Art. 579 – Codice di Procedura Penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477 - aggiornato al D.Lgs. 08.11.2021, n. 188)

Impugnazione di sentenze che dispongono misure di sicurezza

Articolo 579 - codice di procedura penale

1. Contro le sentenze di condanna (533 ss.), o di proscioglimento (529 ss.) è data impugnazione anche per ciò che concerne le misure di sicurezza (199 ss. c.p.), se l’impugnazione è proposta per un altro capo della sentenza che non riguardi esclusivamente gli interessi civili.
2. L’impugnazione contro le sole disposizioni della sentenza che riguardano le misure di sicurezza (205 c.p.) è proposta a norma dell’art. 680 comma 2.
3. L’impugnazione contro la sola disposizione che riguarda la confisca (240 c.p.) è proposta con gli stessi mezzi previsti per i capi penali.

Articolo 579 - Codice di Procedura Penale

1. Contro le sentenze di condanna (533 ss.), o di proscioglimento (529 ss.) è data impugnazione anche per ciò che concerne le misure di sicurezza (199 ss. c.p.), se l’impugnazione è proposta per un altro capo della sentenza che non riguardi esclusivamente gli interessi civili.
2. L’impugnazione contro le sole disposizioni della sentenza che riguardano le misure di sicurezza (205 c.p.) è proposta a norma dell’art. 680 comma 2.
3. L’impugnazione contro la sola disposizione che riguarda la confisca (240 c.p.) è proposta con gli stessi mezzi previsti per i capi penali.

Massime

Nell’ipotesi in cui il P.M. non abbia proposto impugnazione, il giudice d’appello, anche quando la misura di sicurezza (nella specie, assegnazione ad una casa di lavoro) sia obbligatoria e sia stata illegittimamente esclusa o non ritenuta dal giudice di primo grado, non può disporla, modificando in danno dell’imputato la sentenza da quest’ultimo impugnata, in quando l’art. 597, comma terzo, cod. proc. pen. estende il divieto di “reformatio in peius” anche all’applicazione di una misura di sicurezza nuova o più grave. Cass. pen. sez. III 27 marzo 2015, n. 12999

La competenza territoriale del tribunale di sorveglianza in grado di appello, per le impugnazioni contro le sole disposizioni concernenti le misure di sicurezza delle sentenze di condanna o di proscioglimento, è determinata avendo riguardo al distretto giudiziario di appartenenza del tribunale che ha emesso la sentenza di primo grado. Cass. pen. sez. I 12 aprile 2011, n. 14602

L’attribuzione della competenza funzionale alla magistratura di sorveglianza in materia di misure di sicurezza personali e di accertamento della pericolosità sociale presuppone che l’impugnazione sia limitata alle sole disposizioni che riguardano le misure di sicurezza, mentre quando l’impugnazione riguarda anche altri «capi» penali della sentenza, ovvero altri «punti» della decisione pur afferenti allo stesso capo, riprende vigore la regola generale che attribuisce la competenza al giudice della cognizione sul merito. (Nel caso di specie, la Corte ha ritenuto competente la Corte di appello a decidere in merito all’impugnazione che investiva integralmente i contenuti decisori della sentenza di proscioglimento, in riferimento ad un’istigazione a delinquere non accolta, con la quale era stata altresì applicata la misura di sicurezza). Cass. pen. sez. I 17 febbraio 2006, n. 6371

La competenza funzionale del tribunale di sorveglianza stabilita dal combinato disposto degli artt. 579, comma 2, e 680, comma 2, c.p.p. per il caso di impugnazione contro le sole disposizioni della sentenza che riguardino misure di sicurezza (esclusa la confisca), viene meno in favore di quella della corte d’appello quando, anche ad iniziativa di una parte processuale diversa da quella che intende contestare le suddette disposizioni, vi sia stata impugnazione sui capi penali della stessa sentenza, convertendosi in tal caso in appello anche il ricorso per cassazione che erroneamente sia stato proposto relativamente alle sole misure di sicurezza. (Mass. redaz.). Cass. pen. sez. III 27 gennaio 2004, n. 2655

In forza del disposto di cui all’art. 579 comma secondo c.p.p.quando non sono impugnati capi di sentenza sulla responsabilità penale, il giudizio sull’impugnazione avverso sentenze che dispongono misure di sicurezza compete al tribunale di sorveglianza; tale competenza, in relazione a dette sentenze, sussiste anche nel caso in cui l’impugnazione ha ad oggetto misure di sicurezza applicate con sentenze di secondo grado, in quanto l’applicazione di una misura di sicurezza non può prescindere da un accertamento positivo della pericolosità sociale, non solo nel momento della concreta esecuzione ma anche nel momento della sua applicazione. Dovendosi quindi il giudizio sulla concreta pericolosità effettuare anche nel grado di appello, la cognizione dell’impugnazione su tale capo è demandata al giudice specializzato anche se ha ad oggetto una sentenza di secondo grado, e ciò perché la magistratura di sorveglianza ha una competenza generale ed istituzionalizzata in relazione alle misure di sicurezza. (Nella fattispecie, in applicazione di tale principio, la Suprema Corte ha disposto la trasmissione degli atti al competente tribunale di sorveglianza, previa qualificazione del ricorso proposto dall’imputato come impugnazione ex art. 680 c.p.p.). Cass. pen. sez. I 13 agosto 1996, n. 7930

In tema di misure di sicurezza personali la decisione pronunziata al riguardo dal giudice della cognizione, è impugnabile, ai sensi degli artt. 579 e 680 c.p.p.davanti al tribunale di sorveglianza quando la sentenza sia impugnata per la sola disposizione riguardante la misura di sicurezza personale ovvero quando l’impugnazione comprenda anche altri capi penali, davanti al tribunale del riesame, per le ordinanze ex artt. 312 e 313 c.p.p. (applicazione provvisoria di misure di sicurezza), e davanti alla corte d’appello per le sentenze. Cass. pen. sez. I 5 aprile 1996, n. 3450

L’impugnazione avente ad oggetto la sola disposizione della sentenza che riguarda la confisca è proposta con gli stessi mezzi di gravame previsti per i capi penali: pertanto la corte di appello è il giudice funzionalmente deputato a conoscere il gravame relativo alla applicazione della misura di sicurezza della confisca disposta con la sentenza di condanna di primo grado. Cass. pen. sez. I 2 maggio 1995, n. 1652

Istituti giuridici

Novità giuridiche

Codici e leggi

Codice Ambiente

Codice Antimafia

Codice Antiriciclaggio

Codice Civile

Codice Crisi d’Impresa

Codice dei Beni Culturali

Codice dei Contratti Pubblici

Codice del Consumo

Codice del Terzo Settore

Codice del Turismo

Codice dell’Amministrazione Digitale

Codice della Navigazione

Codice della Privacy

Codice della Protezione Civile

Codice della Strada

Codice delle Assicurazioni

Codice delle Comunicazioni Elettroniche

Codice delle Pari Opportunità

Codice di Procedura Civile

Codice di Procedura Penale

Codice Giustizia Contabile

Codice Penale

Codice Processo Amministrativo

Codice Processo Tributario

Codice Proprietà Industriale

Codice Rosso

Costituzione

Decreto Cura Italia

Decreto Legge Balduzzi

Disposizioni attuazione Codice Civile e disposizioni transitorie

Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

Disposizioni di attuazione del Codice Penale

DPR 445 – 2000

Legge 104

Legge 23 agosto 1988 n 400

Legge 68 del 1999 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili)

Legge Basaglia

Legge Bassanini

Legge Bassanini Bis

Legge Cambiaria

Legge Cure Palliative

Legge Di Bella

Legge Diritto d’Autore

Legge Equo Canone

Legge Fallimentare

Legge Gelli-Bianco

Legge Mediazione

Legge Pinto

Legge Severino

Legge Sovraindebitamento

Legge sul Divorzio

Legge sul Procedimento Amministrativo

Legge sulle Locazioni Abitative

Legge Testamento Biologico

Legge Unioni Civili

Norme di attuazione del Codice di Procedura Penale

Ordinamento Penitenziario

Preleggi

Statuto dei Lavoratori

Statuto del Contribuente

Testo Unico Bancario

Testo Unico Edilizia

Testo Unico Enti Locali

Testo Unico Espropri

Testo Unico Imposte sui Redditi

Testo Unico Iva

Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza

Testo Unico Sicurezza Lavoro

Testo Unico Stupefacenti

Testo Unico Successioni e Donazioni

Testo Unico sul Pubblico Impiego

Testo Unico sull’Immigrazione

Altre leggi

Codice Deontologico Forense

Codici Deontologici

Disciplina comunitaria e internazionale

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati – P.IVA 02542740747