Art. 681 – Codice di Procedura Penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477)

Provvedimenti relativi alla grazia

Articolo 681 - Codice di Procedura Penale

1. La domanda di grazia (174 c.p.), diretta al Presidente della Repubblica, è sottoscritta dal condannato o da un suo prossimo congiunto (307 c.p.) o dal convivente o dal tutore o dal curatore ovvero da un avvocato o procuratore legale (1) ed è presentata al Ministro di grazia e giustizia.
2. Se il condannato è detenuto, o internato, la domanda può essere presentata al magistrato di sorveglianza (677), il quale, acquisiti tutti gli elementi di giudizio utili e le osservazioni del procuratore generale presso la corte di appello del distretto ove ha sede il giudice indicato nell’art. 665, la trasmette al ministro con il proprio parere motivato. Se il condannato non è detenuto o internato, la domanda può essere presentata al predetto procuratore generale il quale, acquisite le opportune informazioni, la trasmette al ministro con le proprie osservazioni.
3. La proposta di grazia è sottoscritta dal presidente del consiglio di disciplina ed è presentata al magistrato di sorveglianza, che procede a norma del comma 2.
4. La grazia può essere concessa anche in assenza di domanda o proposta. Emesso il decreto di grazia, il pubblico ministero presso il giudice indicato nell’art. 665 ne cura la esecuzione ordinando, quando è il caso, la liberazione del condannato e adottando i provvedimenti conseguenti (210 c.p.; att. 192).
5. In caso di grazia sottoposta a condizioni, si provvede a norma dell’art. 672 comma 5.

Articolo 681 - Codice di Procedura Penale

1. La domanda di grazia (174 c.p.), diretta al Presidente della Repubblica, è sottoscritta dal condannato o da un suo prossimo congiunto (307 c.p.) o dal convivente o dal tutore o dal curatore ovvero da un avvocato o procuratore legale (1) ed è presentata al Ministro di grazia e giustizia.
2. Se il condannato è detenuto, o internato, la domanda può essere presentata al magistrato di sorveglianza (677), il quale, acquisiti tutti gli elementi di giudizio utili e le osservazioni del procuratore generale presso la corte di appello del distretto ove ha sede il giudice indicato nell’art. 665, la trasmette al ministro con il proprio parere motivato. Se il condannato non è detenuto o internato, la domanda può essere presentata al predetto procuratore generale il quale, acquisite le opportune informazioni, la trasmette al ministro con le proprie osservazioni.
3. La proposta di grazia è sottoscritta dal presidente del consiglio di disciplina ed è presentata al magistrato di sorveglianza, che procede a norma del comma 2.
4. La grazia può essere concessa anche in assenza di domanda o proposta. Emesso il decreto di grazia, il pubblico ministero presso il giudice indicato nell’art. 665 ne cura la esecuzione ordinando, quando è il caso, la liberazione del condannato e adottando i provvedimenti conseguenti (210 c.p.; att. 192).
5. In caso di grazia sottoposta a condizioni, si provvede a norma dell’art. 672 comma 5.

Note

(1) L’albo dei procuratori legali è stato soppresso con l’art. 1 della L. 24 febbraio 1997, n. 27.

Massime

Non è configurabile, neanche sub specie di caso analogo, un conflitto di competenza tra Magistrato di sorveglianza e Procuratore generale presso la Corte d’appello in ordine all’istruzione della domanda di grazia, di cui all’art. 681, comma 2, c.p.p.in quanto nel procedimento di grazia all’autorità giudiziaria non spetta alcun potere decisorio, dovendo soltanto compiere l’attività di acquisizione di elementi di giudizio, strumentale alla decisione che deve essere adottata dal Ministro della giustizia nell’esercizio di una funzione non giurisdizionale. Cass. pen. sez. I 21 novembre 2002, n. 39342

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Novità giuridiche

Istituti giuridici