Art. 484 – Codice Penale

(R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398)

Falsità in registri e notificazioni

Articolo 484 - Codice Penale

Chiunque, essendo per legge obbligato a fare registrazioni soggette all’ispezione dell’Autorità di pubblica sicurezza, o a fare notificazioni all’Autorità stessa circa le proprie operazioni industriali, commerciali o professionali, scrive o lascia scrivere false indicazioni è punito con la reclusione fino a sei mesi o con la multa fino a € 309 (109, 120, 128 T.U. di P.S.).

Articolo 484 - Codice Penale

Chiunque, essendo per legge obbligato a fare registrazioni soggette all’ispezione dell’Autorità di pubblica sicurezza, o a fare notificazioni all’Autorità stessa circa le proprie operazioni industriali, commerciali o professionali, scrive o lascia scrivere false indicazioni è punito con la reclusione fino a sei mesi o con la multa fino a € 309 (109, 120, 128 T.U. di P.S.).

Note

Tabella procedurale

Arresto: non consentito.
Fermo di indiziato di delitto: non consentito.
Misure cautelari personali: non consentite.
Autorità giudiziaria competente: Tribunale monocratico. 33 ter c.p.p.
Procedibilità: d’ufficio. 50 c.p.p.

Massime

Risponde del delitto di falsità in registri e notificazioni colui che, sottoscrivendo o lasciando che venga sottoscritta la richiesta di attivazione di una scheda telefonica a nome di una persona non presente, ignara dell’operazione, la annoti nei registri, così determinando la registrazione di dati non veri al CED (Centro Elettronico di Documentazione). Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 6963 del 23 febbraio 2021 (Cass. pen. n. 6963/2021)

In tema di falsità in registri e notificazioni, quando è previsto che un registro sia soggetto ad ispezione da parte dell’autorità di pubblica sicurezza, le eventuali false indicazioni in esso operate hanno rilievo penale a norma dell’art. 484 cod. pen., a nulla rilevando che abbia concretamente proceduto all’accertamento della falsità un’autorità diversa da quella di pubblica sicurezza. Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 7019 del 21 febbraio 2020 (Cass. pen. n. 7019/2020)

In tema di falsità in atti e registri, la configurabilità del reato di cui all’art. 484 cod. pen. non è esclusa dalla sopravvenienza di regolamenti comunitari che, modificando il regime di una certificazione vigente all’epoca della condotta, ne elimino con efficacia “ex nunc” l’obbligatorietà, in quanto le fonti normative sovranazionali non contribuiscono a definire il precetto penale attraverso il meccanismo della “norma penale in bianco”, ma costituiscono solo un requisito del fatto descritto nel precetto penale che non rientra nell’ambito di applicazione dell’art. 2 cod. pen. (Fattispecie relativa alla falsificazione del modulo di assenza alla guida formato dall’autotrasportatore previsto dal d.lgs. 4 agosto 2008, n. 144, attuativo, della direttiva 2006/22/CE, la cui obbligatorietà è stata eliminata dal Reg. UE 2014/165, Commission clarification n. 7). Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 26580 del 11 giugno 2018 (Cass. pen. n. 26580/2018)

Integra il tentativo di falsità in registri (art. 56 e 484 c.p.), la condotta di colui che, in qualità di titolare di un’agenzia di «pratiche auto» lasci, nel registro sottoposto ad ispezione da parte dell’autorità di pubblica sicurezza, spazi in bianco, ancorché numerati, trattandosi di attività diretta in modo non equivoco alla abusiva annotazione di pratiche svolte in un momento successivo rispetto a quello che sarebbe risultato in ragione dell’alterata collocazione cronologica. Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 3560 del 23 gennaio 2008 (Cass. pen. n. 3560/2008)

In materia di rifiuti, inserire « false indicazioni» che non hanno quindi alcuna corrispondenza nella realtà, nei registri di carico e scarico integra il reato di cui all’art. 484 c.p. (Fattispecie in cui la Corte di cassazione ha escluso l’applicabilità, in base al principio di specialità, dell’art. 52 del D.L.vo N. 22/97 che reprime con una sanzione pecuniaria la violazione degli obblighi di tenuta dei registri obbligatori di carico e scarico, riferendosi tale norma alla tenuta dei registri « in modo incompleto» ovvero in modo « inesatto» cioè a dati esistenti anche se non completi o esatti). Cassazione penale, Sez. II, sentenza n. 10753 del 8 marzo 2004 (Cass. pen. n. 10753/2004)

In tema di reati concernenti la vendita di armi, il delitto di commercio senza licenza può ritenersi integrato quando il titolare dell’autorizzazione ne violi i limiti imposti per qualità o quantità, mentre deve escludersi la sussistenza del reato quando la cessione di armi comprese per numero e qualità tra quelle autorizzate avvenga in violazione delle prescrizioni di cui all’art. 35 T.U.L.P.S., in quanto la mancata o falsa registrazione dei destinatari della vendita è punibile a norma del citato art. 35 o dell’art. 484 c.p. (falsità nei registri e notificazioni). Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 12630 del 4 dicembre 2000 (Cass. pen. n. 12630/2000)

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Novità giuridiche

Istituti giuridici