Art. 612 – Codice di Procedura Penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477)

Sospensione dell'esecuzione della condanna civile

Articolo 612 - Codice di Procedura Penale

1. A richiesta dell’imputato o del responsabile civile, la Corte di cassazione può sospendere, in pendenza del ricorso, l’esecuzione della condanna civile, quando può derivarne grave e irreparabile danno (540, 600, 605). La decisione sulla richiesta di sospensione della condanna civile è adottata dalla Corte di cassazione con ordinanza in camera di consiglio (611).

Articolo 612 - Codice di Procedura Penale

1. A richiesta dell’imputato o del responsabile civile, la Corte di cassazione può sospendere, in pendenza del ricorso, l’esecuzione della condanna civile, quando può derivarne grave e irreparabile danno (540, 600, 605). La decisione sulla richiesta di sospensione della condanna civile è adottata dalla Corte di cassazione con ordinanza in camera di consiglio (611).

Note

Massime

La sospensione dell’esecuzione della condanna civile prevista dall’art. 612 cod. proc. pen. riguarda anche l’istituto della provvisionale. Cass. pen. Sezioni Unite 15 dicembre 2016, n. 53153

La richiesta di sospensione dell’esecuzione della condanna civile prevista dall’art. 612 cod. proc. pen. é decisa dalla Corte di cassazione con procedura “de plano”, cioé senza adozione di contraddittorio preventivo. Cass. pen. Sezioni Unite 15 dicembre 2016, n. 53153

Ai fini dell’accoglimento da parte della Corte di cassazione della richiesta di sospensione dell’esecuzione della condanna civile (art. 612 c.p.p.), l’istante deve fornire la prova della futura insolvenza del creditore che metta in pericolo la possibilità di recupero della somma. (Nella specie, il creditore, a seguito del fallimento della società del cui consiglio di amministrazione era presidente e amministratore delegato, era esposto alle azioni risarcitorie dei numerosi creditori insinuatisi nella procedura). Cass. pen. sez. VI 25 febbraio 2013, n. 9091

Ai fini della sospensione dell’esecuzione di una condanna civile, ai sensi dell’art. 612 c.p.p.può costituire danno grave ed irreparabile anche quello derivante dal versamento di una somma di denaro, quando questa sia particolarmente elevata in rapporto alle complessive disponibilità dell’obbligato e questi corra quindi il rischio di essere privato di beni necessari per le sue esigenze esistenziali; condizioni, queste, che si verificano, nel caso di soggetto titolare di soli redditi da lavoro, quando l’adempimento dell’obbligazione non gli consentirebbe il mantenimento del suo tenore di vita o comunque il ripristino, in termini ragionevoli, della situazione patrimoniale pregiudicata dall’esecuzione, tenuto anche conto dei limiti di pignorabilità stabiliti dalla legge. (Nella specie, in applicazione di tali principi, la Corte ha ritenuto che non costituisse danno grave ed irreparabile quello che poteva derivare, per un soggetto titolare di soli redditi da lavoro, dal versamento di una somma di euro 10.320, corrispondente a circa otto mensilità di retribuzione, avuto anche riguardo al fatto che trattavasi di soggetto coniugato, il cui coniuge fruiva di altra e maggiore retribuzione). Cass. pen. sez. V 4 dicembre 2006, n. 39900

In tema di sospensione dell’esecuzione della condanna civile, il danno grave e irreparabile deve essere inteso nel senso di un pregiudizio eccessivo che il debitore subisce e che puconsistere nella distruzione di un bene non reintegrabile oppure, se si tratta di somme di danaro, nel nocumento che deriva al debitore allorché il palese stato di insolvibilità del creditore rende impossibile o molto dificile il recupero di quanto pagato in caso di modifica della sentenza. Cass. pen. sez. IV 12 settembre 2006, n. 30019  .

Ai fini dell’accoglimento da parte della Corte di cassazione della richiesta di sospensione dell’esecuzione della condanna civile (art. 612 c.p.p.), l’istante deve fornire la prova dell’esistenza di un « danno grave ed irreparabile» derivante da tale esecuzione. A questo riguardo, il danno non deve necessariamente essere costituito dalla distruzione di un bene infungibile, giacchè può derivare anche dalla necessità di dover pagare una spropositata somma di denaro, che metta in pericolo non solo la possibilità di recupero, ma altresì elida in modo estremamente rilevante il patrimonio dell’obbligato. (La Corte ha peraltro inteso precisare che, in quest’ultimo caso, l’istante deve pur sempre dimostrare che la somma da versare in esecuzione della condanna abbia un’incidenza rilevante sul proprio patrimonio, non potendosi ritenere il « grave ed irreparabile» danno solo in base a considerazioni di carattere oggettivo). Cass. pen. sez. IV 18 gennaio 2006, n. 1813

Ai fini della sospensione, giusta quanto previsto all’art. 612 c.p.p.dell’esecuzione della condanna civile, non può essere considerato danno “grave ed irreparabile” quello che, trattandosi di condanna al versamento di una somma di danaro, si voglia far derivare dalla difficoltà di reperimento di tale somma o dalle precarie condizioni economiche dell’obbligato. (Mass. redaz.). Cass. pen. sez. IV 6 settembre 2005, n. 32942

Il danno grave ed irreparabile che può derivare dalla esecuzione della condanna civile, in considerazione del quale la Cassazione pusospendere tale esecuzione deve essere inteso nel senso di pregiudizio eccessivo che il debitore subisce, ossia tale da risolversi nella distruzione o disintegrazione del bene controverso. Pertanto quando la condanna abbia riguardo al versamento di una somma di denaro, stante la fungibilità di tale bene, la irreparabilità del danno deve essere esclusa; d’altro canto tale concetto non può essere confuso con le concrete difficoltà di recupero della somma né le precarie condizioni economiche dello obbligato possono costituire valido motivo a sostegno dell’istanza di sospensione posto che l’irreparabilità del danno deve concretarsi nell’impossibilità o inutilità della reintegrazione del diritto dell’esecutato anche sotto forma di risarcimento. Cass. pen. sez. I 26 settembre 1995, n. 4380

Deve ritenersi ai fini della sospensione dell’esecuzione della condanna civile in pendenza di ricorso per cassazione, che il requisito del grave ed irreparabile danno possa prodursi anche in conseguenza di un’esecuzione che abbia ad oggetto beni fungibili ed in particolare somme di denaro allorché, per la situazione economica precaria del soggetto passivo e per il palese stato di insolvibilità del creditore procedente, appaia altamente probabile che il debitore vada incontro a disagi sproporzionati ed all’impossibilità, in caso di cessazione della sentenza oggetto di ricorso, di recuperare la somma versata. Cass. pen. sez. VI ord. 28 novembre 1996, n. 2992

In tema di sospensione dell’esecuzione della condanna civile da parte della Cassazione, per la relativa pronunzia da adottarsi con ordinanza in camera di consiglio, si esige una richiesta di carattere interlocutorio, da introdursi medio tempore, in attesa della decisione del ricorso. Ne consegue che deve ritenersi non correttamente impostata secondo i termini voluti dalla legge una richiesta avanzata nella forma di conclusione terminativa da esaminarsi solo in sede di decisione del ricorso. (Nella specie la Cassazione ha altresì rilevato che neppure l’irreparabile e grave danno paventato dal ricorrente appariva configurabile, giacché l’impugnata sentenza si era limitata alla condanna «generica» al risarcimento del danno, disponendone la liquidazione in «separata sede»). Cass. pen. sez. V 12 febbraio 1992, n. 1471

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Novità giuridiche

Istituti giuridici