Art. 619 – Codice Penale

(R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398)

Violazione, sottrazione e soppressione di corrispondenza commesse da persona addetta al servizio delle poste, dei telegrafi o dei telefoni

Articolo 619 - Codice Penale

L’addetto al servizio delle poste, dei telegrafi o dei telefoni, il quale, abusando di tale qualità, commette alcuno dei fatti preveduti dalla prima parte dell’art. 616, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni.
Se il colpevole, senza giusta causa, rivela, in tutto o in parte, il contenuto della corrispondenza (616), è punito, qualora il fatto non costituisca un più grave reato, con la reclusione da sei mesi a cinque anni e con la multa da € 30 a € 516.
Nel caso previsto dal primo comma il delitto è punibile a querela della persona offesa (120, 623 ter; 336 c.p.p.) (1).

Articolo 619 - Codice Penale

L’addetto al servizio delle poste, dei telegrafi o dei telefoni, il quale, abusando di tale qualità, commette alcuno dei fatti preveduti dalla prima parte dell’art. 616, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni.
Se il colpevole, senza giusta causa, rivela, in tutto o in parte, il contenuto della corrispondenza (616), è punito, qualora il fatto non costituisca un più grave reato, con la reclusione da sei mesi a cinque anni e con la multa da € 30 a € 516.
Nel caso previsto dal primo comma il delitto è punibile a querela della persona offesa (120, 623 ter; 336 c.p.p.) (1).

Note

(1) Questo comma è stato aggiunto dall’art. 5 del D.L.vo 10 aprile 2018, n. 36.
A norma dell’art. 12 dello stesso provvedimento, per i reati perseguibili a querela in base alle disposizioni del presente decreto, commessi prima della data di entrata in vigore dello stesso (G.U. Serie gen. – n. 95 del 24 aprile 2018), il termine per la presentazione della querela decorre dalla predetta data, se la persona offesa ha avuto in precedenza notizia del fatto costituente reato. Se è pendente il procedimento, il pubblico ministero, nel corso delle indagini preliminari, o il giudice, dopo l’esercizio dell’azione penale, anche, se necessario, previa ricerca anagrafica, informa la persona offesa dal reato della facoltà di esercitare il diritto di querela e il termine decorre dal giorno in cui la persona offesa è stata informata.

Tabella procedurale

Arresto: primo comma, non consentito; secondo comma, facoltativo in flagranza. (381 c.p.p.)
Fermo di indiziato di delitto: non consentito.
Misure cautelari personali: primo comma, non consentite; secondo comma, consentite. (280287 c.p.p.)
Autorità giudiziaria competente: Tribunale monocratico. (33 ter c.p.p.)
Procedibilità: primo comma, a querela di parte; d’ufficio qualora ricorrano circostanze aggravanti ad effetto speciale; secondo comma, d’ufficio. (336 c.p.p.); (50 c.p.p.)

Massime

Soggetto attivo del reato di violazione di corrispondenza postale telegrafica o telefonica può essere qualsiasi addetto al servizio postale telegrafico o telefonico indipendentemente dalle mansioni svolte. (Fattispecie in cui l’autore del reato era un addetto a servizi amministrativi dell’azienda telefonica). Cass. pen. sez. V 21 giugno 1971 n. 887

La violazione di corrispondenza concretante una delle ipotesi previste dall’art. 619 c.p. non si realizza unicamente con la effettiva lettura della corrispondenza manomessa essendo sufficiente a concretare l’elemento costitutivo materiale di quel reato la semplice presa di cognizione del contenuto del plico quale si realizza con l’apertura dello stesso e con l’esame del suo contenuto per verificarne l’esistenza eventuale di valori od altre utilità. Cass. pen. sez. VI 10 aprile 1969 n. 838

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Istituti giuridici

Novità giuridiche