Tributi locali

Tributi locali

I tributi locali sono imposte o tasse che i contribuenti versano alle Regioni, Province e Comuni.
Non tutte le imposte, infatti, sono dirette alle casse dello stato.
Ciò perché gli enti locali hanno un’autonomia fiscale e pertanto hanno bisogno di riscuotere tributi per autofinanziarsi.
Ogni ente locale disciplina i tributi in maniera autonoma.
Vediamo quali sono e le loro caratteristiche.

IMPOSTE SUGLI IMMOBILI

I tributi dovuti in seguito al possesso di immobili sono l’IMU, imposta municipale unica e la TARI, la tassa sui rifiuti. Facevano parte di questa categoria anche IUC, imposta unica comunale, e la TASI, il tributo per i servizi indivisibili, aboliti nel 2019 con la legge n. 160.

L’imu è l’imposta dovuta al Comune dai proprietari di beni immobili. Gli immobili che rientrano nell’obbligo del tributo sono fabbricati (esclusa la prima casa salvo che si tratti di immobili di lusso) e terreni agricoli.

La Tari è la tassa sui rifiuti e ha lo scopo di finanziare tutti i costi inerenti alla raccolta e lo smaltimento dei rifiuti. Il tributo colpisce chiunque è proprietario o possessore di locali o aree scoperte suscettibili di produrre rifiuti urbani.

ADDIZIONALI COMUNALI E REGIONALI

L’irpef dovuta annualmente da ciascun contribuente ogni anno in sede di dichiarazione dei redditi finisce in parte nelle casse del Comune e delle Regioni di appartenenza attraverso il versamento delle cosiddette addizionali comunali e regionali. Le aliquote non sono fisse ma variano da Comune a Comune e da Regione a Regione sulla base di particolari parametri. Le aliquote si applicano sull’imponibile contributivo risultante dalla dichiarazione dei redditi.

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA’

L’ICP è l’imposta che si paga sulla diffusione di messaggi pubblicitari in luoghi pubblici volti al miglioramento dell’immagine oggetto della pubblicità e alla promozione di una specifica attività economica al fine di incentivarne la domanda.

TASSA SULLE AFFISSIONI

Sono soggette a tassazione le affissioni di manifesti e cartelloni con finalità istituzionali e sociali. L’importo dovuto comprende l’imposta sulla pubblicità e il costo per l’affissione ed è proporzionale alla superficie occupata dal messaggio pubblicitario.

TOSAP

La tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche (TOSAP) è la tassa dovuta  per l’occupazione di spazi e aree pubbliche (si pensi al bar che dispone i tavolini sul suolo pubblico). La tassa, in particolare, risente di due presupposti:

-l’occupazione di un luogo di proprietà del Comune o di un altro ente;

-il vantaggio economico derivante dall’occupazione;

La tariffa è permanente o temporanea a seconda che l’occupazione interessi un intero anno o meno. La regolamentazione relativa agli importi, modalità e termini per assolvere l’obbligo di pagamento è rimessa al Comune interessato.

TASSA DI SOGGIORNO

La tassa di soggiorno è dovuta quando si soggiorna in un hotel, bed and breakfast, ostelli e campeggi. È un importo che ammonta ad un massimo di 5 euro che, in genere, si aggiunge al costo della stanza da corrispondere alla struttura ospitante. L’importo della tariffa varia da Comune a Comune: a volte è un importo fisso, altre volte, invece, la tariffa varia in base alle caratteristiche dell’alloggio.

TASSA SUI VEICOLI

Le tasse sui veicoli sono il bollo auto e imposta provinciale di trascrizione. Il bollo auto è una tassa che si paga sul possesso dell’automobile il cui importo si basa sui KW, mentre imposta provinciale di trascrizione si applica sull’iscrizione, trascrizione e annotazione dei veicoli nel registro automobilistico.

tributi locali

I tributi locali sono imposte o tasse che i contribuenti versano alle Regioni, Province e Comuni.
Non tutte le imposte, infatti, sono dirette alle casse dello stato.
Ciò perché gli enti locali hanno un’autonomia fiscale e pertanto hanno bisogno di riscuotere tributi per autofinanziarsi.
Ogni ente locale disciplina i tributi in maniera autonoma.
Vediamo quali sono e le loro caratteristiche.

IMPOSTE SUGLI IMMOBILI

I tributi dovuti in seguito al possesso di immobili sono l’IMU, imposta municipale unica e la TARI, la tassa sui rifiuti. Facevano parte di questa categoria anche IUC, imposta unica comunale, e la TASI, il tributo per i servizi indivisibili, aboliti nel 2019 con la legge n. 160.

L’imu è l’imposta dovuta al Comune dai proprietari di beni immobili. Gli immobili che rientrano nell’obbligo del tributo sono fabbricati (esclusa la prima casa salvo che si tratti di immobili di lusso) e terreni agricoli.

La Tari è la tassa sui rifiuti e ha lo scopo di finanziare tutti i costi inerenti alla raccolta e lo smaltimento dei rifiuti. Il tributo colpisce chiunque è proprietario o possessore di locali o aree scoperte suscettibili di produrre rifiuti urbani.

ADDIZIONALI COMUNALI E REGIONALI

L’irpef dovuta annualmente da ciascun contribuente ogni anno in sede di dichiarazione dei redditi finisce in parte nelle casse del Comune e delle Regioni di appartenenza attraverso il versamento delle cosiddette addizionali comunali e regionali. Le aliquote non sono fisse ma variano da Comune a Comune e da Regione a Regione sulla base di particolari parametri. Le aliquote si applicano sull’imponibile contributivo risultante dalla dichiarazione dei redditi.

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA’

L’ICP è l’imposta che si paga sulla diffusione di messaggi pubblicitari in luoghi pubblici volti al miglioramento dell’immagine oggetto della pubblicità e alla promozione di una specifica attività economica al fine di incentivarne la domanda.

TASSA SULLE AFFISSIONI

Sono soggette a tassazione le affissioni di manifesti e cartelloni con finalità istituzionali e sociali. L’importo dovuto comprende l’imposta sulla pubblicità e il costo per l’affissione ed è proporzionale alla superficie occupata dal messaggio pubblicitario.

TOSAP

La tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche (TOSAP) è la tassa dovuta  per l’occupazione di spazi e aree pubbliche (si pensi al bar che dispone i tavolini sul suolo pubblico). La tassa, in particolare, risente di due presupposti:

-l’occupazione di un luogo di proprietà del Comune o di un altro ente;

-il vantaggio economico derivante dall’occupazione;

La tariffa è permanente o temporanea a seconda che l’occupazione interessi un intero anno o meno. La regolamentazione relativa agli importi, modalità e termini per assolvere l’obbligo di pagamento è rimessa al Comune interessato.

TASSA DI SOGGIORNO

La tassa di soggiorno è dovuta quando si soggiorna in un hotel, bed and breakfast, ostelli e campeggi. È un importo che ammonta ad un massimo di 5 euro che, in genere, si aggiunge al costo della stanza da corrispondere alla struttura ospitante. L’importo della tariffa varia da Comune a Comune: a volte è un importo fisso, altre volte, invece, la tariffa varia in base alle caratteristiche dell’alloggio.

TASSA SUI VEICOLI

Le tasse sui veicoli sono il bollo auto e imposta provinciale di trascrizione. Il bollo auto è una tassa che si paga sul possesso dell’automobile il cui importo si basa sui KW, mentre imposta provinciale di trascrizione si applica sull’iscrizione, trascrizione e annotazione dei veicoli nel registro automobilistico.

Codici e leggi

Codice Ambiente

Codice Antimafia

Codice Antiriciclaggio

Codice Civile

Codice Crisi d’Impresa

Codice dei Beni Culturali

Codice dei Contratti Pubblici

Codice del Consumo

Codice del Terzo Settore

Codice del Turismo

Codice dell’Amministrazione Digitale

Codice della Navigazione

Codice della Privacy

Codice della Protezione Civile

Codice della Strada

Codice delle Assicurazioni

Codice delle Comunicazioni Elettroniche

Codice delle Pari Opportunità

Codice di Procedura Civile

Codice di Procedura Penale

Codice Giustizia Contabile

Codice Penale

Codice Processo Amministrativo

Codice Processo Tributario

Codice Proprietà Industriale

Codice Rosso

Costituzione

Decreto Cura Italia

Decreto Legge Balduzzi

Disposizioni attuazione Codice Civile e disposizioni transitorie

Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

Disposizioni di attuazione del Codice Penale

DPR 445 – 2000

Legge 104

Legge 23 agosto 1988 n 400

Legge 68 del 1999 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili)

Legge Basaglia

Legge Bassanini

Legge Bassanini Bis

Legge Cambiaria

Legge Cure Palliative

Legge Di Bella

Legge Diritto d’Autore

Legge Equo Canone

Legge Fallimentare

Legge Gelli-Bianco

Legge Mediazione

Legge Pinto

Legge Severino

Legge Sovraindebitamento

Legge sul Divorzio

Legge sul Procedimento Amministrativo

Legge sulle Locazioni Abitative

Legge Testamento Biologico

Legge Unioni Civili

Norme di attuazione del Codice di Procedura Penale

Ordinamento Penitenziario

Preleggi

Statuto dei Lavoratori

Statuto del Contribuente

Testo Unico Bancario

Testo Unico Edilizia

Testo Unico Enti Locali

Testo Unico Espropri

Testo Unico Imposte sui Redditi

Testo Unico Iva

Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza

Testo Unico Sicurezza Lavoro

Testo Unico Stupefacenti

Testo Unico Successioni e Donazioni

Testo Unico sul Pubblico Impiego

Testo Unico sull’Immigrazione

Altre leggi

Codice Deontologico Forense

Codici Deontologici

Disciplina comunitaria e internazionale

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati – P.IVA 02542740747