L’aumento delle pensioni di invalidità civile

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
pensione invalidità

Il decreto di agosto 2020 ha aumentato l’importo degli assegni relativi alle pensioni di invalidità civile.

La sentenza 152/2020 della Corte Costituzionale pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 22 luglio scorso aveva dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’articolo 38 della Legge 448/2001 nella parte in cui prevedeva che l’invalidità civile spetta ai soggetti di età pari o superiore a sessanta anni.

Le pensioni degli invalidi civili al 100%, inabili, sordi e ciechi passano da 285,66 euro a 651,51 euro al mese per tredici mensilità a partire dai 18 anni.

L’incremento della pensione è riconosciuto solo agli invalidi civili totali. Per gli invalidi civili con grado di invalidità inferiore al 100% l’importo della pensione non subirà variazioni e quindi incrementi. Questo in ragion del fatto che il Governo è intervenuto solo a favore di coloro che, poiché invalidi totali, non sono in grado di procurarsi risorse economiche sufficienti per vivere dignitosamente.

Le novità previste dal decreto riguardano quindi:

-l’età: beneficiari sono gli invalidi a partire dal 18esimo anno di età e non più dal 60esimo;

-l’importo dell’indennità pensionistica. L’importo di 285,66 euro è stato dichiarato dalla Corte Costituzionale insufficiente a garantire il minimo vitale e il diritto al mantenimento contemplato nell’art. 38 della Costituzione. In altre parole, l’importo di 285,66 euro è ritenuto così basso da non permettere nemmeno il soddisfacimento dei bisogni primari.

L’importo massimo della pensione annuale è di 8.469.63 euro se il pensionato è solo e 14.447,42 euro se, invece, è coniugato. Solo il pensionato che non produce altri redditi (da lavoro part-time, pensione di reversibilità) ha diritto all’importo intero mensile pari 651.51 euro. In caso contrario, l’importo della pensione viene ricalcolato e varia in maniera inversamente proporzionale all’aumentare del reddito.

pensione invalidità

Il decreto di agosto 2020 ha aumentato l’importo degli assegni relativi alle pensioni di invalidità civile.

La sentenza 152/2020 della Corte Costituzionale pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 22 luglio scorso aveva dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’articolo 38 della Legge 448/2001 nella parte in cui prevedeva che l’invalidità civile spetta ai soggetti di età pari o superiore a sessanta anni.

Le pensioni degli invalidi civili al 100%, inabili, sordi e ciechi passano da 285,66 euro a 651,51 euro al mese per tredici mensilità a partire dai 18 anni.

L’incremento della pensione è riconosciuto solo agli invalidi civili totali. Per gli invalidi civili con grado di invalidità inferiore al 100% l’importo della pensione non subirà variazioni e quindi incrementi. Questo in ragion del fatto che il Governo è intervenuto solo a favore di coloro che, poiché invalidi totali, non sono in grado di procurarsi risorse economiche sufficienti per vivere dignitosamente.

Le novità previste dal decreto riguardano quindi:

-l’età: beneficiari sono gli invalidi a partire dal 18esimo anno di età e non più dal 60esimo;

-l’importo dell’indennità pensionistica. L’importo di 285,66 euro è stato dichiarato dalla Corte Costituzionale insufficiente a garantire il minimo vitale e il diritto al mantenimento contemplato nell’art. 38 della Costituzione. In altre parole, l’importo di 285,66 euro è ritenuto così basso da non permettere nemmeno il soddisfacimento dei bisogni primari.

L’importo massimo della pensione annuale è di 8.469.63 euro se il pensionato è solo e 14.447,42 euro se, invece, è coniugato. Solo il pensionato che non produce altri redditi (da lavoro part-time, pensione di reversibilità) ha diritto all’importo intero mensile pari 651.51 euro. In caso contrario, l’importo della pensione viene ricalcolato e varia in maniera inversamente proporzionale all’aumentare del reddito.

Metti in mostra la tua 
professionalità!