Art. 467 – Codice Penale

(R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398)

Contraffazione del sigillo dello Stato e uso del sigillo contraffatto

Articolo 467 - Codice Penale

Chiunque contraffà il sigillo dello Stato, destinato a essere apposto sugli atti del Governo, ovvero, non essendo concorso nella contraffazione, fa uso di tale sigillo da altri contraffatto, è punito con la reclusione da tre a sei anni e con la multa da € 103 a € 2.065 (7, 469, 470).

Articolo 467 - Codice Penale

Chiunque contraffà il sigillo dello Stato, destinato a essere apposto sugli atti del Governo, ovvero, non essendo concorso nella contraffazione, fa uso di tale sigillo da altri contraffatto, è punito con la reclusione da tre a sei anni e con la multa da € 103 a € 2.065 (7, 469, 470).

Note

Tabella procedurale

Arresto: facoltativo in flagranza. 381 c.p.p.
Fermo di indiziato di delitto: non consentito.
Misure cautelari personali: consentite. 280287 c.p.p.
Autorità giudiziaria competente: Tribunale monocratico. 33 ter c.p.p.
Procedibilità: d’ufficio. 50 c.p.p.

Massime

In materia di falsità di sigilli, l’art. 467 c.p. indica come oggetto materiale della contraffazione il sigillo dello Stato «destinato a essere apposto sugli atti del Governo», espressione con la quale si intende il cosiddetto grande sigillo dello Stato, che il Guardasigilli appone con il proprio visto sui documenti contenenti il testo di atti aventi forza di legge, per attestare con il visto il riscontro formale del documento e con l’impronta del sigillo l’acquisizione del documento agli atti ufficiali. La contraffazione del sigillo recante la dicitura «Repubblica Italiana» e il relativo stemma, in uso presso le Amministrazioni dello Stato, integra invece il reato ex art. 468 c.p. Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 13271 del 17 novembre 1999 (Cass. pen. n. 13271/1999)

In tema di contraffazione del sigillo dello Stato, per «atti del Governo», di cui all’art. 467 c.p., deve intendersi esclusivamente l’attività propria del Governo in senso stretto, quale organo posto al vertice del potere esecutivo, e non l’attività, in senso lato, di tutta la serie di amministrazioni che costituiscono l’organizzazione dello Stato e attraverso le quali viene esercitato il complesso delle funzioni pubbliche. Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 1977 del 1 marzo 1997 (Cass. pen. n. 1977/1997)

In tema di contraffazione del sigillo dello Stato, per «atti del Governo», di cui all’art. 467 c.p., deve intendersi non l’attività del Governo in senso stretto, bensì le attività di tutta la serie di amministrazioni che costituiscono emanazione dello Stato. Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 8082 del 25 luglio 1991 (Cass. pen. n. 8082/1991)

Il possesso di un sigillo contraffatto può costituire elemento di prova sufficiente a fondare un giudizio di responsabilità, sia pure a titolo di concorso, in ordine al delitto di contraffazione di sigillo o di uso di sigillo contraffatto, ove l’imputato non riesca a fornire una prova rigorosa di una diversa ragione del possesso, o la prova non risulti aliunde. Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 3291 del 20 aprile 1983 (Cass. pen. n. 3291/1983)

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Istituti giuridici

Novità giuridiche