Moglie lascia solo l’anziano marito: condannata per abbandono di incapace

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

La condanna è stata inflitta dal Tribunale di Ascoli Piceno attraverso la sentenza n. 366/2021, che ha espresso giudizio su una vicenda che ha coinvolto un anziano signore di 95 anni e la sua giovane moglie ucraina.

Abbandono di incapace

Il reato di abbandono di persone incapaci è previsto dall’articolo 591 codice penale, ed è sulla base del predetto articolo che è stata condannata la moglie straniera di un anziano poiché, invece di prendersi cura dell’anziano marito privo della facoltà di provvedere a sé stesso, lo ha abbandonato al fine di ritornare, per un breve periodo, nel suo Paese di origine.
Dall’analisi dei fatti è emerso che l’uomo, rimasto vedovo da un precedente rapporto coniugale, ha chiesto alla sua vicina di casa di sposarlo per evitare di passare il resto dei suoi giorni in totale solitudine. L’anziano signore già all’epoca della proposta era incapace di provvedere a se stesso. La giovane ucraina, ha deciso di accettare la proposta di matrimonio e i due sono si sono sposati. Dopo alcuni anni di convivenza, l’anziano marito, dopo essere rimasto solo per un paio di giorni, chiedeva informazioni ai propri vicini poiché la moglie non rientrava in casa. I vicini di casa, a loro volta, allertavano le forze dell’ordine.
In ragione di questo episodio la donna, una volta rientrata in Italia, veniva chiamata in giudizio per rispondere del reato di cui all’articolo 591 cod. pen., per aver abbandonato il marito che aveva la necessità di essere assistito.
All’esito della ricostruzione della vicenda, infatti, la donna veniva rinviata in giudizio per 3 capi di imputazione, ovvero:

A) ex art. 591 c.p. (abbandono di persone minori e incapaci), poichè in qualità di moglie abbandonava l’anziano marito “incapace di provvede a se stesso e di cui doveva avere cura”;

B) ex art. 570 c.p. (violazione degli obblighi di assistenza familiare) poiché, in qualità di moglie, si allontanava dal tetto familiare disinteressandosi dell’anziano marito sotto il profilo assistenziale, pur versando, lo stesso, in un palese stato di bisogno.

C) infine, ex art. 646 c.p. (appropriazione indebita) perché, al fine di procurarsi un profitto, si appropriava del mobilio presente all’interno dell’abitazione sita in altra abitazione di cui la predetta aveva la disponibilità in quanto tale dimora era stata condivisa, tempo addietro, con il marito.

Così Il Tribunale, dopo averla assolta per gli ultimi due capi di imputazione, con una lunga e articolata sentenza ritiene la donna responsabile del reato ascrittole, nonostante la contestuale manifestazione di perplessità sulla ricostruzione della vicenda, poiché l’imputata, in sede di difesa, riteneva di aver preso accordi per far assistere l’anziano marito proprio dalla coppia di vicini di casa, senza però accordarsi con costoro sull’effettivo trasferimento dell’obbligo di custodia.
Ed è proprio questo l’elemento che, secondo l’organo giudicante, determina la configurabilità della fattispecie di abbandono di incapace in capo alla donna. Secondo il giudice, dalla qualità di coniuge deriva necessariamente la titolarità della posizione di garanzia nei confronti del marito incapace, con conseguente obbligo di cura e di assistenza. Nel prosieguo del ragionamento logico-giuridico è emerso che tali obblighi possono essere sì trasferiti, ma «occorre verificare se la persona delegata abbia prestato un valido consenso a ciò e se essa sia adeguata al loro adempimento», mentre da un punto di vista soggettivo occorre che l’agente abbia almeno accettato, «come conseguenza del proprio comportamento inerte, la concreta possibilità del verificarsi di uno stato di abbandono del soggetto passivo, in grado di determinare un pericolo anche solo potenziale per la vita e l’incolumità fisica di quest’ultimo».
Ciò si è verificato nel caso oggetto di pronuncia, in quanto l’allontanamento della moglie ha esposto l’anziano marito ad un pericolo per la propria incolumità, anche se solo potenzialmente. La moglie avrebbe, infatti, dovuto assicurarsi prima di partire che, effettivamente e concretamente, i vicini di casa avessero assunto l’obbligo di assistenza nei confronti del marito.
Per questo è stata quindi dichiarata colpevole del reato di abbandono di persone incapaci e, concesse le circostanze attenuanti generiche ritenute prevalenti sull’aggravante di cui all’art. 591, ultimo comma c.p., ridotta la pena per la scelta del rito, è stata condannata alla pena di mesi due e giorni venti di reclusione, oltre al pagamento delle spese processuali, con pena sospesa alle condizioni di legge.

abbandono di incapace

Il reato di abbandono di persone incapaci è previsto dall’articolo 591 codice penale, ed è sulla base del predetto articolo che è stata condannata la moglie straniera di un anziano poiché, invece di prendersi cura dell’anziano marito privo della facoltà di provvedere a sé stesso, lo ha abbandonato al fine di ritornare, per un breve periodo, nel suo Paese di origine.
Dall’analisi dei fatti è emerso che l’uomo, rimasto vedovo da un precedente rapporto coniugale, ha chiesto alla sua vicina di casa di sposarlo per evitare di passare il resto dei suoi giorni in totale solitudine. L’anziano signore già all’epoca della proposta era incapace di provvedere a se stesso. La giovane ucraina, ha deciso di accettare la proposta di matrimonio e i due sono si sono sposati. Dopo alcuni anni di convivenza, l’anziano marito, dopo essere rimasto solo per un paio di giorni, chiedeva informazioni ai propri vicini poiché la moglie non rientrava in casa. I vicini di casa, a loro volta, allertavano le forze dell’ordine.
In ragione di questo episodio la donna, una volta rientrata in Italia, veniva chiamata in giudizio per rispondere del reato di cui all’articolo 591 cod. pen., per aver abbandonato il marito che aveva la necessità di essere assistito.
All’esito della ricostruzione della vicenda, infatti, la donna veniva rinviata in giudizio per 3 capi di imputazione, ovvero:

A) ex art. 591 c.p. (abbandono di persone minori e incapaci), poichè in qualità di moglie abbandonava l’anziano marito “incapace di provvede a se stesso e di cui doveva avere cura”;

B) ex art. 570 c.p. (violazione degli obblighi di assistenza familiare) poiché, in qualità di moglie, si allontanava dal tetto familiare disinteressandosi dell’anziano marito sotto il profilo assistenziale, pur versando, lo stesso, in un palese stato di bisogno.

C) infine, ex art. 646 c.p. (appropriazione indebita) perché, al fine di procurarsi un profitto, si appropriava del mobilio presente all’interno dell’abitazione sita in altra abitazione di cui la predetta aveva la disponibilità in quanto tale dimora era stata condivisa, tempo addietro, con il marito.

Così Il Tribunale, dopo averla assolta per gli ultimi due capi di imputazione, con una lunga e articolata sentenza ritiene la donna responsabile del reato ascrittole, nonostante la contestuale manifestazione di perplessità sulla ricostruzione della vicenda, poiché l’imputata, in sede di difesa, riteneva di aver preso accordi per far assistere l’anziano marito proprio dalla coppia di vicini di casa, senza però accordarsi con costoro sull’effettivo trasferimento dell’obbligo di custodia.
Ed è proprio questo l’elemento che, secondo l’organo giudicante, determina la configurabilità della fattispecie di abbandono di incapace in capo alla donna. Secondo il giudice, dalla qualità di coniuge deriva necessariamente la titolarità della posizione di garanzia nei confronti del marito incapace, con conseguente obbligo di cura e di assistenza. Nel prosieguo del ragionamento logico-giuridico è emerso che tali obblighi possono essere sì trasferiti, ma «occorre verificare se la persona delegata abbia prestato un valido consenso a ciò e se essa sia adeguata al loro adempimento», mentre da un punto di vista soggettivo occorre che l’agente abbia almeno accettato, «come conseguenza del proprio comportamento inerte, la concreta possibilità del verificarsi di uno stato di abbandono del soggetto passivo, in grado di determinare un pericolo anche solo potenziale per la vita e l’incolumità fisica di quest’ultimo».
Ciò si è verificato nel caso oggetto di pronuncia, in quanto l’allontanamento della moglie ha esposto l’anziano marito ad un pericolo per la propria incolumità, anche se solo potenzialmente. La moglie avrebbe, infatti, dovuto assicurarsi prima di partire che, effettivamente e concretamente, i vicini di casa avessero assunto l’obbligo di assistenza nei confronti del marito.
Per questo è stata quindi dichiarata colpevole del reato di abbandono di persone incapaci e, concesse le circostanze attenuanti generiche ritenute prevalenti sull’aggravante di cui all’art. 591, ultimo comma c.p., ridotta la pena per la scelta del rito, è stata condannata alla pena di mesi due e giorni venti di reclusione, oltre al pagamento delle spese processuali, con pena sospesa alle condizioni di legge.

Codici e leggi

CEDU (Convenzione Europea dei Diritti Umani)

Codice Ambiente

Codice Antimafia

Codice Civile

Codice Crisi d’Impresa

Codice dei Beni Culturali

Codice dei Contratti Pubblici

Codice del Consumo

Codice del Terzo Settore

Codice del Turismo

Codice dell’Amministrazione Digitale

Codice della Navigazione

Codice della Protezione Civile

Codice della Strada

Codice delle Assicurazioni

Codice delle Comunicazioni Elettroniche

Codice delle Pari Opportunità

Codice di Procedura Civile

Codice di Procedura Penale

Codice Giustizia Contabile

Codice Penale

Codice Processo Amministrativo

Codice Processo Tributario

Codice Proprietà Industriale

Codice Rosso

Costituzione

Decreto Cura Italia

Decreto Legge Balduzzi

Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

Disposizioni attuazione Codice Civile e disposizioni transitorie

Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

Disposizioni di attuazione del Codice Penale

DPR 445 – 2000

GDPR (679/2016)

Legge 68 del 1999 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili)

Legge Basaglia

Legge Bassanini

Legge Cambiaria

Legge Di Bella

Legge Diritto d’Autore

Legge Equo Canone

Legge Fallimentare

Legge Gelli-Bianco

Legge Mediazione

Legge Pinto

Legge Severino

Legge sul Divorzio

Legge sul Processo Amministrativo

Legge sulle Locazioni Abitative

Legge Testamento Biologico

Norme di attuazione del Codice di Procedura Penale

Ordinamento Penitenziario

Preleggi

Statuto dei Lavoratori

Statuto del Contribuente

Testo Unico Bancario

Testo Unico Edilizia

Testo Unico Enti Locali

Testo Unico Espropri

Testo Unico sull’immigrazione

Testo Unico Imposte sui Redditi

Testo Unico Iva

Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza

Testo Unico Sicurezza Lavoro

Testo Unico Stupefacenti

Testo Unico sul Pubblico Impiego

Altre leggi

Codici Deontologici

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati – P.IVA 02542740747