Art. 548 – Codice di Procedura Penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477 - aggiornato al D.Lgs. 08.11.2021, n. 188)

Deposito della sentenza

Articolo 548 - codice di procedura penale

1. La sentenza è depositata in cancelleria immediatamente dopo la pubblicazione (545) ovvero entro i termini previsti dall’art. 544 commi 2 e 3. Il pubblico ufficiale addetto vi appone la sottoscrizione e la data del deposito.
2. Quando la sentenza non è depositata entro il trentesimo giorno o entro il diverso termine indicato dal giudice a norma dell’art. 544 comma 3, l’avviso di deposito è comunicato al pubblico ministero e notificato (148 ss.) alle parti private cui spetta il diritto di impugnazione. È notificato altresì a chi risulta difensore dell’imputato al momento del deposito della sentenza (att. 65).
3. L’avviso di deposito con l’estratto della sentenza è in ogni caso [notificato all’imputato contumace e] (1) comunicato al procuratore generale presso la corte di appello (585; att. 23; reg. 23).

Articolo 548 - Codice di Procedura Penale

1. La sentenza è depositata in cancelleria immediatamente dopo la pubblicazione (545) ovvero entro i termini previsti dall’art. 544 commi 2 e 3. Il pubblico ufficiale addetto vi appone la sottoscrizione e la data del deposito.
2. Quando la sentenza non è depositata entro il trentesimo giorno o entro il diverso termine indicato dal giudice a norma dell’art. 544 comma 3, l’avviso di deposito è comunicato al pubblico ministero e notificato (148 ss.) alle parti private cui spetta il diritto di impugnazione. È notificato altresì a chi risulta difensore dell’imputato al momento del deposito della sentenza (att. 65).
3. L’avviso di deposito con l’estratto della sentenza è in ogni caso [notificato all’imputato contumace e] (1) comunicato al procuratore generale presso la corte di appello (585; att. 23; reg. 23).

Note

(1) Le parole fra parentesi quadrate sono state soppresse dall’art. 10, comma 5, della L. 28 aprile 2014, n. 67.
A norma dell’art. 15 bis, comma 1, della L. 28 aprile 2014, n. 67, inserito dalla L. 11 agosto 2014, n. 118 – con decorrenza dal 22 agosto 2014, le disposizioni di cui al presente capo si applicano ai procedimenti in corso alla data di entrata in vigore della presente legge, a condizione che nei medesimi procedimenti non sia stato pronunciato il dispositivo della sentenza di primo grado. In deroga a quanto previsto dal comma 1, le disposizioni vigenti prima della data di entrata in vigore della presente legge continuano ad applicarsi ai procedimenti in corso alla data di entrata in vigore della presente legge quando l’imputato è stato dichiarato contumace e non è stato emesso il decreto di irreperibilità.

Massime

Ai fini della decorrenza del termine di impugnazione della sentenza contumaciale, la notificazione dell’avviso di deposito con l’estratto della sentenza all’imputato contumace non può essere sostituita da altro atto equipollente, anche se ne contenga tutti gli elementi essenziali. (Mass. redaz.). Cass. pen. Sezioni Unite 10 settembre 2003, n. 35402

Qualora il difensore proponga l’impugnazione prima che venga notificato l’avviso di deposito o prima dello stesso deposito della sentenza gravata, così avvalendosi della facoltà cui l’avviso è preordinato, la formalità della notifica diviene superflua e nessuna invalidità consegue nel giudizio di impugnazione dal suo mancato adempimento. Cass. pen. sez. II 25 luglio 2000, n. 8518

Il termine per proporre l’impugnazione nei confronti dell’imputato contumace decorre dalla scadenza del termine stabilito dalla legge per il deposito della sentenza, ove la notifica dell’estratto contumaciale sia avvenuta in data anteriore. Ciò perché, altrimenti, verrebbero ad essere ingiustificatamente compressi i diritti della difesa, alla cui compiuta tutela è invece rivolta – con finalità sicuramente non restrittive – la previsione dell’art. 548, comma 3, c.p.p. Cass. pen. sez. III 23 febbraio 2000, n. 2070

Qualora, con la comparsa in giudizio dell’imputato già dichiarato contumace, venga meno la situazione di fatto che ha dato luogo a detta dichiarazione, la contumacia viene a cessare indipendentemente dall’eventuale mancata pronuncia del formale provvedimento di revoca previsto dall’art. 487, comma 3, c.p.p. Ne consegue che non è neppure dovuta all’imputato, in tal caso, la successiva notifica dell’avviso di deposito della sentenza, con il relativo estratto, prevista dall’art. 548, comma 3, c.p.p. Cass. pen. sez. I 21 gennaio 2000, n. 6381

Il deposito degli atti e dei documenti processuali in cancelleria costituisce una semplice attività materiale ed i relativi adempimenti non sono soggetti ad alcuna formalità. Trattandosi di adempimento ordinario di un atto di ufficio, esso deve presumersi come avvenuto alle date indicate nell’attestazione del funzionario di cancelleria, indipendentemente dalla sottoscrizione della stessa da parte di questi, spettando la prova della non veridicità dell’attestazione alla parte interessata. (Nella specie l’attestazione del deposito di una sentenza non era stata sottoscritta dal funzionario di cancelleria e la Cassazione ha appunto ritenuto, sulla scorta del principio di cui in massima, che il deposito stesso doveva presumersi come avvenuto alla data indicata nell’attestazione medesima). Cass. pen. sez. I 3 marzo 1992, n. 119

In tema di impugnazioni, qualora il giudice abbia indicato in dispositivo, per il deposito della sentenza, un termine superiore a novanta giorni (nella specie: “tre mesi”, corrispondenti a novantadue giorni), il termine per impugnare decorre dalla data di notificazione dell’avviso di deposito della sentenza, ai sensi dell’art. 548, comma secondo, cod. proc. pen.; ne deriva che, in mancanza di tale adempimento, l’impugnazione proposta deve considerarsi senz’altro tempestiva. Cass. pen. sez. VI 29 gennaio 2016, n. 3914

In caso di irrituale notifica all’imputato dell’estratto contumaciale della sentenza emessa all’esito del giudizio di appello, il ricorso per cassazione proposto dal difensore di fiducia nominato prima del giudizio di secondo grado non consuma la potestà di impugnare dell’imputato, poichè tale vicenda non è indicativa della effettiva conoscenza del deposito della decisione da parte di quest’ultimo. Cass. pen. sez. I 18 dicembre 2014, n. 52538

Alla omessa notifica all’imputato contumace dell’avviso di deposito della sentenza di primo grado conseguono la mancata decorrenza nei suoi riguardi dei termini per la proposizione dell’impugnazione, nonché, qualora si sia proceduto al giudizio di appello, la nullità del decreto di citazione relativo a questo grado e l’annullamento senza rinvio della decisione successivamente emessa. (Fattispecie in cui la Corte, ritenendo omessa la notifica effettuata non al domicilio eletto ma presso la residenza dell’imputato con la procedura della compiuta giacenza presso l’ufficio postale del plico non recapitato, ha escluso che la nullità potesse essere sanata dalla proposizione tempestiva della impugnazione da parte del difensore). Cass. pen. sez. V 4 dicembre 2014, n. 50980

La mancata notifica dell’avviso di deposito della sentenza di primo grado a uno dei difensori rende inoperante, nei suoi confronti, la decorrenza del termine per l’impugnazione con la conseguenza che quest’ultima sarà possibile attraverso la presentazione di autonomi motivi di appello: lo svolgimento, per da parte del legale non avvisato, delle attività difensive nel corso del giudizio di impugnazione sana il vizio e preclude ogni censura. (Fattispecie in cui la Corte di Appello aveva notificato al difensore non avvisato il verbale di rinvio dell’udienza, consentendogli così di esercitare il diritto di impugnazione). Cass. pen. sez. I 19 dicembre 2013, n. 51447

La notifica dell’estratto contumaciale all’imputato irreperibile, effettuato a mani del difensore, ai sensi dell’art. 159 c.p.p. non può valere anche ai fini dell’adempimento di cui all’art. 548, comma 2, c.p.p. nella parte in cui stabilisce che, quando la sentenza sia depositata oltre il dovuto termine, il relativo avviso sia notificato anche al difensore. (Mass. Redaz.). Cass. pen. sez. V 27 giugno 2006, n. 22504

Per l’imputato contumace, il termine per proporre l’impugnazione, anche ove la notifica dell’estratto contumaciale sia avvenuta in data anteriore alla scadenza del termine stabilito dalla legge per il deposito della sentenza, decorre comunque dalla notifica dell’avviso di deposito con l’estratto del procedimento. Infatti, l’imputato contumace ha diritto ex lege a trenta giorni di tempo per proporre impugnazione, senza che possa avvantaggiarsi del numero di giorni che vanno dal deposito della sentenza alla scadenza del termine per il deposito della stessa. Cass. pen. sez. IV 17 marzo 2003, n. 12260

Non spetta al difensore l’avviso di deposito della sentenza, quando questo avvenga nel rispetto del termine legale o prorogato, a prescindere dalla personale presenza o meno del difensore di fiducia all’udienza di decisione della causa, in quanto quest’ultimo, conoscendo o potendo conoscere rapidamente il giorno ed il tenore del dispositivo della decisione, può determinare con certezza la decorrenza ed il termine per la proposizione dell’impugnazione. Cass. pen. sez. VI 18 dicembre 2002, n. 42753

Il necessario contenuto dell’«avviso di deposito con l’estratto della sentenza» che, ai sensi dell’art. 548, comma terzo, c.p.p. deve essere notificato all’imputato contumace, è sufficientemente integrato con l’indicazione delle generalità dell’imputato, della data della sentenza cui si riferisce (ed eventualmente della data di quella di primo grado oggetto della decisione), degli organi giurisdizionali che hanno pronunciato i provvedimenti suddetti; tali indicazioni appaiono infatti idonee a salvaguardare le finalità tutelate dalla normativa de qua, consistenti nel portare a conoscenza dell’interessato la natura ed il contenuto del provvedimento che lo riguarda per consentirgli di esperire tempestivamente i rimedi previsti dalla legge. Cass. pen. sez. II 8 giugno 1995, n. 6737

Qualora il giudice, pur non avendo fissato un termine maggiore di quindici giorni, depositi la sentenza oltre tale termine, ma nel trentesimo giorno dalla pronuncia, è necessario far luogo a comunicazione o notificazione dell’avviso di deposito perché cominci a decorrere il termine stabilito per l’impugnazione. Cass. pen. Sezioni Unite 21 maggio 1994, n. 5857

L’avviso di deposito, con l’estratto della sentenza contumaciale, è dovuto, ai sensi dell’art. 548 c.p.p.soltanto all’imputato contumaciale e non anche al difensore. (Nella fattispecie il ricorrente sosteneva che i termini per l’impugnazione della sentenza pronunciata in primo grado non erano ancora decorsi non essendo stato notificato al difensore l’estratto contumaciale. La Suprema Corte ha rigettato il ricorso affermando il principio di cui in massima). Cass. pen. sez. I 1 aprile 1994, n. 1112

La notifica dell’avviso di deposito con l’estratto della sentenza all’imputato contumace non può essere sostituita con alcun altro atto equipollente, stante la tassatività della disposizione dell’art. 548, terzo comma, c.p.p. secondo cui tale notifica deve essere effettuata «in ogni caso»; la sua mancanza, pertanto, non fa decorrere i termini di impugnazione e non fa diventare la sentenza irrevocabile. Cass. pen. sez. I 24 novembre 1993, n. 4150

L’avviso di deposito della sentenza, ogniqualvolta la motivazione non venga depositata nei termini, deve essere notificato al difensore, senza nessuna differenza tra giudizio ordinario e contumaciale. In tale ultimo caso è irrilevante che l’avvocato sia privo di mandato specifico ad impugnare, sia perché l’art. 548 c.p.p. non opera alcuna distinzione in questo senso, sia perché, proprio a seguito del relativo adempimento, il legale viene posto in grado di sollecitare il suo assistito a conferirgli il mandato medesimo. Cass. pen. sez. III 15 ottobre 1993, n. 1768

Qualora il giudice ritardi il deposito della motivazione della sentenza, senza aver preventivamente indicato un termine nel dispositivo letto in udienza, ai sensi dell’art. 544, comma terzo, c.p.p.il termine di impugnazione è quello di trenta giorni previsto dall’art. 585, comma primo, lett. b), stesso codice, decorrente dalla data di notificazione o comunicazione dell’avviso di deposito della sentenza. Cass. pen. sez. I 15 giugno 1999, n. 3223

Istituti giuridici

Novità giuridiche

Codici e leggi

Codice Ambiente

Codice Antimafia

Codice Antiriciclaggio

Codice Civile

Codice Crisi d’Impresa

Codice dei Beni Culturali

Codice dei Contratti Pubblici

Codice del Consumo

Codice del Terzo Settore

Codice del Turismo

Codice dell’Amministrazione Digitale

Codice della Navigazione

Codice della Privacy

Codice della Protezione Civile

Codice della Strada

Codice delle Assicurazioni

Codice delle Comunicazioni Elettroniche

Codice delle Pari Opportunità

Codice di Procedura Civile

Codice di Procedura Penale

Codice Giustizia Contabile

Codice Penale

Codice Processo Amministrativo

Codice Processo Tributario

Codice Proprietà Industriale

Codice Rosso

Costituzione

Decreto Cura Italia

Decreto Legge Balduzzi

Disposizioni attuazione Codice Civile e disposizioni transitorie

Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

Disposizioni di attuazione del Codice Penale

DPR 445 – 2000

Legge 104

Legge 23 agosto 1988 n 400

Legge 68 del 1999 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili)

Legge Basaglia

Legge Bassanini

Legge Bassanini Bis

Legge Cambiaria

Legge Cure Palliative

Legge Di Bella

Legge Diritto d’Autore

Legge Equo Canone

Legge Fallimentare

Legge Gelli-Bianco

Legge Mediazione

Legge Pinto

Legge Severino

Legge Sovraindebitamento

Legge sul Divorzio

Legge sul Procedimento Amministrativo

Legge sulle Locazioni Abitative

Legge Testamento Biologico

Legge Unioni Civili

Norme di attuazione del Codice di Procedura Penale

Ordinamento Penitenziario

Preleggi

Statuto dei Lavoratori

Statuto del Contribuente

Testo Unico Bancario

Testo Unico Edilizia

Testo Unico Enti Locali

Testo Unico Espropri

Testo Unico Imposte sui Redditi

Testo Unico Iva

Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza

Testo Unico Sicurezza Lavoro

Testo Unico Stupefacenti

Testo Unico Successioni e Donazioni

Testo Unico sul Pubblico Impiego

Testo Unico sull’Immigrazione

Altre leggi

Codice Deontologico Forense

Codici Deontologici

Disciplina comunitaria e internazionale

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati – P.IVA 02542740747