Art. 251 – Codice Penale

(R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398)

Inadempimento di contratti di forniture in tempo di guerra

Articolo 251 - Codice Penale

Chiunque, in tempo di guerra (310), non adempie in tutto o in parte gli obblighi che gli derivano da un contratto di fornitura di cose o di opere concluso con lo Stato (268) o con un altro ente pubblico o con un’impresa esercente servizi pubblici o di pubblica necessità (355), per i bisogni delle forze armate dello Stato o della popolazione, è punito con la reclusione da tre a dieci anni e con la multa pari al triplo del valore della cosa o dell’opera che egli avrebbe dovuto fornire e, in ogni caso, non inferiore a € 1.032.
Se l’inadempimento, totale o parziale, del contratto è dovuto a colpa (43), le pene sono ridotte alla metà. Le stesse disposizioni si applicano ai subfornitori, ai mediatori e ai rappresentanti dei fornitori, allorché essi, violando i loro obblighi contrattuali, hanno cagionato l’inadempimento del contratto di fornitura (7, 8, 268, 302 ss., 311 ss., 355 ss., 363; 162 c.p.m.g.).

Articolo 251 - Codice Penale

Chiunque, in tempo di guerra (310), non adempie in tutto o in parte gli obblighi che gli derivano da un contratto di fornitura di cose o di opere concluso con lo Stato (268) o con un altro ente pubblico o con un’impresa esercente servizi pubblici o di pubblica necessità (355), per i bisogni delle forze armate dello Stato o della popolazione, è punito con la reclusione da tre a dieci anni e con la multa pari al triplo del valore della cosa o dell’opera che egli avrebbe dovuto fornire e, in ogni caso, non inferiore a € 1.032.
Se l’inadempimento, totale o parziale, del contratto è dovuto a colpa (43), le pene sono ridotte alla metà. Le stesse disposizioni si applicano ai subfornitori, ai mediatori e ai rappresentanti dei fornitori, allorché essi, violando i loro obblighi contrattuali, hanno cagionato l’inadempimento del contratto di fornitura (7, 8, 268, 302 ss., 311 ss., 355 ss., 363; 162 c.p.m.g.).

Note

Tabella procedurale

Arresto: primo comma, obbligatorio in flagranza; secondo comma, facoltativo in flagranza 380 c.p.p.; 381 c.p.p.
Fermo di indiziato di delitto: primo comma, consentito; secondo comma non consentito. 384 c.p.p.
Misure cautelari personali: consentite 280, 287 c.p.p.
Autorità giudiziaria competente: primo comma, Corte di assise; secondo comma, Tribunale monocratico. 5 c.p.p.; 33 ter c.p.p.
Procedibilità: d’ufficio 50 c.p.p. se il reato è commesso a danno dello Stato italiano; con l’autorizzazione del Ministro di grazia e giustizia 313 c.p. se il reato è commesso a danno di uno Stato estero.

Massime

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Istituti giuridici

Novità giuridiche