Art. 470 – Codice di Procedura Penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477 - aggiornato al D.Lgs. 08.11.2021, n. 188)

Disciplina dell'udienza

Articolo 470 - codice di procedura penale

1. La disciplina dell’udienza e la direzione del dibattimento sono esercitate dal presidente che decide senza formalità (125); in sua assenza la disciplina dell’udienza è esercitata dal pubblico ministero.
2. Per l’esercizio delle funzioni indicate in questo capo, il presidente o il pubblico ministero si avvale, ove occorra, anche della forza pubblica (131, 378), che dà immediata esecuzione ai relativi provvedimenti.

Articolo 470 - Codice di Procedura Penale

1. La disciplina dell’udienza e la direzione del dibattimento sono esercitate dal presidente che decide senza formalità (125); in sua assenza la disciplina dell’udienza è esercitata dal pubblico ministero.
2. Per l’esercizio delle funzioni indicate in questo capo, il presidente o il pubblico ministero si avvale, ove occorra, anche della forza pubblica (131, 378), che dà immediata esecuzione ai relativi provvedimenti.

Massime

La sentenza di proscioglimento predibattimentale di cui all’art. 469 cod. proc. pen. può essere pronunciata solo nelle ipotesi ivi previste (mancanza di una condizione di procedibilità o proseguibilità dell’azione penale ovvero presenza di una causa di estinzione del reato) e sempre che le parti, interpellate in proposito, non si siano opposte, non potendo, in detta fase, trovare applicazione la disposizione dell’art. 129 dello stesso codice, da riferire esclusivamente al giudizio in senso tecnico. (Fattispecie nella quale la Corte ha applicato il principio in un caso di proscioglimento da parte del giudice di pace per insussistenza del fatto). Cass. pen. sez. V 27 settembre 2018, n. 42629

Il giudice di primo grado, quando accerti già in fase predibattimentale l’avvenuta maturazione della prescrizione, ed emette per questo sentenza ai sensi dell’art. 469 cod. proc. pen. non può pronunciarsi sulle richieste della parte civile costituita né condannare l’imputato al pagamento delle spese processuali a favore di questa, in quanto la natura della decisione ex art 469 cod. proc. pen. è incompatibile con tali statuizioni, che si fondano sull’accertamento della responsabilità dell’imputato. Cass. pen. sez. V 8 giugno 2017, n. 28569

E illegittima la sentenza “predibattimentale” con la quale il giudice di appello dichiari l’estinzione del reato per prescrizione, qualora in primo grado la parte civile abbia proposto richiesta di condanna dell’imputato al risarcimento dei danni, in quanto solo nel dibattimento può procedersi alla delibazione di merito relativamente ai capi della sentenza che concernono gli interessi civili, nel contraddittorio delle parti. Cass. pen. sez. V 3 maggio 2017, n. 21172

La sentenza emessa ai sensi dell’art. 469, comma 1-bis cod. proc. pen. anche nell’ipotesi di non punibilità dell’imputato per la particolare tenuità del fatto, presuppone che l’imputato medesimo ed il PM consensualmente non si oppongano alla dichiarazione di improcedibilità, rinunciando alla verifica dibattimentale. Cass. pen. sez. III 27 novembre 2015, n. 47039

La sentenza con cui il giudice di primo grado, dopo la costituzione delle parti e prima di dichiarare formalmente aperto il dibattimento, assolve, ai sensi dell’art. 129 c.p.p.l’imputato con la formula perché il fatto non è più previsto dalla legge come reato, ancorchè pronunciata al di fuori dei casi previsti dall’art. 469 c.p.p.deve essere qualificata come sentenza predibattimentale, sicché, trattandosi di sentenza inappellabile, il suo annullamento con rinvio da parte della Corte di cassazione impone la trasmissione degli atti al giudice di primo grado. Cass. pen. sez. VI 30 giugno 2014, n. 28151

Nella fase degli atti preliminari al dibattimento, l’art. 469 c.p.p. consente il proscioglimento anticipato soltanto nell’ipotesi di improcedibilità dell’azione penale o di estinzione del reato; la norma, facendo salva l’ipotesi di cui al secondo comma dell’art. 129 c.p.p.implica peraltro che, in tal caso, il giudice può pronunciarsi solo nella fase dibattimentale, a seguito di un giudizio che deve essere compiuto con la garanzia del pieno contraddittorio. (Nella fattispecie, relativa a proscioglimento predibattimentale nel merito, in assenza delle condizioni poste dal citato art. 469 c.p.p.la Corte ha annullato la sentenza rilevando che, comunque, l’opposizione del P.M. e la mancata audizione del medesimo costituiscono una nullità di ordine generale). Cass. pen. sez. V 12 novembre 1999, n. 12980

Il proscioglimento prima del dibattimento, previsto dall’art. 469 c.p.p. non può essere pronunciato per motivi di merito. (Nella specie, in applicazione di tale principio, la S.C. ha cassato la sentenza predibattimentale con la quale il tribunale aveva prosciolto, con la formula «il fatto non è più previsto dalla legge come reato», un imputato che era stato tratto a giudizio per rispondere del reato di cui all’art. 328 c.p.per aver indebitamente ritardato un atto del suo ufficio). Cass. pen. sez. VI 16 marzo 1998, n. 510

L’art. 469 c.p.p.al pari dell’art. 421 del codice di rito abrogato, consente nella fase predibattimentale la sola pronuncia, sentite le parti, di sentenza di non doversi procedere per improcedibilità dell’azione o per estinzione del reato, e non dunque il proscioglimento nel merito dell’imputato. La stessa norma, invero, fa salva l’ipotesi di cui al secondo comma dell’art. 129 c.p.p. in relazione alla quale però il giudice può pronunciarsi solo nella sede dibattimentale, implicando essa un giudizio che deve essere compiuto con la garanzia del pieno contraddittorio. Cass. pen. sez. VI 5 gennaio 1994, n. 41

Dalla norma dell’art. 469 c.p.p.che ricalca un istituto già previsto dall’art. 421 del codice di rito abrogato, si desume che la definizione anticipata del giudizio è circoscritta alle sole ipotesi tassativamente indicate di estinzione del reato e di improcedibilità dell’azione penale e che perciòogni decisione di merito – concernente la responsabilità dell’imputato – è preclusa nella fase predibattimentale, come già accadeva nel sistema previgente e può essere adottata soltanto in sede dibattimentale. Cass. pen. sez. V 7 aprile 1993, n. 212

Nel giudizio d’appello non è consentito pronunciare sentenza predibattimentale di proscioglimento ai sensi dell’art. 469 cod. proc. pen.in quanto il combinato disposto degli artt. 598, 599 e 601 cod. proc. pen. non effettua alcun rinvio, esplicito o implicito, a tale disciplina, né la pronuncia predibattimentale può essere ammessa ai sensi dell’art. 129 cod. proc. pen.poiché l’obbligo del giudice di dichiarare immediatamente la sussistenza di una causa di non punibilità presuppone un esercizio della giurisdizione con effettiva pienezza del contraddittorio. Cass. pen. Sezioni Unite 9 giugno 2017, n. 28954

In tema di proscioglimento prima del dibattimento, l’art. 469 c.p.p.applicabile anche al giudizio di appello, prescrive che al P.M. e all’imputato sia dato avviso della data dell’udienza, al fine di consentire loro di esporre le proprie considerazioni ed, eventualmente, di opporsi; ne consegue che l’omissione di detto avviso all’imputato e al suo difensore, incidendo sull’intervento e sull’assistenza dell’imputato, determina una nullità assoluta di ordine generale, che rende invalida la relativa sentenza (nel caso di specie, il giudice di appello, con sentenza predibattimentale, aveva dichiarato estinto il reato per intervenuta prescrizione). Cass. pen. sez. I 19 dicembre 2003, n. 48914

Il giudice di appello non può pronunciare sentenza predibattimentale di proscioglimento, in quanto il rinvio alle norme sul giudizio di primo grado di cui all’art. 598 del codice di rito non comprende la eccezionale procedura prevista dall’art. 469 c.p.p.operando tale rinvio con salvezza, tra l’altro, dell’art. 599 c.p.p.che contiene un catalogo tassativo delle decisioni da adottarsi in camera di consiglio, in cui non figura l’ipotesi di sentenza predibattimentale, e dell’art. 601 c.p.p. che detta una disciplina autonoma della fase degli atti preliminari rispetto a quella relativa al primo grado. Cass. pen. sez. II 9 novembre 2001, n. 40095

È affetta da nullità assoluta ed insanabile la sentenza predibattimentale, pronunciata de plano in camera di consiglio, senza previo avviso al pubblico ministero, all’imputato ed al suo difensore, con la quale la corte d’appello, investita di gravame proposto dal pubblico ministero avverso sentenza di assoluzione nel merito pronunciata dal giudice di primo grado, dichiari non doversi procedere per sopravvenuta prescrizione del reato. Cass. pen. sez. III 11 luglio 2001, n. 27821

Quando in primo grado vi sia stata condanna dell’imputato al risarcimento del danno a favore della costituita parte civile vi è l’impossibilità giuridica di definire il giudizio di appello con sentenza predibattimentale di estinzione del reato per prescrizione; ciò in quanto solo nel dibattimento può precedersi alla delibazione di merito relativamente ai capi della sentenza che concernono gli interessi civili, nel rituale contraddittorio delle parti. Cass. pen. sez. III 26 maggio 1998, n. 6138

Appellata erroneamente una sentenza predibattimentale che é soltanto ricorribile per cassazione, le parti nel giudizio di appello possono sollecitare la trasmissione degli atti alla Corte di cassazione, restando altrimenti la questione della qualificazione dell’impugnazione preclusa nel successivo giudizio di legittimità. Cass. pen. sez. II 13 gennaio 2012, n. 847

La sentenza predibattimentale di proscioglimento, anche se pronunciata in assenza dei presupposti indicati dall’art. 469 c.p.p. – accordo delle parti e estinzione del reato o improcedibilità dell’azione – è sempre impugnabile soltanto con ricorso per cassazione in quanto deve essere formalmente considerata soggetta al regime descritto da tale disposizione; ne consegue che il suo annullamento, a norma dell’art. 623 lett. d) c.p.p.comporta il rinvio al giudice di primo grado. (Nella specie, la Corte ha escluso che il ricorso per cassazione possa essere considerato proposto per saltum e che del giudizio di rinvio debba essere investito il giudice di appello). Cass. pen. sez. VI 6 giugno 2001, n. 23466

L’inappellabilità della sentenza predibattimentale di proscioglimento, pronunciata a norma dell’art. 469 c.p.p.è subordinata alla duplice condizione: 1) che la decisione venga adottata nelle tassative ipotesi di palese estinzione del reato e improcedibilità dell’azione penale (o anche per evidenti ragioni di merito, quando però già sussista una causa di estinzione del reato, in tal senso dovendosi intendere l’inciso “salvo quanto previsto dall’art. 129, comma secondo”); 2) che il P.M. e l’imputato non si oppongano a tale definizione del giudizio. In difetto anche di una soltanto di esse, viene meno la ragione giustificatrice della deroga al principio generale dell’appellabilità della sentenza, giacché, in assenza di un accordo delle parti e di una causa di estinzione del reato, non v’è motivo per sottrarre una sentenza di proscioglimento nel merito, che implica un apprezzamento del fatto, al vaglio di un superiore giudice di merito. (Fattispecie nella quale mancavano entrambe le condizioni, essendosi il P.M. opposto alla sentenza di proscioglimento ed essendo stata adottata una decisione di proscioglimento nel merito, pur in assenza di una concomitante causa di estinzione del reato, al di fuori dello schema tipico previsto dall’art. 469 c.p.p.). Cass. pen. sez. III 23 dicembre 1997, n. 12014

L’interesse richiesto dall’art. 568, comma 4, c.p.p.quale condizione di inammissibilità di qualsiasi impugnazione, deve essere correlato agli effetti primari e diretti del provvedimento da impugnare e sussiste solo se il gravame sia idoneo a costituire, attraverso l’eliminazione di un provvedimento pregiudizievole, una situazione pratica più vantaggiosa per l’impugnante rispetto a quella esistente; pertanto, qualora il pubblico ministero denunci, al fine di ottenere l’esatta applicazione della legge, la violazione di una norma di diritto formale, in tanto può ritenersi la sussistenza di un interesse concreto che renda ammissibile la doglianza, in quanto da tale violazione sia derivata una lesione dei diritti che si intendono tutelare e nel nuovo giudizio possa ipoteticamente raggiungersi un risultato non solo teoricamente corretto, ma anche praticamente favorevole. (In applicazione di detto principio la corte ha dichiarato l’inammissibilità del gravame del pubblico ministero che, mostrando di condividere la decisione di merito con la quale il giudice del dibattimento aveva pronunciato, nel corso degli atti preliminari, sentenza di assoluzione per insussistenza del fatto, aveva tuttavia denunciato la violazione dell’art. 469 c.p.p.sostenendo che tale disposizione, la quale indica i casi di proscioglimento prima del dibattimento, non consente di pronunciare sentenze assolutorie con la formula predetta). Cass. pen. Sezioni Unite 29 dicembre 1995, n. 42

La sentenza di proscioglimento predibattimentale di cui all’art. 469 c.p.p. è inappellabile, non per la fase in cui viene pronunciata, ma perché essa presuppone il consenso del pubblico ministero e dell’imputato. Ove tale consenso non risulti essere stato prestato, la sentenza deve ritenersi pronunciata a norma dell’art. 129 c.p.p.con la conseguenza che avverso la stessa è proponibile l’appello. (Fattispecie nella quale la corte di appello aveva erroneamente qualificato l’impugnazione come ricorso per cassazione, presupponendo appunto trattarsi di sentenza inappellabile ex art. 469 c.p.p.anziché di sentenza appellabile perché emessa a norma dell’art. 129 c.p.p.). Cass. pen. sez. V ord. 24 gennaio 1999, n. 6828

La sentenza di proscioglimento predibattimentale di cui all’art. 469 c.p.p. può essere emessa solo ove ricorrano i presupposti in esso previsti (mancanza di una condizione di procedibilità o proseguibilità dell’azione penale ovvero presenza di una causa di estinzione del reato per il cui accertamento non occorra procedere al dibattimento) e sempre che le parti, messe in condizione di interloquire, non si siano opposte, in quanto non può trovare applicazione, in detta fase, la disposizione dell’art. 129 stesso codice che presuppone necessariamente l’instaurazione di un giudizio in senso proprio. Avverso la predetta sentenza, anche se deliberata al di fuori delle ipotesi previste dalla legge, l’unica impugnazione ammessa è il ricorso per cassazione. (Nella specie, la Corte, in accoglimento dell’impugnazione del P.M.denominata appello, ma qualificata come ricorso per cassazione, ha annullato senza rinvio la sentenza di improcedibilità dell’azione penale pronunciata prima dell’apertura del dibattimento senza l’audizione preventiva delle parti). Cass. pen. Sezioni Unite 25 gennaio 2002, n. 3027

Avverso la sentenza predibattimentale di proscioglimento pronunciata ai sensi dell’art. 469 c.p.p. senza che sussistano le condizioni ivi previste è esperibile l’appello e non il solo ricorso per cassazione. Cass. pen. sez. VI 1 marzo 2001, n. 8608

L’art. 469 c.p.p. sancisce l’inappellabilità delle sentenze pronunciate prima dell’apertura del dibattimento, in applicazione di una delle cause di non punibilità di cui all’art. 129 c.p.p. Pertanto, se, nonostante tale previsione, venga proposto appello avverso una tale sentenza e venga, quindi, emessa una sentenza a conclusione del giudizio di gravame da parte del giudice dell’impugnazione, la Corte di cassazione deve annullare senza rinvio siffatta pronuncia e il gravame proposto deve essere convertito in ricorso per cassazione. Cass. pen.VI 2 luglio 1998, n. 7808

È affetta da abnormità genetica o strutturale la sentenza di proscioglimento emessa dal G.i.p. successivamente all’opposizione a decreto penale di condanna, poichè il giudice è vincolato in tale fase all’adozione degli atti di impulso previsti dall’art. 464 c.p.p.e non può pronunciarsi nuovamente sullo stesso fatto-reato dopo l’emissione del decreto nè revocare quest’ultimo fuori dei casi tassativamente previsti. Cass. pen. Sezioni Unite 4 giugno 2010, n. 21243

Il giudice delle indagini preliminari investito di opposizione a decreto penale di condanna non può emettere de plano sentenza di non luogo a procedere ai sensi dell’art. 129 c.p.p.in quanto l’esigenza di immediatezza nella declaratoria di una causa di non punibilità deve pur sempre trovare attuazione nelle forme ordinarie e nel rispetto del contraddittorio e dei diritti delle parti, ma deve emettere, in assenza di specifiche richieste dell’opponente, decreto di giudizio immediato. (Nella specie il Gip aveva prosciolto l’imputato sul rilievo della esistenza di «seri dubbi» sulla sussistenza dell’elemento soggettivo del reato). Cass. pen. sez. III 29 aprile 2004, n. 20115

Ai fini del proscioglimento prima del dibattimento l’art. 469 c.p.p. prescrive che il pubblico ministero e l’imputato vengano previamente sentiti e non si oppongano: perché l’audizione sia effettiva occorre perciò che essi vengano avvisati della data dell’udienza, a meno che non risulti dagli atti – e non da circostanze presuntive – che essi abbiano già manifestato la loro non opposizione o sollecitato una delle declaratoria previste dall’art. 469 c.p.p. Cass. pen. sez. IV 17 giugno 1997, n. 5779

La sentenza emessa ai sensi dell’art. 469, comma 1-bis cod. proc. pen. nell’ipotesi di non punibilità dell’imputato per la particolare tenuità del fatto, presuppone che l’imputato medesimo ed il PM non si oppongano alla dichiarazione di improcedibilità, rinunciando alla verifica dibattimentale. (In motivazione la Corte ha precisato che il potere di opposizione trova giustificazione nel possibile interesse delle parti ad un diverso esito del procedimento, potendo l’imputato, in particolare, mirare all’assoluzione nel merito o ad una diversa formula di proscioglimento onde evitare l’iscrizione nel casellario giudiziale della dichiarazione di non punibilità ex art. 131-bis cod. pen.). Cass. pen. sez. IV 23 maggio 2017, n. 25539

La sentenza emessa ai sensi dell’art. 469, comma 1-bis cod. proc. pen.nell’ipotesi di non punibilità dell’imputato per la particolare tenuità del fatto, presuppone che l’imputato medesimo ed il PM consensualmente non si oppongano alla dichiarazione di improcedibilità, senza che sussista a carico dell’opponente un onere di motivazione in punto di non tenuità. Cass. pen. sez. II 29 marzo 2017, n. 15838

La sentenza emessa ai sensi dell’art. 469, comma 1-bis cod. proc. pen.nell’ipotesi di non punibilità dell’imputato per la particolare tenuità del fatto, presuppone che l’imputato medesimo ed il PM consensualmente non si oppongano alla dichiarazione di improcedibilità, rinunciando alla verifica dibattimentale. (In motivazione, la Corte ha precisato che il potere di opposizione trova giustificazione nel possibile interesse delle parti ad un diverso esito del procedimento, potendo l’imputato, in particolare, mirare all’assoluzione nel merito o ad una diversa formula di proscioglimento onde evitare l’iscrizione nel casellario giudiziale della dichiarazione di non punibilità ex art. 131-bis cod. pen.). Cass. pen. sez. II 23 marzo 2016, n. 12305

Istituti giuridici

Novità giuridiche

Codici e leggi

Codice Ambiente

Codice Antimafia

Codice Antiriciclaggio

Codice Civile

Codice Crisi d’Impresa

Codice dei Beni Culturali

Codice dei Contratti Pubblici

Codice del Consumo

Codice del Terzo Settore

Codice del Turismo

Codice dell’Amministrazione Digitale

Codice della Navigazione

Codice della Privacy

Codice della Protezione Civile

Codice della Strada

Codice delle Assicurazioni

Codice delle Comunicazioni Elettroniche

Codice delle Pari Opportunità

Codice di Procedura Civile

Codice di Procedura Penale

Codice Giustizia Contabile

Codice Penale

Codice Processo Amministrativo

Codice Processo Tributario

Codice Proprietà Industriale

Codice Rosso

Costituzione

Decreto Cura Italia

Decreto Legge Balduzzi

Disposizioni attuazione Codice Civile e disposizioni transitorie

Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

Disposizioni di attuazione del Codice Penale

DPR 445 – 2000

Legge 104

Legge 23 agosto 1988 n 400

Legge 68 del 1999 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili)

Legge Basaglia

Legge Bassanini

Legge Bassanini Bis

Legge Cambiaria

Legge Cure Palliative

Legge Di Bella

Legge Diritto d’Autore

Legge Equo Canone

Legge Fallimentare

Legge Gelli-Bianco

Legge Mediazione

Legge Pinto

Legge Severino

Legge Sovraindebitamento

Legge sul Divorzio

Legge sul Procedimento Amministrativo

Legge sulle Locazioni Abitative

Legge Testamento Biologico

Legge Unioni Civili

Norme di attuazione del Codice di Procedura Penale

Ordinamento Penitenziario

Preleggi

Statuto dei Lavoratori

Statuto del Contribuente

Testo Unico Bancario

Testo Unico Edilizia

Testo Unico Enti Locali

Testo Unico Espropri

Testo Unico Imposte sui Redditi

Testo Unico Iva

Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza

Testo Unico Sicurezza Lavoro

Testo Unico Stupefacenti

Testo Unico Successioni e Donazioni

Testo Unico sul Pubblico Impiego

Testo Unico sull’Immigrazione

Altre leggi

Codice Deontologico Forense

Codici Deontologici

Disciplina comunitaria e internazionale

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati – P.IVA 02542740747