Art. 621 – Codice di Procedura Penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477)

Effetti dell'annullamento senza rinvio

Articolo 621 - Codice di Procedura Penale

1. Nel caso previsto dall’art. 620 comma 1 lett. b), la corte dispone che gli atti siano trasmessi all’autorità competente, che essa designa; in quello previsto dalla lett. e) e in quello previsto dalla lett. f), la corte dispone che del provvedimento sia data notizia al pubblico ministero per le sue determinazioni; in quello previsto dalla lett. h), ordina l’esecuzione della prima sentenza o ordinanza, ma, se si tratta di una sentenza di condanna, ordina l’esecuzione della sentenza che ha inflitto la condanna meno grave determinata a norma dell’art. 669; in quello previsto dalla lett. i), ritiene il giudizio qualificando l’impugnazione come ricorso; in quello previsto dalla lett. l), procede alla determinazione della pena o dà i provvedimenti che occorrono.

Articolo 621 - Codice di Procedura Penale

1. Nel caso previsto dall’art. 620 comma 1 lett. b), la corte dispone che gli atti siano trasmessi all’autorità competente, che essa designa; in quello previsto dalla lett. e) e in quello previsto dalla lett. f), la corte dispone che del provvedimento sia data notizia al pubblico ministero per le sue determinazioni; in quello previsto dalla lett. h), ordina l’esecuzione della prima sentenza o ordinanza, ma, se si tratta di una sentenza di condanna, ordina l’esecuzione della sentenza che ha inflitto la condanna meno grave determinata a norma dell’art. 669; in quello previsto dalla lett. i), ritiene il giudizio qualificando l’impugnazione come ricorso; in quello previsto dalla lett. l), procede alla determinazione della pena o dà i provvedimenti che occorrono.

Note

Massime

Nel caso in cui il giudice di appello, giudicando in sede di rinvio, ometta di considerare, ai fini della determinazione del trattamento sanzionatorio, le circostanze attenuanti generiche, già riconosciute all’imputato e non incise dalla sentenza di annullamento, la sentenza impugnata deve essere annullata parzialmente senza rinvio, con riduzione della pena nella misura massima consentita dall’art. 62-bis cod. pen.ai sensi dell’art. 620, comma 1, lett. l), cod. proc. pen. (come modificato dalla legge 23 giugno 2017 n. 103) trattandosi di calcolo puramente matematico che rende superfluo il rinvio al giudice di merito. Cass. pen. sez. VI 15 novembre 2017, n. 52186

Il principio generale secondo il quale, in caso di difformità, il dispositivo prevale sulla motivazione della sentenza incontra una deroga nel caso in cui l’esame della motivazione consenta di ricostruire chiaramente ed inequivocabilmente la volontà del giudice. (Fattispecie in cui la concessione della sospensione condizionale della pena, chiaramente e correttamente enunciata in sede di motivazione, è stata omessa in dispositivo; la S.C. ha ritenuto tale omissione dovuta ad un mero errore del giudice di merito). Cass. pen. sez. II 23 gennaio 2014, n. 3186

Qualora la Corte di cassazione annulli senza rinvio, perché il fatto non è previsto dalla legge come reato, la sentenza emessa dal giudice di appello, disponendo la confisca revocata da quest’ultimo, il giudice competente per l’esecuzione della misura di sicurezza è quello di primo grado. Cass. pen. sez. III 4 giugno 2002, n. 21543

Nel caso di annullamento di una decisione da parte della Corte di cassazione, non è necessario il rinvio al giudice di merito per un nuovo giudizio solo quando la decisione impugnata è tipicamente contra o extra legem. Il rinvio al nuovo giudice di merito è invece necessario allorché la illegalità della decisione sussista non in relazione all’ordinamento giuridico complessivo, ma in relazione alla fattispecie concreta, giacché in tal caso il giudice del rinvio ha il compito di rinnovare la decisione sulla stessa fattispecie per conformarla alla legge. Ed invero l’annullamento senza rinvio implica strutturalmente la superfluità del nuovo giudizio, o perché la sentenza di annullamento risolve ed esaurisce il thema decidendum, o perché i provvedimenti consequenziali possono essere adottati dalla Corte di cassazione in quanto compatibili con la sua cognizione di mera legittimità. (Fattispecie che aveva applicato la pena concordata in misura illegale e che aveva omesso di disporre la misura di sicurezza patrimoniale imposta dalla legge). Cass. pen. sez. III 6 maggio 1999, n. 550

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Novità giuridiche

Istituti giuridici