Art. 625 – Codice di Procedura Penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477)

Provvedimenti conseguenti alla sentenza

Articolo 625 - Codice di Procedura Penale

1. In caso di annullamento con rinvio (623), la cancelleria della Corte di cassazione trasmette senza ritardo gli atti del processo con la copia della sentenza al giudice che deve procedere al nuovo giudizio.
2. In caso di rigetto o di dichiarazione di inammissibilità del ricorso (615), la cancelleria trasmette gli atti e la copia del solo dispositivo al giudice che ha emesso la decisione impugnata.
3. In caso di annullamento senza rinvio (620) o di rettificazione (619), la cancelleria trasmette al giudice indicato nel comma 2 gli atti e la copia della sentenza.
4. In ogni caso la cancelleria del giudice che ha emesso la decisione impugnata esegue annotazione, in margine o in fine dell’originale, della decisione della corte (reg. 27).

Articolo 625 - Codice di Procedura Penale

1. In caso di annullamento con rinvio (623), la cancelleria della Corte di cassazione trasmette senza ritardo gli atti del processo con la copia della sentenza al giudice che deve procedere al nuovo giudizio.
2. In caso di rigetto o di dichiarazione di inammissibilità del ricorso (615), la cancelleria trasmette gli atti e la copia del solo dispositivo al giudice che ha emesso la decisione impugnata.
3. In caso di annullamento senza rinvio (620) o di rettificazione (619), la cancelleria trasmette al giudice indicato nel comma 2 gli atti e la copia della sentenza.
4. In ogni caso la cancelleria del giudice che ha emesso la decisione impugnata esegue annotazione, in margine o in fine dell’originale, della decisione della corte (reg. 27).

Note

Massime

Non viola i diritti difensivi dell’imputato la fissazione dell’udienza del giudizio di rinvio sulla base del solo estratto del dispositivo della sentenza di annullamento letto e depositato nella cancelleria della Corte di cassazione e trasmesso al giudice di merito. (In motivazione, la Corte ha precisato che la fissazione dell’udienza costituisce esplicazione di un potere neutro meramente strumentale e propulsivo alla celebrazione del nuovo giudizio, diversamente dalla notifica del decreto di citazione a giudizio, che invece postula l’avvenuto depositato della motivazione). Cass. pen. sez. fer. 19 novembre 2012, n. 45002

È inammissibile il ricorso straordinario proposto per la correzione di un errore di fatto contenuto in una sentenza depositata prima della data di entrata in vigore dell’art. 625 bis c.p.p.introdotto dalla legge 26 marzo 2001, n. 128, in quanto la nuova disciplina non prevede disposizioni transitorie derogative del principio tempus regit actum che governa la materia processuale. Cass. pen. sez. III 18 febbraio 2002, n. 6493

L’errore di fatto consiste in un errore di percezione che incide direttamente sul processo formativo della volontà del giudice, determinandola in una direzione diversa e si configura quando la decisione è fondata sulla supposizione di un fatto la cui verità è incontrastabilmente esclusa oppure quando è supposta l’inesistenza di un fatto la cui verità è positivamente stabilita; ne consegue l’inammissibilità del ricorso straordinario per la correzione di una sentenza della Corte di cassazione contenente una erronea interpretazione di una norma di legge, trattandosi di vero e proprio error iuris non riparabile con la speciale impugnazione prevista dall’art. 625 bis c.p.p. (Nel caso di specie, secondo il ricorrente, la Corte non aveva rilevato l’avvenuta abrogazione, da parte dell’art. 59 del decreto legislativo 11 maggio 1999, 152, della contravvenzione originariamente contestata e, inoltre, non aveva considerato che alcune sostanze non erano più inserite tra quelle il cui superamento costituiva il reato previsto dall’art. 21, comma 3, della legge 10 maggio 1976, n. 319). Cass. pen. sez. III 18 febbraio 2002, n. 6493

Nel caso in cui il ricorso straordinario per la correzione di un errore di fatto è inammissibile, perché riferito ad una decisione della Corte di cassazione anteriore all’entrata in vigore della legge 26 marzo 2001, n. 128, che nell’introdurre il nuovo art. 625 bis c.p.p. non ha previsto specifiche disposizioni transitorie, deve ritenersi comunque applicabile la procedura di cui all’art. 130 c.p.p.sulla base di un’interpretazione estensiva ispirata ad un intento di adeguamento delle norme ordinarie ai principi costituzionali – da ultimo ribaditi con la sentenza 28 luglio 2000, n. 395 della Corte costituzionale – in modo da consentire la correzione degli errori di fatto contenuti in decisioni adottate in palese violazione del diritto di difesa e che sarebbero altrimenti irrevocabili. (Nel caso di specie, la Corte, qualificata come istanza ex art. 130 c.p.p. il ricorso presentato ai sensi dell’art. 625 bis c.p.p. e ritenuto sussistente l’errore dedotto, consistito nell’omesso avviso al difensore di fiducia dell’udienza in camera di consiglio, ha modificato la sentenza impugnata che aveva rigettato il ricorso, disponendo il rinvio a nuovo ruolo del processo). Cass. pen. sez. VI 1 febbraio 2002, n. 3923

Nel caso di annullamento con rinvio della sentenza d’appello, fino al momento in cui gli atti, con la sentenza di annullamento, non vengano trasmessi, ai sensi dell’art. 625, comma 1, c.p.p.dalla cancelleria della Corte al giudice che deve procedere al nuovo giudizio, rimane competente a provvedere in materia cautelare, ai sensi dell’art. 91, ultima parte, att. c.p.p.il giudice che ha emesso il provvedimento impugnato, (Mass. redaz.). Cass. pen. sez. VI 30 dicembre 2000, n. 4050

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Novità giuridiche

Istituti giuridici