(R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398)

Remissione della querela

Articolo 152 - Codice Penale

Nei delitti punibili a querela della persona offesa (120 ss.), la remissione estingue il reato.
La remissione è processuale (340 c.p.p.) o extraprocessuale. La remissione extraprocessuale è espressa o tacita. Vi è remissione tacita, quando il querelante ha compiuto fatti incompatibili con la volontà di persistere nella querela.
La remissione può intervenire solo prima della condanna, salvi i casi per i quali la legge disponga altrimenti.
La remissione non può essere sottoposta a termini o a condizioni. Nell’atto di remissione può essere fatta rinuncia al diritto alle restituzioni e al risarcimento del danno (185; 340 c.p.p.).

Articolo 152 - Codice Penale

Nei delitti punibili a querela della persona offesa (120 ss.), la remissione estingue il reato.
La remissione è processuale (340 c.p.p.) o extraprocessuale. La remissione extraprocessuale è espressa o tacita. Vi è remissione tacita, quando il querelante ha compiuto fatti incompatibili con la volontà di persistere nella querela.
La remissione può intervenire solo prima della condanna, salvi i casi per i quali la legge disponga altrimenti.
La remissione non può essere sottoposta a termini o a condizioni. Nell’atto di remissione può essere fatta rinuncia al diritto alle restituzioni e al risarcimento del danno (185; 340 c.p.p.).

Note

Tabella procedurale

Massime

In tema di revisione, la remissione di querela, intervenuta in pendenza del giudizio ed acquisita al fascicolo processuale senza essere valutata ai fini della decisione, rientra nel concetto di “prova nuova”, rilevante ai sensi dell’art. 630, lett. c), cod. proc. pen. (Fattispecie in cui è stata annullata la decisione della corte d’appello che aveva ritenuto inammissibile la richiesta di revisione sul presupposto che la remissione non integrasse una “prova nuova”, senza neppure acquisire il fascicolo del giudizio di cognizione, dal cui esame sarebbe emerso che la remissione di querela e l’accettazione, pur essendo state acquisite al fascicolo del dibattimento, non erano state valutate, neppure implicitamente, nella sentenza di condanna). Cass. pen. Sezioni Unite, Cassazione penale, Sez. VI, sentenza n. 24435 del 28 agosto 2020 (Cass. pen. n. 24435/2020)

In tema di appello della parte civile a seguito di sentenza di assoluzione in primo grado, la sopravvenuta remissione della querela, ritualmente accettata dal querelato, non determina l’estinzione del reato, in quanto assume il significato di una rinunzia implicita all’impugnazione ex art. 591, comma 1, lett. d), cod. proc. pen., con conseguente inammissibilità della stessa. (In motivazione, la Corte ha chiarito che, trattandosi di appello proposto ai soli effetti civili, la remissione di querela non avrebbe potuto incidere sui profili penali della sentenza impugnata e determinare, a seguito dell’accettazione del querelato, l’estinzione del reato, in quanto già ne era stata esclusa la sussistenza per mancanza del dolo).  Cass. pen. Sezioni Unite, Cassazione penale, Sez. VI, sentenza n. 31924 del 18 luglio 2020 (Cass. pen. n. 31924/2019)

Integra remissione tacita di querela la mancata comparizione alla udienza dibattimentale (nella specie davanti al Giudice di pace) del querelante, previamente ed espressamente avvertito dal giudice che l’eventuale sua assenza sarà interpretata come fatto incompatibile con la volontà di persistere nella querela. Cass. pen. Sezioni Unite, Cassazione penale, Sez. Unite, sentenza n. 31668 del 21 luglio 2016 (Cass. pen. n. 31668/2016)

La declaratoria di estinzione del reato per improseguibilità dell’azione penale per intervenuta remissione di querela, ritualmente accettata dal querelato, ha carattere pregiudiziale rispetto alle formule di proscioglimento riferibili ad altre cause di estinzione del reato. (Fattispecie in cui la Suprema Corte, ha annullato senza rinvio la sentenza impugnata per essere il reato estinto per remissione di querela, intervenuta in pendenza del giudizio di cassazione, nonostante la sopravvenuta prescrizione del reato medesimo). Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 21874 del 28 maggio 2014 (Cass. pen. n. 21874/2014)

La remissione extraprocessuale tacita della querela presuppone condotte assolutamente incompatibili con la volontà di persistere nell’istanza punitiva, le quali possono trovare solo conferma nella mancata comparizione in udienza della persona offesa. (Nella fattispecie la persona offesa aveva negoziato l’assegno consegnatole a titolo di risarcimento del danno e si era resa irreperibile, così da mostrare il suo disinteresse al prosieguo del processo, non presentandosi alle udienze, benché avvertita che la sua mancata presentazione sarebbe stata considerata remissione tacita di querela). Cassazione penale, Sez. IV, sentenza n. 4059 del 29 gennaio 2014 (Cass. pen. n. 4059/2014)

È inammissibile per difetto di interesse il ricorso per cassazione – avverso la sentenza che dichiari l’estinzione del reato per remissione di querela – proposto dal Pubblico Ministero per dedurre che l’imputato non è stato posto in condizioni di esprimere validamente la volontà di accettare o ricusare la remissione, trattandosi di interesse che può essere riconosciuto solo in capo all’imputato stesso. Cassazione penale, Sez. II, sentenza n. 12375 del 28 marzo 2011 (Cass. pen. n. 12375/2011)

Nel procedimento davanti al giudice di pace, ai fini dell’efficacia della remissione di querela, non è indispensabile l’accettazione del querelato, essendo sufficiente che non vi sia da parte di quest’ultimo un rifiuto espresso o tacito della remissione. Ne consegue che, in assenza di altri elementi, anche la contumacia dell’imputato può essere apprezzata quale indice dell’assenza della volontà di coltivare il processo per giungere alla rilevazione della propria innocenza. Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 2776 del 26 gennaio 2011 (Cass. pen. n. 2776/2011)

La mancata comparizione dell’imputato – previamente avvisato, con atto notificatogli regolarmente, che la sua assenza all’udienza sarebbe stata considerata come tacita accettazione dell’avvenuta remissione – assume l’inequivoca valenza di manifestazione della volontà di accettazione della remissione, considerato che, ai fini dell’efficacia giuridica della remissione di querela, non è indispensabile una esplicita e formale accettazione, cioè una manifestazione positiva di volontà di accettazione, ma è sufficiente, ex art. 155, comma primo, c.p., che non vi sia una ricusazione in forma espressa o tacita. Ne consegue che, in tal caso, la remissione, non avendo l’imputato realizzato fatti o comportamenti incompatibili con la volontà di accettare, ha determinato il tipico effetto estintivo del reato. Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 35900 del 6 ottobre 2010 (Cass. pen. n. 35900/2010)

La mancata comparizione all’udienza del querelato contumace non integra accettazione tacita della remissione della querela neppure ove egli sia venuto a conoscenza di detta remissione. Cassazione penale, Sez. II, sentenza n. 34124 del 4 settembre 2009 (Cass. pen. n. 34124/2009)

Nel procedimento davanti al giudice di pace, ai fini dell’efficacia della remissione di querela, non è indispensabile l’accettazione del querelato, essendo sufficiente che non vi sia da parte di quest’ultimo un rifiuto espresso o tacito della remissione. Ne consegue che, in assenza di altri elementi, anche la contumacia dell’imputato può essere apprezzata quale indice dell’assenza della volontà di coltivare il processo per giungere alla rilevazione della propria innocenza. Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 4696 del 3 febbraio 2009 (Cass. pen. n. 4696/2009)

Fuori dalle ipotesi espressamente e specificamente disciplinate dalla normativa sulla competenza penale del giudice di pace (artt. 21, 28 e 30 D.L.vo 28 agosto 2000, n. 274 ), la mancata comparizione del querelante nel processo, nonostante la sollecitazione del giudice a comparire prefigurando la mancata comparizione come remissione tacita della querela, non dà luogo ad un caso di rimessione tacita. Cassazione penale, Sez. Unite, sentenza n. 46088 del 15 dicembre 2008 (Cass. pen. n. 46088/2008)

L’impegno, assunto in sede civile, all’atto della separazione personale, da parte del coniuge querelante, di rimettere la querela, non equivale a volontà definitiva valida in sede penale e non può, pertanto, essere considerato come manifestazione di volontà tacita di remissione. Cassazione penale, Sez. Feriale, sentenza n. 34501 del 1 settembre 2008 (Cass. pen. n. 34501/2008)

La mancata comparizione del querelante nel procedimento davanti al giudice di pace, instaurato a seguito di citazione a giudizio disposta dal PM, ex art. 20 D.L.vo n. 274 del 2000 non integra la remissione tacita di querela, in quanto, in tal caso, trovano applicazione le regole generali di cui all’art. 152 c.p. che richiede, a tal fine, un’inequivocabile manifestazione di volontà concretantesi in una condotta incompatibile con la volontà di persistere nella richiesta di punizione, la quale non può essere ravvisata nella mancata presentazione della persona offesa all’udienza dibattimentale. Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 28152 del 9 luglio 2008 (Cass. pen. n. 28152/2008)

La remissione extraprocessuale tacita della querela (art. 152 c.p.) ha per presupposto fatti assolutamente inequivoci ed incompatibili con la volontà di persistere nella querela. Ne deriva che è immune da censure la decisione con cui il giudice di appello abbia escluso la sussistenza della detta remissione in ragione del comportamento equivoco della parte lesa, da cui non emerga in maniera univoca che non voglia più la punizione di colui che si sia reso responsabile di ingiurie, lesioni od altro. (Nella specie, la persona offesa aveva semplicemente dichiarato «abbiamo fatto pace, ma non ci salutiamo più»). Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 3913 del 1 febbraio 2007 (Cass. pen. n. 3913/2007)

Non si ha remissione tacita della querela nel caso di omessa comparizione dell’offeso dal reato nel processo penale, trattandosi di comportamento omissivo, improduttivo di qualsiasi effetto sulla procedibilità dell’azione penale; nè alla omessa comparizione può attribuirsi l’anzidetto valore, previamente notificando alla persona offesa l’avvertimento che la sua assenza sarebbe interpretata come remissione tacita della querela, posto che questa, che è solo extraprocessuale, non può essere integrata da un comportamento processuale. Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 6771 del 23 febbraio 2006 (Cass. pen. n. 6771/2006)

La mancata comparizione del querelante all’udienza non costituisce un comportamento idoneo ad integrare la remissione della querela, la quale, se extraprocessuale, può essere anche tacita ma deve fondarsi su un comportamento univoco incompatibile con la volontà di persistere nell’istanza punitiva, univocità che, in tal caso, non sussiste. Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 46808 del 21 dicembre 2005 (Cass. pen. n. 46808/2005)

La remissione di querela non può essere sottoposta a termini o a condizioni, sì che è inefficace la remissione cui sia stata apposta la condizione consistente nella corresponsione, non effettuata, della somma pattuita a titolo di risarcimento del danno. Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 16014 del 28 aprile 2005 (Cass. pen. n. 16014/2005)

In tema di querela, l’omessa comparizione del querelante — nonostante l’avviso previamente notificatogli con l’avvertimento che la sua assenza sarebbe stata interpretata come remissione tacita della querela — all’udienza dinanzi al giudice di pace, non integra gli estremi della remissione tacita di cui all’art. 152 c.p., la quale è prevista solo con riguardo alla remissione extraprocessuale, con la conseguenza che un comportamento processuale non può costituire espressione dell’intento di remissione dell’istanza punitiva; d’altro canto, il querelante non ha l’obbligo di comparire e, comunque, la legge non ricollega alla sua assenza la predetta conseguenza. Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 12861 del 6 aprile 2005 (Cass. pen. n. 12861/2005)

Per rimettere la querela l’ordinamento non impone formule sacramentali; anche un atto di transazione in merito ai danni conseguenti a determinate ipotesi delittuose può essere sufficiente, quando risulti evidente e chiaro che il soggetto non ha piú la volontà attuale di pervenire ad una condanna in sede penale del responsabile del fatto-reato (Nel caso di specie, la S.C. ha ritenuto l’espressione: “rinuncia di ogni azione giudiziaria” usata in un atto di transazione, una manifestazione espressa della volontà di remissione della querela). Cassazione penale, Sez. IV, sentenza n. 14826 del 26 marzo 2004 (Cass. pen. n. 14826/2004)

L’omessa comparizione in udienza del querelante costituisce remissione tacita di querela nella ipotesi in cui essa sia stata preceduta dall’avvertimento, formulato dal giudice, che la sua assenza alla udienza successiva sarebbe stata interpretata in tal modo. Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 31963 del 27 agosto 2001 (Cass. pen. n. 31963/2001)

La reciproca remissione delle querele, formalizzata dagli imputati in un momento successivo alla sentenza di condanna, produce l’effetto estintivo del reato anche nei riguardi di quello che non abbia impugnato la pronuncia, a condizione che la volontà espressa nell’atto di remissione abbia investito tutti i fatti oggetto del procedimento penale. (In applicazione di tale principio la Corte, ha annullato senza rinvio la sentenza di condanna nei confronti della ricorrente, perché i reati erano estinti per remissione della querela e nei confronti dell’imputata che non aveva presentato ricorso avverso la stessa decisione, per l’estensione dell’effetto estintivo). Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 10335 del 13 marzo 2001 (Cass. pen. n. 10335/2001)

La remissione tacita extraprocessuale della querela può configurarsi solamente quando il querelante abbia compiuto fatti incompatibili con la volontà di chiedere l’accertamento della responsabilità penale del colpevole in ordine a fatti penalmente rilevanti, che hanno formato oggetto dell’istanza di punizione. Tali fatti devono essere univoci sì da potersi desumere con chiarezza la indicata incompatibilità. Il carattere della univocità non è riscontrabile, in relazione a querela presentata da un coniuge nei confronti dell’altro, per i reati di lesioni personali e ingiurie, nella rinuncia «ai reciproci addebiti» nel corso della causa civile per separazione dei coniugi, in quanto la rinuncia stessa è diretta soltanto a non insistere nell’accertamento della colpa ai fini del giudizio civile. Cassazione penale, Sez. VI, sentenza n. 689 del 19 gennaio 2000 (Cass. pen. n. 689/2000)

Poiché la remissione tacita di querela deve consistere in una inequivoca manifestazione di volontà, che si concreti in un comportamento del querelante, incompatibile con la volontà di persistere nella querela, tale non può essere ritenuta la omessa comparizione dello stesso all’udienza dibattimentale relativa al processo pendente a carico del querelato. Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 5191 del 13 gennaio 2000 (Cass. pen. n. 5191/2000)

A norma dell’art. 152 c.p., la remissione extraprocessuale di querela può essere espressa o tacita. La prima deve risultare da atto esplicito e formale, la seconda da fatti incompatibili con la volontà di persistere nella querela, cioé da comportamenti inequivoci, sostanzialmente inconciliabili con la richiesta di punizioni. Tale volontà non è desumibile da mere omissioni, quale la mancata comparizione o mancata costituzione della parte civile, che può derivare da cause indipendenti dalla volontà dell’offeso, da circostanze contingenti e da valutazioni non abdicative e remissorie. Non è ricavabile neppure dall’accettazione del risarcimento dei danni che, apprezzabile quale comportamento preclusivo della costituzione di parte civile, è giustificabile con una diversa motivazione. Cassazione penale, Sez. V, sentenza n. 1452 del 6 febbraio 1998 (Cass. pen. n. 1452/1998)

Non è consentito in giudizio desumere dal comportamento del querelante presente elementi per l’affermazione di tacita remissione di querela, stante la lettera dell’art. 152, comma 2, c.p. (ove la forma tacita è prevista soltanto per la remissione extraprocessuale) ed in ragione della possibilità e del connesso dovere, per le conseguenze della scelta, di ottenere dall’interessato presente una esplicita manifestazione di volontà al riguardo. Cassazione penale, Sez. VI, sentenza n. 4033 del 7 aprile 1994 (Cass. pen. n. 4033/1994)

Office Advice Logo

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati