteso che il legislatore, mentre ha attribuito al detto commissario gli stessi poteri che competono al curatore (art. 201 legge fall.), ha regolato l’esercizio dei poteri del primo non con un rinvio generalizzato alla disciplina dell’esercizio dei poteri da parte del secondo, ma con un rinvio specifico da ritenersi perciò esaustivo (art. 206 legge fall.); ne consegue che i predetti poteri vanno integrati dall’autorizzazione dell’autorità amministrativa di vigilanza solo se si tratta di promuovere l’azione di responsabilità di cui agli artt. 2393 e 2394 cod. civ. e di compiere gli atti di cui all’art. 35 legge fall., nonché quelli necessari per la continuazione dell’esercizio dell’impresa, e non anche nel caso di proposizione di impugnazioni (nella specie, la S.C., in applicazione del suddetto principio, ha giudicato ammissibile, l’appello proposto dal commissario non munito di specifica autorizzazione dell’autorità di vigilanza, avverso la sentenza in materia di azione di responsabilità degli amministratori e dei sindaci). Cassazione civile, Sez. V, sentenza n. 24908 del 10 ottobre 2008 (Cass. civ. n. 24908/2008)

In tema di fallimento, la transazione tra procedura concorsuale e terzo creditore è consentita, in via di principio, dall’art. 35 della legge fallimentare e, pur se incidente sulla formazione dello stato passivo, non può ritenersi illegittima in astratto, ma solo in relazione alle sue conseguenze sulla par condicio creditorum. Cassazione civile, Sez. I, sentenza n. 675 del 26 gennaio 1999 (Cass. civ. n. 675/1999)

Office Advice Logo

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati