Art. 729 quater – Codice di Procedura Penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477)

Audizione mediante videoconferenza o altra trasmissione audiovisiva

Articolo 729 quater - Codice di Procedura Penale

(1) 1. Nei casi previsti dagli accordi internazionali, l’audizione e la partecipazione all’udienza davanti all’autorità giudiziaria italiana della persona sottoposta ad indagini, dell’imputato, del testimone o del perito che si trovi all’estero e che non possa essere trasferito in Italia, può essere eseguita mediante videoconferenza o altra forma di collegamento audiovisivo a distanza.
2. L’audizione e la partecipazione a distanza della persona sottoposta alle indagini o dell’imputato è subordinata all’acquisizione del consenso dello stesso. Si applicano, in ogni caso, le disposizioni di cui all’articolo 205 ter delle disposizioni di attuazione.
3. L’autorità giudiziaria e l’autorità straniera competente concordano le modalità della citazione, dell’audizione o della partecipazione a distanza, nonché le eventuali misure relative alla protezione della persona di cui è richiesto l’esame o la partecipazione all’udienza.
4. L’autorità giudiziaria richiede all’autorità straniera di identificare la persona da sentire o di cui è chiesta la partecipazione all’udienza e di comunicarle tempestivamente i diritti che le vengono riconosciuti dall’ordinamento italiano e, ove necessario, quelli relativi alla traduzione e alla interpretazione, al fine di garantirne l’effettivo esercizio.
5. L’imputato e la persona sottoposta alle indagini sono necessariamente assistiti dal difensore e devono essere informati dei diritti e delle facoltà che sono loro riconosciuti dall’ordinamento interno e da quello dello Stato richiedente. I testimoni e i periti sono informati della facoltà di astensione prevista dall’ordinamento interno e da quello dello Stato richiesto.
6. L’autorità giudiziaria può mettere a disposizione dello Stato richiesto i mezzi tecnici per procedere all’audizione mediante videoconferenza, ove necessario.
7. Nel verbale redatto dall’autorità giudiziaria procedente deve darsi atto che l’attività è stata compiuta mediante collegamento a distanza.

Articolo 729 quater - Codice di Procedura Penale

(1) 1. Nei casi previsti dagli accordi internazionali, l’audizione e la partecipazione all’udienza davanti all’autorità giudiziaria italiana della persona sottoposta ad indagini, dell’imputato, del testimone o del perito che si trovi all’estero e che non possa essere trasferito in Italia, può essere eseguita mediante videoconferenza o altra forma di collegamento audiovisivo a distanza.
2. L’audizione e la partecipazione a distanza della persona sottoposta alle indagini o dell’imputato è subordinata all’acquisizione del consenso dello stesso. Si applicano, in ogni caso, le disposizioni di cui all’articolo 205 ter delle disposizioni di attuazione.
3. L’autorità giudiziaria e l’autorità straniera competente concordano le modalità della citazione, dell’audizione o della partecipazione a distanza, nonché le eventuali misure relative alla protezione della persona di cui è richiesto l’esame o la partecipazione all’udienza.
4. L’autorità giudiziaria richiede all’autorità straniera di identificare la persona da sentire o di cui è chiesta la partecipazione all’udienza e di comunicarle tempestivamente i diritti che le vengono riconosciuti dall’ordinamento italiano e, ove necessario, quelli relativi alla traduzione e alla interpretazione, al fine di garantirne l’effettivo esercizio.
5. L’imputato e la persona sottoposta alle indagini sono necessariamente assistiti dal difensore e devono essere informati dei diritti e delle facoltà che sono loro riconosciuti dall’ordinamento interno e da quello dello Stato richiedente. I testimoni e i periti sono informati della facoltà di astensione prevista dall’ordinamento interno e da quello dello Stato richiesto.
6. L’autorità giudiziaria può mettere a disposizione dello Stato richiesto i mezzi tecnici per procedere all’audizione mediante videoconferenza, ove necessario.
7. Nel verbale redatto dall’autorità giudiziaria procedente deve darsi atto che l’attività è stata compiuta mediante collegamento a distanza.

Note

(1) Questo articolo è stato inserito dall’art. 7, comma 1, lett. d), del D.L.vo 3 ottobre 2017, n. 149.

Massime

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Novità giuridiche

Istituti giuridici