Art. 459 – Codice Penale

(R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398)

Falsificazione di valori di bollo, introduzione nello Stato, acquisto, detenzione o messa in circolazione di valori di bollo falsificati

Articolo 459 - Codice Penale

Le disposizioni degli articoli 453, 455 e 457 si applicano anche alla contraffazione o alterazione di valori di bollo e alla introduzione nel territorio dello Stato (4), o all’acquisto, detenzione e messa in circolazione di valori di bollo contraffatti; ma le pene sono ridotte di un terzo.
Agli effetti della legge penale, s’intendono per «valori di bollo» la carta bollata, le marche da bollo, i francobolli e gli altri valori equiparati a questi da leggi speciali (7, 463, 466).

Articolo 459 - Codice Penale

Le disposizioni degli articoli 453, 455 e 457 si applicano anche alla contraffazione o alterazione di valori di bollo e alla introduzione nel territorio dello Stato (4), o all’acquisto, detenzione e messa in circolazione di valori di bollo contraffatti; ma le pene sono ridotte di un terzo.
Agli effetti della legge penale, s’intendono per «valori di bollo» la carta bollata, le marche da bollo, i francobolli e gli altri valori equiparati a questi da leggi speciali (7, 463, 466).

Note

Tabella procedurale

Arresto: ipotesi a) e b), facoltativo in flagranza; ipotesi c) e d), non consentito. 381 c.p.p.
Fermo di indiziato di delitto: ipotesi a), consentito; ipotesi b), c), d), non consentito. 384 c.p.p.
Misure cautelari personali: ipotesi a) e b), consentite; ipotesi c) e d), non consentite. 280287 c.p.p.
Autorità giudiziaria competente: Tribunale monocratico. 33 ter c.p.p.
Procedibilità: d’ufficio. 50 c.p.p.

Massime

In materia di sostituzione della pena detentiva in pena pecuniaria, la diversità di disciplina per il calcolo della conversione tra l’art. 135 cod. pen., che prevede un criterio fisso di ragguaglio, rispetto all’art. 459, comma primo-bis, cod. pen., introdotto dall’art.1, comma 53, legge 23 giugno 2017, n.103, che, in tema di decreto penale di condanna, consente al giudice di determinare la sanzione sostitutiva partendo da un valore minimo giornaliero di 75 euro, tenendo conto della condizione economica dell’imputato e del suo nucleo familiare, non viola il principio di cui all’art. 3 Cost. perché è conseguente ad una scelta discrezionale del legislatore censurabile, in sede di sindacato di legittimità costituzionale, solo ove trasmodi nella manifesta irragionevolezza o nell’arbitrio. Cassazione penale, Sez. IV, sentenza n. 49602 del 30 ottobre 2018 (Cass. pen. n. 49602/2018)

Integra il reato previsto dall’art. 459 cod. pen. la detenzione e la messa in circolazione di valori bollati “alterati” nel loro valore facciale, ma non contraffatti. (In applicazione del principio, la Corte ha ritenuto corretta la decisione impugnata che aveva ravvisato la sussistenza del reato con riferimento a condotta consistita nell’aver reso illeggibile l’importo di valori bollati apposto su cambiali, e nell’aver poi messo in circolazione tali valori). Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 41010 del 2 ottobre 2014 (Cass. pen. n. 41010/2014)

L’art. 459, comma primo, c.p., nella parte in cui prevede la punibilità, ai sensi delle disposizioni di cui agli artt. 453, 455 e 457 c.p., ma con pene ridotte di un terzo, della condotta consistente nell’acquisto, detenzione e messa in circolazione di valori di bollo contraffatti, deve ritenersi applicabile, per ragioni di ordine logico-sistenatico, anche all’ipotesi in cui trattisi di valori di bollo alterati nel loro importo; ciò anche alla luce della espressa equiparazione tra contraffazione e alterazione prevista per la meno grave figura di reato di cui all’art. 464 c.p. Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 13780 del 22 marzo 2013 (Cass. pen. n. 13780/2013)

Non integra la violazione della previsione di cui all’art. 459 c.p., nella parte in cui punisce “l’acquisto, detenzione e messa in circolazione di valori da bollo contraffatti” (comma 1), la detenzione, al fine di rivenderle per lucrare maggiori guadagni, di marche da bollo alterate nell’importo (artificiosamente corretto da euro 0,05 a euro 14, 62), in quanto l’oggetto materiale della predetta previsione incriminatrice è limitata ai valori bollati contraffatti, e in virtù del divieto di letture analogiche della norma penale, non è consentito estenderne l’applicazione ai valori alterati. Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 38533 del 2 ottobre 2009 (Cass. pen. n. 38533/2009)

In tema di falsità in valori bollati, qualora l’agente acquisti, riceva o detenga valori di bollo falsi (senza concerto né trattativa con l’autore della falsificazione) al fine di utilizzarli secondo la loro normale destinazione, non commette alcun reato fino a quando non ne faccia effettivamente uso. (In applicazione di tale principio la Corte ha escluso la configurabilità del delitto di ricettazione in un caso in cui l’agente aveva ricevuto numerosi francobolli, con la consapevolezza della loro falsità, al fine di utilizzarli per la spedizione di plichi postali). Cassazione penale, Sez. II, sentenza n. 11379 del 29 ottobre 1998 (Cass. pen. n. 11379/1998)

La tentata contraffazione dei valori di bollo (artt. 56 e 459 c.p.) va distinta dalla contraffazione della carta filigranata (art. 460 c.p.). La prima figura delittuosa, infatti, presuppone il compimento di atti diretti in modo non equivoco allo specifico risultato; la seconda, invece, punisce una condotta meramente preparatoria, giudicata dal legislatore penalmente rilevante in relazione alla sua intrinseca pericolosità e, quindi, prescindendo da qualsiasi indagine concreta sull’idoneità funzionale al conseguimento della contraffazione delle monete e dei valori a queste assimilate. Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 5926 del 23 maggio 1994 (Cass. pen. n. 5926/1994)

Al fine della sussistenza del delitto di cui all’art. 459 c.p., la messa in circolazione si identifica con il compimento di qualsiasi attività con la quale il detentore intenda trasferire ad altri il valore di bollo contraffatto; e l’intendimento può essere dimostrato dal fatto stesso della detenzione, senza necessità dell’accettazione dell’eventuale interessato all’acquisto allorché manchi o sia ritenuta inattendibile una plausibile indicazione circa un fine della detenzione diverso da quello della messa in circolazione del valore di bollo falsificato. Solo allorché, fuori delle ipotesi di concorso nella contraffazione ed alterazione dei valori bollati, l’uso non assuma i connotati della messa in circolazione e la detenzione di essi sia caratterizzata dal fine di un uso conforme alla loro naturale destinazione, si realizza la minore figura criminosa prevista dall’art. 464 c.p. Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 12888 del 25 settembre 1989 (Cass. pen. n. 12888/1989)

Il delitto contemplato dal primo comma dell’art. 459 c.p., si consuma appena sia stata compiuta l’attività di contraffazione o di alterazione dei valori di bollo, ovvero si sia realizzata la condotta di introduzione nel territorio dello Stato o di acquisto o di detenzione o di messa in circolazione dei valori bollati contraffatti, non essendo richiesto quale elemento costitutivo del reato l’uso conforme alla normale destinazione dei valori falsificati, il quale uso, da parte di chi non abbia concorso nella contraffazione, quando non assuma i connotati della messa in circolazione, integra invece il reato di cui all’art. 464 c.p. Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 6404 del 27 maggio 1988 (Cass. pen. n. 6404/1988)

L’art. 459 c.p. punisce, tra l’altro, la messa in circolazione di valori di bollo falsificati, cioè ogni attività con la quale il detentore trasferisce ad altri, eventualmente a titolo gratuito, il valore di bollo falsificato. Oggetto dell’atto di circolazione deve essere il valore di bollo in sé e per sé e in relazione all’uso cui esso è normalmente destinato. L’uso del valore di bollo falsificato conforme alla sua naturale destinazione è invece punito dall’art. 464 c.p. Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 11254 del 19 dicembre 1984 (Cass. pen. n. 11254/1984)

Il rinvio dell’art. 459 codice penale alle disposizioni degli artt. 453, 455 e 457 non può intendersi come un semplice richiamo quoad poenam; sicché per la individuazione delle relative fattispecie è necessario far riferimento al contenuto delle disposizioni richiamate. Ne consegue che in caso di detenzione di valori di bollo contraffatti o alterati, occorre accertare se la detenzione sia avvenuta al fine della messa in circolazione, così come richiesto dall’art. 455. Se tale fine è escluso, non sussiste il reato di cui all’art. 459. Così, se il soggetto, non essendo concorso nella contraffazione o nell’alterazione, abbia detenuto valori di bollo falsificati ma non al fine della messa in circolazione, e poi ne abbia fatto uso secondo la loro normale destinazione, non si configura l’ipotesi criminosa di cui all’art. 459, bensì quella meno grave prevista dall’art. 464 (Fattispecie relativa all’applicazione di una marca da bollo contraffatta sulla patente di guida). Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 3316 del 20 aprile 1983 (Cass. pen. n. 3316/1983)

Qualora il valore bollato, contraffatto o alterato sia stato ricevuto in buona fede e la conoscenza della falsità sia intervenuta in un momento posteriore, la messa in circolazione, e cioè l’uso del valore di bollo non conforme alla sua naturale destinazione, configura l’ipotesi di reato di cui all’art. 459 in relazione all’art. 457 c.p.; l’uso corrispondente alla normale destinazione dà luogo, invece, al reato di cui all’art. 464 c.p., nella forma attenuata prevista dal secondo comma dello stesso articolo. Per messa in circolazione, ai sensi dell’art. 459 c.p., deve intendersi ogni attività con la quale il detentore trasferisce ad altri, anche a titolo gratuito, il valore di bollo falsificato. Oggetto dell’atto di circolazione deve essere, però, il valore di bollo falsificato in sé e per sé e non in riferimento all’uso normale di esso. Se infatti colui che non sia concorso nella contraffazione o nell’alterazione fa del valore di bollo un uso conforme alla sua naturale destinazione, si configura il reato di cui all’art. 464 c.p. Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 691 del 27 gennaio 1983 (Cass. pen. n. 691/1983)

La grossolanità del falso, che abbia per oggetto valori di bollo (francobolli e marche da bollo), dev’essere valutata con riferimento alla generalità dei consociati e non già a determinate categorie di persone, trattandosi di contrassegni il cui uso è generale da parte di tutti i consociati. Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 484 del 27 gennaio 1981 (Cass. pen. n. 484/1981)

L’art. 459 c.p. punisce l’acquisto, la detenzione e la messa in circolazione di valori bollati contraffatti ed è pertanto sufficiente, ai fini della sussistenza dell’elemento psicologico del reato, la volontà cosciente e libera dell’acquisto, detenzione e messa in circolazione dei valori bollati. Lo scopo dell’agente è irrilevante e quindi il fine di collezione non esclude il dolo, quando si tratti di francobolli tuttora in uso, contraffatti in modo da potersi ingannevolmente impiegare per l’affrancamento postale, con conseguente pericolo per la fede pubblica. Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 4250 del 1 febbraio 1980 (Cass. pen. n. 4250/1980)

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Novità giuridiche

Istituti giuridici