Art. 736 – Codice di Procedura Penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477 - aggiornato al D.Lgs. 08.11.2021, n. 188)

Misure coercitive

Articolo 736 - codice di procedura penale

1. Su richiesta del procuratore generale, la corte di appello competente per il riconoscimento di una sentenza straniera ai fini dell’esecuzione di una pena restrittiva della libertà personale (730, 731), può disporre una misura coercitiva nei confronti del condannato che si trovi nel territorio dello Stato.
2. Si osservano, in quanto applicabili, le disposizioni del titolo I del libro IV (272 ss.) riguardanti le misure coercitive, fatta eccezione di quelle dell’art. 273.
3. Il presidente della corte di appello, al più presto e comunque entro cinque giorni dalla esecuzione della misura coercitiva, provvede alla identificazione e all’audizione (1) della persona. Si applica la disposizione dell’art. 717 comma 2.
4. La misura coercitiva, disposta a norma del presente articolo, è revocata (299) se dall’inizio della sua esecuzione sono trascorsi novanta giorni (2) senza che la corte di appello abbia pronunciato sentenza di riconoscimento (734), ovvero, in caso di ricorso per cassazione (606) contro tale sentenza, cinque mesi (3) senza che sia intervenuta sentenza irrevocabile di riconoscimento (648).
5. La revoca e la sostituzione della misura coercitiva sono disposte in camera di consiglio (127) dalla corte di appello.
6. Copia dei provvedimenti emessi dalla corte è comunicata e notificata, dopo la loro esecuzione, al procuratore generale, alla persona interessata e al suo difensore, i quali possono proporre ricorso per cassazione per violazione di legge.

Articolo 736 - Codice di Procedura Penale

1. Su richiesta del procuratore generale, la corte di appello competente per il riconoscimento di una sentenza straniera ai fini dell’esecuzione di una pena restrittiva della libertà personale (730, 731), può disporre una misura coercitiva nei confronti del condannato che si trovi nel territorio dello Stato.
2. Si osservano, in quanto applicabili, le disposizioni del titolo I del libro IV (272 ss.) riguardanti le misure coercitive, fatta eccezione di quelle dell’art. 273.
3. Il presidente della corte di appello, al più presto e comunque entro cinque giorni dalla esecuzione della misura coercitiva, provvede alla identificazione e all’audizione (1) della persona. Si applica la disposizione dell’art. 717 comma 2.
4. La misura coercitiva, disposta a norma del presente articolo, è revocata (299) se dall’inizio della sua esecuzione sono trascorsi novanta giorni (2) senza che la corte di appello abbia pronunciato sentenza di riconoscimento (734), ovvero, in caso di ricorso per cassazione (606) contro tale sentenza, cinque mesi (3) senza che sia intervenuta sentenza irrevocabile di riconoscimento (648).
5. La revoca e la sostituzione della misura coercitiva sono disposte in camera di consiglio (127) dalla corte di appello.
6. Copia dei provvedimenti emessi dalla corte è comunicata e notificata, dopo la loro esecuzione, al procuratore generale, alla persona interessata e al suo difensore, i quali possono proporre ricorso per cassazione per violazione di legge.

Note

(1) Le parole: «e all’audizione» sono state inserite dall’art. 8, comma 1, lett. g), n. 1), del D.L.vo 3 ottobre 2017, n. 149.
(2) Le parole: «sei mesi» sono state così sostituite dalle attuali: «novanta giorni» dall’art. 8, comma 1, lett. g), n. 2), del D.L.vo 3 ottobre 2017, n. 149.
(3) Le parole: «dieci mesi» sono state così sostituite dalle attuali: «cinque mesi» dall’art. 8, comma 1, lett. g), n. 2), del D.L.vo 3 ottobre 2017, n. 149.

Istituti giuridici

Novità giuridiche

Codici e leggi

Codice Ambiente

Codice Antimafia

Codice Antiriciclaggio

Codice Civile

Codice Crisi d’Impresa

Codice dei Beni Culturali

Codice dei Contratti Pubblici

Codice del Consumo

Codice del Terzo Settore

Codice del Turismo

Codice dell’Amministrazione Digitale

Codice della Navigazione

Codice della Privacy

Codice della Protezione Civile

Codice della Strada

Codice delle Assicurazioni

Codice delle Comunicazioni Elettroniche

Codice delle Pari Opportunità

Codice di Procedura Civile

Codice di Procedura Penale

Codice Giustizia Contabile

Codice Penale

Codice Processo Amministrativo

Codice Processo Tributario

Codice Proprietà Industriale

Codice Rosso

Costituzione

Decreto Cura Italia

Decreto Legge Balduzzi

Disposizioni attuazione Codice Civile e disposizioni transitorie

Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

Disposizioni di attuazione del Codice Penale

DPR 445 – 2000

Legge 104

Legge 23 agosto 1988 n 400

Legge 68 del 1999 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili)

Legge Basaglia

Legge Bassanini

Legge Bassanini Bis

Legge Cambiaria

Legge Cure Palliative

Legge Di Bella

Legge Diritto d’Autore

Legge Equo Canone

Legge Fallimentare

Legge Gelli-Bianco

Legge Mediazione

Legge Pinto

Legge Severino

Legge Sovraindebitamento

Legge sul Divorzio

Legge sul Procedimento Amministrativo

Legge sulle Locazioni Abitative

Legge Testamento Biologico

Legge Unioni Civili

Norme di attuazione del Codice di Procedura Penale

Ordinamento Penitenziario

Preleggi

Statuto dei Lavoratori

Statuto del Contribuente

Testo Unico Bancario

Testo Unico Edilizia

Testo Unico Enti Locali

Testo Unico Espropri

Testo Unico Imposte sui Redditi

Testo Unico Iva

Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza

Testo Unico Sicurezza Lavoro

Testo Unico Stupefacenti

Testo Unico Successioni e Donazioni

Testo Unico sul Pubblico Impiego

Testo Unico sull’Immigrazione

Altre leggi

Codice Deontologico Forense

Codici Deontologici

Disciplina comunitaria e internazionale

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati – P.IVA 02542740747