Condanna CEDU all’Italia per maltrattamenti a un detenuto malato

La Corte Europea dei diritti dell’Uomo (in breve, CEDU) di Strasburgo ha condannato il nostro Paese per maltrattamenti nei confronti di un giovane detenuto che soffre di disturbi psichiatrici e che è stato trattenuto in una prigione ordinaria nonostante i tribunali nazionali, e poi anche la Corte Europea stessa, ne avessero ordinato il trasferimento in un centro dove potesse essere curato.

Cedu

La sentenza pone l’accento sul fatto che il carcere ordinario non sia il luogo adatto per ospitare i soggetti malati.
Il ricorrente in questo caso, che soffriva di un disturbo della personalità e di un disturbo bipolare, era rimasto in detenzione in carcere per quasi due anni – nonostante le decisioni dei tribunali interni affermassero che la sua salute mentale era incompatibile con tale detenzione – prima di essere trasferito in un Centro Residenziale per l’esecuzione delle misure preventive (REMS), e successivamente ad un servizio psichiatrico carcerario. La Corte ha ritenuto che il detenuto non avesse beneficiato di alcuna strategia terapeutica globale per il trattamento del suo disturbo, in un contesto generale di cattive condizioni di detenzione.
Nella sentenza la Cedu ha stabilito che l’Italia dovrà versare 36.400 euro per danni morali al giovane detenuto.

La vicenda

Nell’estate del 2018 Giacomo Seydou Sy, italiano classe 1994 (nipote del celebre attore Kim Rossi Stuart), affetto da bipolarismo e disturbi della personalità, veniva arrestato per furto, molestie ripetute nei confronti dell’ex fidanzata e resistenza alle forze dell’ordine. 
Gli esperti hanno giudicato Giacomo socialmente pericoloso ma anche parzialmente irresponsabile degli atti commessi. Soprattutto però, hanno accertato che il suo stato di salute non era compatibile con la detenzione in una prigione ordinaria. Ciononostante, l’uomo trascorre in carcere, a Rebibbia, due anni. Una delle ragioni è che le autorità non sono state in grado di trovare un’alternativa.
Nonostante le sue condizioni di salute fossero note e giudicate non compatibili con il carcere ordinario, il ragazzo, veniva posto in detenzione preventiva nel carcere di Rebibbia anziché in una struttura in cui avrebbe potuto essere trasferito e dove avrebbe potuto ricevere cure adeguate, come ad esempio in un REMS (Centro Residenziale per l’esecuzione delle misure preventive). In conseguenza della condanna, il giudice disponeva gli arresti domiciliari, ma Giacomo Seydou Sy li violava. Veniva quindi rinchiuso in un carcere ordinario, nonostante sia i tribunali italiani che la CEDU avessero specificato come quel tipo di detenzione fosse incompatibile con la sua condizione.
In effetti, già nell’aprile del 2020 la Corte Europea di Strasburgo chiedeva all’Italia di trasferirlo in luogo più adatto in considerazione dei problemi psichiatrici di cui il giovane soffre. 
Per i trattamenti inumani e degradanti che sono stati riservati al giovane nel carcere di Rebibbia, l’Italia è stata condannata dalla CEDU. Lo Stato italiano dovrà quindi versare un risarcimento di 36.400 euro per danni morali al giovane.

Una lezione per l’Italia e per l’Europa

L’Italia è stata condannata dalla CEDU per la violazione dell’art. 3 della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo, ovvero per trattamenti inumani e degradanti. Inoltre, secondo la CEDU, il nostro Paese ha violato anche
– l’articolo 5 comma 1 della Convenzione, che riguarda il periodo di detenzione illegittima;
– l’articolo 5 comma 5, relativo al mancato riconoscimento del diritto al risarcimento;
– l’articolo 6 comma 1, che riguarda il diritto a un processo equo;
– l’articolo 34, ovvero il diritto di ricorso individuale.

Con questa sentenza, che funge da condanna esemplare, viene ribadito un principio importantissimo su cui si fonda un Paese civile: 

le carceri non sono adeguate per le persone che sono affette da problemi psichiatrici, che necessitano di trattamenti mirati

Non si può tenere una persona in carcere senza titolo, se il suo stato di salute è incompatibile con la detenzione e se ha bisogno di cure. 
La sentenza della CEDU è un provvedimento importante, che non riguarda solo la risoluzione di un singolo caso, ma fornisce indicazioni su un percorso che Governi e Parlamenti nazionali devono intraprendere per evitare altre condanne in futuro ma soprattutto nuove violazioni dei diritti umani fondamentali.
È quindi fondamentale che i giudici e servizi sociali si confrontino per trovare soluzioni condivise e adeguate per i condannati affetti da problemi mentali.
La legge prevede un giusto percorso di recupero durante lo sconto della pena carceraria, diritto umano spesso al centro dei richiami europei sul nostro Paese, recentemente sollevato anche dal Ministro della giustizia Marta Cartabia nell’ultima relazione al Parlamento e non ultimo sottolineato da Papa Francesco, che qualche tempo fa si è espresso con un fermo “no a condanne senza finestre di speranza”.
Come la Corte aveva già sottolineato in diverse occasioni in passato, i Governi dovrebbero organizzare il loro sistema carcerario in modo tale da garantire il rispetto della dignità dei detenuti, a prescindere dall’aspetto economico o dalle difficoltà logistiche.
Si tratta di una lezione importante non solo per il nostro Paese ma anche per tutti i Paesi civili che non possono permettersi di definirsi tali senza il rispetto della persona umana anche quando questa sia detenuta. Come insegna Cesare Beccaria nel suo celebre “Dei delitti e delle pene”, la condanna deve mirare alla rieducazione e non allo svilimento del detenuto.

Cedu

La sentenza pone l’accento sul fatto che il carcere ordinario non sia il luogo adatto per ospitare i soggetti malati.
Il ricorrente in questo caso, che soffriva di un disturbo della personalità e di un disturbo bipolare, era rimasto in detenzione in carcere per quasi due anni – nonostante le decisioni dei tribunali interni affermassero che la sua salute mentale era incompatibile con tale detenzione – prima di essere trasferito in un Centro Residenziale per l’esecuzione delle misure preventive (REMS), e successivamente ad un servizio psichiatrico carcerario. La Corte ha ritenuto che il detenuto non avesse beneficiato di alcuna strategia terapeutica globale per il trattamento del suo disturbo, in un contesto generale di cattive condizioni di detenzione.
Nella sentenza la Cedu ha stabilito che l’Italia dovrà versare 36.400 euro per danni morali al giovane detenuto.

La vicenda

Nell’estate del 2018 Giacomo Seydou Sy, italiano classe 1994 (nipote del celebre attore Kim Rossi Stuart), affetto da bipolarismo e disturbi della personalità, veniva arrestato per furto, molestie ripetute nei confronti dell’ex fidanzata e resistenza alle forze dell’ordine. 
Gli esperti hanno giudicato Giacomo socialmente pericoloso ma anche parzialmente irresponsabile degli atti commessi. Soprattutto però, hanno accertato che il suo stato di salute non era compatibile con la detenzione in una prigione ordinaria. Ciononostante, l’uomo trascorre in carcere, a Rebibbia, due anni. Una delle ragioni è che le autorità non sono state in grado di trovare un’alternativa.
Nonostante le sue condizioni di salute fossero note e giudicate non compatibili con il carcere ordinario, il ragazzo, veniva posto in detenzione preventiva nel carcere di Rebibbia anziché in una struttura in cui avrebbe potuto essere trasferito e dove avrebbe potuto ricevere cure adeguate, come ad esempio in un REMS (Centro Residenziale per l’esecuzione delle misure preventive). In conseguenza della condanna, il giudice disponeva gli arresti domiciliari, ma Giacomo Seydou Sy li violava. Veniva quindi rinchiuso in un carcere ordinario, nonostante sia i tribunali italiani che la CEDU avessero specificato come quel tipo di detenzione fosse incompatibile con la sua condizione.
In effetti, già nell’aprile del 2020 la Corte Europea di Strasburgo chiedeva all’Italia di trasferirlo in luogo più adatto in considerazione dei problemi psichiatrici di cui il giovane soffre. 
Per i trattamenti inumani e degradanti che sono stati riservati al giovane nel carcere di Rebibbia, l’Italia è stata condannata dalla CEDU. Lo Stato italiano dovrà quindi versare un risarcimento di 36.400 euro per danni morali al giovane.

Una lezione per l’Italia e per l’Europa

L’Italia è stata condannata dalla CEDU per la violazione dell’art. 3 della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo, ovvero per trattamenti inumani e degradanti. Inoltre, secondo la CEDU, il nostro Paese ha violato anche
– l’articolo 5 comma 1 della Convenzione, che riguarda il periodo di detenzione illegittima;
– l’articolo 5 comma 5, relativo al mancato riconoscimento del diritto al risarcimento;
– l’articolo 6 comma 1, che riguarda il diritto a un processo equo;
– l’articolo 34, ovvero il diritto di ricorso individuale.

Con questa sentenza, che funge da condanna esemplare, viene ribadito un principio importantissimo su cui si fonda un Paese civile: 

le carceri non sono adeguate per le persone che sono affette da problemi psichiatrici, che necessitano di trattamenti mirati

Non si può tenere una persona in carcere senza titolo, se il suo stato di salute è incompatibile con la detenzione e se ha bisogno di cure. 
La sentenza della CEDU è un provvedimento importante, che non riguarda solo la risoluzione di un singolo caso, ma fornisce indicazioni su un percorso che Governi e Parlamenti nazionali devono intraprendere per evitare altre condanne in futuro ma soprattutto nuove violazioni dei diritti umani fondamentali.
È quindi fondamentale che i giudici e servizi sociali si confrontino per trovare soluzioni condivise e adeguate per i condannati affetti da problemi mentali.
La legge prevede un giusto percorso di recupero durante lo sconto della pena carceraria, diritto umano spesso al centro dei richiami europei sul nostro Paese, recentemente sollevato anche dal Ministro della giustizia Marta Cartabia nell’ultima relazione al Parlamento e non ultimo sottolineato da Papa Francesco, che qualche tempo fa si è espresso con un fermo “no a condanne senza finestre di speranza”.
Come la Corte aveva già sottolineato in diverse occasioni in passato, i Governi dovrebbero organizzare il loro sistema carcerario in modo tale da garantire il rispetto della dignità dei detenuti, a prescindere dall’aspetto economico o dalle difficoltà logistiche.
Si tratta di una lezione importante non solo per il nostro Paese ma anche per tutti i Paesi civili che non possono permettersi di definirsi tali senza il rispetto della persona umana anche quando questa sia detenuta. Come insegna Cesare Beccaria nel suo celebre “Dei delitti e delle pene”, la condanna deve mirare alla rieducazione e non allo svilimento del detenuto.

Codici e leggi

Codice Ambiente

Codice Antimafia

Codice Antiriciclaggio

Codice Civile

Codice Crisi d’Impresa

Codice dei Beni Culturali

Codice dei Contratti Pubblici

Codice del Consumo

Codice del Terzo Settore

Codice del Turismo

Codice dell’Amministrazione Digitale

Codice della Navigazione

Codice della Privacy

Codice della Protezione Civile

Codice della Strada

Codice delle Assicurazioni

Codice delle Comunicazioni Elettroniche

Codice delle Pari Opportunità

Codice di Procedura Civile

Codice di Procedura Penale

Codice Giustizia Contabile

Codice Penale

Codice Processo Amministrativo

Codice Processo Tributario

Codice Proprietà Industriale

Codice Rosso

Costituzione

Decreto Cura Italia

Decreto Legge Balduzzi

Disposizioni attuazione Codice Civile e disposizioni transitorie

Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

Disposizioni di attuazione del Codice Penale

DPR 445 – 2000

Legge 104

Legge 23 agosto 1988 n 400

Legge 68 del 1999 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili)

Legge Basaglia

Legge Bassanini

Legge Bassanini Bis

Legge Cambiaria

Legge Cure Palliative

Legge Di Bella

Legge Diritto d’Autore

Legge Equo Canone

Legge Fallimentare

Legge Gelli-Bianco

Legge Mediazione

Legge Pinto

Legge Severino

Legge Sovraindebitamento

Legge sul Divorzio

Legge sul Procedimento Amministrativo

Legge sulle Locazioni Abitative

Legge Testamento Biologico

Legge Unioni Civili

Norme di attuazione del Codice di Procedura Penale

Ordinamento Penitenziario

Preleggi

Statuto dei Lavoratori

Statuto del Contribuente

Testo Unico Bancario

Testo Unico Edilizia

Testo Unico Enti Locali

Testo Unico Espropri

Testo Unico Imposte sui Redditi

Testo Unico Iva

Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza

Testo Unico Sicurezza Lavoro

Testo Unico Stupefacenti

Testo Unico Successioni e Donazioni

Testo Unico sul Pubblico Impiego

Testo Unico sull’Immigrazione

Altre leggi

Codice Deontologico Forense

Codici Deontologici

Disciplina comunitaria e internazionale

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati – P.IVA 02542740747