Art. 487 – Codice di Procedura Penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477 - aggiornato al D.Lgs. 08.11.2021, n. 188)

ARTICOLO ABROGATO Contumacia dell'imputato

Articolo 487 - codice di procedura penale

(1) [1. Se l’imputato, libero o detenuto, non compare all’udienza e non ricorrono le condizioni indicate negli artt. 485 e 486 commi 1 e 2, il giudice, sentite le parti, ne dichiara la contumacia (125, 586), salvo che risulti la nullità dell’atto di citazione (429, 555) o della sua notificazione (171). In tal caso il giudice pronuncia ordinanza con la quale rinvia il dibattimento e dispone la rinnovazione degli atti nulli.
2. L’imputato, quando si procede in sua contumacia, è rappresentato nel dibattimento dal difensore (490).
3. Se l’imputato compare prima della decisione (525 ss.), il giudice revoca l’ordinanza che ha dichiarato la contumacia. In tal caso l’imputato può rendere le dichiarazioni previste dall’art. 494 e, se la comparizione avviene prima dell’inizio della discussione finale (523), può chiedere di essere sottoposto all’esame a norma dell’art. 503. In ogni caso il dibattimento non può essere sospeso o rinviato a causa della comparizione tardiva.
4. L’ordinanza dichiarativa della contumacia è nulla se al momento della pronuncia vi è la prova che l’assenza dell’imputato è dovuta a mancata conoscenza della citazione a norma dell’art. 485 comma 1 ovvero ad assoluta impossibilità di comparire per caso fortuito, forza maggiore o altro legittimo impedimento (486).
5. Se la prova indicata nel comma 4 perviene dopo la pronuncia dell’ordinanza prevista dal comma 1, ma prima della decisione, il giudice revoca l’ordinanza medesima e, se l’imputato non è comparso, sospende o rinvia anche di ufficio il dibattimento (477). Restano comunque validi gli atti compiuti in precedenza, ma se l’imputato ne fa richiesta e dimostra che la prova è pervenuta con ritardo senza sua colpa, il giudice dispone l’assunzione o la rinnovazione degli atti che ritiene rilevanti ai fini della decisione (603).
6. Quando si procede a carico di più imputati, si applicano le disposizioni dell’art. 18 comma 1, lett. c) e d).]

Articolo 487 - Codice di Procedura Penale

(1) [1. Se l’imputato, libero o detenuto, non compare all’udienza e non ricorrono le condizioni indicate negli artt. 485 e 486 commi 1 e 2, il giudice, sentite le parti, ne dichiara la contumacia (125, 586), salvo che risulti la nullità dell’atto di citazione (429, 555) o della sua notificazione (171). In tal caso il giudice pronuncia ordinanza con la quale rinvia il dibattimento e dispone la rinnovazione degli atti nulli.
2. L’imputato, quando si procede in sua contumacia, è rappresentato nel dibattimento dal difensore (490).
3. Se l’imputato compare prima della decisione (525 ss.), il giudice revoca l’ordinanza che ha dichiarato la contumacia. In tal caso l’imputato può rendere le dichiarazioni previste dall’art. 494 e, se la comparizione avviene prima dell’inizio della discussione finale (523), può chiedere di essere sottoposto all’esame a norma dell’art. 503. In ogni caso il dibattimento non può essere sospeso o rinviato a causa della comparizione tardiva.
4. L’ordinanza dichiarativa della contumacia è nulla se al momento della pronuncia vi è la prova che l’assenza dell’imputato è dovuta a mancata conoscenza della citazione a norma dell’art. 485 comma 1 ovvero ad assoluta impossibilità di comparire per caso fortuito, forza maggiore o altro legittimo impedimento (486).
5. Se la prova indicata nel comma 4 perviene dopo la pronuncia dell’ordinanza prevista dal comma 1, ma prima della decisione, il giudice revoca l’ordinanza medesima e, se l’imputato non è comparso, sospende o rinvia anche di ufficio il dibattimento (477). Restano comunque validi gli atti compiuti in precedenza, ma se l’imputato ne fa richiesta e dimostra che la prova è pervenuta con ritardo senza sua colpa, il giudice dispone l’assunzione o la rinnovazione degli atti che ritiene rilevanti ai fini della decisione (603).
6. Quando si procede a carico di più imputati, si applicano le disposizioni dell’art. 18 comma 1, lett. c) e d).]

Note

(1) Questo articolo è stato abrogato dall’art. 39, comma 2, della L. 16 dicembre 1999, n. 479.

Massime

In materia di assenza dell’imputato non può trarsi dalla mera inerzia dell’imputato, pio meno prolungata, (qualora il difensore nei preliminari del dibattimento abbia dato comunicazione dello stato di detenzione per altro titolo dell’imputato medesimo) l’implicita volontà di quest’ultimo di consentire la celebrazione del dibattimento in sua assenza. Cass. pen. sez. VI 2 aprile 1998, n. 4096

Nel caso in cui il dibattimento sia rinviato a causa dell’adesione del difensore d’ufficio dell’imputato allo sciopero della categoria, tale attività di rinvio del dibattimento de plano deve assolutamente precedere la dichiarazione di contumacia dell’imputato, sulla quale il difensore deve poter interloquire, perché il contraddittorio sulla sussistenza dei relativi presupposti deve risultare integro a causa delle conseguenze processuali, negative per l’imputato, che la dichiarazione stessa può comportare. Pertanto l’illegittima dichiarazione di contumacia dell’imputato in assenza del difensore è nulla ai sensi dell’art. 178 lett. c) c.p.p. con la conseguente nullità di tutti gli atti consecutivi che dipendono da quello dichiarato nullo e, in primo luogo, l’ordinanza che dispone il rinvio del dibattimento ad udienza fissa, senza contestualmente disporre che l’ordinanza medesima sia notificata all’imputato non comparso, nonché gli atti successivi e la sentenza. Cass. pen. sez. III 2 ottobre 1997, n. 8915

L’imputato, già citato a giudizio in stato di libertà e successivamente tratto in arresto e detenuto per altra causa, versa in stato di legittimo impedimento qualora non ne sia stata ordinata la traduzione, per cui non può procedersi in sua assenza, ove non vi sia espressa rinuncia a presenziare al dibattimento. Ne consegue che nel caso in cui l’imputato abbia notiziato prima dell’udienza il giudice del suo stato di detenzione dichiarando di voler presenziare all’udienza stessa, questi ne deve disporre la traduzione per l’udienza o, in mancanza, rinviare il dibattimento ad altra data per legittimo impedimento dell’imputato, di tal che il provvedimento con il quale egli, invece, rigetti la richiesta e disponga procedersi in assenza dell’imputato, si pone al di fuori degli schemi processuali, determinandosi la nullità prevista dall’art. 178, comma primo, lett. c), c.p.p. in quanto si impedisce l’esercizio del diritto dell’imputato di essere presente al dibattimento e di svolgervi le proprie difese (diritto garantito dall’art. 24 Cost. e dall’art. 6 della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali); nullità che investe anche gli atti successivi, ivi compresa la sentenza. (Fattispecie in cui la dichiarazione dell’imputato era pervenuta al giudice il giorno stesso dell’udienza, ma prima della sua celebrazione). Cass. pen. sez. I 8 ottobre 1992, n. 9721

In tema di contumacia dell’imputato, alla omissione formale di revoca dell’ordinanza dichiarativa della contumacia (che viene meno allorché l’imputato compaia nelle udienze successive prima della decisione), non conseguono effetti giuridici, tra cui quello di determinare l’obbligo della notifica della sentenza per estratto. Cass. pen. sez. V 9 giugno 1998, n. 2649  .

Istituti giuridici

Novità giuridiche

Codici e leggi

Codice Ambiente

Codice Antimafia

Codice Antiriciclaggio

Codice Civile

Codice Crisi d’Impresa

Codice dei Beni Culturali

Codice dei Contratti Pubblici

Codice del Consumo

Codice del Terzo Settore

Codice del Turismo

Codice dell’Amministrazione Digitale

Codice della Navigazione

Codice della Privacy

Codice della Protezione Civile

Codice della Strada

Codice delle Assicurazioni

Codice delle Comunicazioni Elettroniche

Codice delle Pari Opportunità

Codice di Procedura Civile

Codice di Procedura Penale

Codice Giustizia Contabile

Codice Penale

Codice Processo Amministrativo

Codice Processo Tributario

Codice Proprietà Industriale

Codice Rosso

Costituzione

Decreto Cura Italia

Decreto Legge Balduzzi

Disposizioni attuazione Codice Civile e disposizioni transitorie

Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

Disposizioni di attuazione del Codice Penale

DPR 445 – 2000

Legge 104

Legge 23 agosto 1988 n 400

Legge 68 del 1999 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili)

Legge Basaglia

Legge Bassanini

Legge Bassanini Bis

Legge Cambiaria

Legge Cure Palliative

Legge Di Bella

Legge Diritto d’Autore

Legge Equo Canone

Legge Fallimentare

Legge Gelli-Bianco

Legge Mediazione

Legge Pinto

Legge Severino

Legge Sovraindebitamento

Legge sul Divorzio

Legge sul Procedimento Amministrativo

Legge sulle Locazioni Abitative

Legge Testamento Biologico

Legge Unioni Civili

Norme di attuazione del Codice di Procedura Penale

Ordinamento Penitenziario

Preleggi

Statuto dei Lavoratori

Statuto del Contribuente

Testo Unico Bancario

Testo Unico Edilizia

Testo Unico Enti Locali

Testo Unico Espropri

Testo Unico Imposte sui Redditi

Testo Unico Iva

Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza

Testo Unico Sicurezza Lavoro

Testo Unico Stupefacenti

Testo Unico Successioni e Donazioni

Testo Unico sul Pubblico Impiego

Testo Unico sull’Immigrazione

Altre leggi

Codice Deontologico Forense

Codici Deontologici

Disciplina comunitaria e internazionale

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati – P.IVA 02542740747