Art. 569 – Codice di Procedura Penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477 - aggiornato al D.Lgs. 08.11.2021, n. 188)

Ricorso immediato per cassazione

Articolo 569 - codice di procedura penale

1. La parte che ha diritto di appellare la sentenza di primo grado (593) può proporre direttamente ricorso per cassazione (606).
2. Se la sentenza è appellata da una delle altre parti, si applica la disposizione dell’art. 580. Tale disposizione non si applica se, entro quindici giorni dalla notificazione del ricorso (584), le parti che hanno proposto appello dichiarano tutte di rinunciarvi (589) per proporre direttamente ricorso per cassazione. In tale caso, l’appello si converte in ricorso e le parti devono presentare entro quindici giorni dalla dichiarazione suddetta nuovi motivi, se l’atto di appello non aveva i requisiti per valere come ricorso.
3. La disposizione del comma 1 non si applica nei casi previsti dall’art. 606 comma 1 lett. d) ed e). In tali casi, il ricorso eventualmente proposto si converte in appello.
4. Fuori dei casi in cui nel giudizio di appello si sarebbe dovuta annullare la sentenza di primo grado (604), la Corte di cassazione, quando pronuncia l’annullamento con rinvio (623) della sentenza impugnata a norma del comma 1, dispone che gli atti siano trasmessi al giudice competente per l’appello.

Articolo 569 - Codice di Procedura Penale

1. La parte che ha diritto di appellare la sentenza di primo grado (593) può proporre direttamente ricorso per cassazione (606).
2. Se la sentenza è appellata da una delle altre parti, si applica la disposizione dell’art. 580. Tale disposizione non si applica se, entro quindici giorni dalla notificazione del ricorso (584), le parti che hanno proposto appello dichiarano tutte di rinunciarvi (589) per proporre direttamente ricorso per cassazione. In tale caso, l’appello si converte in ricorso e le parti devono presentare entro quindici giorni dalla dichiarazione suddetta nuovi motivi, se l’atto di appello non aveva i requisiti per valere come ricorso.
3. La disposizione del comma 1 non si applica nei casi previsti dall’art. 606 comma 1 lett. d) ed e). In tali casi, il ricorso eventualmente proposto si converte in appello.
4. Fuori dei casi in cui nel giudizio di appello si sarebbe dovuta annullare la sentenza di primo grado (604), la Corte di cassazione, quando pronuncia l’annullamento con rinvio (623) della sentenza impugnata a norma del comma 1, dispone che gli atti siano trasmessi al giudice competente per l’appello.

Massime

In ipotesi di ricorso “per saltum”, all’annullamento della sentenza per mancanza assoluta di motivazione (nella specie determinata dal decesso del magistrato che aveva definito il giudizio dando lettura del dispositivo in udienza) non segue il rinvio al giudice di primo grado ma al giudice di appello, che ha il dovere di redigere la motivazione, non rientrando tale caso tra quelli tassativamente previsti dall’art. 604 c.p.p.. (In motivazione, la Corte ha precisato che il giudice di appello cui il processo è rinviato non è privo di “devolutum”, ma, al contrario, dovendo redigere “ex novo” il provvedimento decisorio, ha una devoluzione totale, che gli impone di esaminare completamente nel merito la vicenda). Cass. pen. sez. VI 9 giugno 2014, n. 24059

Qualora l’impugnazione proposta sia non quella ordinaria ma quella eccezionale del ricorso “per saltum”, la Corte di cassazione deve interpretare la volontà della parte, per stabilire di quale mezzo abbia realmente inteso avvalersi ed, in caso di dubbio, privilegiare il tipo ordinario di gravame, talchè, ove vi sia una formale denuncia di difetto e manifesta illogicità della motivazione ed il contenuto delle censure, che letteralmente deducono anche violazione di legge, le riveli, invece, come dirette avverso la valutazione delle prove in ordine ad una questione di mero fatto, il ricorso andrà convertito in appello. Cass. pen. sez. II 17 gennaio 2014, n. 1848

Il ricorso proposto avverso il provvedimento con cui il magistrato di sorveglianza revoca la licenza concessa all’internato, anche se prospetta questioni di diritto, va convertito in appello, non essendo testualmente consentito il ricorso “per saltum” se non avverso le sentenze. (La Corte, peraltro, ha sottolineato come, nel caso di specie, orientasse verso la conversione del ricorso in appello il profilo delle questioni sollevate, attinenti alla rigidità e all’inadeguatezza, rispetto alle finalità riabilitative, del sistema delle misure di sicurezza detentive e alla compatibilità della sua disciplina e della sua attuazione in concreto con principi costituzionali, la cui delibazione, specie per i risvolti inerenti alla rilevanza del dubbio di costituzionalità, è per sua natura affidata al giudizio di merito). Cass. pen. sez. I 3 febbraio 2010, n. 4606

È qualificabile come appello e non come ricorso per cassazione il gravame proposto dall’imputato avverso la sentenza del giudice di pace di condanna alla pena pecuniaria e al risarcimento del danno, anche indipendentemente dalla specifica impugnazione della statuizione civile. (In motivazione, la S.C. ha affermato che resta ferma la possibilità per l’imputato di proporre ricorso immediato per cassazione ai sensi dell’art. 569 c.p.p. e nel rispetto dei limiti di cui al comma terzo di tale disposizione). Cass. pen. sez. V 14 ottobre 2008, n. 38733

L’annullamento con rinvio della sentenza di primo grado che abbia dichiarato l’estinzione del reato per intervenuta oblazione, impugnata dal pubblico ministero con ricorso immediato per cassazione, va disposto in favore del giudice competente per l’appello, ricorrendo l’ipotesi di cui al quarto comma dell’art. 569 c.p.p. Cass. pen. sez. IV 10 ottobre 2008, n. 38560

A seguito della sentenza n. 26 del 2007, emessa dalla Corte costituzionale, con la quale è stata dichiarata l’illegittimità costituzionale dell’art. 1, comma 1, della L. n. 46 del 2006, nella parte in cui, sostituendo l’art. 593 c.p.p.esclude che il pubblico ministero possa appellare contro le sentenze di proscioglimento, nonché dell’art. 10, comma 2, L. n. 46, nella parte in cui prevede che l’appello proposto contro una sentenza di proscioglimento dal pubblico ministero, prima della data di entrata in vigore della medesima legge, è dichiarato inammissibile con ordinanza non impugnabile, il ricorso del P.M. verte su una sentenza tornata ad essere «appellabile», con la conseguenza che esso va trattato ai sensi dell’art. 569 c.p.p. Quindi, se oggetto del ricorso sono motivi dedotti ai sensi dell’art. 606 lett. d) ed e) c.p.p.il comma terzo dell’art. 569 c.p.p. ne impone la conversione in appello. Se, invece, è prospettato uno degli altri vizi che non impongono la detta conversione, come la violazione di legge, l’eventuale suo accoglimento comporta le determinazioni previste dal comma quarto dell’art. 569 c.p.p. ossia l’annullamento con rinvio al giudice competente per l’appello. (Mass. redaz.). Cass. pen. sez. I 7 marzo 2007, n. 9705

Alla conversione del ricorso immediato per cassazione in appello proposto avverso la sentenza di proscioglimento segue, secondo quanto previsto dall’art. 569 comma terzo c.p.p.la trasmissione degli atti alla Corte di appello che, in forza della previsione della disciplina transitoria della L. n. 46 del 2006 che ha reso inappellabili le sentenze di proscioglimento, è tenuta a dichiarare l’inammissibilità dell’appello proposto dal pubblico ministero, a cui è comunque riservata la possibilità di proporre ricorso per cassazione a norma dell’art. 606, comma primo lett. e) c.p.p. Cass. pen. sez. V 19 luglio 2006, n. 25010

Il ricorso per saltum del pubblico ministero avverso una sentenza di assoluzione emessa dal giudice di pace è da considerare, dopo l’entrata in vigore della L. n. 46 del 2006 che ha eliminato il potere del pubblico ministero di proporre appello avverso le sentenze di proscioglimento, come un ordinario ricorso per cassazione, ai fini delle determinazioni conseguenti all’annullamento con rinvio, per l’impossibilità di trasmissione degli atti «al giudice competente per l’appello» secondo la disposizione dell’art. 569, comma quarto, c.p.p.con la conseguenza che il giudice del rinvio va individuato nel giudice del medesimo grado di quello della sentenza impugnata, e quindi nel giudice di pace territorialmente competente. (La Corte precisa altresì che il rinvio al giudice di primo grado non dà luogo ad una rimessione in termini per la proposizione di istanze, ad es. quella per l’oblazione facoltativa ex art. 162 bis c.p.rispetto alle quali si è già verificata la decadenza). Cass. pen. sez. IV 14 luglio 2006, n. 24382

Qualora avverso la sentenza del giudice di pace sia esperito, in luogo dell’appello, il ricorso in cassazione per saltum, il giudice di rinvio, in caso di annullamento, va individuato, ai sensi dell’art. 569, comma 4, c.p.p.in quello che sarebbe stato competente per l’appello, vale a dire il tribunale in composizione monocratica. (Mass. redaz.). Cass. pen. sez. IV 26 ottobre 2004, n. 41694

Qualora avverso la sentenza del giudice di pace sia esperito, in luogo dell’appello, il ricorso in cassazione per saltum, il giudice di rinvio, in caso di annullamento, va individuato, ai sensi dell’art. 569, comma 4, c.p.p.in quello che sarebbe stato competente per l’appello, vale a dire il tribunale in composizione monocratica. Cass. pen. sez. IV 26 ottobre 2004, n. 41694

Il ricorso per cassazione del pubblico ministero avverso una sentenza di condanna pronunciata all’esito di giudizio abbreviato, si converte in appello, qualora il medesimo provvedimento sia oggetto di appello da parte dell’imputato, a nulla rilevando, per ragioni di economia e di unitarietà processuale, la circostanza che la sentenza impugnata sia oggettivamente inappellabile per la parte che ha proposto ricorso per cassazione. Cass. pen. sez. I 20 gennaio 2004, n. 1299

Il ricorso per saltum in cassazione, previsto dall’art. 569 c.p.p.trova applicazione anche nel procedimento davanti al giudice di pace per effetto del richiamo generale alle disposizioni del codice di procedura penale contenuto nell’art. 2 D.L.vo 28 agosto 2000, n. 274, risultando del tutto compatibile con il sistema delle impugnazioni del modello processuale onorario. Cass. pen. sez. IV 4 dicembre 2003, n. 46520

Deve essere qualificato come appello – con conseguente trasmissione degli atti, ai sensi dell’art. 569, comma 3, c.p.p.alla competente Corte di merito – il ricorso per cassazione proposto avverso la sentenza di primo grado con la quale sia stata erroneamente irrogata la sola pena pecuniaria per un reato per il quale sia prevista congiuntamente anche quella detentiva, e ciò in quanto un errore del giudice non può mutare il regime delle impugnazioni che, per i reati sanzionati con pena congiunta, prescrive il doppio grado di giudizio di merito (art. 593, comma 3, c.p.p.). Cass. pen. sez. VI 15 gennaio 2003, n. 1644

Dall’operazione di qualificazione va distinto il fenomeno della “conversione” in senso tecnico del negozio giuridico processuale: a tale istituto fanno riferimento, per le ipotesi in essi specificamente disciplinate, gli artt. 569, commi 2 e 3, e 580 c.p.p. Cass. pen. Sezioni Unite 11 settembre 2002, n. 30326

Qualora l’impugnazione proposta sia non quella ordinaria ma quella eccezionale del ricorso per saltum, la Corte di cassazione deve dapprima interpretare la volontà della parte, per stabilire di quale mezzo abbia realmente inteso avvalersi ed, in caso di dubbio, deve privilegiare il tipo ordinario di gravame. Qualora, pertanto, nell’atto di impugnazione non solo vi sia una formale denuncia di difetto e manifesta illogicità della motivazione ma lo stesso contenuto delle censure, che letteralmente deducono anche violazione di legge, ad onta di tale formale qualificazione, le riveli come sostanzialmente, tutte, dirette avverso la valutazione delle prove in ordine ad una questione di mero fatto, il ricorso appare sostanzialmente proposto ai sensi dell’art. 606, comma 1, lett. e), c.p.p. e va convertito in appello. Cass. pen. sez. IV ord. 23 aprile 1996, n. 4264

Il ricorso per saltum si converte in appello, secondo l’art. 569 cpv. c.p.p.solo «se la sentenza è appellata da una delle parti» e quindi, per il principio di tassatività delle impugnazioni, non anche nelle ipotesi in cui sia stato proposto appello incidentale. Cass. pen. sez. II 8 luglio 1999, n. 8809

La conversione del ricorso in appello non è consentita (e, conseguentemente, il gravame va dichiarato inammissibile) quando, attraverso la ricerca della effettiva volontà del ricorrente, si accerti che lo stesso abbia voluto deliberatamente impugnare il provvedimento con mezzi, ovvero prospettando motivi, diversi da quelli consentiti, avendo, per altro, consapevolezza, tanto della improponibilità del mezzo strumentalmente scelto e dichiarato, quanto della esistenza di altro (ed unico) rimedio processuale, appositamente predisposto dal sistema ed arbitrariamente rifiutato. (Nella fattispecie, la Corte ha dichiarato inammissibile l’impugnazione del P.M. che, con ricorso per saltum, aveva dedotto, in tema di diffamazione, vizio di motivazione della sentenza di primo grado, assumendo che il giudice non aveva chiarito se, nella missiva contenente le frasi offensive, fosse stata manifestata la volontà di diffusione del suo contenuto. La cassazione, anche sulla base di rilievi attinenti alla forma dell’atto di impugnazione, ha ritenuto che il P.M. avesse consapevolmente, e per scopi estranei alla dialettica processuale, fatto uso di un mezzo di gravame non consentito). Cass. pen. sez. V 11 giugno 1999, n. 7551

La possibilità del P.M. di proporre appello avverso la sentenza del Gip, prevista dall’art. 594 c.p.p. non esclude l’applicabilità della disposizione di carattere generale contenuta nell’art. 569, primo comma, c.p.p.che prevede la facoltà di proporre direttamente ricorso per cassazione per la parte che ha diritto di appellare la sentenza di primo grado, salve le limitazioni previste dal terzo comma. Cass. pen. sez. VI 29 marzo 1999, n. 783

Nel caso in cui una parte (nella specie, il pubblico ministero) proponga il ricorso immediato per cassazione di cui all’art. 569, comma primo, c.p.p.deducendo motivi che introducono questioni previste dal comma terzo di detta disposizione (art. 606, comma primo, lett. d ed e), non può conseguire la conversione del ricorso per cassazione in appello se le doglianze siano formulate in modo generico e astratto al punto di non essere idonee a concretare l’interesse all’impugnazione di cui all’art. 568, comma quarto c.p.p.cioè a conseguire l’effetto – attraverso l’eliminazione di un provvedimento pregiudizievole – di ottenere una situazione pratica più vantaggiosa per l’impugnante, rispetto a quella esistente. In tal caso, la Corte di cassazione deve dichiarare inammissibili i motivi in tal modo formulati. Cass. pen. sez. VI 11 dicembre 1998, n. 12975  .

In presenza di una sentenza di assoluzione recante, nel dispositivo, la formula «il fatto non è previsto dalla legge come reato» ma caratterizzata, nella motivazione, anche dalla presenza di ampie ed analitiche argomentazioni volte a dimostrare, nel merito, l’inesistenza di prove in ordine all’elemento materiale ed a quello psicologico del reato ipotizzato a carico dell’imputato, il pubblico ministero non può a pena di inammissibilità, limitandosi alla confutazione in diritto dell’affermazione contenuta nel dispositivo, proporre ricorso diretto per cassazione ai sensi dell’art. 569 c.p.p.comportando la detta limitazione acquiescenza alla statuizione di merito, con conseguente passaggio in giudicato della medesima. Cass. pen. sez. V 13 agosto 1998, n. 9357

Qualora la mancata assunzione di una prova decisiva si risolva anche nel difetto di motivazione sul punto, non è possibile far valere con il ricorso immediato per cassazione per saltum tale vizio, che invece è riparabile dal giudice dell’appello. Cass. pen. sez. V 27 maggio 1998, n. 6240

Le disposizioni del codice di rito concernenti i termini per la proposizione dell’impugnazione operano anche con riferimento al ricorso per cassazione avverso gli atti abnormi; con la sola eccezione delle ipotesi di gravame proposto nei confronti di quei provvedimenti affetti da un’anomalia genetica così radicale che, determinandone l’inesistenza materiale o giuridica e rendendoli inidonei a passare in giudicato, può essere denunciata in qualsiasi momento. (In applicazione di tale principio la corte ha dichiarato inammisibile perché tardivo il ricorso del pubblico ministero il quale aveva denunciato l’abnormità del provvedimento del pretore che, ritenuta la nullità del decreto di citazione per omessa citazione della persona offesa, aveva restituito gli atti al titolare dell’azione penale, osservando come dall’anomalia da cui era affetto detto provvedimento non potesse comunque conseguirne l’inesistenza giuridica. Cass. pen. Sezioni Unite 31 luglio 1997, n. 11

Nel caso di ricorso per cassazione del pubblico ministero avverso sentenza emessa all’esito di giudizio abbreviato, l’imputato, in applicazione analogica dell’art. 569 comma secondo c.p.p.è ammesso a rinunciare all’appello ed a proporre ricorso per cassazione, senza peraltro incontrare la limitazione prevista dall’art. 569 comma terzo c.p.p. in relazione all’art. 606 comma primo lettera e) c.p.p. e perciò anche per mancanza o manifesta illogicità della motivazione. Cass. pen. sez. VI 7 aprile 1997, n. 3287  .

La rinuncia all’appello da parte dell’imputato non vale a vani.care l’avvenuta conversione del ricorso per cassazione proposto dal pubblico ministero. (Fattispecie in tema di impugnazione di sentenza pronunciata a seguito di giudizio abbreviato). Cass. pen. sez. VI 3 novembre 1994, n. 10941

In materia di misure cautelari personali, la scelta del rimedio per saltum circoscrive ulteriormente l’ambito delle censure proponibili. Non soltanto nel senso che l’unico motivo di annullamento deducibile si incentra nella violazione dell’art. 292, secondo comma, c.p.p. che, per essere rilevabile in sede di legittimità, deve tuttavia rientrare nelle previsioni dell’art. 606, primo comma, lettera e), ma anche nel senso che il ricorso diretto, in quanto alternativo al riesame, deve avere ad oggetto i soli requisiti minimi di esistenza, completezza e logicità; secondo uno schema che se, da un lato, precludendo ogni intervento del tribunale della libertà, rende impossibile qualsiasi integrazione – anche in funzione «sanante» – dell’ordinanza genetica della misura, circoscrive, al contempo, l’area delle censure proponibili e, dunque, anche l’ambito della verifica di legittimità demandata alla Corte Suprema. Cass. pen. sez. VI 17 dicembre 1993, n. 2667

In materia di impugnazioni, dall’art. 568 c.p.p.che fissa le regole generali, si ricava (primo e secondo comma) che i casi nei quali i provvedimenti sono soggetti ad impugnazione ed i mezzi con cui possono essere impugnati sono stabiliti tassativamente, vale a dire senza possibilità di ampliamento o di restrizione, mentre sono sempre soggetti a ricorso per cassazione, «quando non sono altrimenti impugnabili», i provvedimenti con i quali si decide sulla libertà; ne deriva che la regola generale in materia de libertate è che il ricorso per cassazione è ammesso nei casi indicati e quando non sono previsti altri rimedi. L’art. 569 c.p.p.quindi, nel prevedere il ricorso immediato per cassazione contro tutte le sentenze appellabili di primo grado – sempre che non sia stato proposto appello da altre parti o queste non vi rinuncino – attiene alla sola fase della cognizione e non pone un principio generale vocabile per ogni impugnazione: e ciò sia per la sua formula inequivoca sia per la sua collocazione sistematica. (Fattispecie in tema di ricorso per saltum in cassazione contro un provvedimento di rigetto di un’istanza diretta ad ottenere la rimessione in libertà). Cass. pen. sez. VI 25 giugno 1993, n. 1458

Istituti giuridici

Novità giuridiche

Codici e leggi

Codice Ambiente

Codice Antimafia

Codice Antiriciclaggio

Codice Civile

Codice Crisi d’Impresa

Codice dei Beni Culturali

Codice dei Contratti Pubblici

Codice del Consumo

Codice del Terzo Settore

Codice del Turismo

Codice dell’Amministrazione Digitale

Codice della Navigazione

Codice della Privacy

Codice della Protezione Civile

Codice della Strada

Codice delle Assicurazioni

Codice delle Comunicazioni Elettroniche

Codice delle Pari Opportunità

Codice di Procedura Civile

Codice di Procedura Penale

Codice Giustizia Contabile

Codice Penale

Codice Processo Amministrativo

Codice Processo Tributario

Codice Proprietà Industriale

Codice Rosso

Costituzione

Decreto Cura Italia

Decreto Legge Balduzzi

Disposizioni attuazione Codice Civile e disposizioni transitorie

Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

Disposizioni di attuazione del Codice Penale

DPR 445 – 2000

Legge 104

Legge 23 agosto 1988 n 400

Legge 68 del 1999 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili)

Legge Basaglia

Legge Bassanini

Legge Bassanini Bis

Legge Cambiaria

Legge Cure Palliative

Legge Di Bella

Legge Diritto d’Autore

Legge Equo Canone

Legge Fallimentare

Legge Gelli-Bianco

Legge Mediazione

Legge Pinto

Legge Severino

Legge Sovraindebitamento

Legge sul Divorzio

Legge sul Procedimento Amministrativo

Legge sulle Locazioni Abitative

Legge Testamento Biologico

Legge Unioni Civili

Norme di attuazione del Codice di Procedura Penale

Ordinamento Penitenziario

Preleggi

Statuto dei Lavoratori

Statuto del Contribuente

Testo Unico Bancario

Testo Unico Edilizia

Testo Unico Enti Locali

Testo Unico Espropri

Testo Unico Imposte sui Redditi

Testo Unico Iva

Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza

Testo Unico Sicurezza Lavoro

Testo Unico Stupefacenti

Testo Unico Successioni e Donazioni

Testo Unico sul Pubblico Impiego

Testo Unico sull’Immigrazione

Altre leggi

Codice Deontologico Forense

Codici Deontologici

Disciplina comunitaria e internazionale

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati – P.IVA 02542740747