Art. 463 – Codice Penale

(R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398)

Casi di non punibilità

Articolo 463 - Codice Penale

Non è punibile chi, avendo commesso alcuno dei fatti preveduti dagli articoli precedenti, riesce, prima che l’Autorità ne abbia notizia, a impedire la contraffazione, l’alterazione, la fabbricazione o la circolazione delle cose indicate negli articoli stessi (56).

Articolo 463 - Codice Penale

Non è punibile chi, avendo commesso alcuno dei fatti preveduti dagli articoli precedenti, riesce, prima che l’Autorità ne abbia notizia, a impedire la contraffazione, l’alterazione, la fabbricazione o la circolazione delle cose indicate negli articoli stessi (56).

Note

Tabella procedurale

Massime

Per la configurazione dell’esimente di cui all’art. 463 c.p., che costituisce un’ipotesi anomala di pentimento operoso introdotta dal legislatore in vista del particolare interesse di paralizzare l’azione criminosa dei falsari, l’autore del falso deve impedire l’evento prima che l’autorità ne abbia notizia. La ragione dell’esimente speciale prevista dall’art. 463 c.p. sta nell’avere il colpevole eliminato, attraverso un atto di resipiscenza, lo stato di pericolo da lui stesso e dagli eventuali altri correi provocato, evitandone le conseguenze. Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 2826 del 2 aprile 1983 (Cass. pen. n. 2826/1983)

Perché l’imputato possa beneficiare della non punibilità prevista dall’art. 463 c.p. occorre che il di lui ravvedimento intervenga prima che l’autorità abbia notizia del fatto criminoso e prima che la circolazione dei valori contraffatti sia avvenuta. Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 988 del 21 giugno 1967 (Cass. pen. n. 988/1967)

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Novità giuridiche

Istituti giuridici