Art. 90 – Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

(R.D. 18 dicembre 1941, n. 1368 - Aggiornato alla legge 26 novembre 2021, n. 206)

Indagini del consulente senza la presenza del giudice

Articolo 90 - disposizioni di attuazione del codice di procedura civile

Il consulente tecnico che, a norma dell’art. 194 del codice, è autorizzato a compiere indagini senza che sia presente il giudice, deve dare comunicazione alle parti del giorno, ora e luogo di inizio delle operazioni, con dichiarazione inserita nel processo verbale d’udienza o con biglietto (136 c.p.c.) a mezzo del cancelliere.
Il consulente non può ricevere altri scritti difensionali oltre quelli contenenti le osservazioni e le istanze di parte consentite dall’art. 194 del codice.
In ogni caso deve essere comunicata alle parti avverse copia degli scritti defensionali.

Articolo 90 - Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

Il consulente tecnico che, a norma dell’art. 194 del codice, è autorizzato a compiere indagini senza che sia presente il giudice, deve dare comunicazione alle parti del giorno, ora e luogo di inizio delle operazioni, con dichiarazione inserita nel processo verbale d’udienza o con biglietto (136 c.p.c.) a mezzo del cancelliere.
Il consulente non può ricevere altri scritti difensionali oltre quelli contenenti le osservazioni e le istanze di parte consentite dall’art. 194 del codice.
In ogni caso deve essere comunicata alle parti avverse copia degli scritti defensionali.

Istituti giuridici

Novità giuridiche