Art. 517 – Codice di Procedura Penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477 - aggiornato al D.Lgs. 08.11.2021, n. 188)

Reato concorrente e circostanze aggravanti risultanti dal dibattimento

Articolo 517 - codice di procedura penale

(1) (2) (3) (4) (5) (6) (7) (8) 1. Qualora nel corso dell’istruzione dibattimentale (496 ss.) emerga un reato connesso a norma dell’art. 12 comma 1 lett. b) ovvero una circostanza aggravante (423) e non ve ne sia menzione nel decreto che dispone il giudizio (429, 450, 456, 555) il pubblico ministero contesta all’imputato il reato o la circostanza, purché la cognizione non appartenga alla competenza di un giudice superiore (520, 522).
1 bis. Si applicano le disposizioni previste dall’articolo 516, commi 1 bis e 1 ter.

Articolo 517 - Codice di Procedura Penale

(1) (2) (3) (4) (5) (6) (7) (8) 1. Qualora nel corso dell’istruzione dibattimentale (496 ss.) emerga un reato connesso a norma dell’art. 12 comma 1 lett. b) ovvero una circostanza aggravante (423) e non ve ne sia menzione nel decreto che dispone il giudizio (429, 450, 456, 555) il pubblico ministero contesta all’imputato il reato o la circostanza, purché la cognizione non appartenga alla competenza di un giudice superiore (520, 522).
1 bis. Si applicano le disposizioni previste dall’articolo 516, commi 1 bis e 1 ter.

Note

(1) La Corte costituzionale, con sentenza n. 265 del 30 giugno 1994, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale degli artt. 516 e 517 del codice di procedura penale nella parte in cui non prevedono la facoltà dell’imputato di richiedere al giudice del dibattimento l’applicazione di pena a norma dell’art. 444 del codice di procedura penale, relativamente al fatto diverso o al reato concorrente contestato in dibattimento, quando la nuova contestazione concerne un fatto che già risultava dagli atti di indagine al momento dell’esercizio dell’azione penale ovvero quando l’imputato ha tempestivamente e ritualmente proposto la richiesta di applicazione di pena in ordine alle originarie imputazioni.
(2) La Corte costituzionale, con sentenza n. 530 del 29 dicembre 1995, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale di questo articolo nella parte in cui non prevede la facoltà dell’imputato di proporre domanda di oblazione, ai sensi degli artt. 162 e 162 bis del codice penale, relativamente al reato concorrente contestato in dibattimento.
(3) La Corte costituzionale, con sentenza n. 333 del 18 dicembre 2009, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale di questo articolo nella parte in cui non prevede la facoltà dell’imputato di richiedere al giudice del dibattimento il giudizio abbreviato relativamente al reato concorrente contestato in dibattimento, quando la nuova contestazione concerne un fatto che già risultava dagli atti di indagine al momento di esercizio dell’azione penale.
(4) La Corte costituzionale, con sentenza n. 237 del 26 ottobre 2012, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale di questo articolo, nella parte in cui non prevede la facoltà dell’imputato di richiedere al giudice del dibattimento il giudizio abbreviato relativamente al reato concorrente emerso nel corso dell’istruzione dibattimentale, che forma oggetto della nuova contestazione.
(5) La Corte costituzionale, con sentenza n. 184 del 25 giugno 2014, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale di questo articolo, nella parte in cui non prevede la facoltà dell’imputato di richiedere al giudice del dibattimento l’applicazione di pena, a norma dell’art. 444 del codice di procedura penale, in seguito alla contestazione nel dibattimento di una circostanza aggravante che già risultava dagli atti di indagine al momento dell’esercizio dell’azione penale.
(6) La Corte costituzionale, con sentenza n. 139 del 9 luglio 2015, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale di questo articolo, nella parte in cui, nel caso di contestazione di una circostanza aggravante che già risultava dagli atti di indagine al momento dell’esercizio dell’azione penale, non prevede la facoltà dell’imputato di richiedere al giudice del dibattimento il giudizio abbreviato relativamente al reato oggetto della nuova contestazione.
(7) La Corte costituzionale, con sentenza n. 141 del 5 luglio 2018, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale di questo articolo, nella parte in cui, in seguito alla nuova contestazione di una circostanza aggravante, non prevede la facoltà dell’imputato di richiedere al giudice del dibattimento la sospensione del procedimento con messa alla prova.
(8) La Corte costituzionale, con sentenza n. 82 dell’11 aprile 2019, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale di questo articolo, nella parte in cui non prevede la facoltà dell’imputato di richiedere al giudice del dibattimento l’applicazione della pena, a norma dell’art. 444 cod. proc. pen., relativamente al reato concorrente emerso nel corso del dibattimento e che forma oggetto di nuova contestazione.

Massime

La contestazione suppletiva prevista dall’art. 517 c.p.p.effettuabile tanto prima quanto nel corso della istruzione dibattimentale, può avere ad oggetto anche fatti già acquisiti dal pubblico ministero nel corso delle indagini preliminari, fermo restando, per che non possono essere utilizzate a carico dell’imputato, relativamente a quei fatti, le prove che siano state assunte in dibattimento prima che la contestazione avesse luogo. (Mass. redaz.). Cass. pen. sez. III 18 novembre 2004, n. 44709

In tema di nuove contestazioni, poiché alla contestazione suppletiva che modi.chi l’imputazione originaria consegue un ampliamento del thema probandum, è necessario che a ciascuna parte sia garantito il pieno esercizio del diritto alla prova rispetto ai nuovi fatti emersi nel processo; ne consegue che, se nel dibattimento viene contestato un reato concorrente, alla parte va riconosciuto il diritto alla prova nella medesima estensione stabilita per la fase degli atti preliminari al dibattimento, e l’ammissione delle prove medesime può essere negata solo se esse siano vietate dalla legge o manifestamente superflue o irrilevanti. Cass. pen. sez. VI 12 luglio 2000, n. 8131

Il provvedimento con cui il giudice del dibattimento dichiara inammissibile la contestazione suppletiva effettuata dal pubblico ministero ai sensi dell’art. 517 c.p.p.per quanto erroneo (essendo il pubblico ministero dominus dell’azione penale ed il giudice conseguentemente carente del potere di sindacato preventivo in materia) non può tuttavia qualificarsi come abnorme e, dunque, non è immediatamente impugnabile con il ricorso per cassazione; non si tratta, infatti, di provvedimento dal quale derivi una situazione processuale non diversamente risolubile se non con il gravame predetto, e ciò in quanto, avendo il giudice l’obbligo di provvedere in ordine al nuovo capo di imputazione, la sentenza emessa all’esito del dibattimento può essere utilmente impugnata dalla parte pubblica per l’omessa pronuncia sul punto. Cass. pen. sez. II 15 novembre 1999, n. 5180

In tema di nuove contestazioni, va riconosciuto al P.M. il potere di procedere nel dibattimento alla modifica dell’imputazione o alla formulazione di nuove contestazioni senza specifici limiti, temporali o di fonte, da cui trarre gli elementi per la detta modifica o la nuova contestazione, sempre ovviamente garantendo i diritti della difesa. Cass. pen. sez. III 8 settembre 1999, n. 10551

In tema di nuove contestazioni di circostanze aggravanti emerse nel corso dell’udienza, deve ritenersi che il termine ultimo entro il quale esse possono essere effettuate debba farsi coincidere con la chiusura del dibattimento e che, dunque, possa anche essere, a tale scopo, interrotta la discussione finale, ferma restando la concedibilità, all’imputato, dei termini a difesa. Cass. pen. sez. V 1 settembre 1999, n. 10394

In tema di nuove contestazioni, la modifica dell’imputazione di cui all’art. 516 c.p.p. e la contestazione di un reato concorrente o di una circostanza aggravante di cui all’art. 517 c.p.p. possono essere effettuate dopo l’avvenuta apertura del dibattimento e prima dell’espletamento dell’istruzione dibattimentale, e dunque anche sulla sola base degli atti già acquisiti dal pubblico ministero nel corso delle indagini preliminari. Cass. pen. Sezioni Unite 11 marzo 1999, n. 4

Il reato concorrente suscettibile di contestazione da parte del P.M. a norma dell’art. 517 c.p.p. deve emergere per la prima volta dalla istruttoria dibattimentale perché, se era già a conoscenza del P.M. nella fase degli atti di indagine preliminare o perviene aliunde a conoscenza dello stesso in modo da escludere il controllo della difesa, la relativa contestazione suppletiva in giudizio costituisce una violazione della par condicio delle parti anche perché, fra l’altro, esclude la possibilità che l’imputato chieda il giudizio abbreviato ed è causa di nullità assoluta in parte qua, costituendo un vizio concernente l’iniziativa del P.M. nell’esercizio dell’azione penale. Cass. pen. sez. III 29 aprile 1998, n. 5072

Poiché il nuovo codice di procedura penale consente (art. 523, sesto comma) l’interruzione della discussione finale per assumere nuova prova qualora il giudice lo ritenga «assolutamente necessario», il termine ultimo per il P.M.per procedere a nuove contestazioni, va collocato alla chiusura, non della istruzione dibattimentale, bensì del dibattimento. Cass. pen. sez. IV 30 settembre 1993, n. 8959

È abnorme e dunque contro di esso può proporsi ricorso per cassazione il provvedimento con il quale il giudice di pace, che ravvisi l’esistenza di un reato connesso con quello contestato, trasmette gli atti al P.M. anche relativamente al reato ritualmente contestato omettendo di decidere su questo: costituisce infatti potere-dovere del giudice trasmettere al P.M. copia degli atti concernenti il fatto delittuoso emerso e non contestato soltanto all’esito del giudizio sul reato contestato. Cass. pen. sez. IV 19 dicembre 2003, n. 48593

La contestazione in dibattimento di un reato connesso a norma dell’art. 12, comma 1, lett. b), c.p.p.o di una circostanza aggravante di cui non vi sia menzione nel decreto che dispone il giudizio, è ammessa solo quando si fondi su elementi emersi per la prima volta nel corso della istruttoria dibattimentale. Tale soluzione, suggerita dalla lettera della legge e dalla necessità di garantire il diritto di difesa dell’interessato, appare oggi la sola congruente con nuovi ed essenziali profili del processo penale, dalla configurazione dell’accesso al rito abbreviato quale diritto dell’imputato alla conseguente possibilità di retrocessione del giudizio verso l’udienza preliminare nei casi in cui la modifica dell’imputazione (art. 516, comma 1 ter, c.p.p.) o la contestazione di nuovi reati (art. 517, comma 1 bis) riguardino fattispecie sottratte alla citazione diretta. Ne consegue che, quando concerna contestazioni effettuate sulla base di elementi già noti nella fase delle indagini preliminari, la sentenza è nulla a mente del comma 2 dell’art. 522 c.p.p. nella sola parte relativa al reato concorrente od alla circostanza aggravante Cass. pen. sez. VI 15 gennaio 2002, n. 1431

Per la legittimità della contestazione di un reato connesso non è richiesto, in base al disposto dell’art. 517 c.p.p. anche il consenso dell’imputato, essendo sufficiente la sussistenza di un reato contestato in via principale, un rapporto di connessione quale previsto dall’art. 12 lett. b) c.p.p. tra la contestazione principale e quella suppletiva, la genesi di quest’ultima dall’approfondimento dibattimentale del materiale investigativo. Cass. pen. sez. III 3 giugno 1998, n. 6443

In tema di reati o circostanze aggravanti risultanti dal dibattimento (art. 517 c.p.p.), perché si possa procedere a contestazione suppletiva occorre che la sussistenza dei reati concorrenti emerga nel corso dell’istruzione dibattimentale e non anche quando essi siano già noti, ma non se ne sia fatta menzione alcuna nella formulazione del capo di imputazione. La lettera della norma non appare suscettibile di interpretazione estensiva e, per contro, una contestazione suppletiva di fatti già noti all’accusa viola il principio di difesa, sia sotto il profilo che si tratta di una imputazione “a sorpresa” in ordine alla quale poteva essere predisposta una difesa anticipata, sia sotto il profilo che vengono poste nel nulla le possibilità di eventualmente adire i riti alternativi quali il patteggiamento o il giudizio abbreviato una volta conosciuta “ab origine” l’intera estensione dell’imputazione. Ne consegue che la contestazione suppletiva di un reato concorrente non emergente dalla istruttoria dibattimentale, ma già conosciuto dal P.M.è illegittima e comporta la nullità del relativo giudizio perché lesiva del diritto alla difesa. Cass. pen. sez. VI 29 maggio 2000, n. 6251

Nel caso in cui il pubblico ministero contesti all’imputato un reato concorrente ai sensi dell’art. 517 cod. proc. pen. sulla base di fonti dichiarative raccolte in dibattimento, tali dichiarazioni possono essere legittimamente utilizzate dal giudice per la decisione qualora il difensore si sia limitato a prendere atto della contestazione suppletiva, senza chiedere, ai sensi dell’art. 519, commi 2 e 3, cod. proc. pen. di effettuare un controesame delle citate fonti dichiarative in relazione all’oggetto della nuova contestazione. Cass. pen. sez. V 16 marzo 2018, n. 12345

Non sussiste alcun dovere di procedere alla contestazione di fatto diverso o concorrente qualora, contestata nell’imputazione originaria una serie di condotte omogenee unificate entro il vincolo della continuazione interna, l’attenzione venga poi focalizzata, durante l’espletamento delle prove testimoniali, su taluno degli episodi originariamente contestati nella loro complessità, puntualizzandone le modalità esecutive rispetto a quanto indicato nel capo di imputazione. Cass. pen. sez. III 4 aprile 2017, n. 16608

Nel caso in cui il Pubblico Ministero proceda, sulla base delle dichiarazioni testimoniali della persona offesa, a contestare all’imputato un reato concorrente ai sensi dell’art. 517 cod. proc. pen.tali dichiarazioni possono essere legittimamente utilizzate dal giudice per la decisione qualora il difensore si sia limitato a prendere atto della contestazione suppletiva, senza chiedere, ai sensi dell’art. 519, commi 2 e 3, cod. proc. pen.di effettuare un controesame della persona offesa specificamente relativo all’oggetto della suddetta contestazione. Cass. pen. sez. III 19 novembre 2014, n. 47666

La contestazione in udienza del reato di violazione dei sigilli collegato alle contravvenzioni edilizie ai sensi dell’art. 12, comma 1, lett. b) del codice di rito, non rientra nella previsione della contestazione di «fatto nuovo» prevista dall’art. 518 c.p.p.bensì in quella del reato concorrente disciplinata dall’art. 517 c.p.p. Cass. pen. sez. III 15 novembre 2001, n. 40714

L’atto con il quale il Pubblico Ministero modifica la imputazione ex artt. 516-517 cod. proc. pen.non ha efficacia interruttiva della prescrizione, poiché esso non è compreso nell’elenco degli atti espressamente previsti dall’art. 160, comma secondo, cod. pen. i quali costituiscono un “numerus clausus” e sono insuscettibili di ampliamento per via interpretativa, stante il divieto di analogia “in malam partem” in materia penale. Cass. pen. sez. V 5 marzo 2015, n. 9696

Istituti giuridici

Novità giuridiche