Art. 597 – Codice di Procedura Penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477 - aggiornato al D.Lgs. 08.11.2021, n. 188)

Cognizione del giudice di appello

Articolo 597 - codice di procedura penale

1. L’appello attribuisce al giudice di secondo grado la cognizione del procedimento limitatamente ai punti della decisione ai quali si riferiscono i motivi proposti (581, lett. c, 585).
2. Quando appellante è il pubblico ministero:
a) se l’appello riguarda una sentenza di condanna (533 ss.), il giudice può, entro i limiti della competenza del giudice di primo grado, dare al fatto una definizione giuridica più grave, mutare la specie o aumentare la quantità della pena, revocare benefici, applicare, quando occorre, misure di sicurezza (199 ss. c.p.) e adottare ogni altro provvedimento imposto o consentito dalla legge;
b) se l’appello riguarda una sentenza di proscioglimento (529 ss.), il giudice può pronunciare condanna ed emettere i provvedimenti indicati nella lett. a) ovvero prosciogliere per una causa diversa da quella enunciata nella sentenza appellata;
c) se conferma la sentenza di primo grado, il giudice può applicare, modificare o escludere, nei casi determinati dalla legge, le pene accessorie (28 ss. c.p.) e le misure di sicurezza.
3. Quando appellante è il solo imputato, il giudice non può irrogare una pena più grave per specie o quantità, applicare una misura di sicurezza nuova o più grave, prosciogliere l’imputato per una causa meno favorevole di quella enunciata nella sentenza appellata né revocare benefici, salva la facoltà, entro i limiti indicati nel comma 1, di dare al fatto una definizione giuridica più grave, purché non venga superata la competenza del giudice di primo grado.
4. In ogni caso, se è accolto l’appello dell’imputato relativo a circostanze o a reati concorrenti, anche se unificati per la continuazione, la pena complessiva irrogata è corrispondentemente diminuita.
5. Con la sentenza possono essere applicate anche di ufficio la sospensione condizionale della pena (163 c.p.), la non menzione della condanna nel certificato del casellario giudiziale (175 c.p.) e una o più circostanze attenuanti; può essere altresì effettuato, quando occorre, il giudizio di comparazione a norma dell’art. 69 del codice penale.

Articolo 597 - Codice di Procedura Penale

1. L’appello attribuisce al giudice di secondo grado la cognizione del procedimento limitatamente ai punti della decisione ai quali si riferiscono i motivi proposti (581, lett. c, 585).
2. Quando appellante è il pubblico ministero:
a) se l’appello riguarda una sentenza di condanna (533 ss.), il giudice può, entro i limiti della competenza del giudice di primo grado, dare al fatto una definizione giuridica più grave, mutare la specie o aumentare la quantità della pena, revocare benefici, applicare, quando occorre, misure di sicurezza (199 ss. c.p.) e adottare ogni altro provvedimento imposto o consentito dalla legge;
b) se l’appello riguarda una sentenza di proscioglimento (529 ss.), il giudice può pronunciare condanna ed emettere i provvedimenti indicati nella lett. a) ovvero prosciogliere per una causa diversa da quella enunciata nella sentenza appellata;
c) se conferma la sentenza di primo grado, il giudice può applicare, modificare o escludere, nei casi determinati dalla legge, le pene accessorie (28 ss. c.p.) e le misure di sicurezza.
3. Quando appellante è il solo imputato, il giudice non può irrogare una pena più grave per specie o quantità, applicare una misura di sicurezza nuova o più grave, prosciogliere l’imputato per una causa meno favorevole di quella enunciata nella sentenza appellata né revocare benefici, salva la facoltà, entro i limiti indicati nel comma 1, di dare al fatto una definizione giuridica più grave, purché non venga superata la competenza del giudice di primo grado.
4. In ogni caso, se è accolto l’appello dell’imputato relativo a circostanze o a reati concorrenti, anche se unificati per la continuazione, la pena complessiva irrogata è corrispondentemente diminuita.
5. Con la sentenza possono essere applicate anche di ufficio la sospensione condizionale della pena (163 c.p.), la non menzione della condanna nel certificato del casellario giudiziale (175 c.p.) e una o più circostanze attenuanti; può essere altresì effettuato, quando occorre, il giudizio di comparazione a norma dell’art. 69 del codice penale.

Massime

Non viola il divieto di “reformatio in peius” il giudice dell’impugnazione che, riqualificando il fatto in altra meno grave fattispecie di reato, individui una pena base di identica entità rispetto a quella stabilita nel minimo edittale dal giudice di primo grado in relazione all’originaria imputazione, purchè venga irrogata in concreto una sanzione finale non superiore a quella in precedenza inflitta.(Nella specie la Corte ha ritenuto corretta la decisione del giudice di appello il quale, pur avendo escluso un’aggravante riconosciuta in primo grado, non aveva però ridotto la pena base per il calcolo finale in cui la sanzione inflitta era stata comunque diminuita). Cass. pen. sez. V 11 gennaio 2019, n. 1281

Il giudice di appello, anche in presenza della sola impugnazione dell’imputato, può procedere ad una nuova e più grave qualificazione giuridica del fatto nel rispetto del principio del giusto processo previsto dall’art. 6 CEDU, come interpretato dalla Corte europea dei diritti dell’uomo, anche senza disporre una rinnovazione totale o parziale dell’istruttoria dibattimentale, sempre che sia sufficientemente prevedibile la ridefinizione dell’accusa inizialmente formulata, che il condannato sia in condizione di far valere le proprie ragioni in merito alla nuova definizione giuridica del fatto e rimanga ferma la pena irrogata. (Fattispecie relativa alla riqualificazione dell’originaria imputazione di tentato furto aggravato in tentata rapina impropria aggravata dal numero di persone). Cass. pen. sez. II 5 settembre 2018, n. 39961

In tema di cognizione del giudice di appello, non sussiste alcuna connessione tra il motivo di appello relativo al trattamento sanzionatorio ed il punto della sentenza relativo all’applicazione della recidiva, in quanto il primo è volto a sollecitare l’uso del potere discrezionale del giudice alla stregua dei criteri di cui all’art. 133 cod. pen.in relazione ad una determinata configurazione del reato e delle sue circostanze, mentre il secondo riguarda una circostanza aggravante soggettiva (Fattispecie in cui la Corte ha ritenuto manifestamente infondato il motivo di ricorso con cui si censurava l’omessa motivazione in ordine alla mancata esclusione della recidiva da parte del giudice di appello, investito della sola cognizione relativa al riconoscimento delle circostanze attenuanti generiche ed alla conseguente riduzione del trattamento sanzionatorio). Cass. pen. sez. VII 27 marzo 2018, n. 14140

Il giudice di appello non ha il potere di applicare d’ufficio le sanzioni sostitutive delle pene detentive brevi se nell’atto di appello non risulta formulata alcuna specifica e motivata richiesta con riguardo a tale punto della decisione, dal momento che l’ambito di tale potere è circoscritto alle ipotesi tassativamente indicate dall’art. 597, comma quinto, cod. proc. pen.che costituisce una eccezione alla regola generale del principio devolutivo dell’appello e che segna anche il limite del potere discrezionale del giudice di sostituire la pena detentiva previsto dall’art. 58 della legge n. 689 del 1981. Cass. pen. Sezioni Unite 17 marzo 2017, n. 12872

In base al principio devolutivo che caratterizza il giudizio di appello ed in base alle norme sulle formalità dell’impugnazione, che richiedono, tra gli altri requisiti previsti a pena di inammissibilità del gravame, quello della specificità dei motivi (artt. 581, lett. c), e 591, primo comma, lett. c), c.p.p.), deve escludersi che l’impugnazione della sentenza di primo grado in punto di responsabilità possa ritenersi implicitamente comprensiva anche della doglianza concernente il trattamento sanzionatorio. (In motivazione, la S.C. ha ulteriormente evidenziato che, in mancanza di uno specifico motivo, il giudice d’appello non può procedere d’ufficio alla riduzione della pena, anche perchè la facoltà riconosciutagli dal quinto comma dell’art. 597 c.p.p. è circoscritta all’applicazione di ufficio dei benefici e delle attenuanti ivi indicate). Cass. pen. sez. VI 23 febbraio 2015, n. 7994

Non viola il principio di devoluzione, il giudice di appello che, nell’esaminare il motivo di gravame dedotto dall’imputato relativo all’attendibilità della persona offesa, riconosca a quest’ultima, pur in assenza sul punto di specifica impugnazione da parte del P.M.la qualifica di testimone e non di indagato in procedimento connesso, come invece ritenuto dal giudice di primo grado, che aveva proceduto all’assunzione della prova ai sensi dell’art. 197 bis cod. proc. pen. Cass. pen. sez. II 28 gennaio 2015, n. 4123

Il giudice di appello può procedere alla riqualificazione giuridica del fatto nel rispetto del principio del giusto processo previsto dall’art. 6 CEDU, come interpretato dalla Corte europea dei diritti dell’uomo, anche senza disporre una rinnovazione totale o parziale dell’istruttoria dibattimentale, sempre che sia sufficientemente prevedibile la ridefinizione dell’accusa inizialmente formulata, che il condannato sia in condizione di far valere le proprie ragioni in merito alla nuova definizione giuridica del fatto e che questa non comporti una modifica “in peius” del trattamento sanzionatorio e del computo della prescrizione. (Fattispecie in cui la Corte ha ritenuto sufficientemente prevedibile la riqualificazione unitaria delle originarie imputazioni di furto e resistenza ad un pubblico ufficiale nel reato di rapina impropria). Cass. pen. sez. II 22 gennaio 2015, n. 2884

E’ sottratto alla cognizione del giudice di appello l’accertamento di ufficio della pericolosità sociale dell’imputato, in mancanza di specifica impugnazione della statuizione della sentenza riguardante l’espulsione dal territorio dello Stato dello straniero condannato per uno dei reati indicati nell’art. 86 del D.P.R. 9 ottobre 1990, n. 309. Cass. pen. sez. III 26 marzo 2012, n. 11599

Il giudice d’appello non è legittimato ad escludere d’ufficio le circostanze aggravanti ritenute sussistenti da quello di primo grado. Cass. pen. sez. VI 12 gennaio 2012, n. 800   

L’appello del P.M. contro la sentenza di assoluzione emessa all’esito del dibattimento, salva l’esigenza di contenere la pronuncia nei limiti della originaria contestazione, ha effetto pienamente devolutivo, attribuendo al giudice ad quem gli ampi poteri decisori previsti dall’art. 597 comma secondo lett. b) c.p.p. Ne consegue che, da un lato, l’imputato è rimesso nella fase iniziale del giudizio e può riproporre, anche se respinte, tutte le istanze che attengono alla ricostruzione probatoria del fatto ed alla sua consistenza giuridica; dall’altro, il giudice dell’appello è legittimato a verificare tutte le risultanze processuali e a riconsiderare anche i punti della sentenza di primo grado che non abbiano formato oggetto di specifica critica, non essendo vincolato alle alternative decisorie prospettate nei motivi di appello e non potendo comunque sottrarsi all’onere di esprimere le proprie determinazioni in ordine ai rilievi dell’imputato. Cass. pen. Sezioni Unite 20 settembre 2005, n. 33748

In tema di reato continuato, il giudizio di bilanciamento ex art. 69 c.p. va instaurato solo tra le circostanze aggravanti e le circostanze attenuanti relative al reato-base, cioè a quello ritenuto in concreto più grave, mentre delle circostanze riguardanti i cosiddetti reati satelliti deve tenersi conto solo ai fini dell’aumento per la continuazione. (Fattispecie nella quale il giudice d’appello, ritenuto reato-base la tentata violenza carnale ex artt. 56-519 c.p. non aggravata da alcuna circostanza, aveva effettuato il giudizio di comparazione fra le attenuanti generiche e le aggravanti per i reati satelliti). Cass. pen. sez. III 18 giugno 2004, n. 27495

In tema di giudizio di impugnazione, la disposizione di cui all’art. 597 primo comma c.p.p. va interpretata nel senso che esso attribuisce gli stessi poteri del primo giudice al giudice di appello: con la conseguenza che questi – fermo restando il limite posto dal divieto di riformatio in pejus – non è vincolato da quanto prospettato dall’appellante ma, relativamente ai punti della decisione cui i motivi di gravame si riferiscono, puaffrontare tutte le questioni enucleabili all’interno dei punti medesimi. (Nella fattispecie, relativa a incidente automobilistico, la Corte ha ritenuto legittimo che il giudice di merito, investito della questione circa la causa della rottura del piantone dello sterzo, si sia occupato anche delle possibili concause dell’evento). Cass. pen. sez. IV 1 aprile 2004, n. 15461

Il giudice di appello, se accerta che il fatto è diverso da quello contestato, non potendo decidere in ordine allo stesso perché altrimenti sottrarrebbe all’imputato un grado di giudizio e ne violerebbe conseguentemente in maniera irreparabile il diritto di difesa, non può che annullare con sentenza quella di primo grado e, nel contempo, disporre la trasmissione degli atti al P.M. competente perché si proceda ad un nuovo giudizio. Tale decisione della Corte d’appello non è ricorribile per cassazione dall’imputato per mancanza di interesse in quanto, poiché l’unico effetto che si determina è quello dell’avvio di un nuovo accertamento da parte dell’organo competente, non viene a crearsi alcuna situazione di pregiudizio, dovendo questo risiedere e rinvenirsi non già in una mera eventualità ma unicamente nell’attualità degli effetti direttamente prodotti dal provvedimento impugnato. Cass. pen. sez. VI 5 agosto 2003, n. 33063

In tema di impugnazioni avverso i provvedimenti cautelari personali (art. 310 c.p.p.), il tribunale, quale giudice di appello dei provvedimenti in materia di libertà personale, è tenuto a pronunciarsi unicamente con le formule conclusive proprie del giudizio di merito – conferma o riforma del provvedimento impugnato –, con la conseguenza che non può annulare lo stesso per difetto di motivazione, ma deve, invece, nel rispetto del principio tantum devolutum quantum appellatum, provvedere a completare detta motivazione, integrandola in tutto o in parte. Cass. pen. sez. IV 25 febbraio 2003, n. 8982

In tema di cognizione del giudice di appello, pur essendo previsto che la sospensione condizionale della pena possa essere concessa di ufficio, nessun obbligo di motivazione è stabilito a carico del giudice di secondo grado; ne consegue che il mancato esercizio di tale potere discrezionale non si traduce in vizio di violazione di legge o di motivazione, quando il predetto beneficio non sia stato espressamente sollecitato dalla parte con i motivi di appello, ovvero, oralmente, in udienza. Cass. pen. sez. V 19 novembre 2001, n. 41126

Una volta che l’imputato abbia formulato uno specifico motivo di gravame sulla mancata applicazione della continuazione, il giudice dell’impugnazione ha l’obbligo di pronunciarsi sul tema di indagine devolutogli, per l’evidente ragione che al principio devolutivo è coessenziale il potere-dovere del giudice del gravame di esaminare e decidere sulle richieste dell’impugnante: sicché, stante la correlazione tra motivi di impugnazione e ambito della cognizione e della decisione, non è ammissibile che il giudice possa esimersi da tale compito, riservandone la soluzione al giudice dell’esecuzione e possa, così, sovrapporre all’iniziativa rimessa al potere dispositivo della parte la propria valutazione circa l’opportunità di esaminare, o non, l’istanza dell’impugnante. Ne consegue che, qualora il giudice di appello abbia omesso di pronunciare sulla richiesta di continuazione formulata con specifico motivo di impugnazione, sussiste l’interesse dell’imputato al ricorso per cassazione per la mancata pronuncia sul punto. Cass. pen. Sezioni Unite 28 giugno 2000, n. 1

Il giudice di appello, investito di una impugnazione tempestivamente prodotta relativa all’attribuzione di responsabilità, ha il potere, anche se a ciò non espressamente sollecitato, di dare al fatto una diversa qualificazione giuridica, ritenendo un reato diverso e meno grave di quello ritenuto dal primo giudice. Ne consegue che, allorché in presenza di una contestazione di concorso nella detenzione illecita di sostanza stupefacente, venga sollecitata con i motivi di appello la configurazione del meno grave reato di favoreggiamento personale, anche soltanto deducendo la semplice connivenza, il giudice non può ritenere inammissibile il motivo adducendone la novità in relazione alla qualificazione giuridica dei fatti, atteso che il giudicato, non essendo ancora definitiva la statuizione sulla attribuzione di responsabilità, non si è ancora formato. Cass. pen. sez. IV 19 maggio 2000, n. 5868  .

Qualora, richiesto dell’emissione di un provvedimento coercitivo, il giudice per le indagini preliminari ritenga sussistenti i gravi indizi di colpevolezza e mancanti le esigenze cautelari, il tribunale, investito dell’appello del pubblico ministero su questo secondo profilo, ha pieno potere di cognizione su entrambi i presupposti indicati senza che ciò comporti una violazione del principio devolutivo, dovendosi ritenere che la limitazione della cognizione ai punti della decisione ai quali si riferiscono i motivi, stabilita dall’art. 597 c.p.p.comporti comunque per il giudice di secondo grado l’obbligo di esaminare anche tutti i punti indissolubilmente legati a quelli espressamente oggetto del gravame. Cass. pen. sez. II 20 aprile 2000, n. 1993

Il divieto della reformatio in peius è un principio di portata generale che opera anche nel giudizio di rinvio; qualora la sentenza di appello sia stata annullata per ragioni esclusivamente processuali tale divieto deve essere rispettato solo in relazione alla sentenza di primo grado, non avendo determinato quella di secondo grado il consolidamento di alcuna posizione di carattere sostanziale. (Fattispecie in cui la sentenza di appello, che aveva ridotto la pena inflitta in primo grado, era stata cassata per nullità derivante dalla omessa citazione dell’imputato al dibattimento). Cass. pen. sez. VI 27 agosto 1999, n. 10251

Il giudice di appello, nel condannare a seguito di impugnazione del pubblico ministero un imputato già assolto in primo grado, non è tenuto a motivare in ordine alla mancata concessione del beneficio della non menzione della condanna qualora, manchi una specifica istanza dell’interessato: invero un suddetto obbligo, a fronte di omesso esercizio di un potere discrezionale, sussiste solo in relazione a quanto dedotto e richiesto in sede di discussione. Cass. pen. sez. V 13 agosto 1998, n. 9474

Pur quando appellante avverso una sentenza di condanna sia il pubblico ministero il giudice d’appello, nel respingere il gravame, non pu senza violare il principio di devoluzione sancito dall’art. 597, comma 1, c.p.p. operare, ai sensi del comma 2, lett. a), di detto articolo, un aumento della pena inflitta sol perché ritenga, indipendentemente da quelle che sono state le non accolte richieste del pubblico ministero, relative ad altri punti dell’impugnata sentenza, che sia necessario rimediare ad un errore in cui il giudice di primo grado sarebbe caduto. Cass. pen. sez. I 18 febbraio 1998, n. 2003

In materia di impugnazioni, l’appello di P.M. contro la sentenza di assoluzione investe l’intera sentenza con effetto pienamente devolutivo, con la conseguenza che il giudice è legittimato a rivalutare tutte le precedenti risultanze processuali e a considerare sotto diverso aspetto, anche i punti della motivazione della sentenza di primo grado che non abbiano formato oggetto di specifica censura. Cass. pen. sez. III 2 dicembre 1997, n. 11054

Il tribunale in sede di appello ex art. 310 c.p.p.a differenza di quello del riesame, per il quale si prescinde dal principio di stretta devoluzione, ha cognizione circoscritta ai punti della decisione che hanno formato oggetto di censura, secondo la norma generale di cui all’art. 597, comma primo, c.p.p. L’appello ex art. 310 c.p.p.infatti, implica il cosiddetto giudicato cautelare, e cioè una situazione immutabile rebus sic stantibus, sicché le parti hanno un onere di doglianza specifica cui fa riscontro un obbligo specifico di decisione, con conseguente impossibilità di andare ultra petita, al di fuori dell’ambito devoluto. Cass. pen. sez. IV 2 settembre 1996, n. 2038

L’effetto devolutivo dell’appello proposto, ai sensi dell’art. 597 secondo comma lett. b) c.p.p.dal pubblico ministero avverso la sentenza che assolve l’imputato «perché il fatto non costituisce reato», è pieno. Deve escludersi pertanto – nel caso di appello proposto (anche o solo) dal P.M. – che l’iniziativa dell’organo di accusa ponga limiti al contenuto della pronuncia del giudice di secondo grado, il quale, invece, è legittimato a rivalutare tutte le risultanze processuali e a considerare sotto diverso aspetto anche i punti della sentenza di primo grado non oggetto di specifica censura. Cass. pen. sez. III 16 febbraio 1996, n. 1808

Allorché il giudice d’appello non rilevi diversità tra i fatti per cui è intervenuta condanna e quelli descritti nel decreto di citazione a giudizio, bensì diversità tra i fatti risultanti dagli atti e quelli ritenuti sussistenti dal giudice di primo grado, non può dichiarare la nullità della sentenza impugnata e rimettere gli atti al primo giudice – che non può modificare l’imputazione, né procedere per fatti diversi da quelli descritti nel decreto che dispone il giudizio – ma al pi nel rispetto dei limiti posti dall’art. 597 c.p.p.quali.care diversamente i fatti oggetto della sentenza di primo grado, fermo restando il divieto di infliggere una pena più grave in caso di impugnazione del solo imputato, spettando al pubblico ministero procedere nelle forme ordinarie per eventuali fatti nuovi emersi a carico dell’imputato nel corso del dibattimento d’appello, al quale non può applicarsi il secondo comma dell’art. 518 c.p.p. che prevede la facoltà del presidente, su richiesta del P.M.di autorizzare la contestazione in udienza del fatto nuovo. Cass. pen. sez. I 30 novembre 1994, n. 4672

In caso di appello del pubblico ministero che chieda la condanna per tentato omicidio in luogo del riconosciuto delitto di lesioni volontarie, non viola il principio tantum devolutum quantum appellatum il giudice che ritenga sussistente il delitto di lesioni gravi, modificando in peius il giudizio di comparazione delle circostanze e inasprendo la sanzione. Cass. pen. sez. V 18 agosto 1993, n. 7801

Il giudice di appello non ha poteri di cognizione e di decisione più ampi di quelli del giudice di primo grado, secondo il dettato dell’art. 597. Ne deriva che per ripristinare il corso ordinario del procedimento per decreto allorquando il Gip, anziché accogliere la richiesta del P.M. di emettere decreto penale di condanna, abbia assolto l’imputato «perché il fatto non sussiste», il giudice d’appello è tenuto ad annullare la sentenza impugnata ed a trasmettere gli atti al giudice di primo grado per l’ulteriore corso. (La S.C. ha annullato la sentenza del giudice d’appello che pronunciava nel merito con la condanna dell’imputato ed ha escluso le possibili soluzioni prospettantisi, di provvedere all’emissione del decreto penale di condanna o alla restituzione degli atti al P.M.poiché entrambe inidonee a reintegrare la situazione processuale alterata dall’errata sentenza di proscioglimento del G.I.P.). Cass. pen. sez. V 25 novembre 1992, n. 11311

Il divieto di “reformatio in peius” riguarda esclusivamente il dispositivo della sentenza ed il suo concreto contenuto af.ittivo, ma non anche la motivazione, che, pertanto, anche nel caso di gravame del solo imputato, può contenere una valutazione più grave della violazione commessa rispetto alla sentenza di primo grado, lasciando inalterato il dispositivo. Cass. pen. sez. III 23 gennaio 2017, n. 3070

Ai fini dell’individuazione dell’ambito di cognizione attribuito al giudice di secondo grado dall’art. 597, comma primo, cod. proc. pen.per punto della decisione deve ritenersi quella statuizione della sentenza che può essere considerata in modo autonomo, non anche le argomentazioni esposte in motivazione, che riguardano il momento logico e non già quello decisionale del procedimento. Ne deriva che, in ordine alla parte della sentenza suscettibile di autonoma valutazione che riguarda una specifica questione decisa in primo grado, il giudice dell’impugnazione può pervenire allo stesso risultato cui è pervenuto il primo giudice anche sulla base di considerazioni e argomenti diversi da quelli considerati dal primo giudice o alla luce di dati di fatto non valutati in primo grado, senza, con ci violare il principio dell’effetto parzialmente devolutivo dell’impugnazione. Cass. pen. sez. V 2 ottobre 2014, n. 40981

I punti della decisione ai quali fa espresso riferimento l’articolo 597, comma 1, del c.p.p. coincidono con le parti delle sentenze relative alle statuizioni indispensabili per il giudizio su ciascun reato e segnano un passaggio obbligato per la completa definizione di ciascuna imputazione. Per un principio desumibile dall’articolo 624 del c.p.p.riguardante le sentenze di annullamento parziale in sede di giudizio di legittimità, ma insito nella natura e nella logica dell’appello, nella locuzione «punti della decisione cui si riferiscono i motivi proposti» vanno ricomprese non soltanto le statuizioni suscettibili di autonoma considerazione direttamente investite dai motivi di appello, ma anche quelle ulteriori statuizioni che siano legate alle prime da un vincolo di connessione essenziale logico-giuridico. L’appello incidentale ha a oggetto i punti della decisione investiti dall’appello principale e gli ulteriori punti che abbiano una connessione essenziale con i primi. La suddetta conformazione dell’appello incidentale e la sua perdurante accessorietà rispetto all’appello principale conseguono direttamente dal precetto dell’articolo 595, comma 4, del c.p.p.a norma del quale l’appello incidentale perde efficacia in caso di inammissibilità dell’appello principale o di rinuncia allo stesso. (Mass. redaz.). Cass. pen. Sezioni Unite 9 marzo 2007, n. 10251

Poiché la cosa giudicata si forma sui capi della sentenza (nel senso che la decisione acquista il carattere dell’irrevocabilità soltanto quando sono divenute irretrattabili tutte le questioni necessarie per il proscioglimento o per la condanna dell’imputato rispetto a uno dei reati attribuitigli), e non sui punti di essa, che possono essere unicamente oggetto della preclusione correlata all’effetto devolutivo del gravame e al principio della disponibilità del processo nella fase delle impugnazioni, in caso di condanna la mancata impugnazione della ritenuta responsabilità dell’imputato fa sorgere la preclusione su tale punto, ma non basta a far acquistare alla relativa statuizione l’autorità di cosa giudicata, quando per quello stesso capo l’impugnante abbia devoluto al giudice l’indagine riguardante la sussistenza di circostanze e la quantificazione della pena, sicché la res iudicata si forma solo quando tali punti siano stati definiti e le relative decisioni non siano censurate con ulteriori mezzi di gravame. Ne consegue che l’eventuale causa di estinzione del reato deve essere rilevata finché il giudizio non sia esaurito integralmente in ordine al capo di sentenza concernente la definizione del reato al quale la causa stessa si riferisce. (Fattispecie relativa a prescrizione del reato). Cass. pen. Sezioni Unite 28 giugno 2000, n. 1

Attesa la distinzione che deve operarsi fra l’istituto del giudicato e quello della preclusione processuale legata al principio di devoluzione (di cui è principale espressione l’art. 597, comma 1, c.p.p.), nel mentre deve riconoscersi il fenomeno della c.d. «formazione progressiva del giudicato» nel caso in cui si dia luogo ad annullamento parziale con rinvio della sentenza di condanna su punti diversi da quelli concernenti la responsabilità dell’imputato, deve invece escludersi che il suddetto fenomeno possa farsi derivare dal solo fatto che, proposta un’impugnazione, questa sia stata limitata unicamente a quei punti e non abbia quindi investito il giudizio di responsabilità. Ne consegue che, verificandosi tale ipotesi, non possono non operare le eventuali cause di estinzione del reato riconosciute dal giudice dell’impugnazione, salvo che quest’ultima sia affetta da una causa originaria di inammissibilità. Cass. pen. sez. III 28 febbraio 2000, n. 2448

Il giudicato si forma sui profili decisori (capi e punti della sentenza) e non sulla motivazione; per quest’ultima la regola è quella della rivalutabilità degli elementi di causa da parte del giudice dell’impugnazione al fine di individuare la più corretta motivazione e pertanto gli elementi logico argomentativi riferiti a circostanze di fatto o a valutazioni di diritto possono essere utilizzati ai fini della motivazione della decisione in ciascun grado del giudizio senza che l’opinamento di un giudice, nell’argomentare la sua decisione, possa condizionare quello del successivo, funzionalmente preposto a rivedere e riconsiderare, nei limiti dei punti e dei capi attinti dall’impugnazione della parte, la decisione del giudice che lo ha preceduto. (Nella fattispecie, relativa ad affermazione di responsabilità per lesioni colpose, il ricorrente lamentava che, lui solo appellante, il giudice di appello avesse preso in considerazione profili di colpa esclusi dal primo giudice e asseritamente non utilizzabili in quanto coperti dal giudicato). Cass. pen. sez. IV 1 febbraio 2000, n. 1147

In tema di cognizione del giudice di appello, nella locuzione «punti della decisione ai quali si riferiscono i motivi preposti» di cui all’art. 597 primo comma, c.p.p. debbono ricomprendersi non solo i «punti della decisione» in senso stretto, e cioè le statuizioni suscettibili di autonoma considerazione nell’ambito della decisione relativa ad un determinato reato, ma anche quelle riguardanti capi della sentenza che sebbene non investiti in via diretta con i motivi – che riguardano altro reato – risultino tuttavia legati con i primi da un vincolo di connessione essenziale logico-giuridica. (Nella fattispecie la Corte ha ritenuto esistente la connessione logico-giuridica tra la statuizione di responsabilità impugnata con l’appello e riguardante il delitto di uso di patente falsi.cata, e il punto relativo alla contravvenzione di guida senza patente; ha pertanto ritenuto la Corte che l’imputato, contestando la responsabilità in ordine al primo reato sotto il profilo dell’insussistenza di fatto, necessariamente contestava anche di aver guidato sprovvisto di valida patente di guida. Conseguentemente, risultando implicitamente investita anche in relazione alla contravvenzione, la Corte d’appello avrebbe dovuto dichiarare l’estinzione del reato per prescrizione). Cass. pen. sez. V 17 novembre 1999, n. 13281

Ai fini dell’individuazione dell’ambito di cognizione attribuito al giudice di secondo grado dall’art. 597, primo comma, c.p.p.per punto della decisione deve ritenersi quella statuizione della sentenza che può essere considerata in modo autonomo, non anche le argomentazioni esposte in motivazione, che riguardano il momento logico e non già quello decisionale del procedimento. Ne deriva che, in ordine alla parte della sentenza suscettibile di autonoma valutazione che riguarda una specifica questione decisa in primo grado, il giudice dell’impugnazione può pervenire allo stesso risultato cui è pervenuto il primo giudice anche sulla base di considerazioni e argomenti diversi da quelli considerati dal primo giudice o alla luce di dati di fatto non valutati in primo grado, senza, con ci violare il principio dell’effetto parzialmente devolutivo dell’impugnazione. Cass. pen. sez. I 22 settembre 1999, n. 10795

Ai fini della individuazione dell’ambito di cognizione attribuito al giudice di secondo grado – limitato, in forza del primo comma dell’art. 597 c.p.p.«ai punti della decisione ai quali si riferiscono i motivi proposti» – per punto della decisione deve ritenersi quella statuizione della sentenza che può essere considerata in modo autonomo, non anche le argomentazioni esposte in motivazione, perché queste riguardano il momento logico e non già quello decisionale del procedimento. Ne deriva che il giudice dell’impugnazione pu in ordine alla parte della sentenza autonomamente considerabile che riguarda una specifica questione decisa in primo grado, pervenire allo stesso risultato cui è giunto il primo giudice anche sulla sola base di considerazioni ed argomenti diversi da quelli considerati dal primo giudice, o di dati di fatto non contestati e risultanti dagli atti, anche se non valutati in primo grado, senza con ciò violare il principio dell’effetto parzialmente devolutivo dell’impugnazione. Cass. pen. sez. I 12 marzo 1997, n. 2390

La preclusione derivante dall’effetto devolutivo dell’appello riguarda esclusivamente i “punti” della sentenza che, non essendo stati oggetto dei motivi, abbiano acquistato autorità di giudicato; non riguarda, invece, nell’ambito dei motivi proposti, le argomentazioni e le questioni di diritto non svolte o erroneamente prospettate a sostegno del petitum che forma oggetto del gravame, atteso che il giudice di appello ben pu– senza esorbitare dalla sfera devolutiva, dell’impugnazione – accogliere il gravame in base ad argomentazioni proprie o diverse da quelle dell’appellante. (Fattispecie in tema di impugnazione del P.M.). Cass. pen. Sezioni Unite 4 gennaio 1996, n. 1

Non viola il divieto di “reformatio in peius” previsto dall’art. 597 cod. proc. pen. il giudice dell’impugnazione che apporta per uno dei fatti unificati dall’identità del disegno criminoso un aumento maggiore rispetto a quello ritenuto dal primo giudice, pur non irrogando una pena complessivamente maggiore. (Fattispecie in cui la Corte di appello riqualificava il reato più grave contestato ex art. 416-bis cod. pen. ai sensi dell’art. 416, commi secondo e quinto, cod. pen.per poi procedere alla rideterminazione della pena per la continuazione, irrogando per i reati satellite aumenti superiori a quelli stabiliti dal primo giudice). Cass. pen. sez. II 8 novembre 2017, n. 50949

Non viola il divieto di “reformatio in peius” la sentenza del giudice d’appello che, riqualificando il fatto in ipotesi meno grave, impedisca all’imputato di beneficiare della sospensione dell’ordine di esecuzione ex art.656, comma quinto, cod. proc. pen.ostandovi il nuovo titolo di reato, ai sensi del comma nono del citato articolo.(Fattispecie relativa a derubricazione, richiesta dall’imputato nei motivi di appello, dal reato di cui all’art. 648 cod. pen. a quello di cui all’art. 624 bis cod. pen.). Cass. pen. sez. II 6 ottobre 2016, n. 42396

In tema di divieto di “reformatio in peius”, il giudice di appello che, accogliendo il motivo di gravame proposto dal solo imputato riguardante una regiudicanda integrata da più reati unificati dal vincolo della continuazione, riconosca l’esistenza di una circostanza attenuante in precedenza negata ed influente sia sulla pena base che su altri elementi rilevanti per il calcolo, deve necessariamente ridurre la pena complessivamente inflitta con riferimento al reato base e ai reati satelliti, salvo che per questi ultimi venga confermato, con adeguata motivazione, l’aumento in precedenza disposto e fermo restando che il risultato finale dell’operazione si concluda con l’irrogazione di una pena complessiva corrispondentemente diminuita rispetto a quella in precedenza irrogata. (Fattispecie relativa a reati sessuali, nella quale la Corte ha ritenuto illegittima l’applicazione, da parte della Corte di appello, dello stesso aumento di pena operato dal primo giudice senza alcuna motivazione al riguardo, pur in presenza del riconoscimento dell’attenuante della minore gravità applicabile a tutti i reati concorrenti unificati dal vincolo ex art. 81, comma secondo, c.p.). Cass. pen. sez. III 23 gennaio 2015, n. 3214

Non sussiste la violazione del divieto di “reformatio in peius” qualora, ancorché sia proposta impugnazione da parte del solo imputato, il giudice di appello, senza aggravare la pena inflitta, attribuisca al fatto una diversa e più grave qualificazione giuridica (nella specie concorso esterno in associazione mafiosa anziché favoreggiamento personale aggravato dall’art. 7 del D.L. 13 maggio 1991, n. 152, convertito in legge 12 luglio 1991, n. 203, come ritenuto in primo grado), a condizione che si tratti di punto della decisione al quale si riferiscono i motivi di gravame. (Fattispecie in cui la Corte ha precisato che la questione attinente alla definizione giuridica del fatto rientra senz’altro nella cognizione del giudice d’appello, ove sia stata contestata in generale la sussistenza del fatto). Cass. pen. sez. II 24 giugno 2014, n. 27460

Viola il divieto di “reformatio in peius” la sentenza d’appello che, in riforma di quella di primo grado, la quale aveva ritenuto la sussistenza di circostanze aggravanti e determinato la pena in quella minima prevista dalla legge per il delitto circostanziato, esclude le indicate circostanze e, tuttavia, non ridetermina la pena nella misura del minimo edittale contemplato per il delitto non circostanziato. (Fattispecie relativa alla circostanza aggravante ad effetto speciale, prevista dall’art. 416 bis, quarto comma, c.p.). Cass. pen. sez. V 11 giugno 2014, n. 24661

Non viola il divieto di “reformatio in peius” previsto dall’art. 597 cod. proc. pen. il giudice dell’impugnazione che, quando muta la struttura del reato continuato (come avviene se la regiudicanda satellite diventa quella più grave o cambia la qualificazione giuridica di quest’ultima), apporta per uno dei fatti unificati dall’identità del disegno criminoso un aumento maggiore rispetto a quello ritenuto dal primo giudice, pur non irrogando una pena complessivamente maggiore. Cass. pen. Sezioni Unite 14 aprile 2014, n. 16208

Il divieto di “reformatio in pejus” opera anche nel giudizio di rinvio e con riferimento alla decisione del giudice di appello se il ricorso per cassazione è stato proposto dall’imputato, essendo irrilevante, per il verificarsi di questi effetti, che la sentenza di primo grado sia stata appellata dal pubblico ministero. Cass. pen. Sezioni Unite 14 aprile 2014, n. 16208

Incorre nella violazione del divieto della “reformatio in pejus” il giudice di appello che, in assenza di impugnazione del pubblico ministero, applichi all’imputato una misura di sicurezza personale, quando nessuna misura di sicurezza sia stata disposta nella sentenza di primo grado. (Fattispecie in cui il giudice di appello previo riconoscimento del vizio parziale di mente, aveva ridotto la pena inflitta in primo grado e applicato la misura della libertà vigilata). Cass. pen. sez. VI 9 aprile 2014, n. 15892

Nel giudizio di appello instaurato a seguito di impugnazione del solo imputato, viola il divieto di “reformatio in peius”, il giudice che, assolvendo il giudicabile da uno dei reati a lui ascritti in continuazione, non elimina dal cumulo delle sanzioni amministrative accessorie la parte ad esso relativa, giacché il principio per il quale dette sanzioni possono essere applicate in secondo grado indipendentemente da uno specifico gravame del pubblico ministero opera solo quando la condanna alla pena principale manca della pur necessitata statuizione relativa alla sanzione amministrativa accessoria, ma non anche quando la contempla. Cass. pen. sez. IV 17 marzo 2014, n. 12363

In tema di applicazione della continuazione, il giudice della cognizione, che, in sede di applicazione della continuazione, individui il reato più grave in quello al suo esame e i reati satelliti in quelli giudicati con sentenza irrevocabile, non è vincolato dal divieto di “reformatio in peius”, di cui all’art. 597, comma terzo, cod. proc. pen. per cui l’unico limite è quello della somma delle pene inflitte con ciascuna sentenza, stabilito dall’art. 671, comma secondo, stesso codice. Cass. pen. sez. II 25 ottobre 2013, n. 43768

Nel giudizio di appello instaurato a seguito di impugnazione del solo imputato, viola il divieto della reformatio in peius, il giudice che, in ipotesi di reato continuato, assolva l’imputato dalla violazione ritenuta più grave in primo grado e ridetermini la nuova pena base in relazione ad altro reato, in maniera superiore a quella in precedenza stabilita. Cass. pen. sez. V 25 settembre 2013, n. 39837

Il giudice di appello, dopo aver escluso una circostanza aggravante o riconosciuto un’ulteriore circostanza attenuante in accoglimento dei motivi proposti dall’imputato, può senza incorrere nel divieto di “reformatio in peius”, confermare la pena applicata in primo grado, ribadendo il giudizio di equivalenza tra le circostanze, purchè questo sia accompagnato da adeguata motivazione. Cass. pen. Sezioni Unite 2 agosto 2013, n. 33752

Nel giudizio di rinvio a seguito di annullamento della sola condanna per il reato più grave, il giudice non è vincolato nella determinazione della pena per il reato residuo, meno grave, alla quantità di pena già individuata quale aumento “ex” art. 81, cpv.c.p.. Tuttavia egli, per la regola del divieto di “reformatio in peius”, non puirrogare una pena che, per specie e quantità, costituisca un aggravamento di quella individuata, nel giudizio precedente all’annullamento parziale, quale base per il computo degli aumenti a titolo di continuazione. Cass. pen. sez. VI 28 gennaio 2013, n. 4162

Il giudice di appello che, su impugnazione del solo imputato, riconosca la sussistenza di un’ipotesi delittuosa meno grave, non è vincolato, ai fini della determinazione della pena tra il minimo ed il massimo edittale, dai criteri già adottati sul punto dal giudice della sentenza impugnata. Cass. pen. sez. V 18 aprile 2012, n. 14991

Il divieto della “reformatio in peius” in appello riguarda non soltanto il risultato finale, ma anche tutti gli elementi del calcolo della pena, sicchè, in caso di accoglimento dell’appello dell’imputato in ordine alle circostanze o al concorso di reati, discende non solo l’obbligatoria diminuzione della pena complessiva, ma anche l’impossibilità di elevare la pena comminata per singoli elementi. Cass. pen. sez. V 18 aprile 2012, n. 14991

Non sussiste la violazione del divieto di “reformatio in peius” qualora, nel caso di impugnazione proposta dal solo imputato, il giudice di appello, senza aggravare la pena inflitta nel primo grado di giudizio, attribuisca al fatto una diversa e più grave qualificazione giuridica cui consegue un deteriore trattamento penitenziario. Cass. pen. sez. V 16 marzo 2012, n. 10445

È illegittima, per contrasto col divieto di “reformatio in peius”, l’ordinanza del giudice d’appello che, in assenza di impugnazione dell’imputato, proceda a correggere la pena irrogata nel dispositivo della sentenza di primo grado aumentandola sino alla pena indicata in motivazione. (Fattispecie di sentenza con motivazione contestuale). Cass. pen. sez. III 20 aprile 2011, n. 15648

Non viola il divieto della “reformatio in peius” il giudice di appello che, richiesto dell’applicazione della continuazione tra più reati per uno dei quali è stata pronunciata sentenza di condanna a pena sospesa, revochi, nel riconoscere la continuazione, il beneficio già concesso. Cass. pen. sez. III 12 febbraio 2010, n. 5835

Non viola il divieto di “reformatio in pejus” il giudice di appello che, applicato dal primo giudice il minimo edittale secondo la previgente disposizione, abbia tenuto conto della riduzione per novella legislativa di quel parametro applicando tuttavia una pena superiore al minimo stabilito dalla nuova disciplina. (Fattispecie relativa alla modifica del minimo edittale previsto per il reato di cui all’art. 73, D.P.R. n. 309 del 1990, operata dall’art. 4-bis della L. n. 49 del 2006). Cass. pen. sez. IV 17 dicembre 2009, n. 48334

Non costituisce violazione del divieto di “reformatio in peius” il fatto che il giudice di appello, sul gravame del solo imputato, nel riderminare la pena, a seguito della nuova disciplina in tema di stupefacenti introdotta dalla L. n. 49 del 2006, applichi una pena complessiva meno grave di quella precedentemente comminata, calcolando la percentuale di riduzione delle attenuanti in misura inferiore di quella riconosciuta dal giudice di primo grado. Cass. pen. sez. VI 7 maggio 2009, n. 19132

In tema d’estradizione per l’estero, non è ostativa ad una pronuncia favorevole della corte d’appello la sentenza, per la cui esecuzione è stata domandata l’estradizione, che violi il divieto della “reformatio in peius”, non possedendo tale principio valore fondamentale o di rango costituzionale nell’ordinamento giuridico italiano. Cass. pen. sez. VI 21 novembre 2008, n. 43765

È illegittima la decisione con cui il giudice di appello – in assenza di impugnazione del pubblico ministero e della parte civile, e di richiesta di quest’ultima nel corso del giudizio ­aumenti l’importo della somma a titolo di provvisionale, disposta con la condanna in primo grado, in quanto il divieto di “reformatio in peius” concerne non solo le statuizioni penali ma anche quelle civili della sentenza. Cass. pen. sez. IV 12 novembre 2008, n. 42134

 

Non viola il divieto di “reformatio in peius” il giudice dell’impugnazione che, riqualificando il fatto in altra meno grave fattispecie di reato, individui una pena base di identica entità rispetto a quella stabilita nel minimo edittale dal giudice di primo grado in relazione all’originaria imputazione, purchè venga irrogata in concreto una sanzione finale non superiore a quella in precedenza inflitta.(Nella specie la Corte ha ritenuto corretta la decisione del giudice di appello il quale, pur avendo escluso un’aggravante riconosciuta in primo grado, non aveva però ridotto la pena base per il calcolo finale in cui la sanzione inflitta era stata comunque diminuita). Cass. pen. sez. V 11 gennaio 2019, n. 1281

Il giudice di appello, anche in presenza della sola impugnazione dell’imputato, può procedere ad una nuova e più grave qualificazione giuridica del fatto nel rispetto del principio del giusto processo previsto dall’art. 6 CEDU, come interpretato dalla Corte europea dei diritti dell’uomo, anche senza disporre una rinnovazione totale o parziale dell’istruttoria dibattimentale, sempre che sia sufficientemente prevedibile la ridefinizione dell’accusa inizialmente formulata, che il condannato sia in condizione di far valere le proprie ragioni in merito alla nuova definizione giuridica del fatto e rimanga ferma la pena irrogata. (Fattispecie relativa alla riqualificazione dell’originaria imputazione di tentato furto aggravato in tentata rapina impropria aggravata dal numero di persone). Cass. pen. sez. II 5 settembre 2018, n. 39961

In tema di cognizione del giudice di appello, non sussiste alcuna connessione tra il motivo di appello relativo al trattamento sanzionatorio ed il punto della sentenza relativo all’applicazione della recidiva, in quanto il primo è volto a sollecitare l’uso del potere discrezionale del giudice alla stregua dei criteri di cui all’art. 133 cod. pen.in relazione ad una determinata configurazione del reato e delle sue circostanze, mentre il secondo riguarda una circostanza aggravante soggettiva (Fattispecie in cui la Corte ha ritenuto manifestamente infondato il motivo di ricorso con cui si censurava l’omessa motivazione in ordine alla mancata esclusione della recidiva da parte del giudice di appello, investito della sola cognizione relativa al riconoscimento delle circostanze attenuanti generiche ed alla conseguente riduzione del trattamento sanzionatorio). Cass. pen. sez. VII 27 marzo 2018, n. 14140

Il giudice di appello non ha il potere di applicare d’ufficio le sanzioni sostitutive delle pene detentive brevi se nell’atto di appello non risulta formulata alcuna specifica e motivata richiesta con riguardo a tale punto della decisione, dal momento che l’ambito di tale potere è circoscritto alle ipotesi tassativamente indicate dall’art. 597, comma quinto, cod. proc. pen.che costituisce una eccezione alla regola generale del principio devolutivo dell’appello e che segna anche il limite del potere discrezionale del giudice di sostituire la pena detentiva previsto dall’art. 58 della legge n. 689 del 1981. Cass. pen. Sezioni Unite 17 marzo 2017, n. 12872

In base al principio devolutivo che caratterizza il giudizio di appello ed in base alle norme sulle formalità dell’impugnazione, che richiedono, tra gli altri requisiti previsti a pena di inammissibilità del gravame, quello della specificità dei motivi (artt. 581, lett. c), e 591, primo comma, lett. c), c.p.p.), deve escludersi che l’impugnazione della sentenza di primo grado in punto di responsabilità possa ritenersi implicitamente comprensiva anche della doglianza concernente il trattamento sanzionatorio. (In motivazione, la S.C. ha ulteriormente evidenziato che, in mancanza di uno specifico motivo, il giudice d’appello non può procedere d’ufficio alla riduzione della pena, anche perchè la facoltà riconosciutagli dal quinto comma dell’art. 597 c.p.p. è circoscritta all’applicazione di ufficio dei benefici e delle attenuanti ivi indicate). Cass. pen. sez. VI 23 febbraio 2015, n. 7994

Non viola il principio di devoluzione, il giudice di appello che, nell’esaminare il motivo di gravame dedotto dall’imputato relativo all’attendibilità della persona offesa, riconosca a quest’ultima, pur in assenza sul punto di specifica impugnazione da parte del P.M.la quali.ca di testimone e non di indagato in procedimento connesso, come invece ritenuto dal giudice di primo grado, che aveva proceduto all’assunzione della prova ai sensi dell’art. 197 bis cod. proc. pen. Cass. pen. sez. II 28 gennaio 2015, n. 4123

Il giudice di appello può procedere alla riqualificazione giuridica del fatto nel rispetto del principio del giusto processo previsto dall’art. 6 CEDU, come interpretato dalla Corte europea dei diritti dell’uomo, anche senza disporre una rinnovazione totale o parziale dell’istruttoria dibattimentale, sempre che sia sufficientemente prevedibile la ridefinizione dell’accusa inizialmente formulata, che il condannato sia in condizione di far valere le proprie ragioni in merito alla nuova definizione giuridica del fatto e che questa non comporti una modifica “in peius” del trattamento sanzionatorio e del computo della prescrizione. (Fattispecie in cui la Corte ha ritenuto sufficientemente prevedibile la riqualificazione unitaria delle originarie imputazioni di furto e resistenza ad un pubblico ufficiale nel reato di rapina impropria). Cass. pen. sez. II 22 gennaio 2015, n. 2884

E’ sottratto alla cognizione del giudice di appello l’accertamento di ufficio della pericolosità sociale dell’imputato, in mancanza di specifica impugnazione della statuizione della sentenza riguardante l’espulsione dal territorio dello Stato dello straniero condannato per uno dei reati indicati nell’art. 86 del D.P.R. 9 ottobre 1990, n. 309. Cass. pen. sez. III 26 marzo 2012, n. 11599

Il giudice d’appello non è legittimato ad escludere d’ufficio le circostanze aggravanti ritenute sussistenti da quello di primo grado. Cass. pen. sez. VI 12 gennaio 2012, n. 800

L’appello del P.M. contro la sentenza di assoluzione emessa all’esito del dibattimento, salva l’esigenza di contenere la pronuncia nei limiti della originaria contestazione, ha effetto pienamente devolutivo, attribuendo al giudice ad quem gli ampi poteri decisori previsti dall’art. 597 comma secondo lett. b) c.p.p. Ne consegue che, da un lato, l’imputato è rimesso nella fase iniziale del giudizio e può riproporre, anche se respinte, tutte le istanze che attengono alla ricostruzione probatoria del fatto ed alla sua consistenza giuridica; dall’altro, il giudice dell’appello è legittimato a verificare tutte le risultanze processuali e a riconsiderare anche i punti della sentenza di primo grado che non abbiano formato oggetto di specifica critica, non essendo vincolato alle alternative decisorie prospettate nei motivi di appello e non potendo comunque sottrarsi all’onere di esprimere le proprie determinazioni in ordine ai rilievi dell’imputato. Cass. pen. Sezioni Unite 20 settembre 2005, n. 33748

In tema di reato continuato, il giudizio di bilanciamento ex art. 69 c.p. va instaurato solo tra le circostanze aggravanti e le circostanze attenuanti relative al reato-base, cioè a quello ritenuto in concreto più grave, mentre delle circostanze riguardanti i cosiddetti reati satelliti deve tenersi conto solo ai fini dell’aumento per la continuazione. (Fattispecie nella quale il giudice d’appello, ritenuto reato-base la tentata violenza carnale ex artt. 56-519 c.p. non aggravata da alcuna circostanza, aveva effettuato il giudizio di comparazione fra le attenuanti generiche e le aggravanti per i reati satelliti). Cass. pen. sez. III 18 giugno 2004, n. 27495

In tema di giudizio di impugnazione, la disposizione di cui all’art. 597 primo comma c.p.p. va interpretata nel senso che esso attribuisce gli stessi poteri del primo giudice al giudice di appello: con la conseguenza che questi – fermo restando il limite posto dal divieto di riformatio in pejus – non è vincolato da quanto prospettato dall’appellante ma, relativamente ai punti della decisione cui i motivi di gravame si riferiscono, puaffrontare tutte le questioni enucleabili all’interno dei punti medesimi. (Nella fattispecie, relativa a incidente automobilistico, la Corte ha ritenuto legittimo che il giudice di merito, investito della questione circa la causa della rottura del piantone dello sterzo, si sia occupato anche delle possibili concause dell’evento). Cass. pen. sez. IV 1 aprile 2004, n. 15461

Il giudice di appello, se accerta che il fatto è diverso da quello contestato, non potendo decidere in ordine allo stesso perché altrimenti sottrarrebbe all’imputato un grado di giudizio e ne violerebbe conseguentemente in maniera irreparabile il diritto di difesa, non può che annullare con sentenza quella di primo grado e, nel contempo, disporre la trasmissione degli atti al P.M. competente perché si proceda ad un nuovo giudizio. Tale decisione della Corte d’appello non è ricorribile per cassazione dall’imputato per mancanza di interesse in quanto, poiché l’unico effetto che si determina è quello dell’avvio di un nuovo accertamento da parte dell’organo competente, non viene a crearsi alcuna situazione di pregiudizio, dovendo questo risiedere e rinvenirsi non già in una mera eventualità ma unicamente nell’attualità degli effetti direttamente prodotti dal provvedimento impugnato. Cass. pen. sez. VI 5 agosto 2003, n. 33063

In tema di impugnazioni avverso i provvedimenti cautelari personali (art. 310 c.p.p.), il tribunale, quale giudice di appello dei provvedimenti in materia di libertà personale, è tenuto a pronunciarsi unicamente con le formule conclusive proprie del giudizio di merito – conferma o riforma del provvedimento impugnato –, con la conseguenza che non può annullare lo stesso per difetto di motivazione, ma deve, invece, nel rispetto del principio tantum devolutum quantum appellatum, provvedere a completare detta motivazione, integrandola in tutto o in parte. Cass. pen. sez. IV 25 febbraio 2003, n. 8982

In tema di cognizione del giudice di appello, pur essendo previsto che la sospensione condizionale della pena possa essere concessa di ufficio, nessun obbligo di motivazione è stabilito a carico del giudice di secondo grado; ne consegue che il mancato esercizio di tale potere discrezionale non si traduce in vizio di violazione di legge o di motivazione, quando il predetto beneficio non sia stato espressamente sollecitato dalla parte con i motivi di appello, ovvero, oralmente, in udienza. Cass. pen. sez. V 19 novembre 2001, n. 41126  .

Una volta che l’imputato abbia formulato uno specifico motivo di gravame sulla mancata applicazione della continuazione, il giudice dell’impugnazione ha l’obbligo di pronunciarsi sul tema di indagine devolutogli, per l’evidente ragione che al principio devolutivo è coessenziale il potere-dovere del giudice del gravame di esaminare e decidere sulle richieste dell’impugnante: sicché, stante la correlazione tra motivi di impugnazione e ambito della cognizione e della decisione, non è ammissibile che il giudice possa esimersi da tale compito, riservandone la soluzione al giudice dell’esecuzione e possa, così, sovrapporre all’iniziativa rimessa al potere dispositivo della parte la propria valutazione circa l’opportunità di esaminare, o non, l’istanza dell’impugnante. Ne consegue che, qualora il giudice di appello abbia omesso di pronunciare sulla richiesta di continuazione formulata con specifico motivo di impugnazione, sussiste l’interesse dell’imputato al ricorso per cassazione per la mancata pronuncia sul punto. Cass. pen. Sezioni Unite 28 giugno 2000, n. 1

Il giudice di appello, investito di una impugnazione tempestivamente prodotta relativa all’attribuzione di responsabilità, ha il potere, anche se a ciò non espressamente sollecitato, di dare al fatto una diversa qualificazione giuridica, ritenendo un reato diverso e meno grave di quello ritenuto dal primo giudice. Ne consegue che, allorché in presenza di una contestazione di concorso nella detenzione illecita di sostanza stupefacente, venga sollecitata con i motivi di appello la configurazione del meno grave reato di favoreggiamento personale, anche soltanto deducendo la semplice connivenza, il giudice non può ritenere inammissibile il motivo adducendone la novità in relazione alla qualificazione giuridica dei fatti, atteso che il giudicato, non essendo ancora definitiva la statuizione sulla attribuzione di responsabilità, non si è ancora formato. Cass. pen. sez. IV 19 maggio 2000, n. 5868

Qualora, richiesto dell’emissione di un provvedimento coercitivo, il giudice per le indagini preliminari ritenga sussistenti i gravi indizi di colpevolezza e mancanti le esigenze cautelari, il tribunale, investito dell’appello del pubblico ministero su questo secondo profilo, ha pieno potere di cognizione su entrambi i presupposti indicati senza che ciò comporti una violazione del principio devolutivo, dovendosi ritenere che la limitazione della cognizione ai punti della decisione ai quali si riferiscono i motivi, stabilita dall’art. 597 c.p.p.comporti comunque per il giudice di secondo grado l’obbligo di esaminare anche tutti i punti indissolubilmente legati a quelli espressamente oggetto del gravame. Cass. pen. sez. II 20 aprile 2000, n. 1993

Il divieto della reformatio in peius è un principio di portata generale che opera anche nel giudizio di rinvio; qualora la sentenza di appello sia stata annullata per ragioni esclusivamente processuali tale divieto deve essere rispettato solo in relazione alla sentenza di primo grado, non avendo determinato quella di secondo grado il consolidamento di alcuna posizione di carattere sostanziale. (Fattispecie in cui la sentenza di appello, che aveva ridotto la pena inflitta in primo grado, era stata cassata per nullità derivante dalla omessa citazione dell’imputato al dibattimento). Cass. pen. sez. VI 27 agosto 1999, n. 10251

Il giudice di appello, nel condannare a seguito di impugnazione del pubblico ministero un imputato già assolto in primo grado, non è tenuto a motivare in ordine alla mancata concessione del beneficio della non menzione della condanna qualora, manchi una specifica istanza dell’interessato: invero un suddetto obbligo, a fronte di omesso esercizio di un potere discrezionale, sussiste solo in relazione a quanto dedotto e richiesto in sede di discussione. Cass. pen. sez. V 13 agosto 1998, n. 9474

Pur quando appellante avverso una sentenza di condanna sia il pubblico ministero il giudice d’appello, nel respingere il gravame, non può senza violare il principio di devoluzione sancito dall’art. 597, comma 1, c.p.p. operare, ai sensi del comma 2, lett. a), di detto articolo, un aumento della pena inflitta sol perché ritenga, indipendentemente da quelle che sono state le non accolte richieste del pubblico ministero, relative ad altri punti dell’impugnata sentenza, che sia necessario rimediare ad un errore in cui il giudice di primo grado sarebbe caduto. Cass. pen. sez. I 18 febbraio 1998, n. 2003

In materia di impugnazioni, l’appello di P.M. contro la sentenza di assoluzione investe l’intera sentenza con effetto pienamente devolutivo, con la conseguenza che il giudice è legittimato a rivalutare tutte le precedenti risultanze processuali e a considerare sotto diverso aspetto, anche i punti della motivazione della sentenza di primo grado che non abbiano formato oggetto di specifica censura. Cass. pen. sez. III 2 dicembre 1997, n. 11054

Il tribunale in sede di appello ex art. 310 c.p.p.a differenza di quello del riesame, per il quale si prescinde dal principio di stretta devoluzione, ha cognizione circoscritta ai punti della decisione che hanno formato oggetto di censura, secondo la norma generale di cui all’art. 597, comma primo, c.p.p. L’appello ex art. 310 c.p.p.infatti, implica il cosiddetto giudicato cautelare, e cioè una situazione immutabile rebus sic stantibus, sicché le parti hanno un onere di doglianza specifica cui fa riscontro un obbligo specifico di decisione, con conseguente impossibilità di andare ultra petita, al di fuori dell’ambito devoluto. Cass. pen. sez. IV 2 settembre 1996, n. 2038

L’effetto devolutivo dell’appello proposto, ai sensi dell’art. 597 secondo comma lett. b) c.p.p.dal pubblico ministero avverso la sentenza che assolve l’imputato «perché il fatto non costituisce reato», è pieno. Deve escludersi pertanto – nel caso di appello proposto (anche o solo) dal P.M. – che l’iniziativa dell’organo di accusa ponga limiti al contenuto della pronuncia del giudice di secondo grado, il quale, invece, è legittimato a rivalutare tutte le risultanze processuali e a considerare sotto diverso aspetto anche i punti della sentenza di primo grado non oggetto di specifica censura. Cass. pen. sez. III 16 febbraio 1996, n. 1808

Allorché il giudice d’appello non rilevi diversità tra i fatti per cui è intervenuta condanna e quelli descritti nel decreto di citazione a giudizio, bensì diversità tra i fatti risultanti dagli atti e quelli ritenuti sussistenti dal giudice di primo grado, non può dichiarare la nullità della sentenza impugnata e rimettere gli atti al primo giudice – che non può modificare l’imputazione, né procedere per fatti diversi da quelli descritti nel decreto che dispone il giudizio – ma al pi nel rispetto dei limiti posti dall’art. 597 c.p.p.quali.care diversamente i fatti oggetto della sentenza di primo grado, fermo restando il divieto di infliggere una pena più grave in caso di impugnazione del solo imputato, spettando al pubblico ministero procedere nelle forme ordinarie per eventuali fatti nuovi emersi a carico dell’imputato nel corso del dibattimento d’appello, al quale non può applicarsi il secondo comma dell’art. 518 c.p.p. che prevede la facoltà del presidente, su richiesta del P.M.di autorizzare la contestazione in udienza del fatto nuovo. Cass. pen. sez. I 30 novembre 1994, n. 4672

In caso di appello del pubblico ministero che chieda la condanna per tentato omicidio in luogo del riconosciuto delitto di lesioni volontarie, non viola il principio tantum devolutum quantum appellatum il giudice che ritenga sussistente il delitto di lesioni gravi, modificando in peius il giudizio di comparazione delle circostanze e inasprendo la sanzione. Cass. pen. sez. V 18 agosto 1993, n. 7801

Il giudice di appello non ha poteri di cognizione e di decisione piampi di quelli del giudice di primo grado, secondo il dettato dell’art. 597. Ne deriva che per ripristinare il corso ordinario del procedimento per decreto allorquando il Gip, anziché accogliere la richiesta del P.M. di emettere decreto penale di condanna, abbia assolto l’imputato «perché il fatto non sussiste», il giudice d’appello è tenuto ad annullare la sentenza impugnata ed a trasmettere gli atti al giudice di primo grado per l’ulteriore corso. (La S.C. ha annullato la sentenza del giudice d’appello che pronunciava nel merito con la condanna dell’imputato ed ha escluso le possibili soluzioni prospettantisi, di provvedere all’emissione del decreto penale di condanna o alla restituzione degli atti al P.M.poiché entrambe inidonee a reintegrare la situazione processuale alterata dall’errata sentenza di proscioglimento del G.I.P.). Cass. pen. sez. V 25 novembre 1992, n. 11311

Il divieto di “reformatio in peius” riguarda esclusivamente il dispositivo della sentenza ed il suo concreto contenuto afflittivo, ma non anche la motivazione, che, pertanto, anche nel caso di gravame del solo imputato, può contenere una valutazione più grave della violazione commessa rispetto alla sentenza di primo grado, lasciando inalterato il dispositivo. Cass. pen. sez. III 23 gennaio 2017, n. 3070

Ai fini dell’individuazione dell’ambito di cognizione attribuito al giudice di secondo grado dall’art. 597, comma primo, cod. proc. pen.per punto della decisione deve ritenersi quella statuizione della sentenza che può essere considerata in modo autonomo, non anche le argomentazioni esposte in motivazione, che riguardano il momento logico e non già quello decisionale del procedimento. Ne deriva che, in ordine alla parte della sentenza suscettibile di autonoma valutazione che riguarda una specifica questione decisa in primo grado, il giudice dell’impugnazione può pervenire allo stesso risultato cui è pervenuto il primo giudice anche sulla base di considerazioni e argomenti diversi da quelli considerati dal primo giudice o alla luce di dati di fatto non valutati in primo grado, senza, con ci violare il principio dell’effetto parzialmente devolutivo dell’impugnazione. Cass. pen. sez. V 2 ottobre 2014, n. 40981

I punti della decisione ai quali fa espresso riferimento l’articolo 597, comma 1, del c.p.p. coincidono con le parti delle sentenze relative alle statuizioni indispensabili per il giudizio su ciascun reato e segnano un passaggio obbligato per la completa definizione di ciascuna imputazione. Per un principio desumibile dall’articolo 624 del c.p.p.riguardante le sentenze di annullamento parziale in sede di giudizio di legittimità, ma insito nella natura e nella logica dell’appello, nella locuzione «punti della decisione cui si riferiscono i motivi proposti» vanno ricomprese non soltanto le statuizioni suscettibili di autonoma considerazione direttamente investite dai motivi di appello, ma anche quelle ulteriori statuizioni che siano legate alle prime da un vincolo di connessione essenziale logico-giuridico. L’appello incidentale ha a oggetto i punti della decisione investiti dall’appello principale e gli ulteriori punti che abbiano una connessione essenziale con i primi. La suddetta conformazione dell’appello incidentale e la sua perdurante accessorietà rispetto all’appello principale conseguono direttamente dal precetto dell’articolo 595, comma 4, del c.p.p.a norma del quale l’appello incidentale perde efficacia in caso di inammissibilità dell’appello principale o di rinuncia allo stesso. (Mass. redaz.). Cass. pen. Sezioni Unite 9 marzo 2007, n. 10251

Poiché la cosa giudicata si forma sui capi della sentenza (nel senso che la decisione acquista il carattere dell’irrevocabilità soltanto quando sono divenute irretrattabili tutte le questioni necessarie per il proscioglimento o per la condanna dell’imputato rispetto a uno dei reati attribuitigli), e non sui punti di essa, che possono essere unicamente oggetto della preclusione correlata all’effetto devolutivo del gravame e al principio della disponibilità del processo nella fase delle impugnazioni, in caso di condanna la mancata impugnazione della ritenuta responsabilità dell’imputato fa sorgere la preclusione su tale punto, ma non basta a far acquistare alla relativa statuizione l’autorità di cosa giudicata, quando per quello stesso capo l’impugnante abbia devoluto al giudice l’indagine riguardante la sussistenza di circostanze e la quantificazione della pena, sicché la res iudicata si forma solo quando tali punti siano stati definiti e le relative decisioni non siano censurate con ulteriori mezzi di gravame. Ne consegue che l’eventuale causa di estinzione del reato deve essere rilevata finché il giudizio non sia esaurito integralmente in ordine al capo di sentenza concernente la definizione del reato al quale la causa stessa si riferisce. (Fattispecie relativa a prescrizione del reato). Cass. pen. Sezioni Unite 28 giugno 2000, n. 1

Attesa la distinzione che deve operarsi fra l’istituto del giudicato e quello della preclusione processuale legata al principio di devoluzione (di cui è principale espressione l’art. 597, comma 1, c.p.p.), nel mentre deve riconoscersi il fenomeno della c.d. «formazione progressiva del giudicato» nel caso in cui si dia luogo ad annullamento parziale con rinvio della sentenza di condanna su punti diversi da quelli concernenti la responsabilità dell’imputato, deve invece escludersi che il suddetto fenomeno possa farsi derivare dal solo fatto che, proposta un’impugnazione, questa sia stata limitata unicamente a quei punti e non abbia quindi investito il giudizio di responsabilità. Ne consegue che, verificandosi tale ipotesi, non possono non operare le eventuali cause di estinzione del reato riconosciute dal giudice dell’impugnazione, salvo che quest’ultima sia affetta da una causa originaria di inammissibilità. Cass. pen. sez. III 28 febbraio 2000, n. 2448

Il giudicato si forma sui profili decisori (capi e punti della sentenza) e non sulla motivazione; per quest’ultima la regola è quella della rivalutabilità degli elementi di causa da parte del giudice dell’impugnazione al fine di individuare la più corretta motivazione e pertanto gli elementi logico argomentativi riferiti a circostanze di fatto o a valutazioni di diritto possono essere utilizzati ai fini della motivazione della decisione in ciascun grado del giudizio senza che l’opinamento di un giudice, nell’argomentare la sua decisione, possa condizionare quello del successivo, funzionalmente preposto a rivedere e riconsiderare, nei limiti dei punti e dei capi attinti dall’impugnazione della parte, la decisione del giudice che lo ha preceduto. (Nella fattispecie, relativa ad affermazione di responsabilità per lesioni colpose, il ricorrente lamentava che, lui solo appellante, il giudice di appello avesse preso in considerazione profili di colpa esclusi dal primo giudice e asseritamente non utilizzabili in quanto coperti dal giudicato). Cass. pen. sez. IV 1 febbraio 2000, n. 1147

In tema di cognizione del giudice di appello, nella locuzione «punti della decisione ai quali si riferiscono i motivi preposti» di cui all’art. 597 primo comma, c.p.p. debbono ricomprendersi non solo i «punti della decisione» in senso stretto, e cioè le statuizioni suscettibili di autonoma considerazione nell’ambito della decisione relativa ad un determinato reato, ma anche quelle riguardanti capi della sentenza che sebbene non investiti in via diretta con i motivi – che riguardano altro reato – risultino tuttavia legati con i primi da un vincolo di connessione essenziale logico-giuridica. (Nella fattispecie la Corte ha ritenuto esistente la connessione logico-giuridica tra la statuizione di responsabilità impugnata con l’appello e riguardante il delitto di uso di patente falsificata, e il punto relativo alla contravvenzione di guida senza patente; ha pertanto ritenuto la Corte che l’imputato, contestando la responsabilità in ordine al primo reato sotto il profilo dell’insussistenza di fatto, necessariamente contestava anche di aver guidato sprovvisto di valida patente di guida. Conseguentemente, risultando implicitamente investita anche in relazione alla contravvenzione, la Corte d’appello avrebbe dovuto dichiarare l’estinzione del reato per prescrizione). Cass. pen. sez. V 17 novembre 1999, n. 13281

Ai fini dell’individuazione dell’ambito di cognizione attribuito al giudice di secondo grado dall’art. 597, primo comma, c.p.p.per punto della decisione deve ritenersi quella statuizione della sentenza che può essere considerata in modo autonomo, non anche le argomentazioni esposte in motivazione, che riguardano il momento logico e non già quello decisionale del procedimento. Ne deriva che, in ordine alla parte della sentenza suscettibile di autonoma valutazione che riguarda una specifica questione decisa in primo grado, il giudice dell’impugnazione può pervenire allo stesso risultato cui è pervenuto il primo giudice anche sulla base di considerazioni e argomenti diversi da quelli considerati dal primo giudice o alla luce di dati di fatto non valutati in primo grado, senza, con ci violare il principio dell’effetto parzialmente devolutivo dell’impugnazione. Cass. pen. sez. I 22 settembre 1999, n. 10795

Ai fini della individuazione dell’ambito di cognizione attribuito al giudice di secondo grado – limitato, in forza del primo comma dell’art. 597 c.p.p.«ai punti della decisione ai quali si riferiscono i motivi proposti» – per punto della decisione deve ritenersi quella statuizione della sentenza che può essere considerata in modo autonomo, non anche le argomentazioni esposte in motivazione, perché queste riguardano il momento logico e non già quello decisionale del procedimento. Ne deriva che il giudice dell’impugnazione pu in ordine alla parte della sentenza autonomamente considerabile che riguarda una specifica questione decisa in primo grado, pervenire allo stesso risultato cui è giunto il primo giudice anche sulla sola base di considerazioni ed argomenti diversi da quelli considerati dal primo giudice, o di dati di fatto non contestati e risultanti dagli atti, anche se non valutati in primo grado, senza con ciò violare il principio dell’effetto parzialmente devolutivo dell’impugnazione. Cass. pen. sez. I 12 marzo 1997, n. 2390

La preclusione derivante dall’effetto devolutivo dell’appello riguarda esclusivamente i “punti” della sentenza che, non essendo stati oggetto dei motivi, abbiano acquistato autorità di giudicato; non riguarda, invece, nell’ambito dei motivi proposti, le argomentazioni e le questioni di diritto non svolte o erroneamente prospettate a sostegno del petitum che forma oggetto del gravame, atteso che il giudice di appello ben può – senza esorbitare dalla sfera devolutiva, dell’impugnazione – accogliere il gravame in base ad argomentazioni proprie o diverse da quelle dell’appellante. (Fattispecie in tema di impugnazione del P.M.). Cass. pen. Sezioni Unite 4 gennaio 1996, n. 1

Non viola il divieto di “reformatio in peius” previsto dall’art. 597 cod. proc. pen. il giudice dell’impugnazione che apporta per uno dei fatti unificati dall’identità del disegno criminoso un aumento maggiore rispetto a quello ritenuto dal primo giudice, pur non irrogando una pena complessivamente maggiore. (Fattispecie in cui la Corte di appello riqualificava il reato più grave contestato ex art. 416-bis cod. pen. ai sensi dell’art. 416, commi secondo e quinto, cod. pen.per poi procedere alla rideterminazione della pena per la continuazione, irrogando per i reati satellite aumenti superiori a quelli stabiliti dal primo giudice). Cass. pen. sez. II 8 novembre 2017, n. 50949

Non viola il divieto di “reformatio in peius” la sentenza del giudice d’appello che, riqualificando il fatto in ipotesi meno grave, impedisca all’imputato di beneficiare della sospensione dell’ordine di esecuzione ex art.656, comma quinto, cod. proc. pen. ostandovi il nuovo titolo di reato, ai sensi del comma nono del citato articolo.(Fattispecie relativa a derubricazione, richiesta dall’imputato nei motivi di appello, dal reato di cui all’art. 648 cod. pen. a quello di cui all’art. 624 bis cod. pen.). Cass. pen. sez. II 6 ottobre 2016, n. 42396

In tema di divieto di “reformatio in peius”, il giudice di appello che, accogliendo il motivo di gravame proposto dal solo imputato riguardante una regiudicanda integrata da più reati unificati dal vincolo della continuazione, riconosca l’esistenza di una circostanza attenuante in precedenza negata ed influente sia sulla pena base che su altri elementi rilevanti per il calcolo, deve necessariamente ridurre la pena complessivamente inflitta con riferimento al reato base e ai reati satelliti, salvo che per questi ultimi venga confermato, con adeguata motivazione, l’aumento in precedenza disposto e fermo restando che il risultato finale dell’operazione si concluda con l’irrogazione di una pena complessiva corrispondentemente diminuita rispetto a quella in precedenza irrogata. (Fattispecie relativa a reati sessuali, nella quale la Corte ha ritenuto illegittima l’applicazione, da parte della Corte di appello, dello stesso aumento di pena operato dal primo giudice senza alcuna motivazione al riguardo, pur in presenza del riconoscimento dell’attenuante della minore gravità applicabile a tutti i reati concorrenti unificati dal vincolo ex art. 81, comma secondo, c.p.). Cass. pen. sez. III 23 gennaio 2015, n. 3214

Non sussiste la violazione del divieto di “reformatio in peius” qualora, ancorché sia proposta impugnazione da parte del solo imputato, il giudice di appello, senza aggravare la pena inflitta, attribuisca al fatto una diversa e più grave qualificazione giuridica (nella specie concorso esterno in associazione mafiosa anziché favoreggiamento personale aggravato dall’art. 7 del D.L. 13 maggio 1991, n. 152, convertito in legge 12 luglio 1991, n. 203, come ritenuto in primo grado), a condizione che si tratti di punto della decisione al quale si riferiscono i motivi di gravame. (Fattispecie in cui la Corte ha precisato che la questione attinente alla definizione giuridica del fatto rientra senz’altro nella cognizione del giudice d’appello, ove sia stata contestata in generale la sussistenza del fatto). Cass. pen. sez. II 24 giugno 2014, n. 27460

Viola il divieto di “reformatio in peius” la sentenza d’appello che, in riforma di quella di primo grado, la quale aveva ritenuto la sussistenza di circostanze aggravanti e determinato la pena in quella minima prevista dalla legge per il delitto circostanziato, esclude le indicate circostanze e, tuttavia, non ridetermina la pena nella misura del minimo edittale contemplato per il delitto non circostanziato. (Fattispecie relativa alla circostanza aggravante ad effetto speciale, prevista dall’art. 416 bis, quarto comma, c.p.). Cass. pen. sez. V 11 giugno 2014, n. 24661

Non viola il divieto di “reformatio in peius” previsto dall’art. 597 cod. proc. pen. il giudice dell’impugnazione che, quando muta la struttura del reato continuato (come avviene se la regiudicanda satellite diventa quella più grave o cambia la qualificazione giuridica di quest’ultima), apporta per uno dei fatti unificati dall’identità del disegno criminoso un aumento maggiore rispetto a quello ritenuto dal primo giudice, pur non irrogando una pena complessivamente maggiore. Cass. pen. Sezioni Unite 14 aprile 2014, n. 16208

Il divieto di “reformatio in pejus” opera anche nel giudizio di rinvio e con riferimento alla decisione del giudice di appello se il ricorso per cassazione è stato proposto dall’imputato, essendo irrilevante, per il verificarsi di questi effetti, che la sentenza di primo grado sia stata appellata dal pubblico ministero. Cass. pen. Sezioni Unite 14 aprile 2014, n. 16208

Incorre nella violazione del divieto della “reformatio in pejus” il giudice di appello che, in assenza di impugnazione del pubblico ministero, applichi all’imputato una misura di sicurezza personale, quando nessuna misura di sicurezza sia stata disposta nella sentenza di primo grado. (Fattispecie in cui il giudice di appello previo riconoscimento del vizio parziale di mente, aveva ridotto la pena inflitta in primo grado e applicato la misura della libertà vigilata). Cass. pen. sez. VI 9 aprile 2014, n. 15892

Nel giudizio di appello instaurato a seguito di impugnazione del solo imputato, viola il divieto di “reformatio in peius”, il giudice che, assolvendo il giudicabile da uno dei reati a lui ascritti in continuazione, non elimina dal cumulo delle sanzioni amministrative accessorie la parte ad esso relativa, giacché il principio per il quale dette sanzioni possono essere applicate in secondo grado indipendentemente da uno specifico gravame del pubblico ministero opera solo quando la condanna alla pena principale manca della pur necessitata statuizione relativa alla sanzione amministrativa accessoria, ma non anche quando la contempla. Cass. pen. sez. IV 17 marzo 2014, n. 12363

In tema di applicazione della continuazione, il giudice della cognizione, che, in sede di applicazione della continuazione, individui il reato più grave in quello al suo esame e i reati satelliti in quelli giudicati con sentenza irrevocabile, non è vincolato dal divieto di “reformatio in peius”, di cui all’art. 597, comma terzo, cod. proc. pen.per cui l’unico limite è quello della somma delle pene inflitte con ciascuna sentenza, stabilito dall’art. 671, comma secondo, stesso codice. Cass. pen. sez. II 25 ottobre 2013, n. 43768

Nel giudizio di appello instaurato a seguito di impugnazione del solo imputato, viola il divieto della reformatio in peius, il giudice che, in ipotesi di reato continuato, assolva l’imputato dalla violazione ritenuta più grave in primo grado e ridetermini la nuova pena base in relazione ad altro reato, in maniera superiore a quella in precedenza stabilita. Cass. pen. sez. V 25 settembre 2013, n. 39837

Il giudice di appello, dopo aver escluso una circostanza aggravante o riconosciuto un’ulteriore circostanza attenuante in accoglimento dei motivi proposti dall’imputato, pu senza incorrere nel divieto di “reformatio in peius”, confermare la pena applicata in primo grado, ribadendo il giudizio di equivalenza tra le circostanze, purchè questo sia accompagnato da adeguata motivazione. Cass. pen. Sezioni Unite 2 agosto 2013, n. 33752

Nel giudizio di rinvio a seguito di annullamento della sola condanna per il reato più grave, il giudice non è vincolato nella determinazione della pena per il reato residuo, meno grave, alla quantità di pena già individuata quale aumento “ex” art. 81, cpv.c.p.. Tuttavia egli, per la regola del divieto di “reformatio in peius”, non può irrogare una pena che, per specie e quantità, costituisca un aggravamento di quella individuata, nel giudizio precedente all’annullamento parziale, quale base per il computo degli aumenti a titolo di continuazione. Cass. pen. sez. VI 28 gennaio 2013, n. 4162

Il giudice di appello che, su impugnazione del solo imputato, riconosca la sussistenza di un’ipotesi delittuosa meno grave, non è vincolato, ai fini della determinazione della pena tra il minimo ed il massimo edittale, dai criteri già adottati sul punto dal giudice della sentenza impugnata. Cass. pen. sez. V 18 aprile 2012, n. 14991

Il divieto della “reformatio in peius” in appello riguarda non soltanto il risultato finale, ma anche tutti gli elementi del calcolo della pena, sicchè, in caso di accoglimento dell’appello dell’imputato in ordine alle circostanze o al concorso di reati, discende non solo l’obbligatoria diminuzione della pena complessiva, ma anche l’impossibilità di elevare la pena comminata per singoli elementi. Cass. pen. sez. V 18 aprile 2012, n. 14991

Non sussiste la violazione del divieto di “reformatio in peius” qualora, nel caso di impugnazione proposta dal solo imputato, il giudice di appello, senza aggravare la pena inflitta nel primo grado di giudizio, attribuisca al fatto una diversa e più grave qualificazione giuridica cui consegue un deteriore trattamento penitenziario. Cass. pen. sez. V 16 marzo 2012, n. 10445

È illegittima, per contrasto col divieto di “reformatio in peius”, l’ordinanza del giudice d’appello che, in assenza di impugnazione dell’imputato, proceda a correggere la pena irrogata nel dispositivo della sentenza di primo grado aumentandola sino alla pena indicata in motivazione. (Fattispecie di sentenza con motivazione contestuale). Cass. pen. sez. III 20 aprile 2011, n. 15648

Non viola il divieto della “reformatio in peius” il giudice di appello che, richiesto dell’applicazione della continuazione tra più reati per uno dei quali è stata pronunciata sentenza di condanna a pena sospesa, revochi, nel riconoscere la continuazione, il beneficio già concesso. Cass. pen. sez. III 12 febbraio 2010, n. 5835

Non viola il divieto di “reformatio in pejus” il giudice di appello che, applicato dal primo giudice il minimo edittale secondo la previgente disposizione, abbia tenuto conto della riduzione per novella legislativa di quel parametro applicando tuttavia una pena superiore al minimo stabilito dalla nuova disciplina. (Fattispecie relativa alla modifica del minimo edittale previsto per il reato di cui all’art. 73, D.P.R. n. 309 del 1990, operata dall’art. 4-bis della L. n. 49 del 2006). Cass. pen. sez. IV 17 dicembre 2009, n. 48334

Non costituisce violazione del divieto di “reformatio in peius” il fatto che il giudice di appello, sul gravame del solo imputato, nel riderminare la pena, a seguito della nuova disciplina in tema di stupefacenti introdotta dalla L. n. 49 del 2006, applichi una pena complessiva meno grave di quella precedentemente comminata, calcolando la percentuale di riduzione delle attenuanti in misura inferiore di quella riconosciuta dal giudice di primo grado. Cass. pen. sez. VI 7 maggio 2009, n. 19132

In tema d’estradizione per l’estero, non è ostativa ad una pronuncia favorevole della corte d’appello la sentenza, per la cui esecuzione è stata domandata l’estradizione, che violi il divieto della “reformatio in peius”, non possedendo tale principio valore fondamentale o di rango costituzionale nell’ordinamento giuridico italiano. Cass. pen. sez. VI 21 novembre 2008, n. 43765

È illegittima la decisione con cui il giudice di appello – in assenza di impugnazione del pubblico ministero e della parte civile, e di richiesta di quest’ultima nel corso del giudizio ­aumenti l’importo della somma a titolo di provvisionale, disposta con la condanna in primo grado, in quanto il divieto di “reformatio in peius” concerne non solo le statuizioni penali ma anche quelle civili della sentenza. Cass. pen. sez. IV 12 novembre 2008, n. 42134

Istituti giuridici

Novità giuridiche