Art. 423 – Codice Penale

(R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398)

Incendio

Articolo 423 - Codice Penale

Chiunque cagiona un incendio è punito con la reclusione da tre a sette anni (449).
La disposizione precedente si applica anche nel caso d’incendio della cosa propria, se dal fatto deriva pericolo per la incolumità pubblica (425).

Articolo 423 - Codice Penale

Chiunque cagiona un incendio è punito con la reclusione da tre a sette anni (449).
La disposizione precedente si applica anche nel caso d’incendio della cosa propria, se dal fatto deriva pericolo per la incolumità pubblica (425).

Note

Tabella procedurale

Arresto: obbligatorio in flagranza. 380 c.p.p.
Fermo di indiziato di delitto: consentito. 384 c.p.p.
Misure cautelari personali: consentite. 280, 287 c.p.p.
Autorità giudiziaria competente: Tribunale monocratico. 33 ter c.p.p.
Procedibilità: d’ufficio. 50 c.p.p.

Massime

I delitti di incendio e di danneggiamento seguito da incendio si distinguono in relazione all’elemento psicologico in quanto mentre il primo è connotato dal dolo generico, ovvero dalla volontà di cagionare l’evento con fiamme che, per le loro caratteristiche e la loro violenza, tendono a propagarsi in modo da creare un effettivo pericolo per la pubblica incolumità, il secondo è connotato dal dolo specifico di danneggiare la cosa altrui, senza la previsione che ne deriverà un incendio con le caratteristiche prima indicate o il pericolo di siffatto evento. Cassazione penale, Sez. I, sentenza n. 29294 del 4 luglio 2019 (Cass. pen. n. 29294/2019)

Ai fini dell’integrazione del delitto di incendio (doloso o colposo) occorre distinguere tra il concetto di “fuoco” e quello di “incendio”, in quanto si ha incendio solo quando il fuoco divampi irrefrenabilmente, in vaste proporzioni, con fiamme divoratrici che si propaghino con potenza distruttrice, così da porre in pericolo la incolumità di un numero indeterminato di persone. Cassazione penale, Sez. I, sentenza n. 14263 del 23 marzo 2017 (Cass. pen. n. 14263/2017)

Il discrimine tra il reato di danneggiamento seguito da incendio (art. 424 c.p.) e quello di incendio (art. 423 c.p.) è costituito dall’elemento psicologico del reato. Nell’ipotesi prevista dall’art. 423 c.p. esso consiste nel dolo generico, cioè nella volontà di cagionare un incendio, inteso come combustione di non lievi proporzioni, che tende ad espandersi e non può facilmente essere contenuta e spenta, mentre, invece, il reato di cui all’art. 424 c.p. è caratterizzato dal dolo specifico, consistente nel voluto impiego del fuoco al solo scopo di danneggiare, senza la previsione che ne deriverà un incendio con le caratteristiche prima indicate o il pericolo di siffatto evento. Pertanto, nel caso di incendio commesso al fine di danneggiare, quando a detta ulteriore e specifica attività si associa la coscienza e la volontà di cagionare un fatto di entità tale da assumere le dimensioni previste dall’art. 423 c.p., è applicabile quest’ultima norma e non l’art. 424 c.p., nel quale l’incendio è contemplato come evento che esula dall’intenzione dell’agente. Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 1697 del 16 gennaio 2014 (Cass. pen. n. 1697/2014)

Nel caso di incendio commesso al fine di danneggiare, quando a detta ulteriore e specifica attività si associa la coscienza e la volontà di cagionare un fatto di entità tale da assumere le dimensioni previste dall’art. 423 c.p., è applicabile quest’ultima norma e non l’art. 424 c.p., nel quale l’incendio è contemplato come evento che esula dall’intenzione dell’agente. Cassazione penale, Sez. I, sentenza n. 16612 del 12 aprile 2013 (Cass. pen. n. 16612/2013)

È configurabile il concorso tra il delitto di incendio e quello di omicidio, anche nella forma del tentativo, non potendosi identificare il pericolo per l’incolumità pubblica proprio del primo reato nel pericolo per la vita e l’incolumità delle persone. (Nella specie, la condotta dell’agente era consistita nell’appiccare il fuoco a una catasta di legna immediatamente prospiciente il vano cucina di appartamento abitato dal coniuge, in direzione del quale erano stati collocati tre candelotti di fuochi d’artificio e due bombole di gas con gli ugelli aperti). Cassazione penale, Sez. I, sentenza n. 27542 del 15 luglio 2010 (Cass. pen. n. 27542/2010)

La presunzione “iuris et de iure” del pericolo nel caso di incendio di cosa altrui è configurabile anche con riferimento a cosa parzialmente altrui (nella specie, bene del quale il reo era comproprietario). Cassazione penale, Sez. I, sentenza n. 28843 del 15 luglio 2009 (Cass. pen. n. 28843/2009)

Integra il delitto di incendio tentato l’appiccare un fuoco che sia poi domato sul nascere, prima di poter divampare in vaste proporzioni, con fiamme divoratrici che si propaghino con potenza distruttrice, sì da porre in pericolo l’incolumità di un numero indeterminato di persone. Cassazione penale, Sez. I, sentenza n. 4417 del 2 febbraio 2009 (Cass. pen. n. 4417/2009)

Il discrimine tra il reato di danneggiamento seguito da incendio (art. 424 c.p.) e quello di incendio (art. 423 c.p.) è segnato dall’elemento psicologico del reato. Nell’ipotesi prevista dall’art. 423 c.p. esso consiste nel dolo generico, cioè nella volontà di cagionare un incendio, inteso come combustione di non lievi proporzioni, che tende ad espandersi e non può facilmente essere contenuta e spenta. Il reato di cui all’art. 424 c.p. è, invece, caratterizzato dal dolo specifico, consistente nel voluto impiego del fuoco al solo scopo di danneggiare, senza la previsione che ne deriverà un incendio con le caratteristiche prima indicate o il pericolo di siffatto evento. Pertanto, nel caso di incendio commesso al fine di danneggiare, quando a detta ulteriore e specifica attività si associa la coscienza e la volontà di cagionare un fatto di entità tale da assumere le dimensioni previste dall’art. 423 c.p., è applicabile quest’ultima norma e non l’art. 424 c.p., nel quale l’incendio è contemplato come evento che esula dall’intenzione dell’agente. Cassazione penale, Sez. I, sentenza n. 25781 del 13 giugno 2003 (Cass. pen. n. 25781/2003)

Il concorso colposo è configurabile anche rispetto al delitto doloso, non ostandovi la previsione di cui all’art. 42, comma secondo, c.p., che, riferendosi soltanto alla parte speciale del codice, non interessa le disposizioni di cui agli artt. 110 e 113 c.p. (Fattispecie nella quale è stata ritenuta la responsabilità di un soggetto per aver contribuito a cagionare l’incendio appiccato dolosamente da persona rimasta ignota). Cassazione penale, Sez. IV, sentenza n. 39680 del 22 novembre 2002 (Cass. pen. n. 39680/2002)

L’obbligo di provvedere al taglio di rami di alberi in vicinanza di una linea elettrica in modo da assicurare una distanza di sicurezza dai conduttori aerei ed evitare — così — corti circuiti, fa capo — come previsto dall’art. 121 della legge n. 1775 del 1933 — (esclusivamente) al proprietario-gestore della linea elettrica (nella specie l’Enel), e, per esso, all’incaricato del controllo sul tratto interessato, e non è delegabile o trasferibile, neppure al proprietario del fondo oggetto della servitù di elettrodotto, a carico del quale, pertanto, in ipotesi di incendio colposo conseguente ad un fenomeno di arco voltaico, non si renderà configurabile alcun tipo di responsabilità penale. Ed ove poi quest’ultimo, con contratto stipulato all’atto della costituzione della servitù di elettrodotto, avesse assunto su di sè l’obbligo di provvedere al taglio dei rami, il conseguente titolo di responsabilità contrattuale non potrà, in sede penale, essere assunto in considerazione ai fini delle statuizioni civili, posto che l’azione civile da danno che può far valere nel processo penale è soltanto quella collegata direttamente e strettamente al fatto reato, e posto che sia le pretese della parte civile, che le eccezioni dell’imputato e dei responsabili civili ad esse correlative, debbono avere fondamento esclusivo nel titolo rappresentato dal «fatto di reato», e non possono in alcun modo riguardare titoli diversi aventi rilevanza solo civilistica, e perciò suscettibili di essere fatti valere solo nella loro sede propria, rappresentata da un autonomo processo civile. Cassazione penale, Sez. IV, sentenza n. 6571 del 2 giugno 2000 (Cass. pen. n. 6571/2000)

Ai fini della configurabilità del reato di cui all’articolo 423, secondo comma, c.p., per «cosa propria» deve intendersi quella su cui grava il diritto di proprietà dell’agente e non quella semplicemente posseduta o sulla quale altri vanti un diritto reale limitato. (Nella specie la Corte ha ritenuto che non potesse considerarsi proprietario del bene colui che lo amministra e lo detiene in virtù di una carica societaria). Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 4129 del 31 marzo 2000 (Cass. pen. n. 4129/2000)

Gli elementi costitutivi del reato d’incendio, classificato fra i delitti contro l’incolumità pubblica, vanno identificati nella vastità delle proporzioni delle fiamme, nella diffusività delle stesse, ossia nella tendenza a progredire e ad espandersi e nella difficoltà di spegnimento. Cassazione penale, Sez. I, sentenza n. 14592 del 23 dicembre 1999 (Cass. pen. n. 14592/1999)

Il tentativo di incendio è configurabile solo nel caso previsto dal primo comma dell’art. 423 c.p., e non nel caso di incendio di cosa propria, nel quale l’esclusione del tentativo è giustificata dalla circostanza che, diversamente, si anticiperebbe irrazionalmente la soglia di punibilità, reprimendo il pericolo di un pericolo. (Fattispecie, nella quale è stato ritenuto configurabile il tentativo, sul rilievo che il fuoco era stato appiccato nell’ingresso comune di un complesso condominiale, nel quale erano situate sia l’abitazione dell’autore del fatto, sia quella della moglie separata). Cassazione penale, Sez. I, sentenza n. 6392 del 19 febbraio 1998 (Cass. pen. n. 6392/1998)

L’elemento di distinzione tra il delitto di cui all’art. 423 c.p. (incendio) e quello previsto dall’art. 424 c.p. (danneggiamento seguito da incendio) deve individuarsi nella volontà del soggetto attivo del reato che nella prima fattispecie agisce per provocare un incendio, nella seconda soltanto per danneggiare e l’incendio che ne sorge è una conseguenza, non voluta, casualmente riferibile (per colpa) alla sua azione o omissione. Ne consegue che allorquando l’agente abbia compiuto atti idonei diretti in modo non equivoco a cagionare un incendio, e cioè un fuoco con caratteristiche di intensità e di diffusività tali da porre in pericolo la pubblica incolumità, dovrà rispondere – anche se per motivi indipendenti dalla sua volontà l’incendio poi non si sviluppa – del delitto di tentato incendio doloso. Cassazione penale, Sez. I, sentenza n. 5362 del 7 giugno 1997 (Cass. pen. n. 5362/1997)

L’elemento psicologico nel delitto di cui all’art. 423 c.p. consiste nel dolo generico. Ne consegue che, nel caso di incendio commesso al fine di danneggiare, quando a tale ulteriore e specifica finalità si associa la coscienza e volontà di cagionare un evento di proporzioni tali da assumere le caratteristiche richieste dall’art. 423 c.p., è applicabile la detta norma, e non l’art. 424 stesso codice, che prevede l’incendio come evento che esula dall’intenzione dell’agente. (In motivazione la S.C. ha chiarito che tale distinzione è applicabile anche in caso di tentativo, ipotesi nella quale occorre accertare se l’incendio rientri, come evento, nella proiezione della volontà dell’agente). Cassazione penale, Sez. I, sentenza n. 217 del 9 aprile 1997 (Cass. pen. n. 217/1997)

Per la configurazione del reato di incendio di cui all’art. 423 c.p. è necessario che il soggetto agente abbia voluto cagionare l’incendio; mentre, quando il pericolo dell’incendio o addirittura l’incendio si siano verificate come conseguenza non voluta dell’azione sono configurabili rispettivamente il reato di cui all’art. 424, comma primo, c.p. (danneggiamento seguito da incendio) o l’ipotesi aggravata dello stesso reato prevista dal secondo comma del citato articolo. Pertanto, quello che distingue le ipotesi criminose previste dagli artt. 423 e 424 c.p. non è tanto l’entità delle conseguenze che si sono verificate, bensì l’elemento soggettivo del reato; nel senso che, nel reato previsto dall’art. 423 c.p., l’agente vuole cagionare l’incendio, mentre, in quello previsto dall’art. 424 c.p., il pericolo dell’incendio, o addirittura l’incendio, si verificano come conseguenza non voluta dell’azione commessa. Cassazione penale, Sez. I, sentenza n. 6638 del 7 giugno 1995 (Cass. pen. n. 6638/1995)

Sussiste il delitto di incendio di cui all’art. 423 c.p. quando l’azione di appiccare il fuoco è finalizzata a cagionare l’evento con fiamme che per le loro caratteristiche e per la loro violenza tendano a propagarsi in modo da creare effettivo pericolo per la pubblica incolumità. Viceversa sussiste il delitto di danneggiamento seguito da incendio allorché il fatto viene realizzato con il solo intento e cioè con il dolo specifico di danneggiare la cosa altrui. Ne consegue che nell’ipotesi in cui l’agente, pur proponendosi di danneggiare la cosa altrui, tuttavia per i mezzi usati e per la vastità e le dimensioni del risultato raggiunto, ha realizzato un incendio di proporzioni tali da mettere in pericolo la pubblica incolumità, deve in ogni caso rispondere del delitto di incendio doloso e non già del meno grave reato di danneggiamento seguito da incendio. Cassazione penale, Sez. I, sentenza n. 4506 del 26 aprile 1995 (Cass. pen. n. 4506/1995)

Qualora un incendio si sia sviluppato dopo avere dato fuoco a sterpaglie, il verificarsi di folate di vento non può considerarsi fatto imprevedibile, soprattutto in mesi dell’anno caratterizzati da variazioni atmosferiche, ma rappresenta un fenomeno da tenere in debito conto prima dell’accensione di un fuoco, che è operazione da controllare costantemente per la possibilità di propagarsi delle fiamme per un qualsivoglia motivo. Cassazione penale, Sez. IV, sentenza n. 1336 del 5 aprile 1995 (Cass. pen. n. 1336/1995)

Ai fini della sussistenza del delitto previsto dall’art. 423, comma secondo, c.p., il fuoco deve essere qualificato incendio ed il fatto configura il reato consumato di incendio della cosa propria se il fuoco è di tale intensità e di tale potere da costituire un concreto pericolo per la pubblica incolumità, dato che, ai fini penalistici, la nozione di incendio non richiede necessariamente la forza prorompente e distruggitrice delle fiamme. Cassazione penale, Sez. I, sentenza n. 2660 del 26 febbraio 1991 (Cass. pen. n. 2660/1991)

Sussiste il delitto d’incendio di cui all’art. 423 c.p. quando l’azione dell’appiccare il fuoco è finalizzata a cagionare l’evento con un fuoco che tenda a diffondersi, avente caratteristiche tali, per proporzioni e violenza, da determinare un pericolo effettivo per la pubblica incolumità. Invece per la sussistenza del delitto di danneggiamento seguito da incendio di cui all’art. 424 c.p. il fatto non deve essere realizzato con il proposito di provocare un incendio, ma con la sola intenzione di danneggiare la cosa altrui.  Cassazione penale, Sez. I, sentenza n. 16264 del 7 dicembre 1990 (Cass. pen. n. 16264/1990)

In tema di reati di pericolo, va fatta distinzione tra il concetto di fuoco e quello d’incendio, in quanto si ha incendio solo quando il fuoco divampi irrefrenabilmente, in vaste proporzioni, con fiamme divoratrici che si propaghino con potenza distruttrice, così da porre in pericolo l’incolumità di un numero indeterminato di persone. Ne deriva che, non ogni fuoco è, di per sé ab origine, qualificabile come incendio; è tale, secondo la fattispecie legale, prevista sia dall’art. 423 che dall’art. 449 del codice penale, solo quando le fiamme, non controllate e non controllabili, assumano i connotati di cui sopra. Mentre nell’ipotesi dolosa la mera accensione del fuoco ha rilievo, se posta in essere allo scopo di provocare un incendio; viceversa, in quella colposa, rileva solo ed esclusivamente la fattispecie legale: l’essere, cioè, divampato l’incendio. In quest’ultima ipotesi, al fine della causale determinazione di tale evento, assume rilievo eziologico l’azione o l’omissione dell’agente, in esse dovendosi individuare l’esistenza, o meno, della colpa. La mera accensione del fuoco, dovuta, a fatto del soggetto cui si addebita l’incendio colposo, (o a qualsiasi altra causa), è giuridicamente irrilevante: assume rilievo esclusivamente il perché, ad opera di quali cause, per quali comportamenti, cui risulti estraneo l’intento di provocare l’incendio, il fuoco sia divampato assumendo le caratteristiche della vastità, diffusibilità e difficoltà di estinzione sopra evidenziate. Cassazione penale, Sez. IV, sentenza n. 2805 del 20 febbraio 1989 (Cass. pen. n. 2805/1989)

L’accensione dolosa di un fuoco a fine di incendio, non esclude la responsabilità di chi renda possibile con la sua condotta colposa, il diffondersi del fuoco che divampi in incendio. Cassazione penale, Sez. IV, sentenza n. 875 del 23 gennaio 1988 (Cass. pen. n. 875/1988)

Per la sussistenza del delitto di incendio, di cui all’art. 423 c.p., non occorre la forza prorompente e distruttrice delle fiamme, ma è sufficiente che il fuoco tenda a diffondersi e non possa facilmente spegnersi ed è necessaria la volontà di cagionare l’evento, sapendo che il fuoco appiccato ha le caratteristiche dell’incendio. Invece, nel caso del danneggiamento seguito da incendio, di cui all’art. 424 c.p., il fatto non viene realizzato col proposito di provocare un incendio, ma con la semplice intenzione di danneggiare la cosa altrui. Quando al fine di danneggiare si associa quello di cagionare l’incendio è applicabile l’art. 423 c.p. e non l’art. 424 stesso codice. Cassazione penale, Sez. II, sentenza n. 1495 del 8 febbraio 1979 (Cass. pen. n. 1495/1979)

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Istituti giuridici

Novità giuridiche