Art. 66 – Codice di Procedura Penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477 - aggiornato al D.Lgs. 08.11.2021, n. 188)

Verifica dell'identità personale dell'imputato

Articolo 66 - codice di procedura penale

1. Nel primo atto cui è presente l’imputato, l’autorità giudiziaria lo invita a dichiarare le proprie generalità e quant’altro può valere a identificarlo, ammonendolo circa le conseguenze cui si espone chi si rifiuta di dare le proprie generalità o le dà false (att. 21; 495, 496 c.p.).
2. L’impossibilità di attribuire all’imputato le sue esatte generalità non pregiudica il compimento di alcun atto da parte dell’autorità procedente, quando sia certa l’identità fisica della persona (349).  In ogni caso, quando si procede nei confronti di un apolide, di una persona della quale è ignota la cittadinanza, di un cittadino di uno Stato non appartenente all’Unione europea ovvero di un cittadino di uno Stato membro dell’Unione europea privo del codice fiscale o che è attualmente, o è stato in passato, titolare anche della cittadinanza di uno Stato non appartenente all’Unione europea, nei provvedimenti destinati a essere iscritti nel casellario giudiziale è riportato il codice univoco identificativo della persona nei cui confronti il provvedimento è emesso. 
3. Le erronee generalità attribuite all’imputato sono rettificate nelle forme previste dall’art. 130.

Articolo 66 - Codice di Procedura Penale

1. Nel primo atto cui è presente l’imputato, l’autorità giudiziaria lo invita a dichiarare le proprie generalità e quant’altro può valere a identificarlo, ammonendolo circa le conseguenze cui si espone chi si rifiuta di dare le proprie generalità o le dà false (att. 21; 495, 496 c.p.).
2. L’impossibilità di attribuire all’imputato le sue esatte generalità non pregiudica il compimento di alcun atto da parte dell’autorità procedente, quando sia certa l’identità fisica della persona (349).  In ogni caso, quando si procede nei confronti di un apolide, di una persona della quale è ignota la cittadinanza, di un cittadino di uno Stato non appartenente all’Unione europea ovvero di un cittadino di uno Stato membro dell’Unione europea privo del codice fiscale o che è attualmente, o è stato in passato, titolare anche della cittadinanza di uno Stato non appartenente all’Unione europea, nei provvedimenti destinati a essere iscritti nel casellario giudiziale è riportato il codice univoco identificativo della persona nei cui confronti il provvedimento è emesso. 
3. Le erronee generalità attribuite all’imputato sono rettificate nelle forme previste dall’art. 130.

Note

(1) Il presente comma è stato così modificato dall’art. 2, comma 7, L. 27.09.2021, n. 134 con decorrenza dal 19.10.2021

Massime

L’incertezza circa le generalità dell’imputato, della cui identità fisica si abbia però certezza, non legittima né la pronuncia di assoluzione “per non aver commesso il fatto”, né la dichiarazione di non doversi procedere “per essere rimasti ignoti gli autori del reato”, trattandosi di formule che presuppongono un’assoluta incertezza sulla identità fisica dell’imputato e non una semplice incertezza circa le sue generalità. Cass. pen. sez. V 4 novembre 2014, n. 45513

Qualora sia stata processata una persona che ha fornito false generalità, e non sia possibile ricorrere all’istituto della correzione di errore materiale (non disponendosi delle reali generalità dell’autore del fatto), la sentenza impugnata deve essere annullata senza rinvio, con trasmissione degli atti al procuratore della Repubblica competente, affinchè proceda ritualmente nei confronti dell’imputato esattamente identificato. (Fattispecie relativa a sentenza di patteggiamento emessa nei confronti di persona che, arrestata in flagranza, aveva declinato false generalità, corrispondenti a quelle riportate in un tesserino sanitario esibito agli operanti ma relativo ad altro soggetto, che ne aveva denunciato lo smarrimento). Cass. pen. sez. V 21 luglio 2014, n. 32082

L’impossibilità di stabilire oggettivamente e con certezza l’identità dell’imputato, che pure abbia fornito le proprie generalità, non può costituire causa ostativa alla concessione al medesimo della sospensione condizionale della pena. Cass. pen. sez. VI 28 marzo 2011, n. 12425

L’incertezza o l’erronea identificazione della persona autrice del reato non vanno confuse con l’incertezza o la falsità delle generalità che la contraddistinguono. Ne consegue che, nella prima ipotesi, in cui la persona chiamata a rispondere penalmente non corrisponda, certamente e probabilmente, alla persona dell’autore del reato, quali che siano le generalità con cui essa è indicata agli atti del processo, va adottata la formula assolutoria «per non aver commesso il fatto», mentre nella seconda ipotesi, in cui la persona fisica chiamata a rispondere del fatto sia stata identificata con certezza, pur rimanendone incerte le generalità, deve adottarsi la formula di improcedibilità per essere ignoto l’autore del reato, che non pregiudica ulteriori indagini del pubblico ministero e l’eventuale inizio dell’azione penale contro l’autore del fatto, una volta compiutamente generalizzato. Cass. pen. sez. II 27 febbraio 1999, n. 2700

L’identificazione dell’imputato da parte della polizia giudiziaria, avvenuta sulla base delle dichiarazioni dello stesso e non confortate da alcun elemento di riscontro consente di pervenire alla affermazione di responsabilità dell’imputato, non potendosi ritenere che lo stesso abbia fornito false generalità. In caso di errore e/o di accertata falsità delle generalità dichiarate soccorrono specifici rimedi, con particolare riferimento alla fase esecutiva. Cass. pen. sez. III 3 luglio 1998, n. 7854

La formula di proscioglimento «per essere rimasti ignoti gli autori del reato» presuppone l’assoluta impossibilità di identificare fisicamente l’imputato e non la difficoltà o l’incertezza di pervenire alla esatta acquisizione delle generalità, perciò non potrà essere adottata dal Gip quando questi ritenga che non vi sia corrispondenza tra le generalità dichiarate e l’identità fisica dell’imputato, dovendosi in questo caso fare applicazione dei principi fissati dall’art. 66 commi primo e secondo c.p.p.secondo i quali l’impossibilità di attribuire le esatte generalità all’imputato non pregiudica il compimento di alcun atto e l’eventuale erronea attribuzione delle stesse deve essere rettificata con la procedura di correzione degli errori materiali. Cass. pen. sez. I 12 maggio 1995, n. 5472  .

Al termine «identità fisica» della persona, di cui all’art. 66, comma 2, c.p.p.si deve attribuire il significato che l’espressione assumeva nell’art. 81 dell’abrogato codice di procedura, e cioè quello di identità tra la persona nei cui confronti è stato instaurato il processo e quella che si giudica. È questa la nozione di «vero imputato», mentre il mero errore di generalità, da qualsivoglia causa cagionato, viene considerato come un errore materiale, soggetto alla procedura di retti.ca di cui all’art. 130 c.p.p. Ne consegue che l’incertezza sull’individuazione anagrafica dell’imputato è irrilevante ai fini della prosecuzione del processo penale, allorquando sia certa l’identità fisica della persona nei cui confronti sia stata iniziata l’azione penale, detta situazione non pregiudicando il compimento di atti da parte dell’autorità giudiziaria procedente, né essendo idonea a ritardare o sospendere il processo, in quanto è pur sempre possibile provvedere alla retti.ca delle generalità, erroneamente attribuite, nelle forme di cui al citato art. 130. Cass. pen. sez. I 22 marzo 1995, n. 217

L’identificazione dell’imputato avvenuta sulla base delle dichiarazioni da lui fornite alla polizia giudiziaria, consente di affermare in capo a lui la responsabilità in quanto l’ordinamento non impone l’espletamento delle procedure previste dall’art. 349 c.p.p. se non in presenza di elementi di fatto che facciano ritenere la falsità delle suddette dichiarazioni. Cass. pen. sez. II 29 settembre 2003, n. 37103

Una volta che l’azione penale sia stata esercitata con l’emissione del decreto di citazione a giudizio da parte del P.M. presso la pretura, non è ammissibile, per il principio di irretrattabilità dell’azione penale, una successiva richiesta di archiviazione dello stesso P.M.ed è illegittima la pronuncia di sentenza di non doversi procedere da parte del Gip, essendo stato investito della decisione il pretore. (Nella specie, si trattava, peraltro, di richiesta ritenuta dalla S.C. erronea nel merito, essendo stato ritenuto ignoto l’autore del reato per la semplice mancata identificazione dello stesso, a causa dell’inesattezza delle indicazioni anagrafiche). Cass. pen. sez. I 4 aprile 1998, n. 1338

L’incertezza sull’individuazione anagrafica dell’imputato è irrilevante ai fini della prosecuzione del processo penale, allorché sia certa l’identità fisica della persona nei cui confronti sia stata iniziata l’azione penale, potendosi pur sempre provvedere alla retti.ca delle generalità erroneamente attribuite nelle forme previste dall’art. 130 c.p.p. Ne consegue che, qualora sia certa l’identità fisica della persona nei confronti della quale si procede, ma sorgano dubbi sulle sue esatte generalità, non può essere pronunciata nei suoi confronti sentenza di improcedibilità dell’azione penale per essere ignoto l’autore del fatto, ma è necessario procedere nei suoi confronti previo svolgimento degli opportuni accertamenti sulle sue esatte generalità. Cass. pen. sez. I 15 dicembre 1997, n. 11584

Poiché con il ricorso per saltum non può essere denunciato il vizio della motivazione di cui all’art. 606, lett. e), c.p.p.deve essere convertita in appello, ai sensi dell’art. 569, terzo comma, c.p.p.l’impugnazione del pubblico ministero proposta direttamente in sede di legittimità avverso la sentenza di primo grado che ha assolto l’imputato con la formula «per non aver commesso il fatto», sul presupposto del mancato accertamento della sua reale identità; e ciò in quanto la violazione delle norme del codice di rito sulla identificazione dell’imputato o dell’indagato (artt. 66 e 349) non comporta nessuna delle sanzioni processuali (nullità, inutilizzabilità, inammissibilità e decadenza) che devono caratterizzare, ai sensi dell’art. 606, lett. c), c.p.p.le disposizioni la cui violazione consente la denuncia degli errores in procedendo, ma si risolve bensì in un vizio di logicità della motivazione il quale non può essere dedotto davanti alla Corte di cassazione se non vi sia stato, per le sentenze appellabili, anche il secondo giudizio di merito. (Nella specie il ricorrente, dedotta la violazione degli artt. 66 e 349 c.p.p.aveva altresì testualmente affermato che «l’illogica presunzione ventilata dal pretore stravolge i normali criteri di giudizio»). Cass. pen. sez. II 8 novembre 1997, n. 10004,

In forza dell’art. 66 del vigente codice di procedura penale deve escludersi che l’impossibilità di attribuire all’imputato le sue esatte generalità possa pregiudicare il compimento di alcun atto dell’autorità procedente allorquando sia certa l’identità fisica della persona; ai fini di tale accertamento l’art. 349 c.p.p. prevede la possibilità di rilievi dattiloscopici, fotografici, antropometrici o di altro genere: peraltro il mancato ricorso a tali modalità non comporta che sia da ritenersi non identificato uno straniero che abbia dato complete generalità, pur risultando poi irreperibile. (Nella fattispecie il pretore aveva dichiarato non doversi procedere nei confronti dell’imputato – che, fermato dalla polizia giudiziaria, aveva fornito agli agenti le sue generalità con l’indicazione del domicilio in Italia dove però non era stato poi rintracciato – con la formula «per essere ignoto l’autore del fatto», sostenendo che l’imputato stesso non era mai stato identificato con certezza non solo anagraficamente, ma neppure fisicamente con rilievi fotografici o dattiloscopici. La Suprema Corte, a seguito di ricorso del P.M.ha annullato con rinvio tale sentenza, enunciando il principio di diritto di cui in massima). Cass. pen. sez. I 5 novembre 1997, n. 9936  .

L’incertezza sulla individuazione anagrafica dell’imputato è irrilevante ai fini della prosecuzione del processo penale, quando sia certa l’identità fisica della persona, nei cui confronti è stata iniziata l’azione, potendosi, pur sempre, provvedere alla retti.ca delle generalità erroneamente attribuite, nelle forme prescritte dall’art. 130 c.p.p. Da tanto consegue che – in assenza di una specifica regolamentazione codicistica dell’ipotesi in cui sorge l’incertezza in merito all’identità fisica dell’imputato – ove il dubbio sulla corrispondenza delle generalità alla persona fisica dell’imputato si presenti in fase di indagini preliminari, spetterà al P.M. provvedere, nell’ambito dei suoi poteri funzionali, agli accertamenti necessari, all’esito dei quali saranno formulate le conseguenti ed opportune richieste al giudice; ove, invece, il medesimo dubbio dovesse insorgere dopo che sia stata posta fine alle indagini preliminari, dovranno essere i giudici a disporre i relativi accertamenti. (Nella fattispecie, il Gip presso la pretura – richiesto dal P.M. di emettere decreto penale di condanna – aveva pronunciato sentenza dichiarando non doversi procedere per essere ignorato l’autore del fatto, sul rilievo che dalla lettura del fascicolo sorgevano dubbi che le generalità risultanti dalla richiesta del P.M. corrispondessero a quelle dell’effettivo autore del fatto. La Suprema Corte – in accoglimento del ricorso proposto dal procuratore generale presso la corte d’appello territorialmente competente – ha annullato l’impugnata sentenza enunciando il principio di cui in massima). Cass. pen. sez. I 14 giugno 1995, n. 6873  .

L’identificazione dell’indagato ad opera della polizia giudiziaria è validamente operata sulla base delle dichiarazioni dallo stesso fornite, perché il ricorso ai rilievi dattiloscopici, fotografici o antropometrici, o ad altri accertamenti, si giusti.ca soltanto in presenza di elementi di fatto che facciano ritenere la falsità delle indicate dichiarazioni. Cass. pen. sez. V 8 marzo 2017, n. 11082

Istituti giuridici

Novità giuridiche

Codici e leggi

Codice Ambiente

Codice Antimafia

Codice Antiriciclaggio

Codice Civile

Codice Crisi d’Impresa

Codice dei Beni Culturali

Codice dei Contratti Pubblici

Codice del Consumo

Codice del Terzo Settore

Codice del Turismo

Codice dell’Amministrazione Digitale

Codice della Navigazione

Codice della Privacy

Codice della Protezione Civile

Codice della Strada

Codice delle Assicurazioni

Codice delle Comunicazioni Elettroniche

Codice delle Pari Opportunità

Codice di Procedura Civile

Codice di Procedura Penale

Codice Giustizia Contabile

Codice Penale

Codice Processo Amministrativo

Codice Processo Tributario

Codice Proprietà Industriale

Codice Rosso

Costituzione

Decreto Cura Italia

Decreto Legge Balduzzi

Disposizioni attuazione Codice Civile e disposizioni transitorie

Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

Disposizioni di attuazione del Codice Penale

DPR 445 – 2000

Legge 104

Legge 23 agosto 1988 n 400

Legge 68 del 1999 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili)

Legge Basaglia

Legge Bassanini

Legge Bassanini Bis

Legge Cambiaria

Legge Cure Palliative

Legge Di Bella

Legge Diritto d’Autore

Legge Equo Canone

Legge Fallimentare

Legge Gelli-Bianco

Legge Mediazione

Legge Pinto

Legge Severino

Legge Sovraindebitamento

Legge sul Divorzio

Legge sul Procedimento Amministrativo

Legge sulle Locazioni Abitative

Legge Testamento Biologico

Legge Unioni Civili

Norme di attuazione del Codice di Procedura Penale

Ordinamento Penitenziario

Preleggi

Statuto dei Lavoratori

Statuto del Contribuente

Testo Unico Bancario

Testo Unico Edilizia

Testo Unico Enti Locali

Testo Unico Espropri

Testo Unico Imposte sui Redditi

Testo Unico Iva

Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza

Testo Unico Sicurezza Lavoro

Testo Unico Stupefacenti

Testo Unico Successioni e Donazioni

Testo Unico sul Pubblico Impiego

Testo Unico sull’Immigrazione

Altre leggi

Codice Deontologico Forense

Codici Deontologici

Disciplina comunitaria e internazionale

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati – P.IVA 02542740747