Art. 122 – Disposizioni attuazione Codice Civile e disposizioni transitorie

(R.D. 30 marzo 1942, n. 318 - Aggiornato alla legge 26 novembre 2021, n. 206)

Articolo 122 - disposizioni attuazione codice civile e disposizioni transitorie

Le disposizioni del codice relative al riconoscimento dei figli nati fuori del matrimonio (1) (250 ss. c.c.) si applicano anche ai figli nati o concepiti prima del 1° luglio 1939.
Il riconoscimento di figli nati fuori del matrimonio (1), compiuto prima di tale data fuori dei casi in cui era ammesso secondo le leggi anteriori, non può essere annullato, se al momento in cui fu fatto concorrevano le condizioni per cui sarebbe ammissibile secondo le disposizioni del codice.
Tale riconoscimento vale anche agli effetti delle successioni aperte prima del 1° luglio 1939, purché i diritti successori del figlio non siano stati esclusi con sentenza passata in giudicato (324 c.p.c.) o non sia intervenuta transazione tra le parti interessate o non siano trascorsi tre anni dall’apertura della successione senza che il figlio abbia fatto valere alcuna ragione ereditaria sui beni della successione.

Articolo 122 - Disposizioni attuazione Codice Civile e disposizioni transitorie

Le disposizioni del codice relative al riconoscimento dei figli nati fuori del matrimonio (1) (250 ss. c.c.) si applicano anche ai figli nati o concepiti prima del 1° luglio 1939.
Il riconoscimento di figli nati fuori del matrimonio (1), compiuto prima di tale data fuori dei casi in cui era ammesso secondo le leggi anteriori, non può essere annullato, se al momento in cui fu fatto concorrevano le condizioni per cui sarebbe ammissibile secondo le disposizioni del codice.
Tale riconoscimento vale anche agli effetti delle successioni aperte prima del 1° luglio 1939, purché i diritti successori del figlio non siano stati esclusi con sentenza passata in giudicato (324 c.p.c.) o non sia intervenuta transazione tra le parti interessate o non siano trascorsi tre anni dall’apertura della successione senza che il figlio abbia fatto valere alcuna ragione ereditaria sui beni della successione.

Note

(1) La parola: «naturali» è stata così sostituita dalle seguenti: «nati fuori del matrimonio» dall’art. 96, comma 1, lett. g), del D.L.vo 28 dicembre 2013, n. 154, a decorrere dal trentesimo giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale (G.U. n. 5 dell’8 gennaio 2014).

Istituti giuridici

Novità giuridiche