Art. 622 – Codice Penale

(R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398)

Rivelazione di segreto professionale

Articolo 622 - Codice Penale

Chiunque, avendo notizia, per ragione del proprio stato o ufficio, o della propria professione o arte, di un segreto, lo rivela, senza giusta causa, ovvero lo impiega a proprio o altrui profitto, è punito, se dal fatto può derivare nocumento, con la reclusione fino a un anno o con la multa da € 30 a € 516 (326).
La pena è aggravata se il fatto è commesso da amministratori, direttori generali, dirigenti preposti alla redazione dei documenti contabili societari, (1) sindaci o liquidatori o se è commesso da chi svolge la revisione contabile della società (2).
Il delitto è punibile a querela della persona offesa (120; 336 c.p.p.).

Articolo 622 - Codice Penale

Chiunque, avendo notizia, per ragione del proprio stato o ufficio, o della propria professione o arte, di un segreto, lo rivela, senza giusta causa, ovvero lo impiega a proprio o altrui profitto, è punito, se dal fatto può derivare nocumento, con la reclusione fino a un anno o con la multa da € 30 a € 516 (326).
La pena è aggravata se il fatto è commesso da amministratori, direttori generali, dirigenti preposti alla redazione dei documenti contabili societari, (1) sindaci o liquidatori o se è commesso da chi svolge la revisione contabile della società (2).
Il delitto è punibile a querela della persona offesa (120; 336 c.p.p.).

Note

(1) Le parole: «dirigenti preposti alla redazione dei documenti contabili societari,» sono state inserite dall’art. 15, comma 3, lett. c), della L. 28 dicembre 2005, n. 262.
(2) Questo comma è stato inserito dall’art. 2 del D.L.vo 11 aprile 2002, n. 61.

Tabella procedurale

Arresto: non consentito.
Fermo di indiziato di delitto: non consentito.
Misure cautelari personali: non consentite.
Autorità giudiziaria competente: Tribunale monocratico. 33 ter c.p.p.
Procedibilità: a querela di parte. 336 c.p.p.

Massime

In tema di rivelazione di segreti scientifici o industriali l’unitaria acquisizione di una pluralità di informazioni con diverso contenuto – quali i processi industriali le caratteristiche dei prodotti e le specifiche politiche commerciali – costituisce un atto meramente preparatorio rispetto al quale le successive condotte di rivelazione o di impiego di siffatte notizie rappresentano il momento consumativo di una pluralità di reati eventualmente unificati dall’unitaria determinazione criminosa ai sensi dell’art. 81 cod. pen. Cass. pen. sez. V 12 luglio 2016 n. 29205 

Il reato di rivelazione di segreto professionale previsto dall’art. 622 c.p. nel caso in cui la rivelazione del segreto sia compiuta al fine di aiutare taluno ad eludere le investigazioni dell’autorità a suo carico coesiste con il reato di favoreggiamento personale di cui all’art. 378 c.p. – nella specie del concorso formale di reati – data la diversa oggettività dei due reati ed attesa la strumentalità della rivelazione del segreto rispetto al favoreggiamento. Cass. pen. sez. VI 24 settembre 1996 n. 8635

L’elemento distintivo significante tra il reato previsto dall’art. 622 c.p. rivelazione di segreto professionale ed il reato di rivelazione di segreti d’ufficio di cui all’art. 326 c.p. – la cui differenza pure è possibile cogliere in base alla diversità della ratio incriminatrice (tutela della libertà del singolo per l’art. 622 c.p. e tutela della pubblica amministrazione per l’art. 326 c.p.) della qualificazione giuridica (reato rispettivamente di danno ovvero di pericolo) e delle condizioni di perseguibilità (a querela ovvero d’ufficio) – è essenzialmente quello del tipo di segreto di cui è interdetta la divulgazione: il quale nella ipotesi dell’art. 326 c.p. deve riguardare notizie «di ufcfiio» quelle cioè concernenti un atto o un fatto della pubblica amministrazione in senso lato nei diversi aspetti delle funzioni legislativa giudiziaria o amministrativa stricto iure; mentre nella ipotesi dell’art. 622 c.p. deve essere riferito a notizie apprese «per ragioni di ufficio» e riflettenti situazioni soggettive di privati e delle quali colui che di esse è depositario in virtù del suo status professionale in senso lato (ufficio professione o arte) deve assicurare la riservatezza. Cass. pen. sez. VI 24 settembre 1996 n. 8635

Commette il reato di cui all’art. 622 c.p. per il quale l’azione costitutiva consiste nel rivelare il segreto o nell’impiegarlo a proprio o altrui profitto l’impiegato di una società che trasmetta – nel caso di una gara di appalto – notizie segrete riguardanti la sua azienda a vantaggio della società poi rimasta aggiudicataria dei lavori formulando o contribuendo a formulare per quest’ultima condizioni più vantaggiose di quelle offerte dalla ditta da cui dipende agendo con la consapevolezza che la presentazione della nuova offerta resa possibile dalla conoscenza di quanto offriva la società datrice di lavoro poteva a quest’ultima recare un danno che effettivamente si realizzò. Cass. pen. sez. II 4 settembre 1985 n. 7861

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Novità giuridiche

Istituti giuridici