(R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398)

Manovre speculative su merci

Articolo 501 bis - Codice Penale

Fuori dei casi previsti dall’articolo precedente, chiunque, nell’esercizio di qualsiasi attività produttiva o commerciale, compie manovre speculative ovvero occulta, accaparra od incetta materie prime, generi alimentari di largo consumo o prodotti di prima necessità, in modo atto a determinarne la rarefazione o il rincaro sul mercato interno, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da € 516 a € 25.822.
Alla stessa pena soggiace chiunque, in presenza di fenomeni di rarefazione o rincaro sul mercato interno delle merci indicate nella prima parte del presente articolo e nell’esercizio delle medesime attività, ne sottrae alla utilizzazione o al consumo rilevanti quantità.
L’autorità giudiziaria competente e, in caso di flagranza, anche gli ufficiali e agenti di polizia giudiziaria, procedono al sequestro delle merci (253 ss. c.p.p.), osservando le norme sull’istruzione formale (369 c.p.p.).
L’autorità giudiziaria competente dispone la vendita coattiva immediata delle merci stesse nelle forme di cui all’articolo 625 del codice di procedura penale.
La condanna importa l’ interdizione dall’esercizio di attività commerciali o industriali (30, 32 quater) per le quali sia richiesto uno speciale permesso o una speciale abilitazione, autorizzazione o licenza da parte dell’autorità e la pubblicazione della sentenza (36).

Articolo 501 bis - Codice Penale

Fuori dei casi previsti dall’articolo precedente, chiunque, nell’esercizio di qualsiasi attività produttiva o commerciale, compie manovre speculative ovvero occulta, accaparra od incetta materie prime, generi alimentari di largo consumo o prodotti di prima necessità, in modo atto a determinarne la rarefazione o il rincaro sul mercato interno, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da € 516 a € 25.822.
Alla stessa pena soggiace chiunque, in presenza di fenomeni di rarefazione o rincaro sul mercato interno delle merci indicate nella prima parte del presente articolo e nell’esercizio delle medesime attività, ne sottrae alla utilizzazione o al consumo rilevanti quantità.
L’autorità giudiziaria competente e, in caso di flagranza, anche gli ufficiali e agenti di polizia giudiziaria, procedono al sequestro delle merci (253 ss. c.p.p.), osservando le norme sull’istruzione formale (369 c.p.p.).
L’autorità giudiziaria competente dispone la vendita coattiva immediata delle merci stesse nelle forme di cui all’articolo 625 del codice di procedura penale.
La condanna importa l’ interdizione dall’esercizio di attività commerciali o industriali (30, 32 quater) per le quali sia richiesto uno speciale permesso o una speciale abilitazione, autorizzazione o licenza da parte dell’autorità e la pubblicazione della sentenza (36).

Note

Tabella procedurale

Arresto: non consentito.
Fermo di indiziato di delitto: non consentito.
Misure cautelari personali: consentito il divieto temporaneo di esercitare determinate attività professionali o imprenditoriali. 287, 290 c.p.p.
Autorità giudiziaria competente: Tribunale monocratico. 33 ter c.p.p.
Procedibilità: d’ufficio. 50 c.p.p.

Massime

Ai fini della sussistenza del reato di manovre speculative su merci può integrare in astratto una manovra speculativa anche l’aumento ingiustificato dei prezzi causato da un singolo commerciante profittando di particolari contingenze del mercato. Tuttavia perché ciò si verifichi è pur sempre necessario che tal condotta presenti la connotazione della pericolosità prevista dall’art. 501 bis c.p. nei confronti dell’andamento del mercato interno e cioè che essa per le dimensioni dell’impresa la notevole quantità delle merci e la possibile influenza sui comportamenti degli altri operatori del settore possa tradursi in un rincaro dei prezzi generalizzato o comunque diffuso. Invero la consumazione del reato richiede la sussistenza di comportamenti di portata sufficientemente ampia da integrare un serio pericolo per la situazione economica generale con il rilievo che la locuzione «mercato interno» contenuta nella citata norma rende certamente configurabile la fattispecie criminosa anche quando la manovra speculativa non si rifletta sul mercato nazionale ma soltanto su di un «mercato locale» però il pericolo della realizzazione degli eventi dannosi deve riguardare una zona abbastanza ampia del territorio dello Stato in modo da poter nuocere alla pubblica economia. (Fattispecie relativa a ritenuta insussistenza del reato essendo il fatto circoscritto alla vendita soltanto di due generi di prodotti ortofrutticoli – patate e zucchine – posta in essere da un singolo ed isolato dettagliante). Cass. pen. sez. VI 27 ottobre 1989 n. 14534

In tema di manovre speculative su merci è necessario che la sottrazione all’utilizzazione o al consumo concerna «rilevanti quantità» e cioè comportamenti di portata sufficientemente ampia e tale da costituire un serio pericolo per la situazione economica generale. (Nella specie è stata esclusa la sussistenza del reato trattandosi di circa tremila quintali di zucchero). Cass. pen. sez. VI 18 marzo 1983 n. 2385

Ai fini della configurabilità del reato di manovre speculative su merci mediante sottrazione all’utilizzazione o al consumo non è sufficiente la semplice detenzione della merce in magazzino ovvero la prassi commerciale di rifiutare la vendita a taluni clienti preferendone altri. Cass. pen. sez. VI 18 marzo 1983 n. 2385

Office Advice Logo

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati