Art. 736 – Codice di Procedura Penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477)

Misure coercitive

Articolo 736 - Codice di Procedura Penale

1. Su richiesta del procuratore generale, la corte di appello competente per il riconoscimento di una sentenza straniera ai fini dell’esecuzione di una pena restrittiva della libertà personale (730, 731), può disporre una misura coercitiva nei confronti del condannato che si trovi nel territorio dello Stato.
2. Si osservano, in quanto applicabili, le disposizioni del titolo I del libro IV (272 ss.) riguardanti le misure coercitive, fatta eccezione di quelle dell’art. 273.
3. Il presidente della corte di appello, al più presto e comunque entro cinque giorni dalla esecuzione della misura coercitiva, provvede alla identificazione e all’audizione (1) della persona. Si applica la disposizione dell’art. 717 comma 2.
4. La misura coercitiva, disposta a norma del presente articolo, è revocata (299) se dall’inizio della sua esecuzione sono trascorsi novanta giorni (2) senza che la corte di appello abbia pronunciato sentenza di riconoscimento (734), ovvero, in caso di ricorso per cassazione (606) contro tale sentenza, cinque mesi (3) senza che sia intervenuta sentenza irrevocabile di riconoscimento (648).
5. La revoca e la sostituzione della misura coercitiva sono disposte in camera di consiglio (127) dalla corte di appello.
6. Copia dei provvedimenti emessi dalla corte è comunicata e notificata, dopo la loro esecuzione, al procuratore generale, alla persona interessata e al suo difensore, i quali possono proporre ricorso per cassazione per violazione di legge.

Articolo 736 - Codice di Procedura Penale

1. Su richiesta del procuratore generale, la corte di appello competente per il riconoscimento di una sentenza straniera ai fini dell’esecuzione di una pena restrittiva della libertà personale (730, 731), può disporre una misura coercitiva nei confronti del condannato che si trovi nel territorio dello Stato.
2. Si osservano, in quanto applicabili, le disposizioni del titolo I del libro IV (272 ss.) riguardanti le misure coercitive, fatta eccezione di quelle dell’art. 273.
3. Il presidente della corte di appello, al più presto e comunque entro cinque giorni dalla esecuzione della misura coercitiva, provvede alla identificazione e all’audizione (1) della persona. Si applica la disposizione dell’art. 717 comma 2.
4. La misura coercitiva, disposta a norma del presente articolo, è revocata (299) se dall’inizio della sua esecuzione sono trascorsi novanta giorni (2) senza che la corte di appello abbia pronunciato sentenza di riconoscimento (734), ovvero, in caso di ricorso per cassazione (606) contro tale sentenza, cinque mesi (3) senza che sia intervenuta sentenza irrevocabile di riconoscimento (648).
5. La revoca e la sostituzione della misura coercitiva sono disposte in camera di consiglio (127) dalla corte di appello.
6. Copia dei provvedimenti emessi dalla corte è comunicata e notificata, dopo la loro esecuzione, al procuratore generale, alla persona interessata e al suo difensore, i quali possono proporre ricorso per cassazione per violazione di legge.

Note

(1) Le parole: «e all’audizione» sono state inserite dall’art. 8, comma 1, lett. g), n. 1), del D.L.vo 3 ottobre 2017, n. 149.
(2) Le parole: «sei mesi» sono state così sostituite dalle attuali: «novanta giorni» dall’art. 8, comma 1, lett. g), n. 2), del D.L.vo 3 ottobre 2017, n. 149.
(3) Le parole: «dieci mesi» sono state così sostituite dalle attuali: «cinque mesi» dall’art. 8, comma 1, lett. g), n. 2), del D.L.vo 3 ottobre 2017, n. 149.

Massime

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Novità giuridiche

Istituti giuridici