Cassazione: non può essere punito chi occupa una casa per dare un tetto ai propri figli

Con la sentenza n. 46054 del 16 dicembre 2021 i giudici della Suprema Corte di Cassazione hanno riconosciuto la particolare tenuità del fatto proprio in ragione dello stato di necessità della famiglia.

Occupazione abusiva

La vicenda trae origine dall’occupazione abusiva, da parte di una famiglia, di un intero alloggio popolare. Gli occupanti, a seguito dei primi due gradi di giudizio, venivano condannati alla pena di euro 500 di multa, in relazione al reato di occupazione abusiva.
Per questo, i ricorrenti, adivano ricorso per Cassazione sulla base di due presupposti, ovvero:

  • Riconoscimento dello “stato di necessità” che, secondo la loro difesa, si riscontrava nell’urgenza di garantire una abitazione ai propri figli minori a seguito di uno sfratto per morosità ricevuto nel periodo precedente con relativa impossibilità di attendere l’ordinaria procedura di assegnazione degli alloggi popolari;
  • Riconoscimento della particolare tenuità del fatto: come previsto dall’art. 131 bis c.p., infatti, nei reati per i quali è prevista la pena detentiva non superiore nel massimo a cinque anni, ovvero la pena pecuniaria, sola o congiunta alla predetta pena, la punibilità è esclusa quando, per le modalità di condotta e per l’esiguità del danno o del pericolo, l’offesa è di particolare tenuità e il comportamento risulta non abituale.

Entrambe le motivazioni del ricorso sono risultate, per i giudici della Cassazione, fondate. Gli Ermellini hanno, infatti, censurato l’assenza di motivazione in ordine al mancato riconoscimento della particolare tenuità del fatto oltre a censurare l’insufficiente motivazione in ragione dello stato di necessità.
Il principio ribadito nel giudizio di ultimo grado ripete quanto già indicato in una precedente sentenza della Suprema Corte secondo cui “l’abusiva occupazione di un bene immobile è scriminata dallo stato di necessità conseguente al pericolo di danno grave alla persona, che ben può consistere anche nella compromissione del diritto di abitazione ovvero di altri diritti fondamentali della persona riconosciuti e garantiti dall’art. 2 Cost., sempre che ricorrano, per tutto il tempo dell’illecita occupazione, gli altri elementi costitutivi della scriminante, quali l’assoluta necessità della condotta e l’inevitabilità del pericolo. Ne consegue che la stessa può essere invocata solo in relazione ad un pericolo attuale e transitorio e non per sopperire alla necessità di reperire un alloggio al fine di risolvere in via definitiva la propria esigenza abitativa” (cfr. Cass. n. 10694/2020).
A parere della Suprema Corte, per denegare le invocate scriminanti, i giudici di appello hanno fatto sommario riferimento all’insufficienza delle precarie condizioni economiche dei ricorrenti e alla complessiva inidoneità del compendio probatorio raccolto a provare lo stato di necessità.
Ritenendo, quindi, le motivazione a sostegno del diniego insufficienti, hanno deciso per l’annullamento della sentenza con relativo rinvio alla competente Corte d’Appello per l’esercizio di un nuovo giudizio.

La vicenda trae origine dall’occupazione abusiva, da parte di una famiglia, di un intero alloggio popolare. Gli occupanti, a seguito dei primi due gradi di giudizio, venivano condannati alla pena di euro 500 di multa, in relazione al reato di occupazione abusiva.
Per questo, i ricorrenti, adivano ricorso per Cassazione sulla base di due presupposti, ovvero:

  • Riconoscimento dello “stato di necessità” che, secondo la loro difesa, si riscontrava nell’urgenza di garantire una abitazione ai propri figli minori a seguito di uno sfratto per morosità ricevuto nel periodo precedente con relativa impossibilità di attendere l’ordinaria procedura di assegnazione degli alloggi popolari;
  • Riconoscimento della particolare tenuità del fatto: come previsto dall’art. 131 bis c.p., infatti, nei reati per i quali è prevista la pena detentiva non superiore nel massimo a cinque anni, ovvero la pena pecuniaria, sola o congiunta alla predetta pena, la punibilità è esclusa quando, per le modalità di condotta e per l’esiguità del danno o del pericolo, l’offesa è di particolare tenuità e il comportamento risulta non abituale.

Entrambe le motivazioni del ricorso sono risultate, per i giudici della Cassazione, fondate. Gli Ermellini hanno, infatti, censurato l’assenza di motivazione in ordine al mancato riconoscimento della particolare tenuità del fatto oltre a censurare l’insufficiente motivazione in ragione dello stato di necessità.
Il principio ribadito nel giudizio di ultimo grado ripete quanto già indicato in una precedente sentenza della Suprema Corte secondo cui “l’abusiva occupazione di un bene immobile è scriminata dallo stato di necessità conseguente al pericolo di danno grave alla persona, che ben può consistere anche nella compromissione del diritto di abitazione ovvero di altri diritti fondamentali della persona riconosciuti e garantiti dall’art. 2 Cost., sempre che ricorrano, per tutto il tempo dell’illecita occupazione, gli altri elementi costitutivi della scriminante, quali l’assoluta necessità della condotta e l’inevitabilità del pericolo. Ne consegue che la stessa può essere invocata solo in relazione ad un pericolo attuale e transitorio e non per sopperire alla necessità di reperire un alloggio al fine di risolvere in via definitiva la propria esigenza abitativa” (cfr. Cass. n. 10694/2020).
A parere della Suprema Corte, per denegare le invocate scriminanti, i giudici di appello hanno fatto sommario riferimento all’insufficienza delle precarie condizioni economiche dei ricorrenti e alla complessiva inidoneità del compendio probatorio raccolto a provare lo stato di necessità.
Ritenendo, quindi, le motivazione a sostegno del diniego insufficienti, hanno deciso per l’annullamento della sentenza con relativo rinvio alla competente Corte d’Appello per l’esercizio di un nuovo giudizio.

Codici e leggi

Codice Ambiente

Codice Antimafia

Codice Antiriciclaggio

Codice Civile

Codice Crisi d’Impresa

Codice dei Beni Culturali

Codice dei Contratti Pubblici

Codice del Consumo

Codice del Terzo Settore

Codice del Turismo

Codice dell’Amministrazione Digitale

Codice della Navigazione

Codice della Privacy

Codice della Protezione Civile

Codice della Strada

Codice delle Assicurazioni

Codice delle Comunicazioni Elettroniche

Codice delle Pari Opportunità

Codice di Procedura Civile

Codice di Procedura Penale

Codice Giustizia Contabile

Codice Penale

Codice Processo Amministrativo

Codice Processo Tributario

Codice Proprietà Industriale

Codice Rosso

Costituzione

Decreto Cura Italia

Decreto Legge Balduzzi

Disposizioni attuazione Codice Civile e disposizioni transitorie

Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

Disposizioni di attuazione del Codice Penale

DPR 445 – 2000

Legge 104

Legge 23 agosto 1988 n 400

Legge 68 del 1999 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili)

Legge Basaglia

Legge Bassanini

Legge Bassanini Bis

Legge Cambiaria

Legge Cure Palliative

Legge Di Bella

Legge Diritto d’Autore

Legge Equo Canone

Legge Fallimentare

Legge Gelli-Bianco

Legge Mediazione

Legge Pinto

Legge Severino

Legge Sovraindebitamento

Legge sul Divorzio

Legge sul Procedimento Amministrativo

Legge sulle Locazioni Abitative

Legge Testamento Biologico

Legge Unioni Civili

Norme di attuazione del Codice di Procedura Penale

Ordinamento Penitenziario

Preleggi

Statuto dei Lavoratori

Statuto del Contribuente

Testo Unico Bancario

Testo Unico Edilizia

Testo Unico Enti Locali

Testo Unico Espropri

Testo Unico Imposte sui Redditi

Testo Unico Iva

Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza

Testo Unico Sicurezza Lavoro

Testo Unico Stupefacenti

Testo Unico Successioni e Donazioni

Testo Unico sul Pubblico Impiego

Testo Unico sull’Immigrazione

Altre leggi

Codice Deontologico Forense

Codici Deontologici

Disciplina comunitaria e internazionale

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati – P.IVA 02542740747