Art. 695 – Codice Penale

(R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398)

Fabbricazione o commercio non autorizzati di armi

Articolo 695 - Codice Penale

Chiunque, senza la licenza dell’Autorità (28, 31 ss. T.U. di P.S.), fabbrica o introduce nello Stato (42), o esporta, o pone comunque in vendita armi (704), ovvero ne fa raccolta per ragioni di commercio o d’industria, è punito con l’arresto fino a tre anni e con l’ammenda fino a € 1.239 (700, 701) (1).
Non si applica la pena dell’arresto, qualora si tratti di collezioni di armi artistiche, rare o antiche.

Articolo 695 - Codice Penale

Chiunque, senza la licenza dell’Autorità (28, 31 ss. T.U. di P.S.), fabbrica o introduce nello Stato (42), o esporta, o pone comunque in vendita armi (704), ovvero ne fa raccolta per ragioni di commercio o d’industria, è punito con l’arresto fino a tre anni e con l’ammenda fino a € 1.239 (700, 701) (1).
Non si applica la pena dell’arresto, qualora si tratti di collezioni di armi artistiche, rare o antiche.

Note

(1) L’art. 71 del D.L.vo 6 settembre 2011, n. 159, recante codice delle leggi antimafia, prevede che le pene stabilite per le contravvenzioni di cui a questo comma, sono aumentate nella misura di cui al secondo comma dell’articolo 99 del codice penale se il fatto è commesso da persona sottoposta con provvedimento definitivo ad una misura di prevenzione personale durante il periodo previsto di applicazione e sino a tre anni dal momento in cui ne è cessata l’esecuzione.

Tabella procedurale

Massime

Poiché la licenza per la vendita di armi ha carattere specifico nel senso che abilita alla vendita di armi che – per rendere possibile un efficace controllo – vanno predeterminate quanto alla categoria e al numero (indicazioni che vanno riportate nella licenza stessa) la vendita di coltelli a scatto da parte di soggetto abilitato a vendere armi da sparo integra il reato di cui all’art. 695 c.p. non potendosi i primi far rientrare tra le seconde. Cass. pen. sez. I 12 agosto 1998 n. 9318

È configurabile la contravvenzione di cui all’art. 695 c.p. (fabbricazione o commercio non autorizzato di armi) in caso di detenzione per la vendita di un numero di armi superiore a quello consentito in base alla licenza limitatamente alle armi in eccedenza. Cass. pen. sez. I 11 dicembre 1993 n. 4657

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Novità giuridiche

Istituti giuridici