Art. 621 – Codice Penale

(R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398)

Rivelazione del contenuto di documenti segreti

Articolo 621 - Codice Penale

Chiunque, essendo venuto abusivamente a cognizione del contenuto, che debba rimanere segreto, di altrui atti o documenti, pubblici o privati, non costituenti corrispondenza, lo rivela, senza giusta causa, ovvero lo impiega a proprio o altrui profitto, è punito, se dal fatto deriva nocumento, con la reclusione fino a tre anni o con la multa da € 103 a € 1.032 (262).
Agli effetti della disposizione di cui al primo comma è considerato documento anche qualunque supporto informatico contenente dati, informazioni o programmi.
Il delitto è punibile a querela della persona offesa (120; 336 c.p.p.).

Articolo 621 - Codice Penale

Chiunque, essendo venuto abusivamente a cognizione del contenuto, che debba rimanere segreto, di altrui atti o documenti, pubblici o privati, non costituenti corrispondenza, lo rivela, senza giusta causa, ovvero lo impiega a proprio o altrui profitto, è punito, se dal fatto deriva nocumento, con la reclusione fino a tre anni o con la multa da € 103 a € 1.032 (262).
Agli effetti della disposizione di cui al primo comma è considerato documento anche qualunque supporto informatico contenente dati, informazioni o programmi.
Il delitto è punibile a querela della persona offesa (120; 336 c.p.p.).

Note

Tabella procedurale

Arresto: non consentito.
Fermo di indiziato di delitto: non consentito.
Misure cautelari personali: non consentite.
Autorità giudiziaria competente: Tribunale monocratico. 33 ter c.p.p.
Procedibilità: a querela di parte. 336 c.p.p.

Massime

Ai fini dell’integrazione del reato di rivelazione del contenuto di documenti segreti (art. 621 c.p.) è necessario che dalla rivelazione e dall’utilizzazione del segreto derivi quale condizione di punibilità un nocumento intendendosi per tale un pregiudizio giuridicamente rilevante di qualsiasi natura in danno del titolare del diritto alla segretezza. (Nella specie la S.C. ha ritenuto integrato il nocumento nella rivelazione di oltre 3200 informazioni relative ad una società e rivelate ad altra concorrente della prima con la determinazione di una turbativa illecita al mercato nei confronti della società titolare di tali informazioni). Cass. pen. sez. V 9 dicembre 2014 n. 51089

Il nocumento costituisce condizione oggettiva di punibilità del reato (art. 621 c.p.) rivelazione del contenuto di documenti segreti pertanto qualora dalla rivelazione del segreto documentale non derivi un nocumento – inteso come pregiudizio giuridicamente rilevante di qualsiasi natura – al titolare del diritto alla segretezza va esclusa la sussistenza del reato anche solo tentato. Cass. pen. sez. V 27 aprile 2009 n. 17744

Il reato di rivelazione del contenuto di documenti segreti è punibile soltanto a querela della persona offesa. La titolarità del diritto di querela non può non spettare al soggetto interessato alla conservazione del segreto a colui cioè che ha legittimo interesse alla «non rivelazione» del segreto sia che l’atto o il documento pubblico o privato si trovi presso di lui sia che si trovi presso terzi. La titolarità del diritto di querela per il reato di rivelazione del contenuto di documenti segreti (art. 621 c.p.) spetta al soggetto interessato alla conservazione del segreto sia che l’atto o il documento pubblico o privato si trovi presso di lui sia che si trovi presso terzi. Cass. pen. sez. V 20 novembre 1973

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Istituti giuridici

Novità giuridiche