Art. 173 – Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

(R.D. 18 dicembre 1941, n. 1368 - Aggiornato alla legge 26 novembre 2021, n. 206)

Pubblicità dell'istanza di assegnazione o di vendita

Articolo 173 - disposizioni di attuazione del codice di procedura civile

(1) Dell’istanza di assegnazione (589 c.p.c.) o di vendita (567 c.p.c.) deve essere data pubblica notizia a cura del cancelliere a norma dell’art. 490 del codice almeno dieci giorni prima dell’udienza fissata per pronunciare sull’istanza stessa (569, 590 c.p.c.).

Articolo 173 - Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

(1) Dell’istanza di assegnazione (589 c.p.c.) o di vendita (567 c.p.c.) deve essere data pubblica notizia a cura del cancelliere a norma dell’art. 490 del codice almeno dieci giorni prima dell’udienza fissata per pronunciare sull’istanza stessa (569, 590 c.p.c.).

Note

(1) Questo articolo è stato abrogato dall’art. 2, comma 3 ter, lett. c bis), del D.L. 14 marzo 2005, n. 35, convertito, con modificazioni, nella L. 14 maggio 2005, n. 80, inserito dall’art. 1, comma 5, lett. d), della L . 28 dicembre 2005, n. 263.
A norma dell’art. 2, comma 3 sexies, dello stesso provvedimento, come sostituito dall’art. 1, comma 6, della L. 28 dicembre 2005, n. 263 e successivamente modificato dall’art. 39 quater del D.L. 30 dicembre 2005, n. 273, convertito, con modificazioni, nella L. 23 febbraio 2006, n. 51, questa disposizione entra in vigore il 1° marzo 2006 e si applica anche alle procedure esecutive pendenti a tale data di entrata in vigore. Quando tuttavia è già stata ordinata la vendita, la stessa ha luogo con l’osservanza delle norme precedentemente in vigore. L’intervento dei creditori non muniti di titolo esecutivo conserva efficacia se avvenuto prima del 1° marzo 2006.

Istituti giuridici

Novità giuridiche