Art. 611 – Codice di Procedura Penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477)

Procedimento in camera di consiglio

Articolo 611 - Codice di Procedura Penale

1. Oltre che nei casi particolarmente previsti dalla legge (41, 428), la corte procede in camera di consiglio quando deve decidere su ogni ricorso contro provvedimenti non emessi nel dibattimento, fatta eccezione delle sentenze pronunciate a norma dell’art. 442. Se non è diversamente stabilito (32, 41, 48, 305, 311) e in deroga a quanto previsto dall’art. 127, la corte giudica sui motivi, sulle richieste del procuratore generale e sulle memorie delle altre parti senza intervento dei difensori. Fino a quindici giorni prima dell’udienza, tutte le parti possono presentare motivi nuovi (585) e memorie e, fino a cinque giorni prima, possono presentare memorie di replica.
[2. Nello stesso modo la corte procede quando è stata richiesta la dichiarazione di inammissibilità del ricorso (591, 606). Se non dichiara l’inammissibilità, la corte fissa la data per la decisione del ricorso in udienza pubblica] (1).

Articolo 611 - Codice di Procedura Penale

1. Oltre che nei casi particolarmente previsti dalla legge (41, 428), la corte procede in camera di consiglio quando deve decidere su ogni ricorso contro provvedimenti non emessi nel dibattimento, fatta eccezione delle sentenze pronunciate a norma dell’art. 442. Se non è diversamente stabilito (32, 41, 48, 305, 311) e in deroga a quanto previsto dall’art. 127, la corte giudica sui motivi, sulle richieste del procuratore generale e sulle memorie delle altre parti senza intervento dei difensori. Fino a quindici giorni prima dell’udienza, tutte le parti possono presentare motivi nuovi (585) e memorie e, fino a cinque giorni prima, possono presentare memorie di replica.
[2. Nello stesso modo la corte procede quando è stata richiesta la dichiarazione di inammissibilità del ricorso (591, 606). Se non dichiara l’inammissibilità, la corte fissa la data per la decisione del ricorso in udienza pubblica] (1).

Note

(1) Questo comma è stato abrogato dall’art. 6, comma 3, della L. 26 marzo 2001, n. 128.

Massime

In materia di misure di prevenzione, la Corte di cassazione, qualora sia investita del ricorso avverso un provvedimento applicativo di misura che, prima della dichiarazione di illegittimità costituzionale dell’art. 1, comma 1, lett. a), del d.lgs. 6 settembre 2011, n. 159 ad opera della sentenza della Corte cost. n. 24 del 2019, abbia inquadrato la pericolosità sociale del proposto nelle fattispecie di cui alle lett. a) e b) del citato art. 1, è tenuta a disporre l’annullamento con rinvio di tale provvedimento, atteso che l’operazione di riqualificazione totale o parziale delle fattispecie di pericolosità implica un’attività di verifica che involge profili di merito e necessita la riapertura del contraddittorio tra le parti non consentita dalla trattazione camerale del procedimento di prevenzione. Cass. pen. sez. I 21 giugno 2019, n. 27696

L’art. 611 cod. proc. pen.che prevede, per il giudizio di cassazione, la presentazione di motivi nuovi e memorie fino a quindici giorni prima dell’udienza in camera di consiglio, si applica anche per il procedimento in udienza pubblica, in quanto disposizione finalizzata a garantire la pienezza e l’effettività del contraddittorio ed a consentire al giudice di conoscere tempestivamente le varie questioni prospettate. Cass. pen. sez. III 27 marzo 2018, n. 14038

Il procedimento per la trattazione in sede di legittimità dei ricorsi in materia di misure di prevenzione deve svolgersi nella forma ordinaria dell’udienza camerale non partecipata, prevista dall’art. 611 cod. proc. pen.anche in caso di istanza di procedere nelle forme dell’udienza pubblica o del rito camerale partecipato, in quanto il principio di pubblicità dell’udienza, qualora l’interessato ne abbia fatto richiesta, affermato dalla Corte Costituzionale con la sentenza n. 93 del 2010 e dalla Corte Europea dei diritti dell’uomo con la sentenza del 13 novembre 2007, nella causa Bocellari e Rizza c. Italia, si riferisce esclusivamente alla fase di merito. Cass. pen. sez. VI 6 novembre 2017, n. 50437

Nel caso di annullamento senza rinvio, disposto nell’ambito di rito camerale “non partecipato”, di un’ordinanza della Corte di appello che erroneamente abbia dichiarato inammissibile l’impugnazione proposta avverso una sentenza di condanna alla sola pena dell’ammenda, la successiva fase del giudizio di legittimità, avente ad oggetto la decisione di primo grado – una volta qualificato l’appello come ricorso per cassazione -, richiede necessariamente la fissazione di udienza pubblica, poiché, in tal caso, il diritto al contraddittorio prevale sul principio di economia processuale, salvo che non sussistano i presupposti per procedere ex art. 610 cod. proc. pen. Cass. pen. sez. III 12 gennaio 2017, n. 1315

In tema di ricorso per cassazione deciso nelle forme del rito camerale non partecipato ai sensi dell’art. 611 cod. proc. pen.l’acquisizione della requisitoria scritta del procuratore generale non è presupposto necessario ai fini della fissazione della data dell’udienza e della trattazione del ricorso. Cass. pen. Sezioni Unite 30 dicembre 2015, n. 51207

Nel giudizio di legittimità, è inammissibile il deposito in udienza ad opera della parte civile di una comparsa conclusionale che non si limiti al riepilogo delle proprie conclusioni, ma abbia la consistenza di vera e propria memoria, in violazione dei termini stabiliti dall’art. 611 c.p.p.applicabili anche all’udienza pubblica. Cass. pen. sez. II 11 gennaio 2013, n. 1417

Non sono suscettibili di considerazione nel giudizio di legittimità, nella specie camerale, le memorie e le produzioni difensive intempestivamente presentate per inosservanza del termine dilatorio di cui all’art. 611 cod. proc. pen. Cass. pen. sez. I 7 marzo 2012, n. 8960

È irrilevante, e non costituisce causa di nullità, la mancanza, nella requisitoria scritta presentata dal Procuratore Generale ai sensi dell’art. 611 c.p.p.dei motivi posti a fondamento della richiesta di dichiarare inammissibile il ricorso del’imputato, non essendo tale requisito imposto né richiesto dalla legge processuale. Cass. pen. sez. III 9 giugno 2011, n. 23185

Il procedimento per la trattazione in sede di legittimità dei ricorsi in materia di misure di prevenzione (camera di consiglio non partecipata) non trova ostacolo nella sentenza 13 novembre 2007 della Corte europea per i diritti dell’uomo, in c. Bocellari c. Italia, in quanto tale pronuncia, nell’affermare la necessità che le persone sottoposte a un procedimento di prevenzione possano almeno sollecitare una trattazione in pubblica udienza, non si riferisce al giudizio innanzi alla Corte di cassazione. Cass. pen. sez. I 27 marzo 2009, n. 13569

Nel procedimento che si svolge dinanzi alla Corte di cassazione in camera di consiglio nelle forme previste dagli artt. 610 e 611 c.p.p.quando il ricorso dell’imputato viene dichiarato, per qualsiasi causa, inammissibile, ne va disposta la condanna al pagamento delle spese processuali in favore della parte civile, anche se i motivi di ricorso da lui proposti riguardino esclusivamente la pena inflitta, purché la domanda di restituzione o risarcimento del danno sia stata accolta in sede di merito e, in sede di legittimità, la stessa parte civile abbia effettivamente esplicato, nei modi e nei limiti consentiti, un’attività diretta a contrastare la pretesa dell’imputato per la tutela dei propri interessi. (Nella specie, la Corte ha ritenuto configurabile l’interesse della parte civile a ottenere con sollecitudine la pronuncia definitiva del giudizio, idonea a realizzare la sua pretesa risarcitoria o restitutoria, anche nell’ipotesi di ricorso dell’imputato ictu oculi inammissibile perché proposto esclusivamente per lamentare l’entità della pena patteggiata in appello e, come tale, assegnato all’apposita sezione di cui all’art. 610, comma 1, c.p.p.). Cass. pen. Sezioni Unite 11 febbraio 2004, n. 5466

In tema di rimessione, l’istanza di sospensione del processo di merito presentata, ai sensi dell’art. 47, comma 1, c.p.p.alla Corte di cassazione va trattata e decisa con procedura de plano e non con quella camerale, in considerazione della natura cautelare del provvedimento richiesto, diretto a paralizzare con urgenza il pregiudizio, imminente e irreparabile, che potrebbe derivare dall’illegittima prosecuzione del processo principale in costanza del predetto procedimento incidentale. Cass. pen. Sezioni Unite 27 marzo 2003, n. 14451

Nel giudizio di cassazione non comporta automatica nullità della sentenza di appello l’omessa motivazione in ordine ai motivi nuovi ritualmente depositati dall’appellante, dovendo il giudice di legittimità valutare se non si tratti di motivi manifestamente infondati o altrimenti inammissibili o comunque non concernenti un punto decisivo, oppure se la motivazione della sentenza impugnata non contenga argomentazioni e accertamenti che risultino incompatibili con tali motivi o siano tali da consentire alla Corte stessa di procedere ad una integrazione della motivazione sulla base degli argomenti posti a fondamento delle sentenze di primo e di secondo grado. Cass. pen. sez. III 12 marzo 2002, n. 10156

Il ricorso per cassazione avverso il provvedimento che decide nel merito sulla ricusazione, va trattato, in difetto di diversa previsione, con il rito camerale non partecipato stabilito in via generale davanti alla Suprema Corte dall’art. 611 c.p.p. Cass. pen. sez. VI 20 dicembre 1999, n. 3853

Il ricorso per cassazione avverso sentenze di applicazione della pena su richiesta delle parti va deciso con il procedimento in camera di consiglio, giusto il disposto dell’art. 611 c.p.p.quando si tratti di sentenze non emesse nel dibattimento, ed invece in pubblica udienza nel caso di sentenze emesse dopo la chiusura del dibattimento di primo grado o nel giudizio di impugnazione, nelle ipotesi in cui il giudice abbia ritenuto ingiustificato il dissenso del pubblico ministero. Cass. pen. Sezioni Unite 17 gennaio 1994, n. 295

Il procedimento in camera di consiglio innanzi alla Cassazione relativamente ai ricorsi in materia di sequestri deve svolgersi nelle forme di cui all’art. 127 c.p.p. e non in quelle di cui all’art. 611 dello stesso codice. (A sostegno del principio di cui in massima la Cassazione ha, tra l’altro, rilevato che a favore dell’applicazione della trattazione orale del ricorso, secondo la generale previsione di cui al succitato art. 127, milita il rinvio operato dall’art. 325, comma terzo, c.p.p. al precedente art. 311, comma quarto in quanto tale ultima norma, prevedendo una discussione necessariamente orale e la possibilità di enunciare motivi nuovi prima del suo inizio, delinea un modulo procedimentale incompatibile con quello dell’art. 611 c.p.p.che è basato unicamente su atti scritti). Cass. pen. Sezioni Unite 22 febbraio 1993, n. 14

In tema di giudizio abbreviato, l’art. 611 comma 1 c.p.p. nell’escludere i ricorsi contro le «sentenze pronunciate a norma dell’art. 442» dal generale principio, anche ivi formulato, della discussione in camera di consiglio di «ogni ricorso contro provvedimenti non emessi in dibattimento», si riferisce non soltanto alle sentenze emesse in primo grado ed impugnate direttamente con ricorso per cassazione, ma anche alle sentenze emesse in grado di appello, ai sensi dell’art. 443 comma 4 c.p.p.; ne consegue che anche i ricorsi contro queste ultime debbono essere discussi in udienza pubblica. Cass. pen. Sezioni Unite 5 novembre 1991

Nei procedimenti che proseguono con il vecchio rito, trattati in appello o in sede di rinvio in camera di consiglio a norma dell’art. 599 c.p.p. il ricorso per cassazione è regolato per quanto riguarda la forma, i termini e la trattazione dalle nuove norme processuali e deve svolgersi con il rito camerale e con l’osservanza delle disposizioni di cui agli artt. 610, quinto comma, e 611 c.p.p.e non con le forme dell’art. 127 dello stesso codice. Cass. pen. Sezioni Unite 1 luglio 1991, n. 7007

Anche quando il giudizio abbreviato si è svolto nelle forme previste dall’art. 247 delle norme transitorie relative al nuovo codice di procedura penale, il ricorso per cassazione deve essere proposto nei termini e nelle forme rispettivamente previsti dagli artt. 585 e 581 ed il relativo procedimento deve essere trattato in udienza pubblica, secondo l’espressa previsione dell’art. 611, comma primo, c.p.p. Cass. pen. Sezioni Unite 14 giugno 1991, n. 6706

Per effetto del rinvio all’art. 311, quarto comma, c.p.p.contenuto nell’art. 325, terzo comma, c.p.p. nel caso di ricorso per cassazione contro un provvedimento in materia di sequestro preventivo, il procedimento in Camera di Consiglio deve svolgersi nelle forme dell’art. 127 c.p.p. e non in quelle dell’art. 611 c.p.p.; non opera il termine di trenta giorni stabilito dall’art. 311, quinto comma, c.p.p. Cass. pen. Sezioni Unite 9 giugno 1990

Non è consentito al difensore l’intervento nella camera di consiglio fissata in cassazione per la trattazione di istanza di ricusazione, in quanto l’osservanza, nel giudizio di legittimità, delle forme di cui all’art. 127 c.p.p.è prevista, a norma dell’art. 611, comma 1, stesso codice, solo nei casi espressamente stabiliti, tra i quali non rientra la materia della ricusazione. Cass. pen. sez. I 15 settembre 1995, n. 3379

L’avviso al difensore dell’udienza camerale, fissata nel giudizio di cassazione a seguito della richiesta del P.G. di declaratoria di inammissibilità del ricorso, qualora oltre all’indicazione di tale richiesta non contenga l’enunciazione della causa dedotta a sostegno della stessa non vulnera gli aspetti essenziali di garanzia cui è deputato l’atto che di per sè mira a tutelare la possibilità dell’attivarsi della difesa: quest’ultima infatti ha comunque la possibilità di esaminare gli atti giacenti in cancelleria a sua disposizione e di presentare quindi motivi nuovi e/o memorie avversanti le richieste del P.G. Cass. pen. sez. VI 13 luglio 1994, n. 1856

Nel giudizio di cassazione la partecipazione all’udienza di discussione del ricorso avverso le ordinanze emesse dal tribunale della libertà è consentita ai soli difensori dell’imputato, ma non a quest’ultimo. Cass. pen. sez. VI 31 marzo 1990

I motivi nuovi devono consistere in un’ulteriore illustrazione delle ragioni di diritto e degli elementi di fatto che sorreggono l’originaria richiesta rivolta al giudice dell’impugnazione, nei limiti dei capi o punti della decisione oggetto del gravame, e pertanto non possono consistere in deduzioni riguardanti parti del provvedimento gravato che non sono state oggetto della primitiva impugnazione, frustrandosi altrimenti i termini prescritti dalla legge e la cui inosservanza è sanzionata con l’inammissibilità del gravame. (Fattispecie relativa a ricorso per cassazione). Cass. pen. sez. I 13 giugno 1998, n. 2559

I «motivi nuovi» a sostegno dell’impugnazione, previsti tanto nella disposizione di ordine generale contenuta nell’art. 585, quarto comma, c.p.p.quanto nelle norme concernenti il ricorso per cassazione in materia cautelare (art. 311, quarto comma, c.p.p.) ed il procedimento in camera di consiglio nel giudizio di legittimità (art. 611, primo comma, c.p.p.), devono avere ad oggetto i capi o i punti della decisione impugnata che sono stati enunciati nell’originario atto di gravame ai sensi dell’art. 581, lett. a), c.p.p. Cass. pen. Sezioni Unite 20 aprile 1998, n. 4683

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Novità giuridiche

Istituti giuridici