(R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398)

Confisca

Articolo 600 septies - Codice Penale

(1) Nel caso di condanna, o di applicazione della pena su richiesta delle parti a norma dell’articolo 444 del codice di procedura penale, per i delitti previsti dalla presente sezione, nonché dagli articoli 609 bis, quando il fatto è commesso in danno di un minore di anni diciotto o il reato è aggravato dalle circostanze di cui all’articolo 609 ter, primo comma, numeri 1), 5) e 5 bis), 609 quater, 609 quinquies, 609 octies, quando il fatto è commesso in danno di un minore di anni diciotto o il reato è aggravato dalle circostanze di cui all’articolo 609 ter, primo comma, numeri 1), 5) e 5 bis), e 609 undecies, è sempre ordinata, salvi i diritti della persona offesa alle restituzioni e al risarcimento dei danni, la confisca dei beni che costituiscono il prodotto, il profitto o il prezzo del reato. Ove essa non sia possibile, il giudice dispone la confisca di beni di valore equivalente a quelli che costituiscono il prodotto, il profitto o il prezzo del reato e di cui il condannato abbia, anche indirettamente o per interposta persona, la disponibilità. Si applica il terzo comma dell’articolo 322 ter.

Articolo 600 septies - Codice Penale

(1) Nel caso di condanna, o di applicazione della pena su richiesta delle parti a norma dell’articolo 444 del codice di procedura penale, per i delitti previsti dalla presente sezione, nonché dagli articoli 609 bis, quando il fatto è commesso in danno di un minore di anni diciotto o il reato è aggravato dalle circostanze di cui all’articolo 609 ter, primo comma, numeri 1), 5) e 5 bis), 609 quater, 609 quinquies, 609 octies, quando il fatto è commesso in danno di un minore di anni diciotto o il reato è aggravato dalle circostanze di cui all’articolo 609 ter, primo comma, numeri 1), 5) e 5 bis), e 609 undecies, è sempre ordinata, salvi i diritti della persona offesa alle restituzioni e al risarcimento dei danni, la confisca dei beni che costituiscono il prodotto, il profitto o il prezzo del reato. Ove essa non sia possibile, il giudice dispone la confisca di beni di valore equivalente a quelli che costituiscono il prodotto, il profitto o il prezzo del reato e di cui il condannato abbia, anche indirettamente o per interposta persona, la disponibilità. Si applica il terzo comma dell’articolo 322 ter.

Note

(1) Questo articolo, inserito dall’art. 7 della L. 3 agosto 1998, n. 269, è stato così, da ultimo, sostituito dall’art. 4, comma 1, lett. l), della L. 1° ottobre 2012, n. 172.

Tabella procedurale

Massime

In relazione al delitto di divulgazione di materiale pedopornografico la confisca dello stesso e degli apparecchi di qualunque tipo ad esso riferibili ha natura obbligatoria e va disposto anche nel caso di sentenza di patteggiamento o di proscioglimento per estinzione del reato in quanto deve essere applicata non già la disciplina generale in tema di confisca prevista dall’art. 240 c.p. ma le specifiche disposizioni di cui agli artt. 600 ter e 600 septies c.p. Cass. pen. sez. III 12 luglio 2006 n. 24054

In relazione all’ipotesi delittuosa di cui all’art. 600 ter c.p. relativa alla produzione distribuzione e divulgazione di materiale pedo-pornografico è legittimo il sequestro probatorio del materiale osceno riguardante i minori allorchè sussista l’esigenza di conservare la prova di immagini o filmati a contenuto pedo-pornografico ovvero la prova della loro circolazione nella rete internet dei pedofili attesa la pericolosità di tali condotte e anche nell’ottica della obbligatorietà della confisca dei suddetti corpi di reato prevista dalla disposizione di cui all’art. 600 septies c.p. Cass. pen. sez. III 15 marzo 2005 n. 10058

Office Advice Logo

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati