(R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398)

Falsificazione di biglietti di pubbliche imprese di trasporto

Articolo 462 - Codice Penale

Chiunque contraffà o altera biglietti di strade ferrate (431) o di altre pubbliche imprese di trasporto, ovvero, non essendo concorso (110) nella contraffazione o nell’alterazione, acquista o detiene al fine di metterli in circolazione, o mette in circolazione tali biglietti contraffatti o alterati, è punito con la reclusione fino a un anno e con la multa da € 10 a € 206 (463, 465, 466).

Articolo 462 - Codice Penale

Chiunque contraffà o altera biglietti di strade ferrate (431) o di altre pubbliche imprese di trasporto, ovvero, non essendo concorso (110) nella contraffazione o nell’alterazione, acquista o detiene al fine di metterli in circolazione, o mette in circolazione tali biglietti contraffatti o alterati, è punito con la reclusione fino a un anno e con la multa da € 10 a € 206 (463, 465, 466).

Note

Tabella procedurale

Arresto: non consentito.
Fermo di indiziato di delitto: non consentito.
Misure cautelari personali: non consentite.
Autorità giudiziaria competente: Tribunale monocratico. 33 ter c.p.p.
Procedibilità: d’ufficio. 50 c.p.p.

Massime

Non integra il delitto previsto dall’art. 462 c.p. la contraffazione di biglietti per il trasporto aereo che sia meramente finalizzata alla falsa attestazione di un pregresso espletamento di missioni e non alla loro messa in circolazione quali titoli di viaggio in quanto il bene giuridico tutelato dalla disposizione si identica nell’esigenza che l’attività delle imprese di pubblico trasporto sia posta al riparo da un diffuso utilizzo di titoli di viaggio falsificati. (Nel caso di specie la Corte ha escluso il delitto di cui all’art. 462 c.p. in relazione all’artificiosa predisposizione di tabelle di indennità di missione con l’allegazione di biglietti d’aereo contraffatti nelle date negli itinerari e nell’importo ravvisando peraltro il delitto di peculato nell’appropriazione delle somme di denaro ottenute dal responsabile di un servizio di segreteria comunale per effetto di illegittime delibere di liquidazione artificiosamente predisposte con l’allegazione di falsa documentazione). Cass. pen. sez. VI 10 agosto 2007 n. 32816

Le matrici dei biglietti ferroviari e le conseguenti registrazioni contabili rientrano nella categoria degli atti pubblici in quanto direttamente riferentisi all’aspetto documentativo e quindi amministrativo della gestione di un pubblico servizio. Pertanto la loro falsificazione va ricondotta allo schema giuridico di cui all’art. 476 c.p. e non in quello di cui all’art. 462 c.p. Cass. pen. sez. V 25 novembre 1980 n. 12487

Office Advice Logo

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati