(R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398)

Sequestro di persona a scopo di terrorismo o di eversione

Articolo 289 bis - Codice Penale

Chiunque, per finalità di terrorismo o di eversione dell’ordine democratico (280) sequestra (605, 630) una persona è punito con la reclusione da venticinque a trenta anni.
Se dal sequestro deriva comunque la morte (586), quale conseguenza non voluta dal reo, della persona sequestrata, il colpevole è punito con la reclusione di anni trenta.
Se il colpevole cagiona la morte del sequestrato (575) si applica la pena dell’ergastolo.
Il concorrente (110) che, dissociandosi dagli altri, si adopera in modo che il soggetto passivo riacquisti la libertà è punito con la reclusione da due a otto anni; se il soggetto passivo muore, in conseguenza del sequestro, dopo la liberazione, la pena è della reclusione da otto a diciotto anni.
Quando ricorre una circostanza attenuante (62, 62 bis, 65), alla pena prevista dal secondo comma è sostituita la reclusione da venti a ventiquattro anni; alla pena prevista dal terzo comma è sostituita la reclusione da ventiquattro a trenta anni. Se concorrono più circostanze attenuanti, la pena da applicare per effetto delle diminuzioni non può essere inferiore a dieci anni, nell’ipotesi prevista dal secondo comma, ed a quindici, nell’ipotesi prevista dal terzo comma.

Articolo 289 bis - Codice Penale

Chiunque, per finalità di terrorismo o di eversione dell’ordine democratico (280) sequestra (605, 630) una persona è punito con la reclusione da venticinque a trenta anni.
Se dal sequestro deriva comunque la morte (586), quale conseguenza non voluta dal reo, della persona sequestrata, il colpevole è punito con la reclusione di anni trenta.
Se il colpevole cagiona la morte del sequestrato (575) si applica la pena dell’ergastolo.
Il concorrente (110) che, dissociandosi dagli altri, si adopera in modo che il soggetto passivo riacquisti la libertà è punito con la reclusione da due a otto anni; se il soggetto passivo muore, in conseguenza del sequestro, dopo la liberazione, la pena è della reclusione da otto a diciotto anni.
Quando ricorre una circostanza attenuante (62, 62 bis, 65), alla pena prevista dal secondo comma è sostituita la reclusione da venti a ventiquattro anni; alla pena prevista dal terzo comma è sostituita la reclusione da ventiquattro a trenta anni. Se concorrono più circostanze attenuanti, la pena da applicare per effetto delle diminuzioni non può essere inferiore a dieci anni, nell’ipotesi prevista dal secondo comma, ed a quindici, nell’ipotesi prevista dal terzo comma.

Note

Tabella procedurale

Arresto: obbligatorio in flagranza 380 c.p.p.
Fermo di indiziato di delitto: consentito 384 c.p.p.
Misure cautelari personali: consentite 280, 287 c.p.p.
Autorità giudiziaria competente: Corte di assise 5 c.p.p.
Procedibilità: d’ufficio 50 c.p.p.

Massime

In tema di sequestro di persona a scopo di terrorismo o di eversione (art. 289 bis cod. pen.), è configurabile il concorso nel reato da parte di chi, a sequestro ancora in atto, dia luogo a pubbliche manifestazioni di adesione alla iniziativa di coloro che hanno privato e seguitano a privare il sequestrato del bene della libertà personale, potendosi il concorso realizzare, in genere, anche sotto forma di incoraggiamento e rafforzamento dell’altrui proposito criminoso ed essendo obiettivamente idonee, le dette manifestazioni, (tanto più in quanto sollecitate dai sequestratori), a costituire quanto meno un ostacolo all’eventuale formarsi, nell’animo di costoro, di una volontà di resipiscenza che si traduca nell’unica decisione per essi doverosa, e cioè quella di dar luogo alla immediata e incondizionata liberazione del sequestrato. (Nella specie, in applicazione di tali principii, la Corte ha ritenuto giustificata l’affermazione di responsabilità, a titolo di concorso, di taluni aderenti all’organizzazione terroristica “brigate rosse”, in stato di detenzione, nel sequestro, attuato da altri aderenti al medesimo sodalizio, di un magistrato, di cui si minacciava l’uccisione se non fosse stata provveduto, tra l’altro, a disporre l’immediata chiusura di un istituto carcerario prevalentemente destinato a imputati e condannati per reati di terrorismo). Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 11344 del 11 dicembre 1993 (Cass. pen. n. 11344/1993)

L’attenuante di cui al quarto comma dell’art. 289 bis c.p. è applicabile non solo quando uno dei concorrenti si dissoci e si adoperi per la liberazione dell’ostaggio, ma anche quando detta liberazione avvenga per decisione unanime di tutti i concorrenti.

L’attenuante di cui al quarto comma dell’art. 289 bis c.p. spetta soltanto se vi sia una volontaria interruzione, da parte degli autori del reato, della condotta deliberata e posta in essere; non spetta invece quando l’avere l’ostaggio riacquistato la libertà è un dato di fatto da porre in relazione esclusivamente con l’avvenuto compimento dell’azione programmata. (Fattispecie nella quale dieci terroristi, fatta irruzione in una scuola di formazione aziendale Fiat, avevano sequestrato 200 persone, docenti e discenti, immobilizzandone e imbavagliandone alcune e comunque obbligandole tutte, mediante minaccia con armi, a stare raggruppate in alcuni locali dello stabile e ad ascoltare discorsi e slogans inneggianti alla lotta armata e alla organizzazione prima linea in particolare; quindi quattro studenti e sei docenti erano stati condotti in corridoio, immobilizzati e fatti sedere a terra e contro di loro erano stati sparati vari colpi di pistola agli arti inferiori; dopo circa cinquanta minuti di occupazione gli aggressori, esaurita l’azione programmata, si erano allontanati). Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 4855 del 4 aprile 1990 (Cass. pen. n. 4855/1990)

Nell’ambito della previsione normativa del sequestro di persona a scopo di terrorismo o di eversione è compresa qualsiasi condotta che, privando della libertà personale un individuo, sia sorretta dall’uno o dall’altro degli scopi specificamente tipizzati. Né va esclusa l’ipotesi di un terrorismo che non si accompagni a scopi di destabilizzazione dell’ordine costituzionale ovvero di un’eversione che prescinda dalla diffusione del terrore. (Nella specie la corte ha ritenuto la sussistenza del reato nella condotta dei dirottatori di una nave, non indirizzata a scopi di destabilizzazione dell’ordinamento costituzionale italiano, ma al conseguimento della liberazione dei palestinesi detenuti in Israele). Cassazione penale, Sez. I, sentenza n. 10711 del 27 luglio 1989 (Cass. pen. n. 10711/1989)

Dalla formulazione letterale della disposizione normativa di cui all’art. 289 bis e, precisamente, dalla disgiunzione che in essa è posta tra finalità di terrorismo e di eversione dell’ordine democratico (espressione quest’ultima sostituita con quella di ordinamento costituzionale dell’art. 11 L. 29 maggio 1982, n. 304) è agevole desumere che nell’ambito della fattispecie penale deve ricomprendersi qualsiasi condotta che, comprimendo la libertà dell’individuo, sia sorretta dall’una o dall’altro degli scopi espressamente tipizzati. Tale interpretazione trae ulteriore supporto dal rilievo che laddove il legislatore ha inteso perseguire esclusivamente attività terroristiche avvinte da un rapporto di strumentalità allo scopo del sovvertimento dei principi fondamentali sanciti dalla Costituzione e posti a base della vigente organizzazione statuale, così come, appunto, nella previsione del delitto di cui all’art. 270 bis c.p., ha espressamente enunciato, nella formulazione del disposto normativo, come figura antigiuridica tipica, il compimento di atti terroristici finalizzati alla sola eversione. Cassazione penale, Sez. I, sentenza n. 5807 del 10 maggio 1988 (Cass. pen. n. 5807/1988)

La finalità di terrorismo o di eversione dell’ordinamento costituzionale — che qualifica il sequestro di persona divenendone elemento costitutivo e lo colloca, assunta la nuova figura di reato di cui all’art. 289 bis c.p., tra i delitti contro la personalità interna dello Stato — deve muovere l’azione del soggetto, della quale il terrorismo o l’eversione costituisce il particolare obiettivo. La finalità di terrorismo e quella di eversione dell’ordinamento costituzionale sono concettualmente diverse e possono non coincidere nella medesima fattispecie. Per quanto l’azione criminosa così motivata tenda a porre in pericolo le strutture sulle quali poggia l’assetto costituzionale: la finalità di terrorismo, infatti, è certamente quella di incutere terrore nella collettività con azioni criminose indiscriminate, dirette, cioè, non contro le singole persone ma contro quello che esse rappresentano o, se dirette contro la persona indipendentemente dalla sua funzione nella società, miranti a incutere terrore per scuotere la fiducia nell’ordinamento costituito e indebolire le strutture; la finalità di eversione si identifica, invece, nel fine più diretto di sovvertire l’ordinamento costituzionale e di travolgere in definitiva l’assetto democratico e pluralistico dello Stato, disarticolandone le strutture, impedendone il funzionamento o deviandolo dai principi fondamentali che costituiscono l’essenza dell’ordinamento costituzionale. Cassazione penale, Sez. I, sentenza n. 3130 del 14 marzo 1987 (Cass. pen. n. 3130/1987)

L’ordine democratico e costituzionale attiene a quei principi fondamentali che formano il nucleo intangibile destinato a contrassegnare la specie di organizzazione statale, cui si è voluto dare vita: tali principi sono contenuti, prevalentemente, nei primi cinque articoli della Costituzione, la cui norma chiave è quella prevista dall’art. 2, che riconosce e garantisce i diritti inviolabili sia del singolo sia delle formazioni sociali e prevede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale. Insorgere anche contro uno solo di questi principi sui quali si regge la concezione fondamentale della vita associata con azioni violente, integra indubbiamente un comportamento finalizzato all’eversione dell’ordine democratico. Conseguentemente ogni condotta diretta contro lo Stato, i suoi poteri ed organi e, più precisamente, tutti gli atti criminosi tendenti ad impedire in qualche modo tale ordine democratico e ordine costituzionale contengono le finalità di terrorismo e di eversione. Cassazione penale, Sez. I, sentenza n. 8552 del 17 ottobre 1984 (Cass. pen. n. 8552/1984)

Office Advice Logo

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati