Art. 333 – Codice Penale

(R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398)

ARTICOLO ABROGATO - Abbandono individuale di un pubblico ufficio, servizio o lavoro

Articolo 333 - Codice Penale

(1) [Il pubblico ufficiale (357), l’impiegato incaricato di un pubblico servizio (358) , il privato che esercita un servizio pubblico o di pubblica necessità (359) non organizzato in impresa, o il dipendente da imprese di servizi pubblici o di pubblica necessità, il quale abbandona l’ufficio, il servizio o il lavoro, al fine di turbarne la continuità o la regolarità, è punito con la reclusione fino a sei mesi o con la multa fino a lire un milione.
La stessa pena si applica anche a chi, con il fine sopra indicato, senza abbandonare l’ufficio, il servizio o il lavoro, li presta in modo da turbarne la continuità o la regolarità.
La pena è aumentata se dal fatto deriva pubblico o privato nocumento (64)].

Articolo 333 - Codice Penale

(1) [Il pubblico ufficiale (357), l’impiegato incaricato di un pubblico servizio (358) , il privato che esercita un servizio pubblico o di pubblica necessità (359) non organizzato in impresa, o il dipendente da imprese di servizi pubblici o di pubblica necessità, il quale abbandona l’ufficio, il servizio o il lavoro, al fine di turbarne la continuità o la regolarità, è punito con la reclusione fino a sei mesi o con la multa fino a lire un milione.
La stessa pena si applica anche a chi, con il fine sopra indicato, senza abbandonare l’ufficio, il servizio o il lavoro, li presta in modo da turbarne la continuità o la regolarità.
La pena è aumentata se dal fatto deriva pubblico o privato nocumento (64)].

Note

(1) Questo articolo è stato abrogato dall’art. 11 della L. 12 giugno 1990, n. 146.

Tabella procedurale

Massime

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Novità giuridiche

Istituti giuridici