Inps: la quarantena non è malattia

Sede inps

L’Istituto Nazionale di Previdenza Sanitaria (INPS) rettifica quanto previsto dal Decreto Cura Italia e chiarisce attraverso la pubblicazione di una nota che la quarantena non costituisce sempre il presupposto dell’indennità di malattia.

Il decreto “Cura Italia” del 17 marzo 2020 aveva riconosciuto indifferentemente a tutti i dipendenti sottoposti a quarantena o isolamento il diritto di tutela della malattia. L’Inps, in vista dell’aumento dei contagi da Covid-19, ha precisato che l’indennità di malattia non scatta automaticamente in caso di isolamento fiduciario.

L’indennità di malattia sarà riconosciuta e corrisposta dall’istituto previdenziale solo quando la quarantena è disposta dall’autorità sanitaria competente. In altre parole, deve essere l’Asl, un medico o l’ospedale ad appurare il contagio e disporre la quarantena obbligatoria. È il caso di malattia conclamata e conferisce “il diritto ad accedere alla corrispondente prestazione previdenziale, compensativa della perdita di guadagno per l’individuo impossibilitato a svolgere il proprio lavoro.” Qualora, invece, per particolari disposizioni restrittive del Comune o della Regione, non è possibile recarsi a lavoro non è prevista la corresponsione dell’indennità.

Discorso analogo vale per i lavoratori fragili ovvero coloro che, a causa di particolari patologie croniche o data l’età avanzata, corrono un elevato rischio di essere contagiati dal virus. Per questa categoria di lavoratori non è prevista l’indennità di malattia in quanto la quarantena o, comunque, l’isolamento precauzionale non compromettono la capacità lavorativa a tal punto da inibire l’attività di lavoro. Tali soggetti devono essere messi in condizioni di lavorare in smart-working.

Anche i destinatari della cassa integrazione ordinaria, straordinaria e in deroga sono esclusi dal diritto di percepire l’indennità di malattia. In questo caso non è prevista la tutela della malattia anche se la quarantena dovesse essere disposta dall’autorità sanitaria competente in quanto vi è la prevalenza del trattamento di integrazione salariale sull’indennità di malattia.

sede inps

L’Istituto Nazionale di Previdenza Sanitaria (INPS) rettifica quanto previsto dal Decreto Cura Italia e chiarisce attraverso la pubblicazione di una nota che la quarantena non costituisce sempre il presupposto dell’indennità di malattia.

Il decreto “Cura Italia” del 17 marzo 2020 aveva riconosciuto indifferentemente a tutti i dipendenti sottoposti a quarantena o isolamento il diritto di tutela della malattia. L’Inps, in vista dell’aumento dei contagi da Covid-19, ha precisato che l’indennità di malattia non scatta automaticamente in caso di isolamento fiduciario.

L’indennità di malattia sarà riconosciuta e corrisposta dall’istituto previdenziale solo quando la quarantena è disposta dall’autorità sanitaria competente. In altre parole, deve essere l’Asl, un medico o l’ospedale ad appurare il contagio e disporre la quarantena obbligatoria. È il caso di malattia conclamata e conferisce “il diritto ad accedere alla corrispondente prestazione previdenziale, compensativa della perdita di guadagno per l’individuo impossibilitato a svolgere il proprio lavoro.” Qualora, invece, per particolari disposizioni restrittive del Comune o della Regione, non è possibile recarsi a lavoro non è prevista la corresponsione dell’indennità.

Discorso analogo vale per i lavoratori fragili ovvero coloro che, a causa di particolari patologie croniche o data l’età avanzata, corrono un elevato rischio di essere contagiati dal virus. Per questa categoria di lavoratori non è prevista l’indennità di malattia in quanto la quarantena o, comunque, l’isolamento precauzionale non compromettono la capacità lavorativa a tal punto da inibire l’attività di lavoro. Tali soggetti devono essere messi in condizioni di lavorare in smart-working.

Anche i destinatari della cassa integrazione ordinaria, straordinaria e in deroga sono esclusi dal diritto di percepire l’indennità di malattia. In questo caso non è prevista la tutela della malattia anche se la quarantena dovesse essere disposta dall’autorità sanitaria competente in quanto vi è la prevalenza del trattamento di integrazione salariale sull’indennità di malattia.

Codici e leggi

Codice Ambiente

Codice Antimafia

Codice Antiriciclaggio

Codice Civile

Codice Crisi d’Impresa

Codice dei Beni Culturali

Codice dei Contratti Pubblici

Codice del Consumo

Codice del Terzo Settore

Codice del Turismo

Codice dell’Amministrazione Digitale

Codice della Navigazione

Codice della Privacy

Codice della Protezione Civile

Codice della Strada

Codice delle Assicurazioni

Codice delle Comunicazioni Elettroniche

Codice delle Pari Opportunità

Codice di Procedura Civile

Codice di Procedura Penale

Codice Giustizia Contabile

Codice Penale

Codice Processo Amministrativo

Codice Processo Tributario

Codice Proprietà Industriale

Codice Rosso

Costituzione

Decreto Cura Italia

Decreto Legge Balduzzi

Disposizioni attuazione Codice Civile e disposizioni transitorie

Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

Disposizioni di attuazione del Codice Penale

DPR 445 – 2000

Legge 104

Legge 23 agosto 1988 n 400

Legge 68 del 1999 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili)

Legge Basaglia

Legge Bassanini

Legge Bassanini Bis

Legge Cambiaria

Legge Cure Palliative

Legge Di Bella

Legge Diritto d’Autore

Legge Equo Canone

Legge Fallimentare

Legge Gelli-Bianco

Legge Mediazione

Legge Pinto

Legge Severino

Legge Sovraindebitamento

Legge sul Divorzio

Legge sul Procedimento Amministrativo

Legge sulle Locazioni Abitative

Legge Testamento Biologico

Legge Unioni Civili

Norme di attuazione del Codice di Procedura Penale

Ordinamento Penitenziario

Preleggi

Statuto dei Lavoratori

Statuto del Contribuente

Testo Unico Bancario

Testo Unico Edilizia

Testo Unico Enti Locali

Testo Unico Espropri

Testo Unico Imposte sui Redditi

Testo Unico Iva

Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza

Testo Unico Sicurezza Lavoro

Testo Unico Stupefacenti

Testo Unico Successioni e Donazioni

Testo Unico sul Pubblico Impiego

Testo Unico sull’Immigrazione

Altre leggi

Codice Deontologico Forense

Codici Deontologici

Disciplina comunitaria e internazionale

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati – P.IVA 02542740747